La rossa dalla pelle che scotta

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1972
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka: "Sweet Spirits", "The Red Headed Corpse ", "La Peau qui brûle", "The Sensuous Doll".
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Farley Granger a Istanbul come pittore squattrinato è un bell'iniziare. Se ne sta nella sua casa laboratorio - che condivide con la provocante Erika Blanc – a combattere con un'ispirazione che non soddisfa chi dovrebbe comprare i suoi quadri. Adesso va il nudo, gli dicono, aggiornati. E lui lo fa nel modo più semplice: con una sventola simile in casa che non vede l'ora di mettersi in posa i quadri vengon quasi da soli e gli incassi non si fanno attendere. Ma attenzione, perché a un certo punto lui l'accoltella! Quando? Beh, all'inizio, solo che poi si torna indietro. O son solo allucinazioni? Un hippy gli regala un manichino e lui lo vede animarsi e trasformarsi in una bella figliola che non gli parla ma fa tutto il resto, pur muovendosi...Leggi tutto talvolta un po' rigidamente. Quando? Verso la metà, ma potrebbe essere dopo, perché la Blanc torna in scena e ci fa capire meglio perché lui ha agito (o meglio agirà) così. Il fatto è che lei è un po' troppo disinibita: passa un cacciatore (Venantini) e se lo ripassa, passa il committente dei quadri e pure lui... va in spiaggia da sola e si fa provocatoriamente spalmare la crema da un timido sedicenne... Insomma, non esattamente fedele, questa rossa dalla pelle che scotta. Il regista Renzo Russo gioca coi flashback confondendoli nel sogno e va dritto verso un finale che lascia tutto in sospeso, apertissimo, facendo intervenire saltuariamente un ispettore che pare avere stranamente le idee chiare, a differenza nostra. Granger si aggira per il set con la sua caratteristica aria trasognata ritornando in sé di tanto in tanto quando c'è da discutere coi compratori, si abbandona quando la Blanc gli si avvicina eccitandolo, riesce a rendersi credibile quando confonde realtà e immaginazione (anche se la breve parentesi con il manichino animato appare un po' maldestra nella realizzazione). Molto più prosaico il comportamento degli altri maschi che avvicinano la Blanc e non ci metton molto a intuirne la disponibilità... Poteva essere un'opera insolita (e in parte lo è), quasi vicina a certe cose di Herschell Gordon Lewis purgate però dallo splatter (di sangue non se ne vede proprio, salvo qualche goccia qua e là), con un'ambientazione turca che si consuma – se si esclude qualche buon esterno in strada - quasi solo tra i titoli di testa e coda con lunghe panoramiche di Istanbul. Al centro i tradimenti di lei e l'alterata quotidianità di lui, il corpo nudo della rossa e l'eccitazione difficilmente contenuta dei suoi pretendenti. Un'opera interessante da ricostruire temporalmente, ma senza aver la certezza di averlo fatto correttamente. Per sostenere una simile trama bislacca ci voleva però mano più ferma. Comunque straniante e curioso.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/12/09 DAL BENEMERITO FAUNO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 10/06/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 7/12/09 10:05 - 2077 commenti

I gusti di Fauno

A me un film così visionario, per di più con molti esterni a Istanbul, con Farley Granger più decadente che mai e con doppia sorpresa finale non può che far quasi impazzire. Come stupende sono le due candidate modelle oltre alla protagonista. Di Enrica Maria Colombatto si può dire che ha un corpo meraviglioso e una sensualità notevole, ma le espressioni da scrofa nelle scene di petting la fanno perdere di gran lunga con altre star di questi filoni, soprattutto con Susan Scott...
MEMORABILE: La modella Petite e le espressioni di Granger. Tutti i flashback e la libera interpretazione finale.

Daidae 19/12/09 20:21 - 2941 commenti

I gusti di Daidae

Film visionario e molto particolare. Può sembrare una mezza schifezza sentendo la trama un po' discutibile... ma guardatelo e scoprirete che non è per niente brutto. Anche se non è certo un capolavoro. Bella e perfida la Blank, grandioso Granger attore che ha sempre fatto almeno in Italia una buona figura.

Lucius 26/06/10 01:53 - 2953 commenti

I gusti di Lucius

È povero e ha talento, ma i suoi quadri gli fruttano poco, così decide di adeguarsi al trend di mercato e comincia a sfornare opere erotiche, il cui soggetto è per lo più la sua bambola viva. Un film cerebrale, strano, per certi veri inedito, interpetato da un Franger maturo e da donne cariche di sensualità che infervorano di voluttuosità la pellicola. Il finale tragico lascia l'amaro in bocca. Intrigante.

Deepred89 21/07/10 14:39 - 3493 commenti

I gusti di Deepred89

Bizzarra farneticazione anni 70, una specie di dramma pieno di scene di sesso (caste per la verità) che mischia Pigmalione, hippies, decadentismo (nelle intenzioni) e risvolti gialli, tentando di razionalizzare l'elemento paranormale tirando in ballo la psicoanalisi. Peccato che in tutta questa confusione sia comunque la noia a prevalere. Cast sulla carta interessante ma poco incisivo nella pratica. Confezione non malvagia, che comunque non salva la pellicola. Decisamente evitabile.

Capannelle 23/07/10 14:40 - 4053 commenti

I gusti di Capannelle

Lasciando perdere ritmo (altalenante) e dialoghi (calibrati sulla mente di Topolino) conviene concentrarsi su atmosfere e interpreti. Ne viene fuori il consueto rapporto di odio amore tra lo sfigato tormentato (un pittore) e la fatalona (proposta in più versioni e altamente volubile), giocato con estrema semplicità ma intrigante nelle sfumature e nello sviluppo surreale. E anche il finale, che ci ricorda che la trama vorrebbe gialla, non stona.

Ciavazzaro 18/11/10 20:48 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Dal punto di vista dei miei gusti estetici il film è davvero ben fatto: dalle ottime musiche a una grandiosa Erika Blanc, un simpatico Venantini, l'adatto Granger, la sexy Krista Nell che nella sua breve parte offre molto! Ma dal punto di vista della sceneggiatura il film è troppo sconclusionato, con un finale completamente folle. Purtroppo, nonostante l'amore per la decade e per la Blanc, lo devo bocciare.

Il Dandi 19/11/10 11:10 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Pittore in crisi trova ispirazione (e successo) usando come modella la sua compagna (Erika Blanc, cui il titolo calza alla perfezione), ma la signorina piace a troppi e l'equilibrio psicologico del protagonista si fa sempre più precario. Poveristico (girato in Turchia) pezzo di antiquariato, poco erotico e ancor meno giallo. Non del tutto riuscito, ma nemmeno del tutto disprezzabile: la sponda maschile (Granger e Venantini) è azzeccata, la colonna sonora pure, le grazie (e la giusta antipatia) della protagonista non si discutono.
MEMORABILE: Il vestito verde, le calze nere, la vestaglia rosa, il bikini viola: tutto ciò che la Blanc indossa ne esalta la fondamentale capigliatura vermiglia.

Homesick 1/05/13 08:29 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sembrerebbe stagnare nella mediocrità, invece in dirittura d’arrivo riesce a sorprendere per come rimette tutto in discussione, colmando i vuoti di sceneggiatura e aprendosi ad un excipit visionario – ricorda quello del romanzo “Lo specchio degli inganni” di Mishima – in cui i fantasmi della psiche si sovrappongono a quelli dell’occulto. L’eponima rossa è una Blanc tentatrice e ninfomane che sconvolge l’instabile mente del pittore squattrinato Granger; la Nell, nuda e muta, pare davvero una deliziosa bambola di carne. Soffici musiche di Sante Romitelli.
MEMORABILE: Le vedute aeree di Istanbul durante i titoli di testa; Granger cerca di difendere la sua dignità di artista puro che non cede alla commercialità.

Nicola81 23/03/14 12:21 - 2418 commenti

I gusti di Nicola81

Temevo di assistere a una vaccata, invece mi sono trovato davanti un film senz'altro imperfetto e girato con pochi mezzi, ma a suo modo geniale, denso di significati e di uno slancio onirico e visionario in grado di sostenere una trama apparentemente risibile. La sceneggiatura è a tratti sconclusionata, ma il finale (benché aperto) rimette a posto quasi tutto. Granger ottimo, la sensualissima Blank rende onore al titolo, Venantini discreto, la Nell è una splendida bambola muta. Romitelli ricalca lo score de Il rosso segno della folli.
MEMORABILE: Il finale.

Motorship 14/04/14 22:29 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Non del tutto riuscito questo thriller di Renzo Russo, ma qua e là vi si trovano spunti davvero interessanti. Girato con pochi soldi (e si vede!), con una sceneggiatura che francamente non è il massimo e una trama poco entusiasmante, il film si risolleva un po' grazie comunque a un'atmosfera notevole e da ottimi flashback. Inoltre il cast rende molto bene: si va da un ottimo Granger a una splendida Blanc, passando per un buon Venantini e una bonissima Nell. Finale interessante e ottima la colonna sonora di Romitelli.
MEMORABILE: Tutti i flashback.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Myvincent 12/05/22 23:30 - 3222 commenti

I gusti di Myvincent

Lui è un pittore squattrinano, lei una esuberante ninfomane che non sa cosa inventare per nascondergli i suoi innumerevoli amanti. Poi un giorno la gelosia prende il sopravvento e saranno coltellate. Il film inizia bene (complici le atmosfere mediorientali), si sviluppa in senso boccaccesco, poi si avvia verso un finale bislacco di dubbia interpretazione. Comunque vale per le grazie disinibite di una conturbante Erika Blanc.
MEMORABILE: Il manichino che rappresenta per il pittore la donna ideale…

Ronax 8/06/22 00:51 - 1063 commenti

I gusti di Ronax

Già autore di vari mondo movie nei primi anni '60, Russo torna dietro la macchina da presa all'inizio del decennio successivo girando in quel di Istanbul questo bizzarro mix di dramma psicologico e thriller soprannaturale interpretato da uno stralunato Farley Granger e condito da squarci erotici affidati a una provocantissima Erika Blanc e alle altrettanto piacevoli Krista Nell e Ivana Novak. Confuso e cervellotico, si salva agli occhi dei posteri per l'inconfondibile e irripetibile atmosfera settantiana che lo pervade, suggellata dalla musiche dal sapore morriconiano di Romitelli.
MEMORABILE: La Blanc in lingerie.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 1/08/10 18:27
    Scrivano - 7599 interventi
    Malizie - La serie completa
    Titoli della serie Malizie distribuiti da noi in VHS grazie alla Shendene & Moizzi, componenti il ciclo "Il cinema erotico italiano degli Anni Settanta" (ogni titolo contiene il link alla scheda davinottica del film):

    1 - Venere in pelliccia - Le malizie di Venere
    2 - Femina Ridens
    3 - Bella di giorno, moglie di notte
    4 - Il nano e la strega
    5 - Le mani di una donna sola
    6 - La rossa dalla pelle che scotta
    7 - La svergognata
    8 - Due maschi per Alexa
    9 - Incontro d'amore (Bali)
    10 - Mia moglie, un corpo per l'amore
    11 - Giochi carnali
    12 - L'ingenua
    13 - Primo tango a Roma
    14 - La nipote del prete
    15 - Nipoti mie diletti
    16 - Al tropico del Cancro
    17 - Ammazzare il tempo
    18 - Classe mista - Fuori serie, allegato a Nocturno Cinema
    19 - Quell'età maliziosa - Fuori serie, allegato a Nocturno Cinema
  • Curiosità Ciavazzaro • 19/11/10 20:43
    Scrivano - 5617 interventi
    Scheda di doppiaggio:

    Sergio Graziani: Farley Granger
    Rita Savagnone: Erika Blanc
    Michele Gammino: Venantino Venantini
    Vittoria Febbi: Ivana Novak

    L'acquirente è doppiato da Arturo Dominici
  • Homevideo Dusso • 2/05/13 11:47
    Archivista in seconda - 1678 interventi
    la shendene è integrale?
  • Homevideo Mco • 2/05/13 12:34
    Scrivano - 9918 interventi
    La Shendene non contiene scene hard, a differenza di una versione interpolata di matrice francese (La peau qui brule)con una decina di minuti in più.
    Ma tale versione dei cugini d'Oltralpe non è che un'operazione commerciale che poco c'entra col (raro) film di Russo.
    Se hai la versione italiana di cui sopra tientela stretta.
  • Discussione Buiomega71 • 2/05/13 12:56
    Pianificazione e progetti - 24014 interventi
    Pensa te la coincidenza! L'altro giorno ero su Missing video per gli acquisti imminenti settimanali, ed ero indeciso tra La Rossa Dalla Pelle Che Scotta (Shendene, 9 euri, che tanto "rara" poi non è), o Un grido D'Aiuto di Hal Sitowitz con Linda Purl (De Laurentiis Ricordi Video, 19 euri, questa sì piuttosto rara e ricercata), film tv che narra di una ragazza di famiglia agiata che cade nel baratro della depressione (sull'onda dei film dossier, stile Donne al bivio), con cover che assomiglia a quella dell'Images di Altman..

    Visto il mio amore viscerale per il cinema americano settantiano, ho preferito il secondo, e poi la Purl e stata una mia fissa sin da ragazzino, la Blanc lo sempre trovata un pò troppo mascolina.

    Spero di non pentirmene (riguardo al film), perchè a parer mio Linda Purl batte la Blanc 10 a 0 :D
    Ultima modifica: 2/05/13 13:11 da Buiomega71
  • Homevideo Deepred89 • 2/05/13 13:31
    Comunicazione esterna - 1470 interventi
    Confermo. La versione hard riduce la trama all'osso distruggendo completamente il film. La Shendene dovrebbe essere la versione integrale italiana.
  • Homevideo Digital • 4/02/22 01:41
    Portaborse - 3473 interventi
    Dvd Dynit/Variety disponibile dal 18/05/2022.
  • Homevideo Dusso • 4/06/22 18:31
    Archivista in seconda - 1678 interventi
    Qualcuno conosce la qualità video del dvd?
  • Homevideo Digital • 4/06/22 22:26
    Portaborse - 3473 interventi
    Dusso ebbe a dire:
    Qualcuno conosce la qualità video del dvd?

    Buona qualità, video pulito e senza imperfezioni; audio perfettamente intelligibile.