Che Dio ci perdoni

Media utenti
Titolo originale: Que Dios nos perdone
Anno: 2016
Genere: poliziesco (colore)
Note: Aka "May God save us".
Numero commenti presenti: 14
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/05/17 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 11/05/17 11:36 - 10904 commenti

I gusti di Daniela

Una coppia di poliziotti madrileni, ciascuno dei quali si porta addosso un pesante carico di problemi personali e lavorativi, indaga su una serie di efferati omicidi di cui sono vittime anziane donne sole. Poliziesco con più di un punto irrisolto nella trama e con una messa in scena discutibile nella sua sgradevolezza (i corpi delle povere vittime sono mostrati in tutta la loro decadenza, con un realismo insistito superfluo ai fini della narrazione). Apprezzabili invece le prove attoriali del rabbioso Alamo e del complessato de la Torre.

Nando 31/10/17 16:39 - 3590 commenti

I gusti di Nando

Poliziesco spagnolo ambientato durante la visita del Papa in cui si assiste alle efferate gesta di un serial-killer che uccide e stupra anziane donne sole. Bel ritmo e discrete ambientazioni in cui tra scene truculente, i corpi nudi delle anziane e una valida indagine psicologica dei protagonisti si segue un'interessante narrazione. Appropriati i due interpreti principali.

Hackett 1/11/17 14:09 - 1815 commenti

I gusti di Hackett

Ennesima buona prova del cinema spagnolo contemporaneo, che riesce a essere di genere senza complessi o titubanze. La vicenda riesce a tenere lo spettatore incollato proponendo la classica coppia di poliziotti molto diversi fra loro ma funzionali alla storia. Buone le prove attoriali e attenta la regia, che segue gli sbirri nella caotica Madrid. Le immagini che indugiano sui cadaveri (alla Seven) potrannno turbare qualcuno, ma aiutano a immergerci in una crudezza senza speranza. Finale riuscito e per nulla americano.

Kinodrop 26/01/18 17:53 - 2037 commenti

I gusti di Kinodrop

Un discreto poliziesco ambientato in una Madrid caotica per una visita papale; due poliotti, complessati alquanto, devono risolvere una serie di inconsueti omicidi ai danni di anziane signore. Notevoli il ritmo della narrazione e la descrizione della personalità sia dei poliziotti che del meccanismo omicida del serial killer. Purtroppo però non è esente da una certa rigidità, con alcune forzature e situazioni lasciate perdere, specie verso il finale (che ha un retrogusto da letteratura noir). Efficaci i protagonisti e qualche citazione qua e là.

Nicola81 4/06/18 18:56 - 2240 commenti

I gusti di Nicola81

Due poliziotti a dir poco problematici (sia pure per motivi assai differenti) sulle tracce di un serial killer che violenta e uccide anziane donne sole. Sullo sfondo, una Madrid in piena crisi economica e in attesa della visita del Papa. A dispetto delle due ore di durata, scorre molto bene questo poliziesco/thriller che sembra avere qualche debito con Seven e che non risparmia sequenze di disturbante ma realistica crudezza. Regia robusta, interpretazioni ottime (non solo della coppia protagonista), un paio di passaggi a vuoto in sceneggiatura.

Il Dandi 22/10/19 00:53 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Un serial killer stupra donne anziane in una Madrid assediata dai pellegrini per la visita del papa. Parte in sordina e ingrana lentamente, grazie a una narrazione talvolta ellittica (il rapporto con la donna delle pulizie) talora fin troppo esplicita (le scene del crimine), mentre il whodunit si interrompe a tre quarti presentandoci il killer in una delle poche ma riuscite scene d'azione. Anche la coppia di sbirri (il pelato manesco e il balbuziente ingessato) non sembra delle più originali ma sostenuta da interpretazioni pregevoli.
MEMORABILE: L'inseguimento a piedi tra la folla; La tentata sepoltura del cane; L'agguato all'ultima vittima.

Deepred89 3/05/20 14:56 - 3427 commenti

I gusti di Deepred89

Poliziesco con serial killer stupratore gerontofilo ("nonnino stallone", come viene definito nella battuta migliore del film) e la classica coppia di sbirri problematici. Girato con discreto mestiere e piuttosto intrigante nella parte investigativa, il film si dilunga tra parentesi familiari non sempre necessarie, che portano a un certo calo d'interesse. Seven chiaro punto di riferimento, anche nell'impietosa esposizione di cadaveri in pose tutt'altro che artistiche, pur con un ribaltamento del binomio "film piovoso - finale soleggiato".

Galbo 30/05/20 16:44 - 11725 commenti

I gusti di Galbo

Un assassino di donne anziane agisce in una Madrid torrida che attende la visita del papa. Film di genere spagnolo, che racconta una storia di efferata criminalità, approfondendo i caratteri (problematici) dei due poliziotti protagonisti e le dinamiche dell’indagine di polizia. Funzionano l’ambientazione in una città che mostra il suo lato meno turistico, e le interpretazioni del cast. Un buon film.

Anthonyvm 13/05/21 15:44 - 3232 commenti

I gusti di Anthonyvm

Thriller urbano in stile Seven, con la classica coppia di poliziotti problematici (uno nevrotico con balbuzie, l'altro iracondo e impulsivo) a caccia di un serial killer superdotato con una predilezione per le anziane. Sorogoyen dà più importanza ai dettagli formali che al plot (molto lineare e con rare sorprese), concedendosi varie parentesi ad alto disturbing-value (i cadaveri nudi delle vittime mostrati senza edulcorazioni) e dando il giusto e drammatico risalto ai guai privati dei protagonisti (le vicissitudini amorose di de la Torre e i contrasti familiari di Alamo). Meritevole.
MEMORABILE: De la Torre perde il controllo con la donna delle pulizie; Inseguimento tra la folla; Il cane di Alamo; Il killer in azione; Finale sotto la pioggia.

Gottardi 15/05/21 19:16 - 133 commenti

I gusti di Gottardi

In una Madrid caliente e invasa di turisti per la visita del Papa, due poliziotti mal assortiti tra loro e con problemi personali, devono trovare assassino e stupratore di donne anziane. Ben calibrato tra le vicende personali dei due e la trama poliziesca, con qualche crudezza visiva (i cadaveri) ma senza trascendere e comunque finalizzata a suscitare repulsione e sete di giustizia/vendetta, che costituisce il dualismo ultimo del film. Bravi gli interpreti e sagace la regia.
MEMORABILE: L’assassino scoperto in casa di una delle vittime che fugge a piedi inseguito.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Bubobubo 6/06/21 17:31 - 1545 commenti

I gusti di Bubobubo

La saga dei neo-noir iberici si arricchisce di uno dei suoi capitoli più fluviali ed enigmatici, tanto arido e chirurgico nella messa in scena quanto, di fatto, irrisolto e reticente nell'impianto narrativo. Gettata alle ortiche già nella prima metà la carta tradizionale del whodunit, Sorogoyen opta per una dissezione a cuore aperto della psicologia dei propri protagonisti, figure complesse e colpevoli non diversamente dall'effettivo indiziato: ma è più la giustapposizione di singoli quadri della Gestalt, tanto che il finale, ex abrupto, porta in dote con sé più domande che risposte.
MEMORABILE: Mai fidarsi di chi ti porta le arance in appartamento...

Capannelle 11/07/21 00:25 - 3949 commenti

I gusti di Capannelle

Valida l'idea di spostare il ruolo delle vittime su donne anziane e di farlo apparire in tutta la sua brutalità (anche eccessiva si potrebbe dire). Questo taglio e anche la modalità di raccontarlo, con personaggi problematici e un ritmo articolato, rendono tutto meno americanizzato e più interessante. Si può discutere qualche digressione e la possibilità di potare di qua e di là, ma la galleria di personaggi funziona e la regia di Sorogoyen li giostra con efficacia e ne caratterizza bene i lati oscuri.

Myvincent 3/10/21 09:40 - 2993 commenti

I gusti di Myvincent

Due poliziotti alle prese con i guai professionali e personali devono indagare su strani delitti nei quali vittime sono anziane donne brutalmente violentate. Il solito, canonico contrasto fra le loro due diverse personalità, unito al tema della vulnerabilità umana in tutti i sensi, produce un effetto positivo in questo poliziesco dai contenuti altamente drammatici. In una Madrid poco riconoscibile assistiamo allo sviluppo di una storia, di più storie, che prenderanno direzioni diverse. Ottimi i protagonisti, ma anche il resto del cast.

Giùan 17/10/21 10:28 - 3495 commenti

I gusti di Giùan

Sorogoyen mostra (anzi talora un po' esasperantemente "esibisce") una non comune personalità registica, disegnando, all'interno di una trama sostanzialmente già vista (il serial killer efferato, la coppia di sbirri altrettanto problematici), personaggi dalla morbosa ambiguità e una Madrid che fa da cornice appropriata e incisiva. Così se le esasperazioni sono non sempre funzionali al racconto e gli sbandamenti narrativi abbondano, proprio la visceralità dello squilibrato disagio rappresenta la coerente cifra stilistica di un'opera incallita che magari strafà ma non arretra mai.
MEMORABILE: De la Torre si avventa sulla donna delle pulizie; Alamo scopre la moglie in cucina con l'amante; Sul tavolo delle autopsie.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.