Three... extremes - Film (2004)

Three... extremes
Media utenti
Titolo originale: Three... extremes
Anno: 2004
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Three extremes" o "3 extremes". Sequel di "Three" (2002). Tre episodi: 'Dumplings' (Fruit Chan), 'Cut' (Park Chan-Wook), 'Box' (Miike Takashi)

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/11/07 DAL BENEMERITO POL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pol 28/11/07 18:48 - 589 commenti

I gusti di Pol

In breve: "Dumpling" (Chan) è l'episodio più estremo sia per tematiche che per impatto visivo, ma non va oltre nonostante l'argomento si prestasse ad un approfondimento. "Cut" (Chan-Wook) è la vera nota dolente: sembra girato da un'epigono del suo autore con poche e confuse idee; forse il tema "vendetta" è ormai spremuto. Banale ed insensato. "Box" (Miike) è sicuramente il più suggestivo e "poetico", ma niente di memorabile. In generale l'impressione è di operazione fine a se stessa.

Deepred89 28/02/09 20:02 - 3535 commenti

I gusti di Deepred89

Horror ad episodi non imperdibile. Ben fatto ma complessivamente poco convincente il primo capitolo (Chan); teso e molto ben realizzato il secondo (Chan-Wook), nonostante qualche virtuosismo di troppo e alcuni passaggi piuttosto discutibili (tra cui il finale); passabile (con qualche riserva) il terzo (Miike), confuso e frammentario ma raffinato ed affascinante. Fotografia mediamente molto buona, così come gli attori. Mediamente siamo nella sufficienza piena, ma senza il secondo episodio risulterebbe una pellcola piuttosto trascurabile.

Greymouser 20/07/10 08:37 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Discreto film ad episodi, caratterizzato soprattutto dalla forza del contributo di Miike, anche se non trovo disprezzabili gli altri due. Ritroviamo le consuete allucinate efferatezze narrative e visive del cinema orientale di genere, rappresentazioni a tinte fortissime delle più aberranti passioni umane, sempre però sostenute da un rimarchevole rigore formale e stilistico. Da vedere.

Trivex 22/07/10 22:07 - 1645 commenti

I gusti di Trivex

Tre episodi dai contenuti agghiaccianti, in ordine decrescente d'effetto. Più delle immagini, non così estreme, sono le storie ad essere "brute", sempre in ordine decrescente. Il primo episodio è osceno, personalmente lo ritengo un abominio da anticristo sulla terra, contro la vita e contro la natura. Il secondo è tosto, il più violento, ma solo miseramente e commercialmente parlando, con la storia "più umana". Il terzo invece non mi è piaciuto, anche se la trappola è claustrofobica, mi aspettavo di più dal maestro di Visitor Q. Ma l'aria manca anche qui...

Stefania 9/04/11 18:13 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

L'eterna giovinezza, l'invidia, la vendetta, la gelosia, il senso di colpa, estromessi dalla dimensione razionale e cosciente divengono immagini d'incubo in questa mini-antologia horror. L'episodio di Fruit Chan è il più semplice e drammaticamente efficace nella sua poetica della barbarie... barbarie civilizzata! In "Cut" Park Chan Wook riesplora il tema a lui consueto della vendetta con acuti grotteschi, il terzo episodio è, per me, il migliore: impalpabile, sognante, poco lineare nella narrazione, vanta il finale più inaspettato e straziante.

Mdmaster 12/06/11 20:22 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Operazione che non ho trovato troppo sensata, ma vabbè. Fruit Chan parte bene come argomento, ma al di là dello shock non riesce ad andare. Chan-Wook sembra si sia divertito un mondo, quasi me lo immagino lì che ride durante i momenti più grotteschi; stranamente intrigante il suo episodio. Miike conclude bene, con un episodio lucido e privo praticamente di gore, a favore di atmosfera e fotografia. Comunque tre pezzi di buon cinema, anche se nessuno esattamente imperdibile. Bravi gli attori.

Daniela 18/04/15 13:52 - 11777 commenti

I gusti di Daniela

Tre declinazioni dell'horror orientale. Si inizia per una ricetta di bellezza dall'ingrediente segreto (Cina), si prosegue con la vendetta di un povero/brutto/cattivo contro un ricco/bello/buono (Sud Corea), si chiude con una storia circense flambé (Giappone). Tutto impaginato con eleganza e recitato da un buon cast, ma anche schematico, sul filo dell'accademia. Difficile scegliere l'episodio migliore: la buona fattura non evita una sensazione di incompiutezza, come se i rispettivi registi avessero svolto con professionalità ma senza troppa passione i temi loro assegnati.

Hackett 25/08/17 07:57 - 1836 commenti

I gusti di Hackett

Trilogia horror orientale che riprende il concetto del precedente Three. Il primo episodio incuriosisce e stordisce per la brutale e sarcastica critica alla ricerca ossessiva della giovinezza che rappresenta. Nell'episodio centrale il lato ironico prevale un po' troppo e il regista di Oldboy conferma di essere rimasto invischiato nella tematica della rivalsa. L'episodio di Miike è il migliore, pur con momenti lenti ed estremamente compiaciuti, regala poesia ed eleva una pellicola nel complesso non molto convincente.

Anthonyvm 12/05/18 22:26 - 4166 commenti

I gusti di Anthonyvm

Non ottimo ma interessante portmanteau orientale che vede coinvolte tre nazioni e altrettanti registi affermati. Il primo episodio non ha molta trama, presenta più che altro una situazione disgustosa e in questo è molto efficace. Il secondo è una più che canonica storia di vendetta con richiami al Saw di Wan, ma anche se non è originalissimo la cura tecnica e artistica è ai vertici massimi. Il terzo è lynchiano e onirico (il suo ermetismo ne è sia forza sia debolezza) ma comunque molto elegante. Nel complesso c'è di meglio, ma è un buon film.
MEMORABILE: I suoni che si odono durante la masticazione dei "ravioli" nel primo episodio; L'elaborata e intricata trappola nel secondo; L'aria sospesa nel terzo.

Bubobubo 27/09/18 17:01 - 1758 commenti

I gusti di Bubobubo

Nomi di lusso, risultato modesto. Primo episodio abbastanza standard, anche nel tema (affrontato nel cinema orientale e non solo, a più riprese), ma complessivamente ben confezionato. Delude parecchio Park, con una storia che sembra un reboot grottesco dei filoni principali della sua trilogia della vendetta: alcune buone intuizioni vanificate da un disegno a monte piuttosto inverosimile. Affascinante il contributo di Miike, che sacrifica parte della sua abrasività grafica in favore di un ermetico (ma non ostico) simbolismo circolare. Media...

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.