Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Gabriele Lavia e la moglie Monica Guerritore replicano, un anno dopo SCANDALOSA GILDA, con un altro film erotico patinatissimo, che si vorrebbe qui ispirato ai grandi noir d'oltreoceano. Ma Lavia che gioca a fare l'Humphrey Bogart (o l'Alain Delon dei polar francesi, se preferite) ottiene inevitabilmente un effetto buffo, soprattutto perché le frasi/sentenza di cui SENSI è impregnato e che spezzano i lunghi silenzi pretendendo di apparire profonde e intelligenti, sono troppo spesso banalità incredibili, da citazione trash (come quella della Guerritore che, sentito Lavia richiedere una doccia prima di fare l'amore,...Leggi tutto annuncia solennemente di preferire il "gioco sporco" perché a lei l'uomo piace sentirlo, odorarlo, gustarlo...). La storia è minimale, giusto quel poco che consente di dare una vaga forma al film, e vede un Lavia killer (scioccante il primo omicidio in auto, con revolverata in piena testa) perseguitato dai suoi stessi ex-committenti e rifugiato in un bordello, dove conoscerà l'affascinante Vittoria (la Guerritare, truccata e vestita in ogni modo per apparire la prosituta di classe più sexy mai vista). Il rapporto tra i due è ovviamente trascinante, passionale, ma anche più freddo di quanto non si possa pensare: ripreso al ralenti, in penombra, in controluce utilizzando le tecniche classiche dell'erotismo d'autore, mentre le musiche di Fabio Frizzi fanno di tutto per riempire - senza mai essere invadenti - i paurosi cali registici. A dire il vero comunque una certa ricerca nello stile dell'inquadratura esiste e alcuni dialoghi, pur non trascendentali, si fanno persino apprezzare rimarcando la curiosità di un'opera insolita per il nostro cinema, con un Lavia attore pur sempre professionale.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 8/11/07 18:33 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Attrazione fatale tra un killer in fuga e una "bella di giorno": tema tutt'altro che nuovo, che Lavia - ispirandosi al noir americano - mette in scena con scarsa originalità e viene penalizzato da dialoghi (soprattutto quelli a contenuto sessuale) a tratti veramente imbarazzanti. Si salva l'impatto visivo di alcuni omicidi, freddi ed efferati.

Il Gobbo 9/11/07 13:07 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Scompiscevole tentativo di noir autoriale da parte di un Lavia frastornato da quella cosa lì, che non pago di avere somministrata in privato dalla Guerritore, decide di elevare a motore di un film da far studiare, come esempio e di degrado estetico (la fotografia da video dei Depeche Mode) e di comicità involontaria. Ci sono anche momenti pulp ante litteram, ma la pretenziosa banalità e l'esistenzialismo sfacciatamente esibiti "nun se battono". Da non mancare per nessun motivo.

Lovejoy 3/03/09 16:29 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Thriller erotico che definire poco riuscito è sempre poco. Scritto e diretto con una tale approssimazione da fare invidia al peggior regista del mondo (Ed Wood), condito da dialoghi imbarazzanti e una recitazione indegna di definirsi tale. Pessimo.

Tomastich 30/05/09 10:53 - 1255 commenti

I gusti di Tomastich

Se il successivo Scandalosa Gilda è da relegare come uno dei peggiori prodotti della lussuria umana, questo film è quantomeno intrigante. Una buona fotografia, una trama semi-noir e semi-erotica sono gli ingredienti di questo onesto film di Lavia. Ho sempre pensato che Sergio Martino, per il suo Spiando Marina abbia attinto a piene mani dall'intreccio di questo film. Post scriptum: la sigla di testa è una canzone "synth-rock '80" cantata da Tommie Babe su parole di Lavia e musica di Frizzi.

Daidae 13/11/09 22:00 - 3183 commenti

I gusti di Daidae

Bistrattato, ma non brutto come lo si dipinge, purtroppo il Lavia regista (accompagnato dalla non eccezionale Monica Guerritore, allora sua moglie) non è all'altezza del Lavia attore. Ciò nonostante, se preso per quello che è (ossia uno scialbo thriller erotico), il film è persino digeribile. In giro c'è di peggio.

Cotola 19/04/11 09:40 - 9052 commenti

I gusti di Cotola

Chi cerca di capire cosa sia l'erotismo, non lo chieda a Lavia e compagna. Non bastasse Scandalosa Gilda i due ci riprovano, con risultati altrettanto negativi. Stavolta però il modello è, in parte, il cinema noir americano con inserti passionali, che di sensuale hanno davvero poco. Il ridicolo e la noia affiorano però molto spesso. Il classico esempio di trash involontario.

Undying 1/05/12 22:37 - 3807 commenti

I gusti di Undying

Lavia tratteggia due figure pessimiste, tetre, pur sensuali ma al tempo stesso ciniche e malinconiche. La sessualità nel film (non solo in questo per Lavia) è qualcosa di problematico, spesso un mezzo per irretire una vittima, per raggiungere uno scopo. Si assiste qua ad un (anti)erotismo di tipo gelido, glaciale, premonitore del destino che ha riservato, ai due protagonisti, un inatteso (non)futuro. L'aspetto giallo prevarica, in taluni contesti, quello erotico. Ma il film difetta per una sceneggiatura che, a causa di dialoghi concisi e banali, non valorizza affatto il buon intento di regia.

Herrkinski 4/04/15 07:06 - 8119 commenti

I gusti di Herrkinski

Non l'ho trovato così disdicevole come comunemente è considerato, sebbene alcuni dialoghi ridondanti lascino il tempo che trovano; l'erotismo è all'acqua di rose e certamente non può essere considerato il fulcro del film, che più che altro si muove sui binari del noir classico tra gangster, killer professionisti e una storia d'amore morbosa e tormentata. Passando quindi sopra ad alcune ingenuità di sceneggiatura e a una certa artificiosità, ci si può anche appassionare alla storia, che offre un bel finale e alcuni brevi squarci di violenza.
MEMORABILE: Il finale.

Faggi 15/05/18 18:07 - 1549 commenti

I gusti di Faggi

Cosa salvare? Poco e niente. Anche la fotografia contrastata, che sulle prime non dispiacerebbe, si riduce a mero cliché (e l'opera è tutto un imperversare di cliché pessimamente trattati: il killer tetro, la donna biforcuta, l'esistenzialismo noir, l'erotismo pericoloso e morboso - materiale nobile che qui viene svilito e coperto di ridicolo). Il colpo di grazia lo sferrano i dialoghi, ora banali ora involontariamente comici. Lavia dirige senza ombra di stile, imitando non si capisce quale modello d'oltreoceano; Guerritore fuori fase.

Markus 14/11/18 14:18 - 3690 commenti

I gusti di Markus

Un sicario professionista a Londra deve far rientro per ragioni di sicurezza a Roma, dove si rifugerà in una casa d'appuntamenti. Lì conoscerà una prostituta d'alto bordo. Dopo Scandalosa Gilda continua il connubio Guerritore/Lavia (allora coniugi) inseguendo un po' il filone - allora "di moda" - del sesso patinato. Belle immagini, luci soffuse e arredamento essenziale/ricercato Anni '80. Bella cornice, ma vuoto il contenuto: un campionario di ridanciani dialoghi (fintamente colti) e frasi d'amore da Baci Perugina. Puro trash involontario.

Mimsy Farmer HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina More - Di più, ancora di più...Spazio vuotoLocandina 4 mosche di velluto grigioSpazio vuotoLocandina Il profumo della signora in neroSpazio vuotoLocandina Macchie solari

Peter neal 2/01/21 22:52 - 38 commenti

I gusti di Peter neal

Sicario si rifugia in una casa di appuntamenti: è braccato, ma trova il tempo di intrecciare una relazione con una prostituta. Reduce dal ridicolo Scandalosa Gilda, Lavia scrive, dirige e interpreta un noir esilarante in cui coinvolge l'allora consorte Monica Guerritore e, incredibilmente, pure il gotha del cinema di genere italiano (Sacchetti, Clerici, Mannino, Vulpiani, Innocenzi, Fabio Frizzi, Paolo Ricci). Il livello artistico garantisce all'incirca un pallino, ma i contenuti trash ne meriterebbero almeno cinque; e proprio per questo motivo il film è da vedere!
MEMORABILE: "Sei stato con tutte le ragazze di qua dentro?", "Sì", "Ti è piaciuto?", "Quanto basta.", "E a loro?", "Le ho pagate... io pago sempre"; Il finale.

Reeves 21/01/23 05:58 - 2224 commenti

I gusti di Reeves

L'idea era quella di realizzare un noir autoriale, che coniugasse sesso patinato e qualche sorpresa (tipo il finale) con uno sguardo distaccato e intellettuale. Solo che l'operazione non funziona mai, soprattutto a causa di dialoghi talmente stereotipati da risultare ridicoli. Anche Gabriele Lavia è completamente fuori parte, la Guerritore è molto bella ma non basta a salvare il film.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Musiche Tomastich • 7/07/11 19:17
    Call center Davinotti - 117 interventi
    canta una certa Tommie Babe, le musiche sono di Fabio Frizzi (e forse dello stesso Lavia): tech/aor alla massima potenza !!
    WE'll die together:

    http://www.youtube.com/watch?v=ujIIDFTOi4I
    Ultima modifica: 8/07/11 18:45 da Tomastich
  • Curiosità Undying • 1/05/12 22:50
    Risorse umane - 7574 interventi
    Due anime insensibili

    Da dichiarazioni dello stesso Lavia sul film, in merito alle fonti di ispirazione, si apprende che Poe, Hitchcock e Woolrich sarebbero i punti di riferimento ai quali Sensi ruota attorno.
    Pur trattandosi di una pellicola noir, con forti venature gialle ed un sottofondo di palpabile pessimismo, dei primi due autori nel film non parrebbe esservene traccia.
    E' vero, però, che l'atmosfera noir dei romanzi americani di Woolrich pare - in più contesti - emergere tra i fotogrammi del film, in particolare nell'universo di perdizione e violenza che avvolge - con manto di predeterminazione - i due personaggi: due anime perdute che rincorrono, forse senza saperlo, pulsioni di amore e morte; due menti sconvolte che agiscono spesso senza intuire quale sia la vera origine degli antitetici -eppur qui combacianti- sentimenti.
  • Curiosità Buiomega71 • 3/01/15 10:19
    Consigliere - 26006 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (venerdì 31 marzo 1989) di Sensi:

  • Homevideo Ruber • 3/06/23 15:42
    Formatore stagisti - 9254 interventi
    Il dvd della CVC è andato fuori catalogo, ma lo si trova ancora sull' usato a prezzi intorno ai venti euro.