Thriller

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Thriller - en grym film
Anno: 1974
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "They call her One-eye" o "Thriller - A cruel picture".
Numero commenti presenti: 10
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 15/10/08
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 18/05/07 12:39 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

La bella Christina Lindberg viene rapita, costretta a diventare eroinomane e a prostituirsi; prova a fuggire, ma l'aguzzino le cava un occhio. Allora con le marchette si paga un addestramento che farà di lei una macchina da guerra... Revenge-movie svedese di qualche fama underground ma alquanto rozzo, tanto nelle scene di sesso - con insert da porno nordico dell'epoca - quanto in quelle di violenza con ralenti ed effetti sonori dozzinali. Pochi meriti, fra cui qualche vaga influenza su Kill Bill.

Trivex 26/11/08 21:16 - 1607 commenti

I gusti di Trivex

Dopo aver patito uno stupro da bambina la bella protagonista, divenuta muta per lo shock, da ragazzina finerà nelle mani di un meschino e violento pappone: ma mediterà la rivincita! Nel film c'è tutto ciò che di brutto si possa vedere: stupro, lacerazione di bulbo oculare, uso spietato di droghe al fine di soggiogare la volontà altrui, perversioni maschili ed orrendi inserti hardcore. La parte iniziale non è male, fredda ed efficace nel mostrare l'orrore, ma poi si perde fino a spegnersi nelle immagini rallentate della vendetta e nello scontato finale.

Patrick78 13/01/09 18:50 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Caposaldo dell'exploitation. Un film malsano, scioccante, a tratti disturbante, ma con un innegabile fascino perverso che ne ha fatto uno dei più famosi revenge movie. La protagonista (una divina Lindberg) è una ragazza muta che viene catturata, drogata e fatta prostituire con la forza, ma che imparerà a guidare e a sparare, iniziando così un percorso di vendetta che la porterà alla resa dei conti inevitabile con il suo rapitore. La strepitosa Lindberg con fucile, benda e pastrano vale da sola il film. Da vedere solo in versione non censurata da 107 min.
MEMORABILE: La prima apparizione della protagnista in versione Kill Bill.

Herrkinski 14/11/09 00:20 - 6275 commenti

I gusti di Herrkinski

Truce rape & revenge svedese, che anticipa addirittura titoli ben più noti come I Spit On Your Grave o Ms. 45. Il film non risparmia nulla: iniezioni di droga, prostituzione (con inutili, seppur brevi, inserti hard nella versione unrated), brutalità assortite, subite o perpetrate dalla protagonista (la brava Lindberg). Si nota il taglio europeo del film, che talvolta sembra quasi d'autore; memorabili i ripetuti ralenti nella parte finale (da far impallidire Peckinpah). Freddo e spietato, cupo e minaccioso, formalmente ineccepibile. Molto buono.

Cotola 27/07/10 10:44 - 8190 commenti

I gusti di Cotola

Furbo negli intenti (basti vedere gli inutili inserti hard della versione "tosta") e rozzo nell'ideologia (farsi giustizia sommaria) e a tratti nella realizzazione (troppi i ralenti nel finale tanto da sfociare nel ridicolo) paga comunque un plot poco originale e ripetitivo ed una regia senza troppe idee. Eppure si fa vedere ed il personaggio della Linderg resta nella memoria soprattutto per il suo modo di abbigliarsi (mitiche le bende che fanno pendant col vestito) che ha non poco influenzato il Tarantino di Kill Bill. Accettabile.
MEMORABILE: La Lindberg con pastrano, benda e fucile a canne mozze. La perforazione dell'occhio con un bisturi.

Lupoprezzo 14/01/11 16:37 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Uno dei tanti prodotti anni '70 che hanno influenzato Tarantino. È la storia di una ragazza, traumatizzata già in tenera età, che si vendica delle angherie subite. Il film è statico e ripetitivo (ma la protagonista acquista un certo spessore quando scatta la vendetta) e la slow-motion dilata enfatizza le scene violente oltremodo. Purtroppo ho visto l'edizione con gli orribili inserti hard. Finale mitico.

Luchi78 13/02/12 17:20 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Lento e silenzioso come la sua protagonista, interpretata da un'algida Christina Lindberg, perde tutto il suo potenziale nel pretestuoso finale. Il ralenti non aiuta ad enfatizzare la truce vendetta, compiuta dopo un estenuante training che lasciava presagire a situazioni mirabolanti. Inutili gli inserti hard, regia piuttosto anonima; merita la visione giusto per la ripresa tarantiniana in Kill Bill.

Rufus68 17/01/18 22:13 - 3421 commenti

I gusti di Rufus68

Tra silenzi para-autoriali e inutili inserti hardcore i 105 minuti filano via con la piacevolezza di una traversata nel deserto. La prosaicità è squallida; la mancanza di costruzione drammaturgica desolante; la noia sovrana. La curiosità nasce solo dalla benda: non è la benda che ha ispirato Tarantino? Tutto qua. Si salva la protagonista, abile a simulare l'abbandono all'umiliazione prima della vendetta.

124c 9/12/18 11:26 - 2822 commenti

I gusti di 124c

Cult svedese degli anni '70 di Quentin Tarantino, incentrato su di una ragazza muta costretta a prostituirsi a causa di un "protettore" che la fa diventare pure eroinomane e le cava un occhio quando questa graffia un cliente. La pellicola non ci va piano con la violenza e questa ragazza guercia, che pure violentata da bambina da un pedofilo, ci va giù pesante quando si vendica del suo protettore/rapitore. Senza molto senso le scene rallentate delle sparatorie e del karate, inutili quelle hard da cinema pornografico. Non male.

Anthonyvm 4/12/21 00:41 - 3398 commenti

I gusti di Anthonyvm

Classico del rape and revenge settantiano, truce e cattivo come i cuginetti grindhouse d'oltreoceano, ma meno grezzo ed eroticamente più esplicito (non mancano gratuiti inserti hard). L'eroina senza occhio, muta, implacabile e armata di fucile ha una forza iconica non indifferente (e a Tarantino piacerà parecchio), anticipando l'angelo della vendetta ferrariano e pure la Jennifer di Zarchi (la scena in chiesa). Peccato che i ralenti alla Peckinpah nella seconda parte, oltre a frenare il ritmo, siano così esaspera(n)ti da far sorridere. Per un po' di sano “sex and violence” d'annata.
MEMORABILE: L'occhio perforato dal bisturi in dettaglio; I colpi di fucile al rallentatore; L'interminabile pestaggio dei poliziotti; La tortura del cavallo.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 7/02/16 23:09
    Addetto riparazione hardware - 3806 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Abel Ferrara ne girò un remake.
    Se intendi Ms.45 (L'angelo della vendetta), non è un remake di questo.



    In qualche fonte avevo letto di si', invece.
  • Discussione Herrkinski • 7/02/16 23:21
    Capo scrivano - 2405 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Herrkinski ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Abel Ferrara ne girò un remake.
    Se intendi Ms.45 (L'angelo della vendetta), non è un remake di questo.



    In qualche fonte avevo letto di si', invece.

    Remake non lo è.
    Che poi si sia ispirato può darsi, come d'altronde ogni rape & revenge ha fatto successivamente a L'ultima casa a sinistra e Thriller.
  • Discussione Raremirko • 7/02/16 23:31
    Addetto riparazione hardware - 3806 interventi
    Su siti...esagonali, a fonda pagina, leggo:


    Il film L'angelo della Vendetta (1981) di Abel Ferrara è in pratica un remake di questo film.
  • Discussione Herrkinski • 8/02/16 01:48
    Capo scrivano - 2405 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Su siti...esagonali, a fonda pagina, leggo:


    Il film L'angelo della Vendetta (1981) di Abel Ferrara è in pratica un remake di questo film.

    Ok ma quella è una considerazione del recensore, non una notizia ufficiale sul film. Anche perchè se no ce ne sarebbero a bizzeffe di film che "in pratica" sono dei remake di altri film..
    Di sicuro hanno qualche elemento in comune ma a livello stilistico sono molto differenti.
  • Discussione Schramm • 8/02/16 12:19
    Controllo di gestione - 7085 interventi
    infatti. secondo questo grado dovremmo ritenere il rnr ferrarese un remake di zarchi...
  • Discussione Buiomega71 • 8/02/16 19:37
    Pianificazione e progetti - 23507 interventi
    Il CAPOLAVORO ferrariano NON E il remake di nessun film

    Sarebbe come dire che Coraggio...fatti ammazzare e il remake del Giustiziere della notte
    Ultima modifica: 8/02/16 19:38 da Buiomega71
  • Discussione Raremirko • 8/02/16 23:09
    Addetto riparazione hardware - 3806 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Il CAPOLAVORO ferrariano NON E il remake di nessun film

    Sarebbe come dire che Coraggio...fatti ammazzare e il remake del Giustiziere della notte



    Ok, Ok, il recensore avrà fatto una considerazione un pò troppo azzardata, tutto qua.
  • Discussione Buiomega71 • 30/01/21 13:46
    Pianificazione e progetti - 23507 interventi
    Ma da noi, al cinema, non è stato distribuito con il titolo di Thriller?

    Se così fosse, chiedo a Deep per conferma, sarebbe da eliminare A cruel picture
  • Discussione Deepred89 • 30/01/21 14:16
    Comunicazione esterna - 1460 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Ma da noi, al cinema, non è stato distribuito con il titolo di Thriller?

    Se così fosse, chiedo a Deep per conferma, sarebbe da eliminare A cruel picture

    Confermo che il titolo italiano era Thriller, come da ritaglio riportato da Digital (grazie al quale sono venuto a conoscenza della cosa).
  • Discussione Buiomega71 • 30/01/21 14:18
    Pianificazione e progetti - 23507 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Ma da noi, al cinema, non è stato distribuito con il titolo di Thriller?

    Se così fosse, chiedo a Deep per conferma, sarebbe da eliminare A cruel picture

    Confermo che il titolo italiano era Thriller, come da ritaglio riportato da Digital (grazie al quale sono venuto a conoscenza della cosa).

    Grazie Deep, sempre esaustivo. A me ha dato dubbi il manifesto italiano (anche riportato nella scheda quì presente) che ha, appunto, il solo Thriller come titolo.

    Quindi, Zendy, sarebbe da eliminare A cruel picture
    Ultima modifica: 30/01/21 14:21 da Buiomega71