Bridget Jones's baby

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Bridget Jones's Baby
Anno: 2016
Genere: commedia (colore)
Note: Secondo sequel di "Il diario di Bridget Jones".
Numero commenti presenti: 1
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Forse pentiti di aver premuto troppo sul pedale dell'eccesso e del comico col numero due, per questo terzo capitolo gli autori richiamano in regia Sharon Maguire e tornano alla Bridget Jones prima maniera: sconsolata, rassegnata, tristanzuola... Nemmeno più cicciottella, cosa che a questo punto farebbe rientrare il film maggiormente nel genere "quarantenni genericamente frustrate". Eliminato di scena Hugh Grant (sul funerale del quale si apre di fatto il film, dopo un breve incipit), a contendersi l'amore della tenera Bridget restano il redivivo Marc Darcy (Firth) e un nuovo riccastro (Dempsey), incontrato casualmente a una fiera. Entrambi, a distanza di una sola settimana...Leggi tutto l'uno dall'altro, finiscono a letto con Bridget e lei, rimasta inopinatamente incinta, non ha idea di chi dei due possa essere il padre del maschietto che dovrà nascere. Una di quelle idee che al cinema vengono riciclate infinite volte e che originano facili equivoci nonché battute solitamente spiritose. Quello che colpisce è ritrovare una Zellweger così abbacchiata, cui manca quasi del tutto la vitalità tipica del personaggio, come se il ritrovarsi zitella a 43 anni avesse neutralizzato definitivamente ogni spinta al divertimento. La sceneggiatura trova qualche buon momento, è indubbio, la regia rende il tutto scorrevole, la Zellweger è comunque ancora detentrice di una serie di buffe espressioni, di balbettamenti spassosi e di una tenerezza straordinaria, ma sembra ci si sia adagiati troppo su colpevoli déjà vu, a cominciare da gag davvero straviste (come quando l'intervistatrice ripete le domande che sente suggerite in cuffia da Bridget senza accorgersi che quella è al telefono con altri) e da situazioni che solo la gran professionalità di Colin Firth permette di "accettare" senza troppi rimpianti. Per questo motivo peggio va a Patrick Dempsey, il "terzo incomodo", l'avventura di una notte, promosso inaspettatamente a padre potenziale senza gravi contraccolpi, il tutto a discapito della credibilità di un copione che in molti altri momenti mostra di trascurare ogni parvenza di plausibilità (come nella lunga scena con Bridget sul punto di partorire in strada, ricca di luoghi comuni risolti non così brillantemente). Insomma, rinnegato il secondo (ben più spassoso) capitolo si torna al classico recuperando i fan della prima ora, che sicuramente apprezzeranno nonostante ci si trovi davanti alla stanca riproposizione di una formula di cui si sono abbandonate senza troppi rimpianti le invenzioni più caratterizzanti (il diario e le forme rotonde della Zellweger, qui al contrario fisicamente in formissima). Non certo inguardabile ma scontato, debole, troppo ammiccante... In una parola superfluo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/12/16 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Domino86 27/02/19 09:33 - 562 commenti

I gusti di Domino86

Altro capitolo della saga della famosa Bridget; non mancano di certo gli spunti di divertimento marispetto agli altri film si è perso qualcosa. La formula comunque rimane la stessa dei capitoli precedenti e questo sicuramente aiuta: squadra vincente non si cambia. Forse leggermente inverosimili certi passaggi ma si può dire facciano parte di questo "format".

Renée Zellweger HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.