I cavalieri dalle lunghe ombre

Media utenti
Titolo originale: The long riders
Anno: 1980
Genere: western (colore)
Numero commenti presenti: 14

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 10/04/07 15:12 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Walter Hill ripercorre la leggenda nera di Jesse James e della sua banda (sfida mica da poco, dati i predecessori: H. King, Ray, Fuller) con un cast di veri fratelli (Carradine, Keach e Quaid). Il tempo della smitizzazione si avvicina, Long riders è crepuscolare senza troppo sembrarlo e sulle note di Ry Cooder Hill ci regala allo stesso tempo l'ultimo western classico. Attori mai così bravi nelle altre loro prove. Da fucilare chi ha parlato di "calligrafismo".

Matalo! 4/10/08 18:51 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Hill chiama fratelli per interpretare fratelli immergendo le storie dei James nell'enfasi del suo stile, qui a tratti memore della lezione di Peckinpah. Un western dell'era postcrepuscolare tra i più memorabili la cui revisione del mito non inficia la eterna fascinazione ce esso emana tutt'oggi. Musiche perfettamente calzanti della slide dell'ex chitarrista del genio Beefheart Ry Cooder. Attori in parte come non mai.

Patrick78 17/01/09 11:04 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Vecchio West. I Tre Younger, i due James, i due Miller e i due Ford compongono la banda James. Hollywood anno 1980. I tre Carradine, i due Keach, i due Quaid e i due Guest salgono in sella. Straordinario connubio di attori e forse il miglior Hill di sempre. Un film non senza difetti, vive di momenti indimenticabili alternati ad una narrazione un po'troppo schematica. Basta citare la sparatoria con fuga finale annessa per renderci conto delle qualità tecniche di questo lavoro. Musiche di Ry Cooder, grandissimo David Carradine. Non ce ne s'innamora però...

Tarabas 27/04/09 23:14 - 1702 commenti

I gusti di Tarabas

La storia di Jesse James, rinnegato sudista che rapina treni e banche con il fratello e altri banditi. Ennesima versione di una storia tra le più famose dell'800 americano, questa di Hill non si ricorda particolarmente se non per la bizzarra scelta di casting. L'ambientazione è storicamente corretta, alcune scene molto belle, ma nel complesso non innova e non ha la forza dei classici. Manieristico.

Caesars 6/05/09 16:27 - 2690 commenti

I gusti di Caesars

Buona l'idea di usare dei fratelli "veri" nei ruoli dei fratelli del film, ma sicuramente il valore del film non si esaurisce qui. Pur non essendo un capolavoro questa interessante pellicola di Hill riesce ad interessare, raccontando la storia della banda di Jesse James. Un western robusto e classico che in qualche modo ricorda un po' certo Peckinpah e che si può avvalere della buona colonna sonora di Ry Cooder. Merita la visione.

Homesick 24/08/09 09:05 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Tardiva celebrazione del vecchio West attraverso la figura di Jesse James - fuorilegge dalla forte etica familiare - e della sua banda. Un meccanismo narrativo spesso cigolante e si scuote con esplosioni di violenza peckinpahiana: sparatorie spettacolari al ralenti in cui dissonanti effetti audio si sovrappongono a urla, nitriti e scalpitii. Formalmente molto curato, alquanto fumoso nella sostanza: il western classico era tutt'altra cosa.

Darkknight 29/07/10 00:22 - 352 commenti

I gusti di Darkknight

Gioiello ingiustamente dimenticato. Hill si tiene intelligentemente a metà strada tra il romaticismo di Ford e il pessimismo di Peckinpah: non si schiera né con le guardie né coi ladri e dipinge Jesse James come un cinico bandito ma anche come un padre e marito modello ucciso a tradimento. Un'ambiguità che disorienta ma che rende il film unico. Peccato solo che le sparatorie più spettacolari copino pesantemente Il Mucchio Selvaggio.
MEMORABILE: La ballata di Jesse James eseguita da Ry Cooder sui titoli di coda.

Enzus79 4/01/11 15:26 - 1797 commenti

I gusti di Enzus79

Bel western girato da un esperto dell'action movie come Walter Hill, che qui dà il meglio di sè proprio nelle scene "interminabili" delle sparatorie. I fratelli Keach, Quaid e soprattutto i Carradine sono perfetti per questo tipo di ruoli. Bella la ballata su Jesse James.

Saintgifts 18/08/11 17:52 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Film molto curato, con un'ottima fotografia e anche ben interpretato (non vado matto per i fratelli Corradine, ma qui mi sono piaciuti anche loro). Ma forse è proprio questa grande cura formale a non fare emergere (o a far dimenticare) un carattere per il film, che sembra invece molto intento a valorizzare la parte violenta e sanguinolenta. Notevoli invece le personalità femminili (prostituta compresa), molto più coraggiose dei loro "uomini", in secondo piano ma presenti, antesignane delle mogli, amate, rispettate dalle grandi famiglie mafiose.

Hackett 10/10/16 08:54 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Un western asciutto ed essenziale, questo del concreto Walter Hill; utilizza un cast di fratelli ripercorrendo le gesta e la fine del mitico Jesse James, tra rapine e tradimenti. I personaggi sono caratterizzati quanto basta ma la sceneggiatura non permette di scavare più di tanto a fondo, preferendo concentrarsi nelle scene di gruppo. Lunga e affascinante scena di sparatoria nel finale.

Alex1988 15/06/18 18:12 - 651 commenti

I gusti di Alex1988

Stavolta il mito di Jesse James passa per le mani di Walter Hill e la scelta di far interpretare i principali ruoli a fratelli veri si rivela alquanto azzeccata. Per tutto il film si respira un'aria crepuscolare e anche le sparatorie dotate di ralenti non possono non ricordare lo stile di Sam Peckinpah, di cui Hill è stato allievo. Insomma, per chi ama il western non troppo "classico", va visto.

Rambo90 15/10/19 23:10 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Echi di Peckinpah in un western godibile, un po' troppo frammentato nel tentativo di dare il giusto spazio a ogni componente della banda James, ma girato molto bene e con un paio di sparatorie cruente e spettacolari. Nel ricco cast, curiosamente composto da veri fratelli, si impone soprattutto David Carradine per carisma mentre Randy Quaid emerge sul fratello per simpatia. Messa in scena curata, qualche rallentamento nella parte centrale e un finale conosciuto e ben proposto. Buono.

Rocchiola 12/02/20 10:26 - 864 commenti

I gusti di Rocchiola

Dopo I guerrieri della notte un nuovo film di bande per Hill che rilegge le gesta di Jesse James tra mitologia e ricostruzione storica. Il regista applica il suo stile postmoderno al western allestendo una sinfonia di ralenti e schizzi di sangue degna del maestro Peckinpah. Uno degli ultimi grandi western della storia e sicuramente il miglior film dedicato a questo celebre bandito. Inizia qui la collaborazione con Ry Cooder autore delle impeccabili musiche d’epoca. Unica pecca la breve durata, che penalizza la caratterizzazione dei personaggi.
MEMORABILE: Il funerale del fratello minorenne ritardato; L’uccisione del giovane John Younger; L’assedio alla fattoria dei Buchanan; La rapina a Northfield.

Camibella 3/08/20 23:09 - 132 commenti

I gusti di Camibella

Storia della banda di Jesse James che imperversò nel Missouri e della strenua caccia fattagli dall'agenzia investigativa Pinkerton. Molto ben realizzato questo western di Hill che giustamente si pone tra le grandi pellicole di genere senza sfigurare affatto. Diretto e crudo quanto basta, ha nel manipolo di attori (con tre generazioni di fratelli) il proprio punto di forza, facce scavate dalla dura vita di frontiera e pistole sempre pronte all'uso. Hill sa come dirigere, conosce come e cosa inquadrare e sa stupire alla grande.
MEMORABILE: La lunga scena della sparatoria al villaggio nel Minnesota.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Patrick78 • 14/02/09 15:00
    Magazziniere - 546 interventi
    Nelle scene finali si può vedere il grande Eddie Bunker partecipare alla rapina come componente della banda James.
  • Discussione Tarabas • 30/04/09 09:58
    Formatore stagisti - 2051 interventi
    A rischio di fucilazione da parte del Gobbo, devo dire che il film mi ha parecchio deluso rispetto alle recensioni che avevo letto qui (e per la verità anche il Mereghetti lo tratta bene).
    Mi è sembrato un film molto convenzionale e il cast era inadeguato. Non credo sia un caso che, a parte Dennis Quaid (che praticamente non è mai in scena) nessuno degli altri attori abbia avuto una carriera cinematografica degna di questo nome, a parte Carradine Sr.
    Gli altri han vivacchiato come attori tv (in anni peraltro in cui la tv non offriva prodotti della qualità attuale).J. Keach come protagonista, poi, non ha proprio lo spessore.
  • Discussione Il Gobbo • 30/04/09 14:19
    Contratto a progetto - 771 interventi
    Tarabas ebbe a dire:
    A rischio di fucilazione da parte del Gobbo

    Non sia mai. Non su questo film, perlomeno :-)

    Sul cast (il resto è totalmente nella sfera del gusto), nel momento in cui Hill ha scelto i nuclei familiari deve aver messo in conto un livello diseguale, nemmeno i fratelli Marx erano tutti bravi allo stesso modo. Il fascino dell'idea, che in fondo consentiva di riprodurre sullo schermo delle (scusate) dinamiche reali, tutto sommato mi sembra resistere alla plausibile obiezione.
  • Discussione Matalo! • 30/04/09 16:06
    Call center Davinotti - 620 interventi
    De gustibus...
  • Discussione Matalo! • 30/04/09 16:14
    Call center Davinotti - 620 interventi
    in effetti son fratelli in ogni senso e questo è funzionale al film, almeno nella fisiognomica; all'epoca le loro carriere eran suscettibili di lancio e poi chi ce l'ha fatta e chi no...pensa se ci fossero stati i fratelli Baldwin...sarebbe stato peggio no?
  • Musiche Columbo • 1/10/11 15:49
    Magazziniere - 1102 interventi
    La saga neo-western di Hill non poteva trovare miglior partner musicale in Ry Cooder: perfetta la ricostruzione d'epoca allestita dal compositore con strumentazione quasi esclusivamente acustica (chitarre, mandolini, banjo, violini e dulcimer), brani autografi e brillanti riprese dal repertorio tradizionale (come, ad esempio, Jesse James).
  • Homevideo Gestarsh99 • 3/04/12 16:09
    Scrivano - 14449 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 09/05/2012 per MGM/20th Century Fox.
    Ultima modifica: 12/02/20 14:47 da Zender
  • Homevideo Rocchiola • 12/02/20 10:32
    Call center Davinotti - 1133 interventi
    Edizione in HD non del tutto soddisfacente in quanto il film non è stato restaurato. Il video presentato nel corretto formato panoramico 1.85 presenta infatti numerose spuntinature ed una definizione non particolarmente incisiva. Nel complesso la visione è piacevole ma non molto superiore a quella del DVD. Anzi personalmente mi pare un semplice upgrade dal DVD al BD.