Discussioni su Venerdì 13 - Film (1980)

DISCUSSIONE GENERALE

24 post
  • Buiomega71 • 21/01/15 21:55
    Consigliere - 26006 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Markus ebbe a dire:
    Zender, togli "esordiente" e siamo a posto ;)

    Ok Buio, chiedo scusa ma ero convinto fosse il suo esordio e non mi sono nemmeno posto il problema di controllare tanta la mia errata convinzione. Spero che il commento ti sia piaciuto. ;)


    Certo, Markus! Era uno dei miei cult adolescenziali. Poi lo rividi nell'estate del 2005 (dove mi sparai TUTTA la saga) e lo ridimensionai un tantino...Mentre si fortificò il mio amore per il terzo e il quarto.

    Io invece devo dire che rivendendolo per caso svariate volte negli ultimi anni l'ho parecchio rivalutato, anche se pure io preferisco i seguiti. Diciamo che questo (come il successivo, in parte) ha quel fascino consumato delle pellicole dell'80/'81, ancora legate alle atmosfere dei '70s. La componente slasher era limitata, ma il mood piovoso e notturno, da autentico film horror, rimane estremamente coinvolgente.


    Sicuramente, Herr. Concordo. Visto da ragazzino era diventato uno dei mie capisaldi. Rivedendolo dopo anni mi balzarano agli occhi i suoi limiti (per gran parte del film accade assai poco e lo splatter saviniano-seppur cut-lo ricordavo più tosto).

    Resta comunque un punto di riferimento e credo che il finale con Adrienne King dormiente sulla canoa, trasportata dalle placide acque del lago e accarezzata dalla magnifica melodia di Harry Manfredini sia una delle scene più belle e poetiche mai girate in un horror (e non)
  • Raremirko • 21/01/15 23:00
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Herrkinski ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Markus ebbe a dire:
    Zender, togli "esordiente" e siamo a posto ;)

    Ok Buio, chiedo scusa ma ero convinto fosse il suo esordio e non mi sono nemmeno posto il problema di controllare tanta la mia errata convinzione. Spero che il commento ti sia piaciuto. ;)


    Certo, Markus! Era uno dei miei cult adolescenziali. Poi lo rividi nell'estate del 2005 (dove mi sparai TUTTA la saga) e lo ridimensionai un tantino...Mentre si fortificò il mio amore per il terzo e il quarto.

    Io invece devo dire che rivendendolo per caso svariate volte negli ultimi anni l'ho parecchio rivalutato, anche se pure io preferisco i seguiti. Diciamo che questo (come il successivo, in parte) ha quel fascino consumato delle pellicole dell'80/'81, ancora legate alle atmosfere dei '70s. La componente slasher era limitata, ma il mood piovoso e notturno, da autentico film horror, rimane estremamente coinvolgente.


    Sicuramente, Herr. Concordo. Visto da ragazzino era diventato uno dei mie capisaldi. Rivedendolo dopo anni mi balzarano agli occhi i suoi limiti (per gran parte del film accade assai poco e lo splatter saviniano-seppur cut-lo ricordavo più tosto).

    Resta comunque un punto di riferimento e credo che il finale con Adrienne King dormiente sulla canoa, trasportata dalle placide acque del lago e accarezzata dalla magnifica melodia di Harry Manfredini sia una delle scene più belle e poetiche mai girate in un horror (e non)


    E credo che fu di Savini la trovata di mostrare poi Jason in quel punto
  • Zender • 22/01/15 08:18
    Capo scrivano - 47801 interventi
    Io ricordo che lo guardai la prima volta perché se ne parlava come di un film terrorizzante e dietro la vhs portava il magico VM 18. Quando lo vidi mi lasciò piuttosto freddo, ma credo anch'io che in effetti come atmosfere e fotografia sia l'unico ancora profondamente legato ai Settanta. I sequel erano molto eighties.
  • Caveman • 24/11/18 22:35
    Servizio caffè - 403 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Io ricordo che lo guardai la prima volta perché se ne parlava come di un film terrorizzante e dietro la vhs portava il magico VM 18. Quando lo vidi mi lasciò piuttosto freddo, ma credo anch'io che in effetti come atmosfere e fotografia sia l'unico ancora profondamente legato ai Settanta. I sequel erano molto eighties.

    Ho sempre pensato la stessa cosa, mi riferisco al fatto che sia molto legato agli anni ‘70. Volenti o nolenti, io mi schiero a favore, un film storico per il genere.