Fino all'ultimo indizio

Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Thriller falsamente tradizionalista in realtà piuttosto anomalo in cui la ricerca degli indizi e la stessa scoperta del colpevole diventano secondari al rapporto che si instaura tra i due protagonisti. Se cioè la confezione, le dinamiche, lo schema che il film in apparenza segue ricalcando stilemi tipicamente novantiani (la sceneggiatura proviene da quegli anni lì, rimasta quindi in coda a lungo prima di essere portata su schermo) regalano la sensazione di qualcosa di ampiamente già visto, dalla seconda parte in poi si rilevano invece tracce di un cinema molto più moderno, decisamente indirizzato verso i finali aperti, i dubbi che restano sospesi tormentando, i colpi di scena che si sganciano dall'inchiavardamento...Leggi tutto a regole codificate che esigono risposte certe. Il prologo porta già in scena il serial killer a cui la legge darà a lungo la caccia: raggiunge una giovane donna con l'auto, l'affianca, la spaventa, ma quella riesce a sfuggirgli. Il poliziotto Joe Deacon (Washington), che si occupava al tempo del caso, è stato nel frattempo sospeso dal servizio ed è ora un semplice "vice" che raggiunge Los Angeles per recuperare alcune prove utili in processo. Lì viene in contatto col detective che l'ha sostituito, Jimmy Baxter (Malek), e dopo qualche piccolo screzio deciderà di aiutarlo a seguire le tracce di un serial killer che potrebbe ancora essere quello che Deacon cercava al tempo e non era mai stato trovato. L'interazione tra i due diventa presto centrale, anche perché sostenuta dalle prove di ottimi attori capaci di dare le corrette sfumature ai loro personaggi. Così, mentre la linea investigativa si sfalda in qualche ellissi di troppo che fa perdere un po' il filo lasciando intuire la scarsa importanza della stessa, lo sviluppo dei caratteri ci permette di conoscere meglio i protagonisti lasciando che lentamente si faccia strada la figura del sospettato principe (Leto), la figura che va a comporre il terzo lato del triangolo; è la più interessante delle tre, la più misteriosa, carica di quell'ironia beffarda che la fa progressivamente salire al centro dell'attenzione e che dà finalmente senso a un film fin lì piuttosto adagiato sui binari della banalità, annegato nella patina scintillante di una notevole fotografia, elevato da una efficace colonna sonora ma, nel suo insieme, fonte di una evitabile sensazione di déjà vu. Poi appunto qualcosa si smuove, si passa a un approccio più ambiguo e si viene a sapere il motivo che ha condotto Deacon sull'orlo dell'esaurimento con conseguente "declassamento" lavorativo (perché naturalmente prima lui era un asso, il migliore nel suo campo...). La sceneggiatura è sufficientemente ricercata da soddisfare gli appassionati, l'atmosfera è spesso quella giusta e quindi, benché non si possa certo gridare al miracolo, il film si lascia vedere, nonostante gli evidenti agganci a una concezione del thriller ormai un po' sorpassata.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/03/21 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 31/05/21
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 7/03/21 18:28 - 11681 commenti

I gusti di Galbo

Un ex detective di Los Angeles torna in città dopo cinque anni per partecipare alla caccia ad un serial killer. Diretto da Hancock, un cupo thriller ambientato nei sobborghi della città degli angeli, in cui il protagonista (un tormentato Washington, affiancato dall’ottimo Malek) vive il passato con l’amarezza legata al passato professionale. Debitore di qualche pellicola del passato, un film dal ritmo piuttosto serrato nel quale a volte le atmosfere e la caratterizzazione dei personaggi, il cui vissuto viene progressivamente svelato, contano più della vicenda stessa.

Rambo90 9/03/21 01:24 - 6825 commenti

I gusti di Rambo90

Un thriller particolarmente vecchio stampo, che richiama ai classici degli anni Novanta (e non a caso l'ambientazione è quella) tra scenari metropolitani cupi e detective ombrosi quasi quanto la loro nemesi. Washington e Malek non funzionano benissimo come coppia ma il primo offre la solita performance convincente e ruba la scena, così come un Leto dimesso e disturbato si appropria della seconda parte. Giusta anche se senza guizzi la regia di Hancock. Un film che si lascia seguire fino ad un finale molto interessante.

Daniela 16/03/21 09:42 - 10681 commenti

I gusti di Daniela

Un detective di provincia si trova impelagato nell'indagine su alcuni omicidi seriali probabilmente legati al caso che anni prima provocò il suo allontanamento dalla polizia losangelina... La sceneggiatura è stata scritta negli anni '90 ed il film conserva questa ambientazione old style puntando sulla coppia formata dal valido Washington, ossessionato dai fantasmi del passato, e da Malek, impacciato come giovane rampante ma intimamente fragile, mentre Jared gioca facile nel ruolo del gatto travestito da topo. Film poco originale ma il clima cupo è ben reso, la trama più o meno regge.
MEMORABILE: La panoramica dall'alto che svela le buche nel campo; Il fermaglio rosso.

Capannelle 30/03/21 20:16 - 3916 commenti

I gusti di Capannelle

Trama classica nella quale riecheggiano frammenti di celeberrimi thriller anni 90 come Seven e Il silenzio degli innocenti. Quello che la mantiene sopra gli standard del genere è la prova dei due protagonisti, amalgamati e rivelati con gradualità dalla mano di Hancock. La coppia formata dall'immarcescibile Washington e da un insolito Malek regge bene e polarizza l'attenzione, aiutata anche da una discreta cornice ambientale e sonora.

Giùan 2/08/21 09:22 - 3432 commenti

I gusti di Giùan

Come già abbondantemente ribadito, Hancock rimastica sul piano della trama vicende da altri raccontate in maniera ben più stratificata e con più autorevole intenzionalità. Resta tuttavia un discreto quadro d'ambiente, dall'atmosfera ninety ricreata con appropriato gusto scenografico mentre Denzel Washington apporta un quid di disfacimento fisico emotivo piuttosto credibile. Meno in parte, perdente nel suo ruolo (molto mal scritto per la verità) di progressiva (perlopiù inopinata) immersione nel lato oscuro Malek, messo sotto da un Leto che sibila turbamento. Densamente insussistente.

Kinodrop 15/04/21 20:29 - 1962 commenti

I gusti di Kinodrop

Ambientazione anni '90 per un thriller che si svolge nei sobborghi di Los Angeles con protagonista una coppia di poliziotti, analoga a quella di Seven, alle prese con un omicida seriale.Trama piuttosto usuale che fa leva su un passato rimosso (Deke) e sull'instabilità emotiva (Baxter) per caratterizzare il modus operandi relativo alle indagini, che sembrano più spedite nella prima parte, per poi concentrarsi sulla figura del (presunto) colpevole. Una regia distesa ed elegante che lascia spazio al giusto tempo della narrazione, con attori di spicco anche se non proprio amalgamati.
MEMORABILE: I due poliziotti e l'interrogatorio di Sparma; Il passato di Deke; Le fosse scavate.

Nicola81 20/04/21 15:20 - 2183 commenti

I gusti di Nicola81

Hancock porta sullo schermo una sceneggiatura da lui stesso scritta negli anni '90, e infatti non soltanto l'ambientazione ma anche l'atmosfera è quella del periodo. Più della storia, che non riserva eclatanti colpi di scena ma sfocia comunque in un epilogo bello e amaro, contano però i personaggi: Washington ammanta del consueto carisma il poliziotto tormentato da un passato oscuro che si rivelerà soltanto al termine, Malek se la cava nei panni del collega che dopo la spavalderia inziale rischia di ricalcarne le orme, Leto convince come sospettato allucinato. Ottima la confezione.
MEMORABILE: Il finale.

Xamini 14/05/21 23:14 - 1065 commenti

I gusti di Xamini

Non che si tratti di una vicenda particolarmente complessa e intricata (sebbene questa sia la sensazione iniziale) e non che la messa in scena sia da indie (dopotutto non è cosa da Hancock), eppure, ancora una volta, funziona. Anzitutto nel trio Washington/Malek/Leto (quest'ultimo un po' caricato), ma anche e soprattutto nelle sensazioni che trasmette; più che lavorare sull'intrigo, lavora infatti sull'aspetto emotivo, sorretto da un commento sonoro adattissimo e alleggerito in sede di montaggio: dopotutto non è l'analisi dei delitti la chiave di questo lavoro.

Ira72 21/05/21 23:17 - 1095 commenti

I gusti di Ira72

Davvero piacevole, nel 2021, assistere ad un film appena sfornato in pieno stile anni 90, quando i thriller di livello del periodo sapevano intrattenere. Le sceneggiature erano tutte più o meno simili. Eppure. Conservavano un certo fascino. Come questa pellicola che non apporta nulla di strabiliante, ma vanta attori di ottimo livello e un’atmosfera plumbea che ammanta. Interessante, soprattutto, è il rapporto che si crea pian piano tra i protagonisti. Debolezze, fragilità, follia e, su tutti, il dubbio. Epilogo, amaro, un po‘ telefonato ma perfetto per il genere. Promosso!

Ultimo 30/05/21 21:30 - 1480 commenti

I gusti di Ultimo

Denzel Washington è il bravo protagonista di questo thriller dalle atmosfere anni '90, costruito su una buona sceneggiatura e sorretto da un cast convincente. La vicenda è piuttosto cupa e tutto il film è pervaso dalla sensazione di disagio che provano i due protagonisti nella ricerca del serial killer. Tra gli altri, bene Rami Malek e non male Jared Leto, che fa il suo. Dal finale era lecito aspettarsi qualcosa di meglio. Discreto, nell'insieme.

John Lee Hancock HA DIRETTO ANCHE...

Piero68 22/07/21 11:45 - 2842 commenti

I gusti di Piero68

Trama deboluccia nel cui finale si vede il chiaro ammiccamento a Seven. Ma se Seven era un signor thriller, questo fa un po' acqua da tutte le parti dal momento che sono abbastanza inverosimili molti degli avvenimenti descritti nel film. Meno male che a salvare il tutto ci pensa prima Jared Leto (malamente imbruttito), che sfodera una caratterizzazione davvero gagliarda e poi la coppia Washington-Malek, non proprio affiatata ma che mostra un gran mestiere. Francamente si sperava in qualcosa di più, considerata anche l'ambientazione anni 90.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Galbo • 7/03/21 18:29
    Consigliere massimo - 3862 interventi
    Uscito nei cinema americani, in Italia è distribuito in questi giorni sulle piattaforme principali di streaming. 
  • Discussione Raremirko • 9/03/21 20:23
    Addetto riparazione hardware - 3728 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Uscito nei cinema americani, in Italia è distribuito in questi giorni sulle piattaforme principali di streaming. 

    Non è giusto, in America i cinema sono aperti!