La luna

Media utenti
Titolo originale: La luna
Anno: 2011
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Cast: (animazione)
Note: Proiettato al cinema prima di "Ribelle - The Brave".
Numero commenti presenti: 12

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/09/12 DAL BENEMERITO DIDDA23
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Didda23 17/09/12 10:57 - 2310 commenti

I gusti di Didda23

Dopo aver lavorato agli story-board di Ratatouille e di Up viene data al giovane italiano Casarosa la possibilità di girare un corto tutto suo, e quest'ultimo firma un'opera davvero interessantima. Il tratto curato è una delizia per gli occhi, ma a colpire positivamente è il lirismo del narrato, che scalda il cuore. Seppur privo di dialoghi comprensibili, La luna riesce benissimo a comunicare un messaggio dolce e riflessivo.
MEMORABILE: Le scope che hanno una forma identica ai baffi del padre e alla barba del nonno.

Nancy 17/09/12 20:48 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Grande corto d'animazione targato Pixar ma made in Italy. Un sogno vero e proprio, con tutto l'universo bambinesco dentro, o almeno, quello che la sottoscritta avrebbe voluto sognare e vedere in un film da piccola. Stelle e mare, giochi di luce e di riflessi eccezionali. I protagonisti parlano una lingua sconosciuta, quasi come quella di Pingu, ma sono universalmente comprensibili così come universalmente il corto può emozionare grandi e piccini. Geniale il finale. Veramente ben fatto, Visto in apertura del film Ribelle, merita più di esso.
MEMORABILE: Il finale; L'ambientazione tra lo stellare e il marino.

Rebis 2/10/12 16:39 - 2110 commenti

I gusti di Rebis

Di padre in figlio, attendono alle fasi lunari e custodiscono i desideri degli uomini... In apertura ai boscosi declivi di Ribelle - The brave, un gioiellino animato che batte bandiera italiana e si sente: dalla caratterizzazione soffusa e poetica dei tre personaggi, al clima surreale che rinuncia a chiusure morali per condurre sulle strade del sogno. Enrico Casarosa ci mette qualcosa di Italo Calvino e felliniani languori marini: gli omini borbottano un grammelot indecifrabile ma potrebbero benissimo essere salpati dalla riviera romagnola...

Belfagor 29/10/12 10:49 - 2634 commenti

I gusti di Belfagor

Di padre in figlio, una famiglia di marinai si occupa della continuità delle fasi lunari. L'origine italiana di questo corto animato prodotto dalla Pixar è quanto mai evidente: il mare come luogo onirico di tradizione felliniana, il pacato surrealismo, i tre protagonisti che si parlano in un borbottio che ricorda il grammelot. Notevole anche l'aspetto grafico che contribuisce a creare un'atmosfera sognante.

Deepred89 23/11/12 23:47 - 3368 commenti

I gusti di Deepred89

Bello e affascinante, si snoda con delicatezza e un filo di malinconia in un universo che ricorda alcune soluzioni dell'ultimo Fellini, strizzando poi l'occhio a Burton nella riuscita rivelazione finale fanta-epistemologica. Per il resto bei fondali, musiche suggestive e l'azzeccata idea di far comunicare i personaggi tramite versi incomprensibili (meglio lasciar parlare i gesti, specie quando la durata è limitata come in questo caso). Animazione di qualità, ricca di tocchi poetici e allegorici: assolutamente da non sottovalutare.

Galbo 18/12/12 19:44 - 11574 commenti

I gusti di Galbo

E' di ispirazione felliniana questo bel cortometraggio Pixar, diretto da un artista italiano. Una famiglia si "occupa" dell'alternanza delle fasi lunari e la storia si svolge in un contesto scenograficamente più che suggestivo come nella migliore tradizione della casa di produzione americana. Al di là dell'aspetto tecnico, non si può non rilevare la vena poetica della storia, sottolineata dal sapiente uso dei colori e dalla colonna sonora.

Pigro 14/07/13 09:39 - 8318 commenti

I gusti di Pigro

Né pescatori di pesci né pescatori di anime, semmai di stelle cadute sulla luna: l’aggraziato romanticismo poetico di questa fragile storiella si combina con la forza evocativa da arcaico mito fondativo delle fasi lunari, ma soprattutto con il ritmo meravigliato e immaginifico di una favola per bambini, che possono vivere lo stupore e la scoperta attraverso gli occhi del ragazzino che papà e nonno portano con sé nella fatate incombenza notturna in mezzo al mare. Un corto d’animazione di perfetta suggestione, che fa tenerezza e mette allegria.

Furetto60 23/08/13 12:12 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Una favola sospesa nel cielo, un piccolo affresco generazionale di una famigliola, di cui si vede solo il ramo maschile, addetti a un compito inizialmente incomprensibile, svelato nel poetico finale. L’animazione è di prim’ordine, ma quello che colpisce ancor più è l’atmosfera, fornita da colori e inquadrature azzeccate tra cui, alla fine, la nave sull’acqua che ricorda l’Ave Maria di Segantini.

Daniela 27/12/13 11:02 - 10118 commenti

I gusti di Daniela

Una piccola famiglia di pescatori - bambino, babbo e nonno - si occupa nottetempo di "spazzare" il suolo della luna, reso lucente dalle stelline cadenti, in modo da farle assumere l'aspetto voluto... Dolcissimo corto animato, in cui la morbidezza grafica del tocco, la brillantezza dei colori, la colonna sonora evocativa frammista ai borbotti incomprensibili ma affettuosi del dialogo familiare, contribuiscono ad un risultati di grande poesia e bellezza, una fiaba sognante e lieve come una stella filante.

Gugly 21/03/16 08:07 - 1025 commenti

I gusti di Gugly

Nonno, papà e bambino con una scala in mezzo al mare... cosa fanno, aspettano il Rex? No, la luna! E per fare cosa? Bellissimo corto che sino all'ultimo non permette di indovinare la conclusione ma riprende atmosfere felliniane mescolate a suggestioni di altre latitudini (forse nipponiche, forse americane o meglio indiane); per sognare qualche minuto, magari dopo si va alla finestra e si controlla.
MEMORABILE: Le stelle d'oro.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Paulaster 1/03/17 10:05 - 3062 commenti

I gusti di Paulaster

L’occhio viene rivolto ai più piccoli nell’oggetto del tramandare gli insegnamenti della tradizione familiare. Poetica la scelta dello sbarco sulla superficie lunare e conseguente scoperta del tappeto di stelle. Giocato sul fattore stupore, giunge alla conclusione con un’idea vincente da lasciar trasognati. Ottima idea anche le poche battute incomprensibili per dare un messaggio di universalità e di rispetto del cosmo.

B. Legnani 27/02/21 01:16 - 4893 commenti

I gusti di B. Legnani

Si parte pensando a "I Malavoglia", di Giovanni Verga... Poi si sorride nel vedere che il bimbetto, il protagonista, viene decorato dalla coppola, che padre e nonno gli sistemerebbero sul capo in maniera diversa. In seguito la vicenda si fa via via più enigmatica, per rivelarsi poco a poco, fino alla sorprendente spiegazione della funzione della famiglia: di generazione in generazione, per far rispettare le fasi lunari. Bei colori, divertenti i grugniti dei dialoghi. Poetico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Nancy • 17/09/12 20:48
    Fotocopista - 147 interventi
    Giustamente candidato all'Oscar! (non vinto)