Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/01/08 DAL BENEMERITO HOMESICK POI DAVINOTTATO IL GIORNO 13/11/08
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 5/01/08 18:09 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Anche Lado segue la scia del campione Malizia: una commedia erotica allegramente peccaminosa ambientata in una Sicilia solare e oziosa, ancorata a tradizioni, divieti, calcoli e ipocrisie cattolico-borghesi e al contempo vulnerabile alle tentazioni libertine dell’Italia post-bellica. Il regista mantiene un clima di serenità e simpatia, non trascura il carattere psicologico della vicenda tra i due cugini e raffigura i numerosi rapporti sessuali sempre in modo giocoso, senza ricadere nel cattivo gusto; validi tutti gli interpreti.
MEMORABILE: I giochetti erotici, sempre più audaci, tra i suoi cugini. Il coito finale sulla terrazza.

Renato 5/07/08 16:55 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Splendido a livello figurativo, ma come film non è niente di speciale. Ranieri e la Haddon, anche se sono cugini, si inseguono e si sfiorano per 90 minuti... Nel mezzo vediamo un giovanissimo Christian De Sica, una Stefania Casini un po' involgarita (volutamente, immagino) e poco altro. "Non c'è cosa più divina..." recita il noto proverbio, e questo spiega il film.

Undying 1/08/08 20:07 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Interessantissimo erotico, ispirato all'omonimo romanzo di Ercole Patti e diretto dal raffinato e colto Aldo Lado, voce atipica nella cinematografia di stampo italiano, e non solo per la realizzazione di alcuni importantissimi thriller (La Corta Notte e L'Ultimo Treno della Notte). Se mai ce ne fosse bisogno, questo è un altro film che pone, al centro della storia, i rapporti (deviati) di parentela sfocianti nell'incesto. Bravissimi i due cugini (Enzo/Massimo Ranieri ed Agata/Dayle Haddon) costretti per contingenza (e necessità) a flirtare prima (da adolescenti) ed ad amarsi poi (da adulti).

G.Godardi 7/08/08 17:51 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Lado dirige su commissione e con poca convinzione questo filmetto erotico. A livello tecnico e fugurativo è ben fatto, come d'abitudine per il regista. Purtroppo a livello narrativo lascia a desiderare e dopo un avvio tutto sommato discreto si perde in un mare di noia, fino al bel finale col ralenty. Evidentemente Lado non volle sporcarsi troppo le mani con un genere basso e ci lascia così spesso a bocca asciutta per quanto riguarda l'eros più sanguigno. Buono invece il cast, su cui spicca un giovane De Sica. La Haddon è davvero bellissima. Scult la Coluzzi.

Stefania 22/02/10 00:01 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Un coitus continuamente interruptus, anzi un coito sospeso, anzi un coito diluito per novanta minuti di film. E il film stesso, nel suo insieme, è qualcosa che rimane sospeso tra velleità di satira di costume e commedia erotica. Affronta superficialmente, infatti, la tematica dei rapporti di classe (o meglio, di casta), ben delineata, invece, la connotazione sempre vagamente incestuosa che, in quella Sicilia, è propria di ogni rapporto familiare. Una Sicilia, agreste o cittadina, sempre smagliante. Grande Laura Betti, spento Massimo Ranieri.
MEMORABILE: I dialoghi tra le damazze di paese; Il sacerdote che organizza la "fuitina" e ne contratta il prezzo.

Ronax 21/01/11 02:28 - 1116 commenti

I gusti di Ronax

In un genere - la commedia erotica provincial-familiare anni '70 - da cui è lecito attendersi sempre il peggio, fa piacere imbattersi in un prodotto di classe come questo film di Aldo Lado. Gustoso nella pittura della provincia siciliana del dopoguerra ma non folcloristico, con la giusta dose di malizia ma non volgare, il racconto sfrutta astutamente la sua ascendenza letteraria accompagnato da una confezione di lusso, dalla fotografia di Pogany alla musica di Morricone. Una sublime Dayle Haddon ripaga volentieri qualche evitabile lentezza.
MEMORABILE: Ogni volta che la Haddon irrompe sullo schermo in lingerie.

Daidae 18/02/12 01:06 - 2985 commenti

I gusti di Daidae

Un film erotico o una commedia erotica, dipende dal punto di vista, girata comunque davvero bene. Azzecatissima la scelta del cast: l'ottimo Quaglio qui è un po' in ombra, la Casini è oscurata dalla ancora più sensuale Haddon che qui fa la parte del leone. Non male anche Ranieri e De Sica. Erotismo raffinato, buon cast e stupende e pompose ambientazioni. 3 pallini.

Il Gobbo 28/07/12 22:58 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Passabile sicilianata di Lado, sulla carta promettente: ascendente letterario di qualità, mezzi adeguati, fattura elegante, grandi paesaggi, Morricone col pilota automatico ma ancora in forma. Senonché il languore contagia la regia, le intenzioni rimangono un po' a mezzo, manca brio, e il cast maschile è assai deficitario. Ci sono a salvare il tutto la Casini, nostra vecchia passioncella, e una Haddon davvero degna di nota.

Giùan 16/11/13 07:50 - 3898 commenti

I gusti di Giùan

All’interno di quella che fu la vera e propria “vena” cinematografica della commedia erotica d’ambientazione sicula, il film di Lado si segnala per una programmatica solarità che cozza con la più consueta inclinazione vagamente mortuaria del genere (vedi il coevo Innocenza e turbamento). Così l’intero registro dell’operetta è giocato sui toni di un'ironia grottesca, spesso sfociante in trivialità anche gratuite, tuttavia coerenti al progetto. Ben orchestrato il cast di contorno (con una Coluzzi prodigiosa), ambiguamente indisponenti Ranieri e la Haddon.
MEMORABILE: L’orgia in casa della moglie del deputato; La tremebonda Francesca Romana Coluzzi.

Pinhead80 7/10/15 16:41 - 4370 commenti

I gusti di Pinhead80

Aldo Lado è un regista in grado di destreggiarsi egregiamente tra i generi. Nella fattispecie qui confeziona un film erotico in cui si racconta la storia di due amici (e di due famiglie) che nel corso degli anni si frequentano scambiandosi gelosie. L'erotismo c'è e si percepisce negli sguardi vogliosi della Haddon e in quelli voluttuosi della Coluzzi. Anche Ranieri e De Sica non sfigurano, essendo credibili. La storia è semplice e intriga nel suo sviluppo e mostra una figura maschile che non esiste più.

Stefania Casini HA RECITATO ANCHE IN...

Caesars 19/01/22 10:03 - 3477 commenti

I gusti di Caesars

Bisogna dare atto alla pellicola di essere realizzata con una cura formale notevole (bella la ricostruzione della Sicilia post Seconda Guerra Mondiale), ed è ravvivata dalla folgorante bellezza di Dayle Haddon (davvero splendida, e anche bravina). I pregi della pellicola però si fermano qui. Perché di sostanza ce n'è davvero poca. Lado si fa "ispirare" dal successo di Malizia e cerca di riproporne gli stilemi, ma la sceneggiatura non è altro che un continuo rimandare ciò che appare inevitabile fin dall'inizio, e Ranieri appare non troppo convincente nel ruolo. La noia fa capolino...

Herrkinski 5/10/22 01:26 - 7058 commenti

I gusti di Herrkinski

Più che discreto esemplare del filone "peccati in famiglia", con la relazione burrascosa tra due cugini negli anni; ma pur essendo i protagonisti, il film dipinge un assortimento di personaggi secondari che gli ruotano attorno, in un ritratto della Sicilia borghese post-'45 a tratti persino affascinante, viste anche le belle location. Rispetto a prodotti analoghi, il lato softcore è molto contenuto, pur non mancando un gineceo di tutto rispetto; sono più i dialoghi e le situazioni ad essere erotici, maliziosi ma mai volgari. Tutti freschi e giovanissimi i nomi famosi nel cast.

Ira72 14/10/22 12:27 - 1222 commenti

I gusti di Ira72

Apprezzabile ambientazione in una solare e ridente Sicilia degli anni '70, come curati sono anche le atmosfere e i costumi. Eppure. Fortunatamente la pellicola ha una durata contenuta perché difficilmente si potrebbe reggere di più. La sceneggiatura è ai minimi storici e fin dall'inizio è chiaro dove vada a parare. Il ritmo è dilatato e inframezzato da vari siparietti erotici, trascinati per arrivare all'epilogo scontato. Le interpretazioni, poi, non spiccano. Più incisivo il Lado di Chi l'ha vista morire? Nel complesso un film mediocre, ma con un suo perché.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Geppo • 28/10/08 14:59
    Call center Davinotti - 4237 interventi
    La fascetta della vecchia VHS "etichetta Multivision".

    NdZender: in aggiunta il valentissimo Geppo ci spedisce la fascetta della rarissima (e graficamente ributtante, ma il bello è anche questo) vhs Multivision!

    Ultima modifica: 23/01/14 18:32 da Geppo
  • Homevideo Undying • 26/04/09 15:26
    Controllo di gestione - 7593 interventi
    L'edizione in DVD targata RHV è integrale, ed è frutto di una rielaborazione, con pulizia e correzione dell'immagine, ottenuta dal negativo originale 2.P.

    Tale versione, ferma a 90 minuti e 30 secondi, tuttavia, è quella che ha subito un V.C. (n.64787 del 05-07-1974) che ha imposto i seguenti cut:

    1) sensibile riduzione della scena del congiungimento a retro di Enzo (Massimo Ranieri) con Lisa (Dayle Haddon) e della scena in cui i cugini, baciandosi, si lambiscono la bocca prolungatamente;




    2) riduzione della scena dell'accoppiamento di Enzo con la domestica per la parte in cui il sedere della ragazza viene ripreso nel suo agitarsi e contrarsi;



    3) riduzione della scena finale in cui i due cugini si congiungono vicino alla finestra.



    Il dvd citato ripropone il film totalmente restaurato (anche nella traccia audio) e nel corretto formato anamorfico 2.35:1.

    Il vano extra è breve, ma curato e composto da:

    - la cugina e le sue parentele (intervento critico di Sergio Grmek Germani; 12 minuti)
    - galleria fotografica (6 minuti)
    - trailer (2 minuti)
  • Discussione Undying • 25/02/10 01:04
    Controllo di gestione - 7593 interventi
    Per Stefania:
    mi fa piacere che tu abbia visto questo film.
    Anche se sono l'unico controtendenza, lo reputo raffinato e di classe.
    Trovo che proprio il "coitus continuamente interruptus" sia la vera forza de La cugina, che lo distingue da più semplici e "materiali" lavori del tempo.
    E' palpabile, nel film di Lado, un forte senso di tensione (erotica) incrociata con una vena di malinconia (cagionata dalla bellissima colonna sonora di Morricone): due ingredienti che lo elevano al di sopra della media.
    (imho)
    Ultima modifica: 25/02/10 01:09 da Undying
  • Discussione Stefania • 25/02/10 01:39
    Addetto riparazione hardware - 604 interventi
    Beh, ecco, sì... mi pare di avere letto che quella di rimandare il compimento dell'atto, per così dire, fu una scelta precisa di Lado, quando scrisse la sceneggiatura discostandosi non poco dal romanzo di Patti a cui ufficialmente il film è ispirato. D'altra parte, non credo neppure che Lado avesse poi ambizioni molto alte, con questo film, come ho scritto, è interessante vedere la promiscuità potenzialmente incestuosa di tutti i rapporti familiari in una società chiusa e tradizionalista: vedi la scena della vasca da bagno con la Betti e De Sica... E' una bella scena, c'è tanta ironia!
  • Musiche Undying • 21/03/10 18:10
    Controllo di gestione - 7593 interventi
    La malinconica (ma bella) colonna sonora di Ennio Morricone, in nètto contrasto con la tematica del film e forse per questo ancora più efficace...
  • Homevideo Rogerone • 3/12/13 16:16
    Galoppino - 178 interventi
    ma se è passata a V.C. come fai a sapere (e ad avere) le scene censurate?

    La versione che hanno visto tutti è quella cinematografica. La VHS e il DVD sono integrali rispetto alla versione cinematografica?

    esiste qualche vecchia versione VHS comprendente anche le scene pre-censura?
  • Homevideo Buiomega71 • 4/12/13 01:02
    Pianificazione e progetti - 24403 interventi
    Per sentito dire (ma non ho la certezza) la vhs edita dalla Multivision dovrebbe essere integrale (e il buon Geppo lo conferma), mentre quella della Number One dovrebbe essere cut (con master televisivo)

    Però, sulla vhs Number One non ho certezze...Quindi da prendersi con le molle.
    Ultima modifica: 4/12/13 01:03 da Buiomega71
  • Homevideo Rogerone • 4/12/13 12:31
    Galoppino - 178 interventi
    Undiyng però ci presenta il dvd come "integrale" rispetto alla versione cinematografica. Per cui, dovrebbe avere lo stesso master della Multivision.

    Anche per La Pretora ci fu un V.C. in cui fu accettata una leggendaria fellatio della Fenech, ma l'hanno vista solo il regista e i montatori nell'ultimazione del film, poi più nessuno. Le scene tagliate presentate da Undiyng non dovrebbero esserci, perché sarebbe un caso analogo con il film di Fulci
  • Homevideo M.shannon • 22/04/14 04:38
    Disoccupato - 310 interventi
    Dvd RHV (fotogramma minuto 7:40)

    Ultima modifica: 22/04/14 08:06 da Zender