LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/01/17 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Kinodrop 15/02/17 18:37 - 1876 commenti

I gusti di Kinodrop

Thriller dal doppio registro: narcotraffico e riciclaggio nella prima parte e una deviazione horror nella seconda, con tutte le sue caratteristiche non nuove ma ben distribuite. Una coppia, per sottrarsi alla morsa del giro malavitoso, si ritrova paradossalmente perseguitata da un inquietante vicino di casa. Duncan riesce con maestria - e alternando riprese raffinate con altre "sporche" - a coinvolgerci nella progressione di ansia e terrore che si succedono nella casa-trappola. Colonna sonora "industrial" perfettamente funzionale.
MEMORABILE: Il riscatto e la vendetta tutta al femminile; La fossa con le carcasse di animali.

Daniela 16/01/17 09:07 - 10356 commenti

I gusti di Daniela

In un paesino del Sud, John aiuta il losco zio nel traffico di droga in attesa di aver abbastanza grana da poter fuggire in Messico con la sua ragazza, ma non ha fatto i conti con il sospettoso vicino di casa... Lo sfigato Josh Stewart non ha perso il vizio di intrufolarsi nelle case altrui mettendosi nei guai, sempre per la regia di Dunstan. E'proprio dentro le pareti della casa che il film, fino ad allora piuttosto sonnacchioso, acquista ritmo e tensione. Gli ingredienti sono i soliti, ma cucinati in una pietanza thriller con risvolti horror che si fa gustare fino alla fine senza annoiare.
MEMORABILE: Il corpo a corpo nella fossa delle frattaglie

Mco 7/11/17 20:04 - 2187 commenti

I gusti di Mco

Una cavalcata in un territorio indefinito, che potrebbe trovarsi anche non lontano da casa nostra. Lì, in mezzo al nulla, anche la polizia è meglio non scomodarla. Proprio in quei luoghi conviene rispettare il detto millenario (anche ricordato da un proverbio a stelle e strisce nell'incipit) sul farsi gli affari propri. Sangue e violenza si rincorrono sempre più celermente a partire da metà film in avanti, togliendo il respiro, già affannoso, dello spettatore. Le immagini finali, soavi e corrusche, fanno da contraltare al buio precedente.
MEMORABILE: La sutura iniziale in automobile; La lenta scoperta del mondo sotterraneo da parte del protagonista.

Cotola 21/01/18 14:22 - 7872 commenti

I gusti di Cotola

Piacevole pellicola che si segnala per l'anomala ma riuscita mescolanza di noir, nella prima parte, e thriller nella seconda. Le sorprese che regala sono poche, ma tutto è gestito bene e con professionalità e l'intrattenimento non sarà di grande livello ma è assicurato. Peccato che manchi di quel pizzico di personalità e di originalità che lo avrebbe reso migliore e diverso rispetto alla media. Ma anche così il risultato finale non è male.

Schramm 5/01/19 19:32 - 2563 commenti

I gusti di Schramm

Squadra che colleziona non si cambia, né se ne altera il feticcio: tutt’al più si variano perché e percome dell’hobby, magari impigliandoli in quella tacita regolamentazione del buon vicinato sempre pronta a scatenare il peggio, instradando così due pesi e due misure narrative come tensive in un senso unico alternato dall’asfalto oliato. E di stringente tensione Dunstan ne immagazzina da aprirci un padiglione fieristico: scaltro cine-filibustiere, il nostro ci riaccende il fuoco sotto la sedia facendoci sudare surgelato, con un’ottimale prescrizione medica per i più cronici narcolettici.

Pumpkh75 21/06/21 13:43 - 1405 commenti

I gusti di Pumpkh75

Picchia, scortica, vibra. Non è certo la massima espressione dell’eccentricità, ma parte con un tramonto di brutti ceffi e facce livide e declina verso un’alba ancor più oscura, popolata da corpi infranti e illusioni dissolte, rendendo gli ottanta minuti interi (durata giusta: eccedere non sempre giova) talmente ansiogeni e palpitanti da farli sembrare i tre secondi prima del rigore di Grosso nella finale del Mondiale 2006. La Essoe e Stewart incendiano lo schermo, Dunstan si rivela tutt’altro che un semplice artigiano slasherofilo e ortodosso. Scurissimo, ma m’illumino d’immenso.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 16/01/17 21:34
    Gran Burattinaio - 5515 interventi
    Mco ebbe a dire:
    Mi permetto di "scroccare" il consiglio che hai dato all'amico Schrammino, Dany.
    Me lo segno per futura visione, grazie.


    Lo "scrocco" di dritte è sempre ben accetto ;o)
    Anzi, fammi il fischio quando inserisci il commento, magari sono stata troppo benevola... Dunstan, sceneggiatore degli ultimi Saw, mi ha fatto stare col fiato sospeso con The Collector ed ho gradito anche questo, pur di minore impatto.
    Ovviamente, se non l'hai già visto, metti in lista pure The Collector, qui sul Davinotti ha avuto un'accoglienza variegata, ma a mio parere presenta uno dei serial killer più bastardi e spaventosi apparsi sugli schermi negli ultimi anni.
    Ne esiste anche un sequel, diretto dallo stesso regista, ma la stroncatura di Schramm, che pure aveva quadripallinato il primo, si ha tolto la voglia di vederlo :o(
    Ultima modifica: 16/01/17 21:35 da Daniela
  • Discussione Schramm • 18/01/17 12:57
    Controllo di gestione - 6851 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Ne esiste anche un sequel, diretto dallo stesso regista, ma la stroncatura di Schramm, che pure aveva quadripallinato il primo, si ha tolto la voglia di vederlo :o(

    si, puoi tranquillamente risparmiartelo. in buona sostanza, vive della medesima sproporzione che ammorba quasi ogni sequel: un gioco al rialzo di gore, splatter, sbocchi di sangue e trappolame vieppiù ipertrofico con il niente intorno. un calco vuoto, issato su pro forma senza più sostanza alcuna. vengono non a caso alla mente i sequel di saw, eccettuando magari il terzo.
    ah, e come ulteriore aggravante, il triste umorismo involontario ingenerato da un detective appellato Uccello. può bastare?!
    Ultima modifica: 18/01/17 12:59 da Schramm
  • Discussione Daniela • 18/01/17 13:40
    Gran Burattinaio - 5515 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    come ulteriore aggravante, il triste umorismo involontario ingenerato da un detective appellato Uccello. può bastare?!

    si, basta ed avanza, anche se quell'accenno al detective Uccello non ci voleva, magari mi fa venire la curiosità di vedere dove si fa a cacciare ;o(

    Comunque, se proprio voglio togliermi il gusto di guardare una ciofeca, preferisco qualcosa tipo mostri giapponesi o fantascienza d'antiquariato, come sto facendo in questi giorni con una piccola rassegna colma di impagabili perle di umorismo involontario (non birbamente allusivo!) e bischeraggine cosmica ;o)
    Ultima modifica: 18/01/17 13:48 da Daniela
  • Discussione Mco • 18/01/17 16:45
    Scrivano - 9761 interventi
    "si, basta ed avanza, anche se quell'accenno al detective Uccello non ci voleva, magari mi fa venire la curiosità di vedere dove si fa a cacciare ;o( "
    Sublime... ;-))))
    Comunque voi due terribiloni mi avete iniettato una dose di curiosità elevatissima.
    Magari a breve me li ingollo entrambi.
  • Discussione Mco • 7/11/17 20:15
    Scrivano - 9761 interventi
    Per la mia dolce amica Daniela

    Ho finalmente inserito il film nel mio palinsesto, riuscendo a vederlo.
    Il contesto, fondamentale in casi come questi, era ideale: solitudine, scarsa luce, pioggia all'esterno con stillicidio lento sui vetri e gocce in grado di ricordare le forme più svariate a seconda dell'angolo visuale.
    Dunstan lascia che lo spettatore si assesti bene sulla poltrona per poi incominciare a mordergli i talloni, inizialmente in maniera delicata, quasi impercettibile, successivamente in modo canino, lupigno.
    Da quell'istante abbrivia un altro film, una specie di catabasi torture-porn, con cavie umane e sevizie assortite, evitando gli eccessi visivi ma non quelli emotivi.
    Ottima la direzione degli attori, bella la sfida, stigmatizzata dal possesso del cannocchiale, tra Engvall e Stewart.
    Bellissima la Essoe.
    Gran bel film.
    Grazie Dany per il tuo consiglio!
    Alle prossime dritte...
    Ultima modifica: 7/11/17 20:17 da Mco
  • Discussione Daniela • 7/11/17 22:19
    Gran Burattinaio - 5515 interventi
    Caro Mco, contenta che tu abbia gradito.
    Non ho dritte orrifiche fresche (gli ultimi visti del genere si attestano sul discreto), ma posso ripescare allargando il campo: il brillante Scappa -Get Out e lo stordente Raw (che ti avevo già segnalato a suo tempo).
    Film molto diversi, ma entrambi meritevoli di visione :o)
  • Discussione Mco • 7/11/17 22:36
    Scrivano - 9761 interventi
    Grazie mille!!
  • Discussione Schramm • 29/12/18 11:39
    Controllo di gestione - 6851 interventi
    mi è strapiaciuto. forse l'unica cosa di cui si potva fare a meno è quel calcare un po' troppo insistentemente sui tricks postproduttivi (i filtri della videocamera ogni due per tre, le mascherine che quasi tutto raccordano, le sporcizie pellicolari da usura grindhouse; troppo abusati anche se funzionali e a metà film capiamo come e perché - ma non indispensabili).
    il resto è però stato fuoco sotto il culo per 90' circa, avvertito anche come comodo sofà. euforia e tensione in pari misura.

    auguro a dunstan 10000 di queste ispirazioni e si spera non gli salti il grillo di fare il mesto sequel anche di questo. chiccosi gli insawde jokes. e se non c'è due senza tre...
    Ultima modifica: 29/12/18 11:42 da Schramm
  • Discussione Brainiac • 29/12/18 13:08
    Call center Davinotti - 1469 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    mi è strapiaciuto. forse l'unica cosa di cui si potva fare a meno è quel calcare un po' troppo insistentemente sui tricks postproduttivi (i filtri della videocamera ogni due per tre, le mascherine che quasi tutto raccordano, le sporcizie pellicolari da usura grindhouse; troppo abusati anche se funzionali e a metà film capiamo come e perché - ma non indispensabili).
    il resto è però stato fuoco sotto il culo per 90' circa, avvertito anche come comodo sofà. euforia e tensione in pari misura.

    auguro a dunstan 10000 di queste ispirazioni e si spera non gli salti il grillo di fare il mesto sequel anche di questo. chiccosi gli insawde jokes. e se non c'è due senza tre...

    Gli effetti della post-production sono pezza per un budget non esaltante. Gli avessero dato la stessa "dote" di un Man in the dark (per restare in ambito thriller) non ne avrebbe avuto bisogno. Fin dal trailer avevo notato la bassa qualità della fotografia. E' un peccato, credo che Dunstan meriterebbe altre occasioni, The collector era una bomba.
  • Discussione Schramm • 29/12/18 14:33
    Controllo di gestione - 6851 interventi
    va da sé che tutto quell'encoding da pellicola rovinata frammisto ai mascherini da moviola e videocamera che prima pare del tutto gratuito e irritante diventa via via sottotesto segnico. una volta dichiarato il jolly, però, usarlo più parsimoniosamente anziché farne un badge all'occhiello avrebbe solo ulteriormente giovato. in ogni caso è giusto un peluzzo nel tuorlo di un uovo filmico ottimamente rassodato, che personalmente ho gradito non meno (anzi se mai quella tacca in più) dell'esordio; non ho invece visto il comparativo di maggioranza che tiri in ballo, per cui nin zò (però è alvarez, uno che a casa mia non è ben accolto all'ingresso).. diciamo che se la prossima volta fa anche il miracolo di discostarsi di una supplementare ampia spanna dalla variazione goldberg di un refrain narrativo ormai consolidato, potremmo (o meglio potrei) quasi parlare di pentapalla.

    per la fotografia faccio invece più che decisamente il tifo. il modo in cui sono pittoricamente chiaroscurate le segrete è da capriole nello zucchero a velo, ed è forse una delle valenze tecniche che mi ha colpito di più. ma forse è anche la sorgente visiva (una smart superhd)alla quale non ero avvezzo ad aver caricato troppo colori e contrasti e tutto l'ambaradan illuminotecnico. se proprio devo sporgere un reclamo a riguardo, è durante
    NEIGHSPOIL
    il fuoco incrociato in giardino nel sottofinale
    FINE NEIGHSPOIL
    il cui editing e la cui fotografia avevano davvero la grana dell'handycam discount, e stavolta senza allarmante bisogno di scappatoie postproduttive. ma ripeto, son giusto piume di un pennuto bello grasso e croccante. avercene squadroni, di cine-filibustieri come dunstan.
    Ultima modifica: 29/12/18 14:43 da Schramm