LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/12/07 DAL BENEMERITO LOVEJOY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 16/12/07 17:06 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Ricostruzione incolore dell'assedio della missione texana di Alamo messo blandamente in immagini da Hancock, molto più bravo altrove come sceneggiatore ("Un Mondo Perfetto" su tutti). Sceneggiatura e dialoghi improponibili e cast, tolto il bravo Quaid, a dir poco mediocre. Di gran lunga superiore il classico con John Wayne del 1960.

Galbo 18/03/08 05:50 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Ricostruzione cinematografica di uno degli episodi più gloriosi della storia americana. Alamo è un film tecnicamente ben realizzato (le scene di battaglia sono piuttosto avvincenti e abbastanza realistiche) con buone interpretazioni di gran parte del cast (specie Quaid e Thorton). I limiti del film sono l'eccessiva retorica della sceneggiatura (dialoghi veramente pessimi) e la regia incolore di John Lee Hancock).

Pigro 24/08/08 09:18 - 7831 commenti

I gusti di Pigro

Ricostruzione della battaglia di Alamo, delle sue premesse e delle sue conseguenze. Un film molto ben fatto e oltretutto fortemente fedele alla storia, se si eccettua la modalità della morte di Crockett (peraltro il personaggio più complesso e riuscito del film), con inevitabili punte retoriche che tuttavia stanno nei documenti storici (infatti la retorica Usa nasce proprio lì). Lo sguardo del regista non esulta acriticamente, ma si sofferma sulle carneficine che costruiscono imperi: l’immagine finale ne è un bel segno. Ottimi Quaid e Thornton.

Mascherato 6/09/08 01:19 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Preferisco di gran lunga il Mito alla smitizzazione ipocrita. Meglio il Davy Crockett senza macchia interpretato da John Wayne nel suo La battaglia di Alamo che quello umanizzato da John Lee Hancock e tratteggiato da Billy Bob Thornton. Questo col suo dramma interiore (spara ad un messicano e poi gli chiede "come ti chiami figliolo?" per non parlare del racconto relativo alle origini della sua idiosincrasia verso le patate) mi fa letteralmente girare i... Jason Patric non imbrocca un copione neanche con un miracolo.

Piero68 11/01/12 09:47 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Colossale flop commerciale per questo film (costato 140 milioni di $ incassandone solo 20) che invece di rinverdire il mito di Alamo fa di tutto per distruggerlo. Colpa di una sceneggiatura inadeguata ma soprattutto di una regia che non riesce mai ad afferrare il toro per le corna. Ne vengono fuori caratterizzazioni quasi ridicole con l'inspiegabile scelta di affidare il ruolo di Crocket a Thornton, attore che non si è mai fatto ricordare per particolari interpretazioni. Anche il resto del cast è scelto male e frettolosamente.

Nando 22/02/12 20:34 - 3486 commenti

I gusti di Nando

Remake non totalmente brillante che si avvale di una valida ricostruzione ed accattivanti scenografie. Tuttavia il cast, Costner a parte, non sembra coeso e lo sviluppo narrativo appare troppo buonista. Clamoroso flop al botteghino nonostante l'americanismo eccessivo.

Saintgifts 14/04/14 18:43 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Ancora un film sull'indipendenza del Texas dal Messico, incentrato naturalmente sulla battaglia di Alamo e sul suo seguito. Sceneggiatura improntata su un manicheismo piuttosto sfacciato, dove dalla parte del cattivo si trova un generale, Santa Ana, al comando di un lussuoso esercito, che non convince nemmeno i suoi ufficiali, mentre dall'altra un manipolo di tutti eroi, coscienti di trovare sicura morte tra le mura della missione. Un Davy Crockett che suona il violino e un Sam Houston che fa il Duca di Wellington. Foto e scene di azione ottime.

Alex1988 17/06/20 18:46 - 659 commenti

I gusti di Alex1988

Magniloquente ricostruzione della celebra disfatta americana da parte dell'esercito messicano a Fort Alamo. Tecnicamente parlando siamo di fronte a un discreto prodotto; gli scontri non sono particolarmente tirati per le lunghe ma sanno essere cruenti ed essenziali al punto giusto. Per il resto c'è poco e niente di memorabile. Le affascinanti riprese durante il tramonto rendono il film addirittura poetico, a modo suo. Co-prodotto da Ron Howard che, inizialmente, avrebbe dovuto anche dirigerlo (si tirò poi indietro per problemi con la distribuzione). Discreto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Nando • 23/02/12 11:05
    Controllo di gestione - 1418 interventi
    Nella compilazione del mio commento ho indicato Costner al posto di Quaid. Chiedo scusa per il refuso. Saluti.