Mr. Vendetta

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Boksuneun naui geot
Anno: 2002
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Mister Vendetta", "Sympathy for mr. Vengeance", "Sympathy for Mister Vengeance". Fa parte della trilogia della vendetta insieme a "Lady Vendetta" e "Old Boy".
Numero commenti presenti: 22
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

L’approccio al cinema orientale di un certo spessore è sempre molto personale: non tutti sono disposti ad accettare l’endemica, pachidermica lentezza di alcuni presunti capolavori. Prendiamo questo SYMPATHY FOR MR. VENGEANCE, ad esempio: lo splendore assoluto delle immagini non può essere messo in discussione. Ci sono improvvise aperture paesaggistiche da brividi, un'attenzione per la luce impossibile (o quasi) da trovare in Occidente; alcune scene (di rara efferatezza) sono capaci di sposare sangue, morte (anche di bambini) e corpi freschi d’obitorio con un senso poetico impensabile. E’ fin troppo facile rintracciare qualità notevoli in film come questo, eppure a vederlo si fatica; si fatica tremendamente, in certi passaggi. E si...Leggi tutto fatica a seguire il filo logico, costantemente mascherato da ellissi assassine che troncano momenti importanti per soffermarsi magari ore su di un volto in silenzio. L'assenza di musica fa il resto, portando lo spettatore assuefatto dall’action americano a domandarsi come sia possibile anche solo concepirli, film simili. Minuti interi su visi perplessi, frasi apparentemente sconnesse che si fermano per lasciar spazio all’intuizione o a scene improvvisamente truci a volte gonfie di una crudezza piuttosto gratuita. Ma i coreani non guardano in faccia nessuno e proseguono per la loro strada, raccontando le gesta di un ragazzo sordomuto con la sorella in fin di vita (cui serve assolutamente un rene da trapiantare). Una prima parte descrittiva, una seconda più d'azione (si fa per dire), una terza contemplativa con un’inevitabile resa dei conti che giustifichi il titolo. Un'opera straniante, a tratti affascinante, sicuramente pesante.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 4/01/07 19:38 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Film cinico e spietato. Spietato anche nel suo modo di fare ironia. Sorprendente nell'efferatezza delle immagini come solo un film orientale può essere, lontano anni luce dalla correttezza delle pellicole Hollywoodiane. Un film del quale è impossibile immaginare un finale. Mr. Vendetta è la prima pellicola della trilogia sulla vendetta eppure si presenta come un prodotto molto maturo ed evoluto come se il regista avesse percorso totalmente il proprio cammino. Invece è solo all'inizio.

Il Gobbo 3/06/07 18:50 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Gran film, favorito personale nel pur valido trittico. Qui è più forte il commentario sociale (uno sguardo davvero desolato e severo), che rende ancora più incandescente la materia, trattata con uno stile maturo, un'ammirevole cura nella costruzione dell'inquadratura (a costo di apparire talvolta perfino lezioso) che fa vergognare per le riprese da ragionieri della macchina da presa che affliggono il nostro cinema. E, certo, la sfrontatezza che viene dal non fermarsi, letteralmente, davanti a nulla.

Undying 14/06/07 17:26 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Straordinario apologo sull'inutilità della "vendetta" che, come una spirale, inghiotte ogni protagonista della storia. Park Chan-Wook mette in risalto come il destino possa prevaricare ogni sentimento di "giustizia" e come la rivalsa, spesso, si possa ritorcere contro chi la persegue. Pochi (ma feroci) momenti di violenza sottolineano alla perfezione che la dizione "sangue chiama sangue" non è frutto di fantasia, ma una dolorosa verità. Primo (grande) capitolo del regista, incentrato sull'analisi della vendetta e sui suoi mille volti... Astioso.

Homesick 18/08/07 10:12 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dicotomico, ad una prima parte poetica, malinconica, delicata, minimalista e sociale se ne contrappone una seconda cruda e sanguinolenta, che traccia un vortice di violenza che inghiotte tutti quanti. La potenza delle immagini (spesso mute, come il sensibilissimo protagonsta) prevale su una sceneggiatura talvolta contorta e con punti morti. Di certo, una nuova, bella pagina di cinema di genere orientale, lontano anni luce da divismo e ipocrisia.

Cotola 21/02/08 00:36 - 7603 commenti

I gusti di Cotola

Primo capitolo della trilogia della vendetta è, forse, il più usuale dei film di questo regista o quantomeno il più occidentaleggiante. Lo stile è gelido e dilatato, la storia va avanti troppo lentamente eppure il regista è molto bravo nel restituirci appieno il senso di disperazione dei vari protagonisti. Pur essendo il film meno bello dei tre è comunque un prodotto più che dignitoso.

Tromeo 27/04/08 14:23 - 52 commenti

I gusti di Tromeo

Primo tassello della trilogia della vendetta, Mr. Vendetta è il capolavoro di Chan-wook Park. Meno furbo di Old Boy, meno poetico di Lady Vendetta, ma molto, molto più violento e sentito. Un apologo sull'inutilità della vendetta che resta nella mente per diversi giorni dopo la visione. Un finale assolutamente cinico e disperato, una storia in cui nessuno è innocente e allo stesso tempo nessuno è colpevole. Capolavoro.

Daniela 31/01/09 09:30 - 9626 commenti

I gusti di Daniela

Dei tre film della trilogia, è il meno spettacolare. La violenza, sublimata dall'estetica in Old boy e in Lady Vendetta, è qui spoglia, squallida come gli ambienti in cui avviene, a volte frutto del caso. Anche il tema della vendetta è più sfumato: ad un certo punto non si sa da che parte stare: tutti sembrano ad un tempo innocenti e colpevoli. Straniante ed inesprimibile come Ryu, il ragazzo muto dai capelli verdi, è un film che disturba, con momenti quasi insostenibili. Al termine si resta attoniti, ma cresce nel ricordo. Capolavoro.
MEMORABILE: I due affogamenti; La famiglia suicida; La scena dell'ascensore, con Ryu che tocca la mano della sua donna.

Galbo 2/02/09 20:21 - 11446 commenti

I gusti di Galbo

Primo film della cosìdetta trilogia della vendetta, realizzata dal regista coreano Park Chan-Wook. In questo film protagonista assoluto è non a caso un ragazzo sordomuto il che permette al regista di sottolineare al massimo il concetto portante del film, quello della incomunicabilità che crea l'isolamento dal quale si innesca un vorticoso meccanismo di violenza che permea tutta l'opera. Regia scarna ma efficacissima e cast assolutamente funzionale, insieme ad una buona sceneggiatura, sono gli elementi portanti del film.

Capannelle 2/10/09 14:56 - 3741 commenti

I gusti di Capannelle

Inizio della trilogia della vendetta. Credo sia l'episodio più originale e meno spettacolare (pesa l'assenza di musiche) ma anche quello più sottilmente crudele. Il regista non prova imbarazzo nell'assegnare il brutale rito della vendetta alle persone più disparate. Le quali, nonostante vengano sferzate da un costante vento di malasorte beffarda, non esitano a portare a termine le loro imprese riscuotendo, come da titolo, l'empatia dello spettatore. Buono.

Greymouser 20/07/10 08:34 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Chan-Wook ha una particolarità per me sorprendente, che si evince da tutti gli episodi della sua trilogia della vendetta, e soprattutto in questo primo capitolo: sa essere cinico, feroce ed efferato, come spesso accade per i cineasti orientali; ma anche struggente e poetico. Questa forza di contrasto è secondo me la vera anima delle sue opere, la vena stilistica più riconoscibile ed unica. Grande film.

Pinhead80 24/02/11 15:43 - 4002 commenti

I gusti di Pinhead80

Primo film della trilogia dedicata alla vendetta del regista Park Chan-Wook. Un ragazzo di fronte alla malattia della sorella è disposto a fare qualsiasi cosa per aiutarla, ma non tutto andrà come previsto... Se è vero che la violenza genera violenza, ecco che questo film ne è la dimostrazione più assoluta. La disperazione e la rabbia del protagonista vengono utilizzate come innesco a una serie di violenze ed efferatezze di grande impatto. Semplice ed essenziale è il primo tassello di una trilogia tutta da gustare.

Mdmaster 5/05/11 00:37 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

L'assuefazione alla violenza e il distacco dalle emozioni che provoca la vita moderna. Tutto ciò si unisce, ovviamente, a una tremenda spirale di vendette incrociate. Park-Wook si conferma ottimo regista, pur alle prese con due ore graziate sì da una splendida fotografia, ma che trascorrono molto lentamente, con tanto di prolungate inquadrature apparentemente inutili. Il risultato però rimane più che buono: emozionante e alienante allo stesso tempo, intriso di cinismo come di poesia. Da vedere, senza dubbio.
MEMORABILE: L'ultima carezza nell'ascensore; la telefonata finale dell'ospedale.

Belfagor 25/06/11 18:15 - 2626 commenti

I gusti di Belfagor

Il primo capitolo della trilogia della vendetta è anche il più posato e poetico, pieno di silenzi e di inquadrature prolungate. Grazie a questa scelta il dramma si fa ancora più struggente nelle sue improvvise esplosioni. Un rapimento sfociato in una morte accidentale dà inizio ad una spirale di vendetta che, come un uroboro, finirà col divorare sé stessa e tutti quelli ad essa legati. La violenza è soprattutto psicologica, la speranza sembra inesistente. Che vi sia anche un'accusa all'egocentrismo che unisce capitalismo e anarchia?
MEMORABILE: L'annegamento della bambina rapita.

Mickes2 6/08/11 18:08 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Il più riflessivo della trilogia, per modi e tempi quello più vicino al cinema orientale. Scevro da virtuosismi, musica quasi del tutto assente a favore dell’incomunicabilità che permea la pellicola. Non vi sono suoni perché il protagonista è il primo a non poterli sentire e Park cala lo spettatore in un vuoto acustico e nella sua dolorosa esistenza. La spirale di vendetta passa da questo gelido e ineluttabile fattore. Odio e violenza, delicatezza e poesia si mescolano in un turbinio che fa dell’autodistruzione la sola via per vendicarsi.
MEMORABILE: Il fuoricampo di Park Dong-Jin quando gli viene confermato il decesso della figlia; il finale.

Rullo 20/08/11 23:01 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Primo capitolo della fortunata trilogia della vendetta, che a differenza degli altri due sembra essere quello meno diretto e con il ritmo più lento. L'introduzione è quasi infinita, dura davvero molto, ma è utile per calare bene lo spettatore nell'atmosfera del film che perdura per tutta la sua durata. Buoni gli attori, ma la regia è forse meno ispirata che nei successivi capitoli (forse e sopratutto a livello stilistico).

Ryo 27/01/12 12:17 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Ottima pellicola del regista. Inquadrature perfette e sceneggiatura superlativa. Violenza mai gratuita che esalta il film nel genere pulp e portando al successo Park Chan-Wook. La sua regia esce dai canoni e verte su uno stile personale. I personaggi si muovono apparentemente senza filo logico-temporale con conseguente estraniazione. I risvolti della trama offrono in continuazione nuovi spunti narrativi. Mai scontato.
MEMORABILE: La scena nella sala chirurgica clandestina.

Puppigallo 15/04/12 10:10 - 4524 commenti

I gusti di Puppigallo

In linea di massima è un inno alla stupidità umana, non certo giustificata dalla disperazione e dalle avverse circostanze. Se ci si adatta al non ritmo e ai tempi quasi morti, la visione di questa parodia tragica di un sordomuto ai limiti del demente (basta sentire la domanda che fa alla sorella dopo aver ascoltato la storia sull'uomo che credeva di avere due teste) risulterà non priva di sprazzi di talento registico (il soffermarsi su alcuni particolari, o su gesti apparentemente banali), determinando la riuscita della pellicola, nonostante qualche eccessiva forzatura, soprattutto nel finale.
MEMORABILE: L'adesivo attaccato nel cesso "Organi in vendita"; L'occhio della bambina a pelo d'acqua; Il cacciavite da non togliere.

Fabbiu 17/08/12 21:09 - 1952 commenti

I gusti di Fabbiu

Violenze ed efferatezze gratuite, su ragazzi e bambini; il sangue sgorga spesso e volentieri, in questa storia di vendette varie. Ciò nonostante, l'esposizione è così pulita e riflessiva e la messa in scena cosi naturale (silenzi, espressioni) e neutrale, da far sì che il tutto - dalla crudezza alla paradossalità di alcune sequenze, finanche alla sottile (ma evidentissima) critica al sistema - scivoli senza troppi filtri cinematografici nello stomaco dello spettatore. Grande regia, ottime interpretazioni.

Giùan 8/02/14 06:53 - 3044 commenti

I gusti di Giùan

Una rivelazione pare aver colto Chan Woon Park: Buster Keaton e Kieslowski non son poi mondi cinematografici così lontani, dunque perché non metterli in asse, con una drasticità e una capacità di tirarne le estreme conseguenze tutta orientale, ben diversa per dire da quella dei Coen. Così il primo episodio della trilogia è sostenuto da una comicità la cui inesorabilità sfocia inevitabilmente in destino paradossale ma non per questo meno dolente. Qualche cavillo sul gioco di rimandi tra patologie sociali e sindromi individuali. Brutalmente lunare.
MEMORABILE: La ragazzina unica iscritta alla sua cellula rivoluzionaria; L’annegamento della bambina.

Jdelarge 4/11/16 23:53 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Park Chan-wook dà vita a un film estremamente interessante e originale. Si può definire come una sorta di noir dai risvolti drammatici nel quale il fulcro predominante è la vendetta, padrona assoluta del film e dei suoi personaggi. Proprio perché la vendetta è un sentimento umano risulta facile immedesimarsi nei protagonisti della vicenda e provare dolore insieme a loro. Tutti sono innocenti e colpevoli al tempo stesso. Ottima la regia, che con ellissi e minuziosi lavori di profondità di campo e fuori campo riesce a creare grande suspense.

Rufus68 8/10/17 23:14 - 3147 commenti

I gusti di Rufus68

L'intrecciarsi di "vendette" vive di un formalismo raggelante; alcune location, più che desolate, sono squallide; e la lentezza della trama accentua la pesante (e sgradevole) sensazione di anaffettività in una vicenda che narra di privazioni, inganni e morte: questi i limiti del film. Park, tuttavia, ha un talento fuori del comune (nessun dubbio su questo) e alcuni brani risultano d'eccezionale valore (gli omicidi della seconda parte, di una crudeltà rallentata e straniante). Kang-ho Song, poi, è uno dei migliori attori del mondo.

Il ferrini 20/11/19 18:44 - 1728 commenti

I gusti di Il ferrini

Lurido e disturbante, questo Mr. Vendetta è di un fascino estetico innegabile; i violenti raccordi sull'asse sono come coltellate, il verde dei capelli di Ha-kyun Shin si fonde con quello dell'acqua, forse la vera protagonista del film. Corpi nudi, tagliati, smembrati, annegati, elettrificati, un mondo crudo e crudele, in cui non esistono i buoni e ancor meno i giusti; solo una stupida e miope sete di vendetta che si aggroviglia su stessa lasciando una lunga scia di sangue. Grande film, ma decisamente non per tutti.
MEMORABILE: La masturbazione collettiva; Il cibo consegnato durante la tortura; La visione della bambina: "Papà, perché non mi hai insegnato a nuotare?"
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.