Microscopic liquid subway to oblivion

Media utenti
Anno: 1970
Genere: drammatico (colore)
Note: Varie persone che hanno lavorato sul set dichiarano che a dirigerlo ci fossero due persone diverse, uno dei quali era Roberto Loyola.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/10/14 DAL BENEMERITO FAUNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 24/10/14 01:08 - 1918 commenti

I gusti di Fauno

Se lo si vede per acquisire nozioni sull'eroina è più tempo perso che altro. Il protagonista, docente in un college, mira a eliminare senza colpo ferire un suo studente, eroinomane, onde impedirgli di intaccare in qualsiasi modo la sua credibilità e posizione sociale... Il piano che usa è tanto cinico quanto geniale, ma alla fine nessuno ne uscirà bene (pur non essendoci sceneggiate di sorta, visto che l'ambiente è puramente anglosassone). La componente visionaria, neanche tanto psichedelica, assieme alla musica, costituisce la punta di diamante del film.
MEMORABILE: La scena delle moto coi fumogeni è mitica, al pari dell'irrealtà dello scambio di coppie.

Marcolino1 25/04/17 20:21 - 503 commenti

I gusti di Marcolino1

Il titolo è una strofa ermetica simbolo dell'eroina: quasi invisibile, diluibile nell'acqua e contaminatrice nel suo diffondersi, scorre nei sotterranei e nei cunicoli delle vene e conduce alla distruzione. La realtà è filtrata dagli occhi del tossicodipendente e le sequenze sono distorte, alterate, rallentate, fino all' astrazione pura, come l'incipit alla Kandinsky-Mirò e la scritta "Waste paper for the blind", che riassume il vicolo cieco devastante della droga incubo cerebrale che ritroveremo in Roma drogata, Viaggia ragazza viaggia e Bambulè.
MEMORABILE: L'ago della siringa nella sfera e l'esplosione di bolle colorate; La crisi d'astinenza di Billy; La partita al biliardo; La "conversione" della Aulin.

B. Legnani 27/05/20 17:02 - 4720 commenti

I gusti di B. Legnani

Minuti 17-18, scena in tre parti: la Aulin mima f-o-o-d all'inserviente di casa, che indica "di là". Vanno e tornano con nulla in mano, però lei mette in frigo un paio di cose che ci stavano sopra, e se ne va. L'altro "attore", sbagliando, la segue: lei lo ferma, così lui torna indietro e si ferma con un bello sguardo in macchina. Minuto 40: il prof. guarda fuori dalla finestra, lungo la quale scorre pioggia torrenziale, poi la mdp inquadra i due in giardino, che lui spia: lieve vento, nessuna goccia. Dopo c'è solo delirio. "Allibiti" gli spettatori della prima (Pulici): non stento a crederlo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Fauno • 24/10/14 01:15
    Compilatore d’emergenza - 2533 interventi
    Son contentissimo di averlo inserito, anche perchè esiste solo in inglese, che fra l'altro è molto biascicato. Devo ringraziare una mia amica italo-australiana per avermelo tradotto. Non è bellissimo, ma ha un suo interesse.

    Ero convinto che John Shadow fosse il marito della Aulin, ma ora che ho visto che era uno pseudonimo di Roberto Loyola mi sorgono dubbi. Magari chiedo conferma a qualcuno di voi che sia assiduo lettore di riviste cinematografiche.

    De Mejo se la cava, ma a me ha fatto impazzire Pomeroy, sia per il look che per quel che dice alla fine...FAUNO
  • Discussione B. Legnani • 24/10/14 01:39
    Consigliere - 13809 interventi
    Ciao, Fauno. Dovrei avere un articolo che parla anche del regista. Lo cerco e ti faccio sapere.
  • Discussione B. Legnani • 26/10/14 12:00
    Consigliere - 13809 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Ciao, Fauno. Dovrei avere un articolo che parla anche del regista. Lo cerco e ti faccio sapere.

    Trovato. Dossier Nocturno 43. Davide Pulici.
    In sintesi.
    Regìa non chiara al 100%, perché Pomeroy afferma che il film fu diretto dal produttore Loyola (frase, però, un po' equivoca: "We know him as John Shadow"). Altri dichiarano senza remore che fossero due persone diverse (appunto il marito della Aulin).
    Altre cose curiose. Il film risulta mai proiettato in Italia, se non ad una visione romana organizzata per parenti e amici venuto apposta dagli USA (dice Pomeroy), "restandone allibiti" (scrive Pulici).
    Visibile solo nell'edizione vista da Fauno, ma De Mejo assicura che lui doppiò l'edizione italiana...
  • Discussione Fauno • 26/10/14 13:06
    Compilatore d’emergenza - 2533 interventi
    Very interesting, Buono. Magari fra qualche anno salta fuori una pizza con l'edizione italiana che non ha mai girato... Qui però non vedo ragioni di censura che possano averne impedito la distribuzione, per quanto possa esser diabolico il ruolo del professore, e non è assolutamente sconvolgente neanche come contenuti. Peccato, perchè sarei stato curioso di vedere quale titolo gli avrebbero affibbiato. FAUNO.
  • Discussione B. Legnani • 27/04/17 16:29
    Consigliere - 13809 interventi
    Visto quanto precede, un riferimento a John W. Shadow, almeno nelle Note, lo farei.
  • Discussione Zender • 27/04/17 17:26
    Consigliere - 43513 interventi
    Se vuoi scrivere la nota la aggiungo.
  • Discussione B. Legnani • 27/04/17 18:29
    Consigliere - 13809 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Se vuoi scrivere la nota la aggiungo.

    Se metti in NOTE
    Varie persone che hanno lavorato sul set dichiarano che a dirigerlo ci fossero due persone diverse, uno dei quali era John W. Shadow, il marito della Aulin.
    ----
    Per IMDb, però, il regista è John W. Shadow, per cui, se i titoli di testa dichiarano Shadow, forse andrebbe fatto il contrario, cioè Shadow nei credito e Loyola in Note...
  • Discussione Zender • 28/04/17 08:52
    Consigliere - 43513 interventi
    Lo metterò n.c., Loyola.
  • Discussione B. Legnani • 28/04/17 10:20
    Consigliere - 13809 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Lo metterò n.c., Loyola.

    Ottimo.