Dolce pelle di Angela

Media utenti
Anno: 1986
Genere: erotico (colore)
Note: Aka: "Memorie di una ragazza di piacere", "The Seduction of Angela", "La dolce pelle di Angela".
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/03/15 DAL BENEMERITO PANZA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Panza 3/03/15 18:43 - 1494 commenti

I gusti di Panza

Avventure in costume (più che altro senza...) per Michela Miti, in un inconsueto ruolo particolarmente erotico, con una profusione di audaci nudi, lontani da quelli goderecci dei vari Pierini. Qui siamo in un erotico girato meglio della media di quel periodo, con una storiellina di contorno e scene di sesso che esaltano il fisico della Miti. Inconsueto il ruolo della Ekberg, mentre fa ogni tanto capolino Carmen Di Pietro. Musiche un po' papettiane e un po' dai toni ortolaniani. Ogni tanto qualche dialogo è lezioso, ma il film è passabile.

Saintgifts 17/02/17 18:37 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Softcore che vede protagonista la Miti dopo le diverse apparizioni nei vari "Pierini". La "massiccia" presenza della Ekberg, la buona ricostruzione dei bordelli del 1800 e la descrizione dei suoi frequentatori dà una qualche qualità al film, che però cede proprio nelle scene audaci, che dovrebbero essere il piatto forte della pellicola. Bianchi non ha particolari guizzi di originalità e si limita alle solite inquadrature sottolineate da fastidiose musichette. Da salvare l'iniziazione della verginella che raggruppa un bel novero di bellezze.
MEMORABILE: La veloce assoluzione dell'alto prelato.

Daidae 11/01/18 14:26 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Va preso per quello che è: un discreto erotico soft che guadagna (tanti) punti potendo schierare la bellissima Michela Miti come attrice principale. Con un'altra non sarebbe stata la stessa cosa, data la debolezza della trama e alcune assurdità. La prova del cast è passabile, le ambientazioni molto scarne, ma il film si lascia guardare. Tra i tanti mediocri erotici degli anni 80 è uno dei pochi che si salva.
MEMORABILE: La crema del conte; Il primo cliente.

Buiomega71 19/04/20 11:31 - 2262 commenti

I gusti di Buiomega71

Quasi una versione filmata del fumettaccio dell'Edifumetto Casino nel quale, come sempre in Bianchi, l'erotismo è sopra la media, con tocchi morbosi (l'iniziazione lesbo di Angela, i vecchiacci libidinosi, la copula arlecchinesca, l'ombra del pene in erezione sul muro, Angela che spia gli amplessi nelle camere del bordello) e parecchi nudi integrali femminili. Risibile la cornice d'epoca, la finta ingenuità della Miti, così come la svolta "avventuroso/brigantesca", ma pervaso da una carnalità sessuale tipicamente bianchiana. Curiosa la chiusa finale felliniana alla Sceicco bianco.
MEMORABILE: Angela dopo essersi infilata il ditino lì: "Povera passerotta" (!); Gli assalti sessual/strupratori del cliente ciccione; La festa della marchesa.

Markus 13/09/20 16:32 - 3294 commenti

I gusti di Markus

Le peripezie perlopiù di matrice sessuale di una giovane vergine ingaggiata da una matrona sulla via della prostituzione d'alto bordo ottocentesca. L'ex maestrina sexy di Pierino Michela Miti, dopo una breve parentesi nel cinema di serie A, ritorna alla filmografia di basso profilo con questa operazione d'infimo livello e dialoghi involontariamente ridanciani atti solo a giustificare imbarazzanti scene di sesso simulato. Col mestiere Andrea Bianchi porta a casa il film ma non basta. Anita Ekberg invecchiata precocemente e sovrappeso.
MEMORABILE: Michela Miti che si sorprende delle vertiginose misure di un pene visto in penombra.

Herrkinski 13/09/20 17:35 - 5133 commenti

I gusti di Herrkinski

Tipico softcore alla Bianchi (probabilmente hardizzato con insert per l'estero, vista anche la presenza di Malone), ha gli unici pregi nel mettere insieme un cast di voluttuose bellezze d'epoca e nel mestiere del regista; il resto è una pochade in costume tra scene d'amplesso e dialoghi tra il piccante e il ridanciano non dissimile dai più volgari decamerotici o da certi lavori di Brass. Si spinge il limite del mostrabile quanto possibile ma il film tradisce spesso e volentieri tutti suoi limiti, complice una noiosa ripetitività. La Ekberg è quasi irriconoscibile, la Miti a suo agio.
MEMORABILE: Il vecchio e la pomata.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione E.m. • 24/08/13 15:33
    Galoppino - 65 interventi
    La Vhs della Video Europa ( codice 23 ) sembrerebbe integrale anche se c'è il dubbio che forse originariamente ci fosse qualche scena hard...chissà
  • Discussione Didda23 • 24/08/13 16:03
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Mi suggeriscono dalla regia che sono state fatte due versioni una hard e l'altra soft.
  • Discussione E.m. • 24/08/13 16:04
    Galoppino - 65 interventi
    Forse ho sbagliato sezione, avrei dovuto scrivere nella sezione "Cut/ Uncut" ?
  • Discussione E.m. • 24/08/13 16:04
    Galoppino - 65 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Mi suggeriscono dalla regia che sono state fatte due versioni una hard e l'altra soft.

    Sai se la versione hard è uscita in Home Video ?
  • Homevideo Buiomega71 • 1/04/17 10:32
    Pianificazione e progetti - 21905 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Videoeuropa:

    Durata effettiva: 1h, 23m e 19s

    Ultima modifica: 19/04/20 10:49 da Buiomega71