Tre colori: Film rosso

Media utenti
Titolo originale: Trois couleurs: Rouge
Anno: 1994
Genere: drammatico (colore)
Note: Terzo film della trilogia dedicata ai tre colori della bandiera francese. Preceduto da Tre colori: Film blu e Tre colori: Film bianco.
Numero commenti presenti: 19

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/08/07 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 15/08/07 14:37 - 1558 commenti

I gusti di Renato

Terzo capitolo della trilogia, questo dedicato al concetto di fratellanza. Le riflessioni sul destino e sul caso toccano uno dei punti più alti nell'intera filmografia kieslowskiana, grazie ad un soggetto (scritto dal regista e dal suo storico collaboratore Krzysztof Piesiewicz) che mette molta carne al fuoco ma riesce a non cadere in nessuna delle molteplici trappole possibili. Si resta affascinati dalla grande libertà narrativa ma -soprattutto- dall'onestà intellettuale di chi ha pensato un film del genere. Purtroppo, sarà l'ultimo film di Kieslowski.

Rebis 1/12/07 21:30 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Segnali di predestinazione ineludibile o depistanti indizi di un caos abbacinante: gli uomini sono condotti per mano dal sorriso di un Dio bambino. L'affratellamento è il sottile, pavido accordo su una partitura che trova nelle coincidenze gli strumenti dell'esistere. Il rosso, precipitato sulle cose, le addensa, le coagula inseguendo gli arabeschi del destino. Con leggerezza esuberante e dotta, Kieslowki chiude in grande stile il cerchio sull'arcano uomo. Un cinema esaltante che elude imposizoni di significato e scivola limpido, imprevedibile, su ogni altrove.

Deepred89 9/01/09 00:17 - 3283 commenti

I gusti di Deepred89

Ultimo capitolo dei Tre colori di Kieslowski. Un bellissimo film, introspettivo e minimalista, che affronta vari temi tra cui il rapporto caso/destino e quello tra l'agire e il limitarsi ad osservare. Ottima la confezione, con una regia curatissima (molto interessanti le varie false soggettive e il ricorrere del tema del rosso) e una fotografia stupenda. Da applausi l'interpretazione di Irene Jacob, ma anche Trintignant raramente è stato così bravo. Molto lento ma molto appassionante. Imperdibile.

Pigro 20/09/09 09:35 - 7791 commenti

I gusti di Pigro

Una modella, un anziano avvocato misantropo che intercetta le telefonate altrui, un giovane avvocato tradito dalla fidanzata. In questo complesso triangolo si gioca la conclusione della trilogia che dopo Francia e Polonia ci porta in Svizzera. Mirabile la rappresentazione della vita come conseguenza del Caso che è però anche completamento di una Necessità: la sequenza finale è folgorante da questo punto di vista. Emozionante la bravura di Kieslowski nel saper costruire ancora una volta una fulgida e poetica fotografia dei nostri tempi.

Cotola 2/05/11 00:46 - 7529 commenti

I gusti di Cotola

Degna conclusione di una splendida trilogia. Nel terzo capitolo il regista polacco sviscera il concetto di fratellanza e lo fa a modo suo, toccando alcuni temi a lui molto cari come quello della vita segnata dal Caso e dal Destino. Merito di una raffinata e sapiente sceneggiatura in cui le vite dei personaggi si incontrano, scontrano ed intrecciano in modo più che causale finché non si arriva ad un finale in cui un'immagine finta prende corpo assumendo così un enigmatico valore premonitore di Verità.
MEMORABILE: Il fotogramma finale.

Mickes2 14/10/11 11:24 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Il Destino al centro dell'ultimo film della trilogia, ma anche la vita con le sue sofferenze e le delusioni. Forse è il film più intimista e delicato dei tre, per il modo in cui Kieslowski contrappone l'animo gentile e delicato della protagonista, a quello gelido e burbero di un vecchio scontroso, rinchiuso nel suo mondo con le sue abitudini. E sarà proprio la bontà d'animo di Valentine, quel senso di fratellanza nei confronti di una persona così diversa da lei, a risollevare l'anziano dal suo torpore e permettergli di credere ancora in qualcosa.
MEMORABILE: Il finale.

Giacomovie 13/11/11 23:45 - 1348 commenti

I gusti di Giacomovie

L'analisi filosofico-morale di Kieslowski sulla vita si conclude paragonando il rosso alla fraternità e ci si interroga sulle diverse strade che possono prendere le vite per mezzo delle decisioni umane o degli incontri casuali che le possono condizionare. Emblematica è la presenza di due giudici, che sono uno il riflesso dell’altro e che servono al regista per dimostrare due cose: come a persone diverse e in tempi diversi possono accadere le stesse coincidenze e come possiamo avere sotto gli occhi l'anima gemella senza saperla riconoscere.

Luchi78 15/02/12 16:19 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Potremmo leggere centinaia di pagine con commenti e spiegazioni sul cinema di Kieslowski, ottenendone ogni volta interpretazioni diverse, con qualcuno che aggiunge nuove chicche ad ogni gesto o scena dei suoi film. Tanto vale lasciarsi coinvolgere, in questo caso, dal rosso predominante e sentirsi dentro la storia come se noi ne fossimo protagonisti. Kieslowski disegna alla perfezione un ritratto dettagliato dell'esistenza tramite vicende che si intrecciano volute dal caso, per poi governare i comportamenti degli uomini.

Homesick 9/04/12 17:11 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il valore della fratellanza, simboleggiata dal colore rosso del tricolore francese, si afferma in un percorso tortuoso, che si insinua tra il quotidiano e il metafisico obbedendo tanto alla cecità del Caso quanto alle leggi della predestinazione. Il tocco di Kiesloswki è insieme gentile e profondo come i due protagonisti: la Jacob, attrice di grazia e personalità non comuni, e un paterno Trintignant con il volto che reca le cicatrici di chi ha troppo amato. Della trilogia sui colori questo è il più coerente, nel senso che il rosso compare, dominante o in dettaglio, in ogni inquadratura.
MEMORABILE: Il "viaggio" della telefonata; il finale con gli sfollati, in cui si riuniscono tutti i protagonisti della trilogia.

Rullo 16/05/14 18:57 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Quanto è giusto intromettersi nella vita altrui? Quanto un piccolo gesto può cambiare le nostre relazioni, il nostro modo di vedere le cose? Kieslowski in quest'ultimo capitolo della (stupenda) trilogia punta tutto su questo aspetto. Quasi surreale, per il suo messaggio forte e ben recapitato; diretto ovviamente in modo egregio, forte di una buona Jacob, ma soprattutto di un freddo e carismatico Trintignant. Degna conclusione di un cerchio aperto con il Film blu.
MEMORABILE: Il finale.

Paulaster 4/06/14 09:46 - 2783 commenti

I gusti di Paulaster

Basato su una certa evanescenza emotiva, con passionalità melò e dialoghi di conseguenza, scorre e trascina in nessi causali di vita vissuta. Frammentario nella parte iniziale con situazioni sospese, trova soluzione al termine con un finale dal geniale impatto visivo. Kieslowski a corrente alternata con sprazzi di gran cinema. Forse l’argomento giudiziario non si presta a grandi invettive. Trintignant più sulle espressioni; la protagonista graziosa.

Lou 8/12/15 21:26 - 960 commenti

I gusti di Lou

Splendido ultimo atto della trilogia di Kieslowsky, incentrato sulla comunicazione interpersonale. Una riflessione profonda su solitudine e incomunicabilità, ma anche sul disperato bisogno di rapporti umani autentici. È infatti la fratellanza il leitmotiv abbinato al colore rosso, che pervade le immagini di questo film intenso, intriso di sensibilità e poesia. Sul tema vengono posti a confronto i diversi approcci alla vita e alle relazioni umane della giovane modella e dell'anziano giudice, con il caso a giocare un ruolo comunque decisivo.

Almicione 23/08/16 02:02 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Il più ispirato della trilogia. Colori caldi per indicare il riscatto di fraternità sull'umanità operata dal personaggio della Jacob, bravina. Molto interessante il personaggio del giudice, la sua "attività" personale; la differenza rispetto al primo film è rappresentata proprio dal coinvolgimento suscitato da questa personalità. Dal punto registico numerose le sequenze da apprezzare (il cane messo sotto), anche se sono troppo forzati i collegamenti nella trilogia, da risultare quasi sciocchi. Simbolico e pregno di significato.

Xamini 13/10/16 00:29 - 1012 commenti

I gusti di Xamini

Caso o volontà? Azione o atarassia? Kieslowski, con tutto il suo talento (e un direttore della fotografia in stato di grazia), porta a conclusione la sua trilogia, illustrandoci questi contrasti. Ma se inizialmente i caratteri sono quelli dello scontro (Valentine/Jacob vs giudice/Trintignant), le posizioni si fanno via via meno perentorie per portare a una chiusura superba. Ma è il film tutto a entusiasmare per una regia che non risparmia virtuosismi e un incastro degli intrecci narrativi che merita un'attenzione assoluta.
MEMORABILE: "Io non voglio niente" - "Deve solo smettere di respirare" - "È una buona idea"

Pessoa 7/02/17 21:56 - 1159 commenti

I gusti di Pessoa

Kieslowski chiude la trilogia con un colpo da maestro. Una tragedia greca dal finale aperto in forma di film, che ci porta a riflettere sulla fragilità della vita facendo sua la lezione di Diderot e senza dimenticare Dziga Vertov. Dei tre è il film che mi è piaciuto di più e regge bene una seconda visione; anzi, sarebbe consigliabile guardarlo due volte per apprezzare i giochi di montaggio e la splendida fotografia di Sobocinski. Fondamentali per l'evolversi della storia le musiche di Preisner. Un grande esempio di cinema dell'anima.
MEMORABILE: Il finale.

Thedude94 12/08/19 16:20 - 565 commenti

I gusti di Thedude94

Capitolo finale della trilogia dei colori, film rosso fa della meravigliosa regia di Kieslowski e delle ottime interpretazioni di Trintignant e della Jacob i suoi punti di forza. Nonostante la trama sembri essere abbastanza insignificante per le cose che accadono, rimane comunque un certo senso di attaccamento ai personaggi, malgrado la dubbia moralità di qualcuno. Sono proprio gli attori che esaltano la bravura del regista nel mettere in scena situazioni e dialoghi semplici con estrema classe e sensibilità. Buone fotografia e le musiche.

Nando 19/09/19 20:34 - 3476 commenti

I gusti di Nando

Il maestro polacco conclude la sua trilogia con ambientazioni elvetiche e una poetica che appare quasi perfetta, con una grande introspezione su destino ineluttabile. Il risultato è di grande impatto, con dialoghi e sviluppo narrativo elevati. Meravigliosa la Jacob con la sua algida bellezza e monumentale Trintignant, che regala una magistrale interpretazione. Finale visivamente unico.

Noodles 29/11/19 19:18 - 851 commenti

I gusti di Noodles

Della trilogia sulla bandiera francese di Kieslowski è senz'altro il più riuscito. Unisce infatti l'efficacia narrativa del primo con il ritmo più leggero del secondo (anche se in realtà neanche qui il ritmo corre). Film di grande intensità psicologica, con una bellissima fotografia, dominata continuamente, manco a dirlo, dal colore rosso. Sceneggiatura ordinata e quasi priva di pecche. E la giovane Irene Jakob non sfigura davanti al mostro sacro Trintignant. Bellissimo.

Jandileida 25/02/20 21:15 - 1253 commenti

I gusti di Jandileida

Kieslowski conclude la sua trilogia francese dedicandosi alla perlustrazione delle vie che portano gli uomini a contatto gli uni con gli altri. Giocando con le vite dei suoi personaggi, il regista polacco ci mostra come si sia tutti in fondo sospesi in un vortice in cui a dominare è il caso. Spunto carico di significati che viene ulteriormente impreziosito da due prove egregie come quelle della Jacob e di Trintignant. Purtroppo, però, qualche svolta della storia pare troppo programmata, il che finisce per far sentire un'aroma di esercizio di stile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Raremirko • 8/04/19 21:19
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    * La signora proprietaria dell'appartamento visibile nel film, quindi non ricostruito in studio, fu d'accordo a lasciare questo per le riprese a patto di ritrovarsi pagato un soggiorno di due mesi nell'hotel più caro di Ginevra, inclusi consumi extra (!).
    La produzione accettò.

    * Tarantino, vincitore della Palma d'oro 1994, affermò che il premio l'avrebbe meritato maggiormente tale film.

    Fonte: extra dvd Bim.
  • Discussione Raremirko • 9/04/19 21:12
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    Buon passo in avanti rispetto in avanti rispetto a Film bianco, e l'opera è impreziosita dalla presenza di Trintignant.

    Il regista da sempre molta importanza al dettaglio, buono il lavoro fotografico e nel finale appaiono velocemente anche gli attori degli altri due film.

    Buono.
    Ultima modifica: 10/04/19 06:59 da Zender