Il giardino di gesso

Media utenti
Titolo originale: The Chalk Garden
Anno: 1964
Genere: drammatico (colore)
Note: Nomination all'Oscar per Edith Evanson come migliore attrice non protagonista.
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/11/09 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 25/11/09 13:41 - 9625 commenti

I gusti di Daniela

Una ragazzina sedicenne, ribelle e bugiarda, dopo la morte del padre e le nuove nozze della madre si è rifugiata dalla ricca nonna che, egoista e possessiva, la vorrebbe sottrarre alla figlia non approvandone il matrimonio. La nuova governante, dal passato misterioso, saprà far breccia nel suo cuore. Dramma psicologico di elegante fattura, che ha il suo punto di forza nel cast: se Hayles Mills bamboleggia, la gelida Kerr lascia trasparire il proprio tormento interiore e Evanson la solitudine di una vecchia donna che nasconde dietro un comportamento arrogante il proprio fallimento come madre.

Addison 25/07/12 18:00 - 90 commenti

I gusti di Addison

Il dramma di grande successo di Enid Bagnold, benchè tenti palesemente di imitare certe atmosfere di Cechov, è un testo tradizionale ma piacevole, con una buona introspezione psicologica dei personaggi. Il film è però costruito su misura per Hayley Mills, che allora era una (giovanissima) star nei Paesi anglosassoni, e questo spostamento d'equilibrio compromette la sottigliezza dell'originale e rende il tutto abbastanza dozzinale. Per fortuna ci sono la Kerr e soprattutto la Evans, grande in un ruolo di anziana dispotica ma ben intenzionata.

Saintgifts 9/05/16 10:59 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Classico dramma entro mura domestiche (giardino compreso) tratto dal lavoro della scrittrice Enid Bagnold. Tre le generazioni coinvolte (nonna, figlia e nipote) con l'inserimento di una governante e di un maggiordomo che considera la casa come la "sua" casa. Il giardino è la metafora dei cuori dei protagonisti, in particolare di quello della nonna (una notevole Edith Evanson) non indurito, ma bisognoso delle giuste cure per far sbocciare i giusti sentimenti. Un ottimo cast dà vita a personaggi tutti funzionali, come si conviene alla vicenda.
MEMORABILE: I colloqui tra John Mills e Debora Kerr.

Puppigallo 15/11/17 18:59 - 4523 commenti

I gusti di Puppigallo

Vecchia pellicola di un certo fascino, recitata con classe da attori in parte. Anche l'eccessiva, esagitata e esagerata nipote ha un suo perchè, visto ciò che ha dovuto e deve subire, seppur lasciata libera di fare praticamente ciò che vuole da una nonna rancorosa e dispotica, ma non nei suoi confronti. Certo, gli anni si fanno sentire; e la colonna sonora con violini, viole e violoncelli ne sottolinea l'età. Ma i botta e risposta tra la governante (dall'oscuro passato) e la ribelle sono piacevoli. E lo stesso vale per quelli col maggiodomo (la figura più equilibrata). Nel suo genere, riuscito
MEMORABILE: La ragazzina alla governante "Lei qui guadagna 12 franchi a settimana, quindi la sua vita è un fallimento"; Lo sfogo in spiaggia; A tavola col giudice

Siska80 1/08/20 20:20 - 826 commenti

I gusti di Siska80

Film sull'importanza di concedere una seconda possibilità, perché tutti la meritano: Miss Madrigal, che è stata in carcere per un crimine terribile; Laurel, che si comporta male per camuffare un grande dolore; la mamma della ragazzina, che si è allontanata da lei per timore dell'ex suocera; la signora Maugham, che ha messo contro madre e figlia. Buono il cast, trama interessante, finale che intelligentemente lascia aperto un punto di domanda fondamentale, rendendosi così originale.
MEMORABILE: Il tesissimo faccia a faccia tra la governante e l'anziano giudice.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.