Curiosità su Lo strano vizio della signora Wardh - Film (1971)

CURIOSITÀ

6 post
  • Se vuoi aggiungere una curiosità a questo film, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (se necessario) e se gli eventuali titoli in essa citati hanno il link alla relativa scheda sul Davinotti, verrà spostata in Curiosità.
  • Undying • 3/01/08 11:17
    Comunicazione esterna - 7574 interventi
    * Al minuto 31 del film, una frase campeggia su un biglietto allegato ad un mazzo di fiori:



    verrà in parte utilizzata per il titolo diretto - l'anno seguente - sempre da Sergio Martino, e sulla cui origine (di certo si tratta di un apocrifo, attribuito a Poe per questioni commerciali) persistono tutt'ora dubbi.
    Per maggiori dettagli, se ne fa menzione nello spazio dedicato a Il Tuo Vizio è una Stanza Chiusa e solo io ne ho la chiave.

    ** Parte della colonna sonora (ad esempio il Dies Irae 2, orchestrata da Nora Orlandi o il brano musicale The Strange Vice of Mrs. Wardh) è citata, a più riprese, in Kill Bill. vol. 2, diretto da Tarantino.

    *** La prima proiezione pubblica in Italia risale al 15 gennaio del 1971.

    **** Nel 1995 il regista Antonio Bonifacio ripropone, sempre con il supporto di Gastaldi in veste di sceneggiatore, una sorta di remake dirigendo La Strana storia di Olga O.. In questo caso però, la presenza di Serena Grandi, al posto di Edwige Fenech, si fa pesantemente sentire sul risultato finale.
  • Undying • 12/09/09 22:19
    Comunicazione esterna - 7574 interventi
    Manifesto per una edizione estera del film, circolato come Next.
    Da notare come in questo caso il riferimento a Psycho sia ben evidente.

    Più avanti De Palma farà altrettanto in Vestito per uccidere (copiando però, per un'intera sequenza di omicidio in ascensore Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer?)

  • Undying • 28/09/09 08:51
    Comunicazione esterna - 7574 interventi
    Il morboso rapporto che lega Julie (Edwige Fenech) a Jean (Ivan Rassimov) può ricordare quello ad analogo sfondo S/M, tra Nevenka (Daliah Lavi) e Kurt (Christopher Lee) già intravisto ne La frusta e il corpo (1963).

    La cosa non deve sorprendere, essendoci un comune denominatore che lega entrambi i prodotti: la sceneggiatura di Ernesto Gastaldi.
  • Undying • 2/05/12 17:34
    Comunicazione esterna - 7574 interventi
    Estetica baviana, ovvero dell'omicidio come bella arte

    "La solitaria svestizione, il primo piano di lei davanti allo specchio, il campo medio del suo allettante respiro sul letto, cederanno il passo alla morte, al volto sorpreso e orripilato, al corpo disonorato, come un prolungamento della medesima estetica, una rivendicazione della bellezza del dolore e del sangue."

    Antonio José Navarro

    Fonte:
    Morir, dormir... tal vez sufrir in El giallo italiano. La oscuridad y la sangre (pag. 99), Nuer Ediciones
  • Zender • 24/05/16 18:14
    Capo scrivano - 48018 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Caesars • 3/04/18 14:44
    Scrivano - 16833 interventi
    Poco prima dell’uscita del film una donna italiana, la signora Ward, minaccia un’azione legale perché il titolo originale (senza h) danneggerebbe la sua reputazione. Al cognome del personaggio interpretato da Edwige Fenech, quindi, viene aggiunta la H finale.

    Fonte: sito cgentertainment.it