LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/05/08 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 10/05/08 11:15 - 4777 commenti

I gusti di B. Legnani

Letterario, arduo. Romanzo d’amore d’altri tempi che, portato suillo schermo, finì in un insuccesso perché narrava una storia d’amore con due che finivano a letto dopo sette anni, in un periodo in cui lo si faceva dopo sette minuti. Intenso, sempre garbato e mai ruffiano, speso pittorico, sempre di grande eleganza formale. Affascinante la Markham, mentre Léaud, qui non-Doinel, qua e là pare un po’ rigido. Da guardare solo se si ha pazienza, ovviamente nella versione di oltre due ore (incomprensibili alcuni tagli censori italiani).
MEMORABILE: La partenza dall'isola svizzera con due barche.

Homesick 22/03/09 18:23 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Fisico, esplicito e carezzevolmente doloroso. In pregevole forma diaristica – il film adatta un romanzo autobiografico di Roché – il ménage à troi e l’amour fou tipici di Truffaut avvicinano due opposti mondi: un’Inghilterra immobilizzata dalla morale tradizionale in un passato letterario di pudicizia, trine e innocenti passeggiate all’aperto e una Francia al contrario moderna e trasgressiva, in piena liberazione sessuale. I tre protagonisti sono profondi, complessi, sensibili e rientrano tra le figure più emblematiche create dal Maestro.

Caesars 20/05/10 11:34 - 2758 commenti

I gusti di Caesars

Triangolo (e non solo) amoroso molto complesso che vede impegnati un francese e due sorelle inglesi. Si tratta di una pellicola molto particolare, a tratti anche spiazzante, che ha i suoi punti deboli in un'eccessiva lunghezza e nel ricorrere ad un uso spropositato della voce narrante. Il che non esclude però che si tratti di un'opera valida, ben interpretata (soprattutto dal cast femminile) e degna di essere vista (rigorosamente in edizione integrale. I tagli effettuati a suo tempo in Italia sono veramente assurdi). Fotografia assai pittorica.

Pau 9/04/10 18:32 - 125 commenti

I gusti di Pau

Due donne, due sorelle, due declinazioni della parola "amore". Un sentimento proteiforme, che può assumere la veste del sorriso, del gioco, della lacrima, del rimpianto. Ma una volta che esso è andato, non resta che specchiarsi e constatare amaramente di essere invecchiati di colpo. Truffaut parla di sentimenti con la delicatezza di tocco ed il profondo rispetto verso i suoi personaggi che sempre lo caratterizzano; un film di bellezza quasi calligrafica nella messa in scena, ma mai fine a se stessa, anzi funzionale a ciò che viene raccontato.
MEMORABILE: Claude si specchia nel finestrino di un'autovettura e si accorge con doloroso stupore di assomigliare ormai ad un vecchio.

Stefania 23/05/10 20:11 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

E' un film sulla distanza: quella culturale tra l'Inghilterra puritana e la Francia, se non libertina, certo più libera, la distanza caratteriale tra la timida Muriel e la più estroversa Ann, per Claude incarnazioni di due "eterni femminini", due anime del sentimento amoroso. E sulla distanza nella quale l'amore si consuma, e di cui si nutre. L'impressione è che Claude, voce narrante, sfogli partecipe ma incredulo un album di vecchie foto: solo, come chi non ha saputo amare nient'altro che una sua idea dell'amore. Sensuale e accademico, una provocazione...
MEMORABILE: Il tipo di inquadratura che chiude certe scene, in cui i volti dei personaggi sembrano ritratti incorniciati da un'ombra.

Giùan 20/06/12 22:03 - 3044 commenti

I gusti di Giùan

Impresa ardua e perigliosa cui il tempo cinematografico ha dato ragione. Questa ripresa di Rochè da parte di Truffaut, a 10 anni di distanza da Jules e Jim, è quello che banalmente diremmo un film difficile, ma che più onestamente dovremmo definire un'opera adulta, compendiando sofferenza e complessità. Un film che pare procedere per scene finali, intese come distacchi e separazioni, in ognuna delle quali si olezza funereo dolore esistenziale. Imponente ma ingombrante, denso quanto respingente. Almendros gli regala una luce sepolcrale.
MEMORABILE: Le chiusure ad iride; Le lettere, i libri, la voce narrante che imperversano in ogni inquadratura.

Beffardo57 26/08/13 21:31 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Straordinario film che racconta una storia d'amore speculare a quella di Jules e Jim: questa volta due sorelle inglesi si legano, in tempi e modi diversi, allo stesso giovane francese. Assolutamente singolare è l'arte narrativa del regista: i toni sfumano impercettibilmente dalla commedia lieve dell'inizio, con un progressivo incupirsi che sfocia nel desolato e amarissimo finale. È cinema allo stato puro, capacità rara di armonizzare dialoghi, ambientazioni, immagini, musiche in una sintesi conseguita senza apparente sforzo. Indimenticabile.

Deepred89 17/10/14 22:59 - 3306 commenti

I gusti di Deepred89

Altro tassello dell'amore truffautiano per l'universo femminile, in grado di farci innamorare, insieme all'attorialmente impacciato Léaud, dell'una o dell'altra inglese grazie alla magia del suo tocco. Il tutto scorre ironico e affascinante, nonostante la colonna sonora da melodrammone smorzi un po' l'atmosfera. Belle ambientazioni (la casa in Gallia!) e meravigliose attrici; peccato solo per qualche caduta di tono (le pene d'amore alla Adele H.) o di gusto (una deflorazione con esiti degni di Excision), ma rimane un piacere per occhi e mente.
MEMORABILE: Il notevolissimo monologo sulla masturbazione recitato da colei che sta per diventare cieca. Umorismo volontario?

Ryo 13/08/15 20:36 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Curiosa storia d'amore e di vita, girata come se a tratti fosse un romanzo-video, con numerosi episodi non visti ma raccontati e la corrispondenza fra i personaggi che gioca un ruolo fondamentale nella narrazione. Deliziose le location montane dove si svolge la metà delle scene. Il turbine realistico di tira e molla fra i tre personaggi (l'alter ego di Truffaut e le due sorelle) è talmente realistico e verosimile che per certi versi sembra un film di Yasujiro Ozu. Fondamentale autobiografia del regista francese.
MEMORABILE: La deflorazione con la telecamera che indugia sul sangue: lo schermo diventa rosso!

Saintgifts 8/10/17 11:07 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Truffaut riesce a trasportare sullo schermo le pagine del romanzo (autobiografico) di Roché con stile ed eleganza; con una "semplicità" non facile entra nell'intimo dei personaggi e descrive magistralmente l'idea che dell'amore e del sesso aveva la borghesia europea (Inghilterra e Francia) all'inizio dello scorso secolo. Tutto parte dal romanzo naturalmente, ma la sceneggiatura e la direzione di Truffaut sono sopraffine e questi, grazie alle interpretazioni femminili (Léaud anche se funzionale, appare troppo ingessato), fornisce un buon esempio di cinema.

Reeves 20/09/20 20:10 - 207 commenti

I gusti di Reeves

Praticamente un seguito di Jules et Jim, che era stato un successo straordinario: stessa origine letteraria, stesso triangolo amoroso (ma qui ci sono due ragazze e un ragazzo), stessa leggiadra capacità da parte di Truffaut di condurre una storia d'amore con il ritmo di Mozart e la leggerezza di una piuma. Eppure ebbe molto meno successo, forse perché quando Truffaut dirige Leaud tutti si aspettano Antoine Doinel... Però il film è godibilissimo, divertente profondo, uno dei Truffaut migliori.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.