Last days

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 2005
Genere: drammatico (colore)
Note: ispirato alla vicenda di Kurt Cobain dei Nirvana.
Numero commenti presenti: 14
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/02/07 DAL BENEMERITO MAGNETTI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 29/12/12
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 13/02/07 18:22 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Il film è ispirato alla vita di Kurt Kobain (nel film Blake), leader dei Nirvana. Lo spunto sono gli ultimi giorni della sua vita, raccontati non in modo giornalistico ma piuttosto riproponendo (e ha successo in questo) i vari stati mentali del protagonista nei momenti prima della decisione di suicidarsi. Il film è un pò lento e inevitabilmente "amaro". Alla fine Kurt Kobain, nonostante il successo planetario, è una persona irrimediabilmente sola. La scena finale è toccante.

Lele Emo 22/03/07 12:01 - 173 commenti

I gusti di Lele Emo

Grande interpretazione di Micheal Pitt nel ruolo di Blake/Cobain, ottima pellicola densa di un intimismo straziante, descrivente il tormento esistenziale di uno degli ultimi eroi maledetti, la lentezza con cui si dipana la storia sembra essere un riflesso della turpitudine interiore e dell'abuso di eroina. La sofferenza in questo film è descritta con tragica e spietata dolcezza, gli ultimi giorni ovattati di un giovane e talentuoso genio, tormentato dallo spettro del suicidio poi commesso.

Homesick 15/06/07 18:38 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Ispirato agli ultimi giorni di vita di Kurt Cobain, un racconto scarno, documentaristico con tarantiniani flashbacks sincronici/diacronici che si sofferma sulle sue nuove composizioni, il suo isolamento fisico e mentale le sue fisime fino al suicidio finale. A tratti, Michael Pitt sembra davvero il leader dei Nirvana. Cameo di Kim Gordon dei Sonic Youth.

Schramm 20/11/07 20:48 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Premesso che: cinematograficamente è un'opera molto valida, che l'aderenza attoriale è sopraffina, che non ho mai sopportato i Nirvana e che altrettanto posso dire di Van Sant, qualcuno sa spiegarmi perché quando si tratta di personaggi controversi o di ribelli senza causa li si taglia drasticamente con l'accetta riducendoli sempre a svalvolatissimi senza speranza, a depressi ipercronici incapaci di mezzo sorriso o a poveri pagliacci (si veda come Stone ha tagliato male Morrison)? Tremo al pensiero della biografia di Curtis... Occasione mancata.

Fele 21/12/07 23:51 - 43 commenti

I gusti di Fele

Lunghi piani-sequenza ed interminabili silenzi fanno intuire a tratti la presunta atmosfera degli ultimi giorni di vita di un presunto genio della musica, ma oltrepassano spesso il limite del fastidio e della noia. Per non parlare delle inquadrature completamente statiche, anche di scenari inanimati, che durano inutilmente troppo. Conoscendo la vicenda di fondo e chi è l'autore, si riesce ad arrivare - benché a stento - alla fine del film; ci si dice: Van Sant è genialoide… prima o poi esce la genialata… macché... Aberrante.
MEMORABILE: Il piano-sequenza d'una canzoncina acustica; la scena finale col cadavere (essenzialità superba); l'intravisto culone di Asia Argento.

Herrkinski 19/06/08 21:23 - 5123 commenti

I gusti di Herrkinski

Scivolone di Van Sant, che dopo il lento ma convincente Elephant ci propina questa mattonata soporifera che dovrebbe raccontare gli ultimi giorni di vita di un musicista (chiaramente ispirato a Kurt Cobain dei Nirvana) prima del suicidio. Statico quasi come un film di Morrissey o di Warhol, con pochissimi dialoghi, una quasi totale assenza di musica (se non le canzoncine strimpellate dal protagonista) e una recitazione di Pitt sicuramente sentita ma che fa apparire il personaggio un demente delirante. Asia Argento parla poco, per fortuna.

Brainiac 5/01/09 17:58 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Film riuscito perché elabora in maniera personale il lutto. Niente sensazionalismi alla The Doors di Stone, niente fronzoli registici, niente orpelli di sceneggiatura. Solo tanta sofferenza, lunghi piani sequenza che mi hanno trasmesso il rispetto e l'amore che Van Sant doveva provare per la triste vicenda del geniale Cobain. Struggente la scena in cui su una televisione musicale passano uno strappalacrime pezzo R'n'B, mentre l'esistenza del leader dei prodigiosi Nirvana sfuma tristemente. Pitt è strepitoso. Mi sento di ringraziare Gus Van Sant.
MEMORABILE: Cobain borbotta qualcosa mentre fa una lunga camminata nel suo giardino.

Pinhead80 27/11/10 11:45 - 3942 commenti

I gusti di Pinhead80

Inerosabilmente lento e fine a se stesso, questo film di Van Sant vorrebbe farci capire lo stato d'animo e il lento consumarsi del leader dei Nirvana, Kurt Cobain. Dico dovrebbe perché in realtà rimane una pellicola pretenziosa che vuole analizzare con lunghi piani sequenza ed inquadrature di una staticità assoluta, sentimenti ed emozioni di un Cobain che sembra uscito da un'anestesia. Pessimo.

Galbo 29/11/10 07:24 - 11381 commenti

I gusti di Galbo

Ispirato alla figura di Cobain, leader dei Nirvana (con il protagonista che lo richiama molto anche fisicamente) questo film di Gus Van Sant è una sorta di cronaca più che di eventi, di stati d'animo e di pensieri che sono per definizione difficilmente filmabili. Si tratta pertanto di un'opera riuscita a metà esageratamente lenta e troppo ricca di pausa nonostante ben fatta tecnicamente.

Didda23 10/06/11 16:41 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

Opera molto personale ed estremamente emozionante, Last Days è sicuramente uno dei lavori più riusciti dell'ottimo Van Sant. La prima visione mi aveva lasciato abbastanza interdetto e a tratti mi aveva pure annoiato, ma durante la seconda sono riuscito a calarmi perfettamente nel meccanismo e ho trovato la pellicola illuminante. Rimane il fatto che è di difficile digeribilità e la visione non è assolutamente per tutti. Michael Pitt è all'altezza del genio che rappresenta. Sottovalutato.

Cotola 7/08/11 20:17 - 7513 commenti

I gusti di Cotola

Ispirandosi agli ultimi giorni di vita di Kurt Cobain (ma non c’è nulla di “storico”, come precisato dalla didascalia finale), Van Sant gira un film personale e secondo il suo stile: non concede nulla alle mode e non cerca o quasi alcuna ruffianeria per accattivarsi la simpatia dello spettatore. Molto bravo Michael Pitt. Elephant al cubo e quindi solo per persone molto pazienti: per alcuni, forse una minoranza, lo sforzo sarà ripagato; per altri decisamente no. La degna chiusura di una trilogia (comprendente Gerry ed Elephant) di alto livello.

Rebis 15/08/12 17:15 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Iconoclasta. Perché disattende lo spettacolo, annulla la narrazione, scompone il linguaggio cinema. Un film "contro", innanzitutto alle aspettative dei fan, del pubblico, della morbosità mediatica. Quasi un esercizio zen che mette in campo uno svuotamento semantico, linguistico, attraverso un cortocircuito temporale che è misura di una voragine esistenziale. Dice Van Sant: in quello che non ci interessa vedere c'è tutto quello che dovremmo sapere. Più radicale di Elephant - quindi ancora più passibile di biasimo e idiosincrasie - rimane un'accorata ricerca dell'imparzialità di fronte al dolore.

Saintgifts 6/07/13 10:00 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non dico niente di nuovo se affermo che un film è un'opera composta da tanti elementi che devono interagire bene, direi perfettamente, tra loro. Se questo avviene allora la cosa è riuscita e tutte le scelte fatte non potranno essere discusse. Se invece un autore, di indiscussa capacità, non riesce a far interagire bene tutte le componenti, allora l'opera diventerà insopportabile e questo è il caso di Last Days. L'intento è chiaro ma non riuscito. Salverei alcune inquadrature.
MEMORABILE: Il protagonista sullo sfondo, al di là di una finestra, che scava in giardino; In primo piano due teste su un cuscino e una TV con immagini di karate.

Paulaster 7/12/16 10:02 - 2773 commenti

I gusti di Paulaster

La solitudine e la deriva di Cobain viene rappresentata attraverso spezzoni dell'ultima vita vissuta, tenendo le distanze nelle inquadrature: rispetto di Van Sant oppure voglia di sottolineare l’ormai stanchezza di sbarcare la giornata del rocker? A Pitt basta caracollare sotto la zazzera bionda per essere credibile (buona la performance alla chitarra) mentre tutte le vicende del corredo amicale fan pensare a un gruppo di nerd liceali. Conclusione senza orpelli, in cui la trasparenza è gratuita al limite del ridicolo.
MEMORABILE: "Mi volete convertire?".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.