Babbo bastardo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Bad santa
Anno: 2003
Genere: commedia (colore)
Numero commenti presenti: 26
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un'idea folgorante: uno scassinatore alcolizzato (Billy Bob Thornton) che ha come socio un nano e insieme a lui gira i grandi mall americani guadagnandosi il pane travestito da Babbo Natale. Ne sarebbe potuta uscire una commedia tagliente e volendo anche molto divertente. Invece BAD SANTA, che pure ha qualche momento esilarante quando usa intelligentemente il contrasto tra l'aspetto rassicurante di Babbo Natale e il linguaggio sboccato di chi ne indossa i panni, è un film riuscito solo a metà. Perché troppo spesso appare di una scorrettezza poco sincera, costruita a tavolino per compiacere gli amanti del controcorrente. Thornton è bravo, probabilmente l’attore ideale per un ruolo così “maledetto”, ma il più delle volte sembra voler...Leggi tutto essere volgare a tutti i costi per rendere quanto più possibile spregevole il suo personaggio e farlo stridere con la tenerezza esagerata del bimbo pacioccone e un po' tardo col quale convive. Ed è qui che il film svela i suoi intenti dichiaratamente commerciali, nel voler arrivare a una conclusione scontata, consolatoria. Inoltre quello che la storia racconta non è poi molto: imparate a conoscere le reazioni di Thornton si finisce per stancarsi, di fronte a una vicenda che in definitiva pare non voler procedere. C'è il rapporto col socio nano, ma anche qui non si va molto oltre la superficie, col risultato di lasciare il film in sospeso in una dimensione imprecisata, dove potrebbe accadere di tutto e non accade niente. Nella parte di chi assume la coppia c'è John Ritter all'ultimo film.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 19/02/07 01:55 - 1989 commenti

I gusti di Fabbiu

Non mi è piaciuto per niente. Dal trailer mi aspettavo decisamente di più. Sicuramente Thornton è un bravo attore (molto espressivo nel'interpretare il ruolo dell'alcolizzato fallito) ed è molto simpatico anche il suo collega nano, ma il ritmo del film è decisamente lento e per tutta la durata raramente succede qualcosa di veramente comico o di interessante. Non succede praticamente nulla da poterne trarre qualcosa di buono. E' tutto troppo semplice mentre la storia avrebbe potuto dare molto di più...

Galbo 15/12/07 05:44 - 11546 commenti

I gusti di Galbo

Un perfetto contraltare al buonismo natalizio è decisamente questo Babbo Natale alcolista e sboccato, oltre che ladro interpretato con stile da Billy Bob Thornton in un film caustico ed irriverente prodotto (e il film reca il loro marchio) dai fratelli Coen. Se l'idea di base è buona, bisogna però ammettere che il film ha un andamento diseguale ed alterna parti brillanti ad altre decisamente meno riuscite. Oltretutto troppo spesso per far ridere si ricorre al tasto della volgarità gratuita.

Puppigallo 13/12/07 09:52 - 4564 commenti

I gusti di Puppigallo

Se il regista voleva che lo spettatore provasse disgusto per il protagonista, missione compiuta. Ma se voleva anche divertire, allora ci siamo meno. Il Babbo in questione è un’esagerazione dell’esagerazione e ben presto fa un po’ storcere il naso (va bene il titolo, ma così è stato solo creato un rifiuto umano senza alcuna qualità; un personaggio meno credibile di Babbo Natale stesso). Comunque, soprattutto all’inizio (col compare nano) e quando incrocia il bambino cicciotto e ingenuone, non è male. Vedibile, ma paurosamente altalenante.
MEMORABILE: Il protagonista, dopo aver svaligiato la casa del rubicondo bambino, che lo crede Babbo Natale, gli domanda: "Tuo padre ha anche una bella auto?".

Matalo! 22/12/08 18:40 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Mezza occasione perduta per la storia di un loser che vorrebbe trasformarsi in un racconto di Natale, sotto sotto buonista. Vero è che però certe uscite del grandissimo protagonista restano nel segno (la partita a flipper, mingersi addosso mentre si raccolgono le richieste dei ragazzini, frantumare una renna di polistirolo). Questo etilico Santa in fondo riesce a rifarsi una vita grazie anche alle grazie di una supersexy mamma per amica. Menzion d'onore a Bernie Mac, che previene il cancro ai polmoni (fuma sempre) con abbondanti scorpacciate di arance.
MEMORABILE: Ultimo film di John Ritter, qui inibito responsabile del personale.

Redeyes 23/12/08 15:06 - 2231 commenti

I gusti di Redeyes

Thornton ha una tale faccia che varrebbe di per sè il prezzo del biglietto e l'idea del Babbo bastardo è gustosissima, ma il film lo definirei un po' incompleto. Si nota la mano dei Coen, i dialoghi sono spesso azzeccati, talvolta ripetitivi tuttavia. La storia è sempliciotta, come lo sarebbe una sul Natale o sul Grinch e quindi non è da disprezzare per questo. Il ricco bambino grassoccio è molto simpatico e carino. La Graham - "Mamma per Amica" carina ed ingenuotta come il personaggio che le ha in passato dato popolarità. Un film sul Natale piacevole!
MEMORABILE: Il bigotto direttore (John Ritter, l'imbranato papà di Piccola peste) che non sa come comportarsi con lo sfacciato Babbo Natale.

Brainiac 7/08/09 08:31 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Farsa acida, che partendo dalla cornice natalizia cerca di corrodere il buonismo che trionfa nelle commedie USA. Le scene col bimbo biondo ciccione sono strepitose (quella in cui si ferisce e comincia ad urlare è un capolavoro del politicamente scorretto). Si nota però un messaggio di fondo comunque rassicurante che stona con l'andazzo intrapreso dal regista e alla fine dei conti, proprio il tentativo di rientrare in extremis negli stilemi della commedia classica penalizza la riuscita. Come una puntata dei Simpson col finale sdolcinato, ma io ho riso.

Pigro 28/12/09 09:19 - 8228 commenti

I gusti di Pigro

Lavora come Babbo Natale ma è alcolizzato e rapina i centri commerciali: è il protagonista di questa commedia cattiva e accattivante. Bella l'idea, con alcuni spunti notevoli come la critica al consumismo, la morte di Babbo Natale e altri dettagli di beffarda analisi sociale. Ma il film rinuncia al grottesco e alla satira per privilegiare il comico e il demenziale, fino a un lieto fine che butta tutto in risata sempliciotta. Insomma, un buon film comico ma nulla più, che gioca tutte le sue carte solo su un'irriverente dissacrazione.

Daniela 11/01/10 17:10 - 9977 commenti

I gusti di Daniela

Il personaggio c'è - un ladro alcolizzato, parolacciaro e sessuomane che compie le sue imprese approfittando delle festività natalizie travestito da Babbo Natale, in compagnia con un nano finto elfo cattivissimo. Peccato per la sceneggiatura, troppo altalenante ed in fondo pavida, come dimostra il finale buonista e natalizio. Comunque merita la visione, oltre che per Thorton - attore in grado di dimostrare la propria classe pure se impegnato in cose disgustose - anche per la simpatia naturale del bimbo cicciottello ed imbranato. Ultimo film per John Ritter.

Enricottta 26/12/10 16:12 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Tra Miracolo nella 34a strada e Una poltrona per due un classico del Natale televisivo. Si scorgono spunti originali; i motivi del disgusto di quelli che si imbattono involontariamente in questo film sono molto opinabili. Mi piacerebbe volentieri guardare le facce di uno di essi che sentono una delle "battutacce" rivolte contro il babbo bastardo. Il colore del Natale finalmente assume tinte più forti. Billy Bob Thornton con i pantaloni calati, la barba incolta, l'alito fetido è pieno di classe, mai eccessivo: ottima interpretazione.

Mickes2 16/08/11 21:57 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Da una splendida idea dei fratelli Coen, una commedia cinica, carica di humour nero, spiazzante, politicamente scorretta, divertentissima. Spumeggiante apologo contro gli eccessi di melassa e il buonismo natalizio. Si ride di gusto grazie a un Thornton in formissima, calatosi perfettamente nella parte del Babbo Natale bastardo (dentro). Il rapporto che scaturisce tra di lui e il ragazzino ha qualcosa di squisitamente calamitico e grottesco allo stesso tempo.
MEMORABILE: I ragazzini che vanno a chiedere i loto desideri natalizi a Babbo Natale; l'incontro di boxe a tre, tra il ragazzino, il nano e Thornton.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Werebadger 12/09/11 13:51 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Divertente "cinepanettone americano" (termine forse un po' offensivo, utilizzato nei suoi confronti), con un messaggio di fondo ottimista: un ladruncolo alcolizzato e depresso, in seguito all'incontro con un ragazzino indifeso e all'apparenza un po' tardo, riuscirà a cambiare le sue abitudini di vita. Un po' di volgarità fine a se stessa ma, nel complesso, un film ben costruito e mai banale.
MEMORABILE: La discussione tra Tony Cox e Bernie Mac davanti a Thornton ubriaco.

Kekkomereq 11/01/12 20:52 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Commedia nera su un Babbo Natale che come suggerisce il titolo è veramente bastardo. Il film è zeppo di esagerazioni per quanto riguarda i personaggi (vedi il nano, il bambino ritardato e la nonnina sclerotica). Billy Bob Thornton è davvero bravo e anche il resto del cast lavora bene. Rispetto ai nostri cinepanettoni il film è volgare, si prende gioco delle minoranze e di certo non è un film per famiglie, ma almeno Babbo Bastado fa davvero ridere.
MEMORABILE: La mania dei panini.

Buiomega71 26/12/12 21:29 - 2356 commenti

I gusti di Buiomega71

Immenso Billy Bob Thornton nel ruolo di un babbo natale mai visto prima, che fa della zozzeria la sua bandiera. Si ride a crepapelle quasi per tutto il film e da antologia sono gli scambi di battute tra Thornton e il bambino sfigato cicciotello (che sembra venuto da Marte). Si sente la vena corrosiva e politicamente scorretta del regista Terry Zwigoff, una specie di Tim Burton in acido. Ci si sganascia; a volte amaro con un finale che comunque commuove e tocca vette drammatiche inaspettate. Bastardo dentro, ma con barlumi di sincera commozione. Consigliatissimo.
MEMORABILE: I duetti con il bambino; La sodomizzazione nei camerini del centro commerciale.

Pinhead80 4/01/14 13:19 - 4042 commenti

I gusti di Pinhead80

Davvero una sorpresa trovare questo film tra quelli proposti per Natale e trovarsi di fronte a un'opera cattiva e allo stesso tempo intelligente. Non si salva nemmeno più Babbo Natale, che qui è rappresentato come un ubriacone, ladro e attratto da donne dalle taglie forti. Assolutamente da vedere.

Piero68 9/01/14 10:54 - 2802 commenti

I gusti di Piero68

Si scrive Zwigoff ma si legge Coen Bros. Sulla carta si limitano a produrre ma lo stile è inconfondibile. Una black-comedy irriverente e dissacrante con un Bob Thornton veramente a ottimi livelli. Forse si discosta leggermente dai prodotti a firma Coen visto il ricorso frequente alla volgarità e un finale in qualche modo buonista, ma nel complesso il prodotto funziona, anche se con qualche picco in basso. Memorabili alcune trovate come lo "smutandamento" ai danni del bambino e come l'incontro sul ring tra il bimbo, il nano e Thornton.

Marione 2/12/14 03:01 - 103 commenti

I gusti di Marione

Ma quale Poltrona per due... è questo per me il film natalizio per eccellenza: dissacrante, cinico e ridanciano all'ennesima potenza. Grande il protagonista: alcolizzato, sessuomane e sciatto Santa Claus ladro, simpatici tutti gli altri, con una menzione per i compianti John Ritter direttore timidone e Bernie Mac capo sorveglianza effeminato e corrotto. Oltre alla totale, esilarante volgarità del Babbo Bastardo, ci sono anche spunti particolari, come il riscatto del bimbo verso i bulli. Da rivedere ogni Natale!
MEMORABILE: Le copule nei camerini; La discussione sulle percentuali; La faccia zozza e malata del "Babbo"...

Almicione 24/12/15 02:14 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Un Babbo Natale Bukowski, assai cinico, totalmente irrispettoso e menefreghista. Personaggi di questo tipo nel genere comico hanno anche il loro perché e Thornton non conduce male la parte, ma non in quel preciso ruolo! Numerosi gli elementi pessimi, dalla trama inesistente al personaggio del nano (ma davvero fa ancora ridere?) a figure come Chipeska. Qualche risata scappa per fortuna e il ragazzino si rivela un elemento con una minima dignità nonostante l'ingresso iniziale. Ma che noia, che porcheria!

Ugopiazza 9/12/16 01:59 - 118 commenti

I gusti di Ugopiazza

Cult natalizio assoluto. Il costante equilibrio tra sottile e volgare crea una perfetta atmosfera da black comedy e fa da palcoscenico per il mattatore assoluto Billy Bob Thornton. Il suo personaggio, cinico e malinconico ma non totalmente privo di umanità funziona su più livelli e le sue interazioni col bambino un po' tardo dall'ingenuità esasperante e col perfido nano di colore creano situazioni da annali della commedia, misurate da tempi comici fulminanti e battute di altissima qualità. La visione sotto le feste è d'obbligo.
MEMORABILE: Tutti i dialoghi tra Willy e il bambino; "Sennò Brontolo si lamenta e Pisolo si sveglia"; "Che vuoi?"; "Sc***mi Babbo Natale"!

Il ferrini 29/12/16 00:40 - 1782 commenti

I gusti di Il ferrini

Chi scrive ha un debole per Billy Bob Thornton, va detto, ma anche a non averlo qui è impossibile non riconoscerne la bravura. Si ride tanto, soprattutto nei duetti con l'allora bambino Brett Kelly (presente anche nel sequel) e la zampata dei Coen si percepisce in più d'un'occasione. Fantastici anche l'impacciato direttore del centro commerciale Ritter (purtroppo al suo ultimo film) e ovviamente il malvagio Tony Cox (già Widdle degli Ewoks). Assieme alla favola di Selick & Burton l'unico film natalizio veramente degno di visione.

Rigoletto 19/01/17 11:25 - 1626 commenti

I gusti di Rigoletto

Un balordo alcolizzato organizza colpi durante le festività natalizie in compagnia del socio, ma l'incontro con un bambino dal candore unico, del tutto privo di malizia, innesca nuovi sentimenti. Visto in ottica negativa diventa una bella spina nel fianco di chi vede il Natale all'insegna del buonismo più ipocrita. Thornton è bravissimo nel tratteggiare un personaggio di raro squallore e Cox, malefico grillo parlante, non è da meno. Da ridere ci sarebbe poco, ma gli scoppi d'ira del Babbo più bastardo degli States non lasciano indifferenti.
MEMORABILE: La partita a dama; "Che hai combinato all'occhio?"

Billy Bob Thornton HA RECITATO ANCHE IN...

Thedude94 27/12/17 02:50 - 657 commenti

I gusti di Thedude94

Divertente commedia natalizia su una coppia di rapinatori esperti, un nano elfo e un babbo Natale molto particolare, che viaggia su ritmi serrati e non cala mai di tensione mantenendo sempre una linea comica strutturata su una non troppo eccessiva volgarità. Thornton è in formissima e ragala una performance eccellente, così come il resto del cast, compreso il bambino. La regia è sufficiente, ma il tocco forte è legato alla scrittura molto fluida e senza peli sulla lingua; insomma, un film natalizio un po' anomalo ma che vale la pena vedere.

Lou 17/01/18 23:27 - 1007 commenti

I gusti di Lou

Dissacrante e volgare, ma con una sua dignità nell'essere palesemente scorretto. C'è gusto del paradosso e ironia spinta, si sente lo zampino dei fratelli Coen come produttori esecutivi. Dietro la maschera di un Babbo Natale opportunista e irriverente, di fatto un truffatore alcolizzato e sessuomane, si nasconde il disagio di un uomo distrutto che sembra irrecuperabile, ma non si può mai dire.

Anthonyvm 17/12/19 23:33 - 2411 commenti

I gusti di Anthonyvm

Buffo come una tragicommedia "rated R" sia in realtà molto più sincera e tenera di tante sdolcinerie natalizie che il cinema propina. Se all'inizio l'accoppiata criminale-bambino può far storcere il naso, si fa presto a capire che Zwigoff non ha intenzione di cadere nel melenso nè di attenuare la matrice politicamente scorretta: le volgarità fioccano senza tuttavia essere gratuite e persino i cliché, illuminati dalla luce della cattiveria, non paiono scontati. Si ride sovente, ci si commuove persino: una via alternativa verso il mood festivo.
MEMORABILE: L'ingenuità del bimbo obeso; Babbo distrugge le statue di animali di fronte ai bambini; I bulletti puniti; L'omicidio di Gin; Il finale toccante.

Taxius 20/12/19 20:40 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Un babbo Natale alcolizzato e un elfo di Natale nano dallo spirito criminale ogni anno sotto le feste si ritrovano per svaligiare centri commerciali e traumatizzare tanti poveri bambini. Babbo bastardo è il classico film discreto da cui però ci si aspettava un po' di più, in quanto si ride ma non poi tanto. Thronton nella parte dell'alcolizzato funziona e diverte così come il ragazzino nella parte dello scemo, ma a lungo andare cominciano a stancare pure loro. Il finale è forse eccessivamente zuccheroso, ma ci sta tutto. Nel complesso non male.

Rambo90 20/12/19 17:42 - 6603 commenti

I gusti di Rambo90

Arguta commedia natalizia, in fondo di buoni sentimenti anche se truccata con gag feroci e volgarità varie. Si ride spesso e la sceneggiatura sa comunque come approfondire bene i personaggi, pur senza mai virare decisamente verso la melassa totale. Thornton perfetto per la parte, ben coadiuvato da Cox, da una bellissima Graham e da un ragazzino scelto in maniera davvero chirurgica. Buona la colonna sonora. Da vedere.

Lupus73 23/01/21 00:57 - 803 commenti

I gusti di Lupus73

Uno di quei figuranti che in America fanno Babbo Natale nei centri commerciali, la notte lo svaligia col suo compare nano-elfo. Divertente commedia dissacratoria sul Natale e sul barbuto benefattore che qui è un ubriacone sboccatissimo e godereccio (sesso, night club, ecc...). Thornton coglie nel segno il suo ruolo, la sceneggiatura offre momenti memorabili e il politically correct viene lasciato da parte. Per certi versi la regia poteva essere più dinamica ma va bene ugualmente. John Ritter (l'indimenticabile Jack Tripper) spiacevolmente nel suo ultimo ruolo.
MEMORABILE: "La metà"; Il triplo K.O. inguinale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Brainiac • 24/12/09 18:17
    Call center Davinotti - 1469 interventi
    Fabbiu ebbe a dire:
    Un'altra cosa che non ho sopportato è il fatto che il protagonista si infili in casa del bambino e ci viva dentro: un bambino ritardato e con i genitori morti che vive con una nonna ritardata. Tutto questo mi è sembrato particolarmente improbabile... i vicini? i maestri di scuola del bambino? qualche parente? nessuno prendeva cura dei due prima che Thomton entrasse in casa? magari sembro un super pignolo ma sono proprio queste cose (e altre) a non farmi apprezzare le commedie di questo genere, quella mancanza di approfondimento, e quell'eccessiva superficialità...

    Ho interpretato la cosa come una parodia delle commedie alla Mamma ho perso l'aereo, e più in genereale alle commedie zuccherose e sdolcinate tipiche degli Anni 80, in cui l'adulto in disgrazia si riscatta curando un bambino solitario. E' una trovata surreale che capovolge l'atmosfera fiabesca (il bamboccio solo nella grande casa con la nonna).
    Il fatto che Thorton invece sfrutti la situazione per fare il suo porco comodo, e che il bambino si tagli proprio perchè non filato di striscio, nella sua scorrettezza, mi ha fatto davvero molto ridere.
    Per il resto concordo con il fatto che alcune situazioni sono troppo forzate, ma lo stile è sicuramente surreale e non può essere apprezzato se si adotta un ottica realistica.
  • Homevideo Gestarsh99 • 20/11/11 12:48
    Scrivano - 15867 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc (versione integrale non censurata) per Sony Pictures:

    DATI TECNICI

    * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Spagnolo
    Dolby TrueHD 5.1: Italiano Inglese Francese
    * Sottotitoli Italiano Inglese Francese Inglese per non udenti Arabo Cinese Hindi Spagnolo
    * Extra Babbo bastardo - Non è il solito film di Natale
    Scene eliminate
    Risate sul set
    Ultima modifica: 7/12/15 16:19 da Zender
  • Discussione Ruber • 25/12/11 18:14
    Compilatore d’emergenza - 9014 interventi
    Non vedo l'ora di vedere il seguito!! Il bambino grassotello e scemotto e il cult del film!! Un mio must della mia videoteca personale!!
    Ultima modifica: 26/12/11 01:01 da Ruber
  • Musiche Samuel1979 • 24/12/12 23:41
    Call center Davinotti - 3070 interventi
    Nei titoli di testa è presente il brano di Frederic Chopin " Nocturne No. 2 in E-Flat Minor, Op. 9 No.2".
  • Discussione Ruber • 2/11/13 02:25
    Compilatore d’emergenza - 9014 interventi
    Le riprese del sequel dovrebbero iniziare questo autunno...speriamo!
  • Discussione Ruber • 6/12/15 02:26
    Compilatore d’emergenza - 9014 interventi
    Le riprese di Bad Santa 2 iniziano a gennaio 2016 e sarà nelle sale il prossimo Natale. Cast confermato con l'aggiunta della Bates nella parte della mamma di Willie.

    Il regista cambia, Zwigoff ha avuto divergenze con i fratelli Cohen che non volevano per esempio il nano Cox nella parte di Markus, e cosi la regia è stata affidata a Mark Waters.

    Finalmente si vedrà il sequel di qusto spassoso commedy/noir irriverente.

    ps: torna anche il bamboccio scemo Kelly!
  • Discussione Zender • 7/12/15 07:20
    Consigliere - 44122 interventi
    Ruber, come mai mi hai chiamato qui?
  • Homevideo Ruber • 27/11/16 22:12
    Compilatore d’emergenza - 9014 interventi
    Imdb dà la versione uncut a 98 minuti, e quella uscita nei cinema ossia cut a 88, quindi ci sono ben dieci minuti di tagli.

    Qui la comparazione tra le due versioni:

    http://www.movie-censorship.com/report.php?ID=4618
    Ultima modifica: 28/11/16 08:11 da Zender
  • Discussione Ruber • 29/11/16 14:15
    Compilatore d’emergenza - 9014 interventi
    Finalmente! Dal 7 dicembre nelle sale il secondo capitolo.
  • Homevideo Tarzanb74 • 15/03/19 04:05
    Disoccupato - 29 interventi
    Comunque sia dvd che blu Sony contengono la versione lunga uncut.
    Quindi è una cavolata la storia del hd con montaggio diverso dal dvd.