Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/02/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 7/02/07 01:25 - 5561 commenti

I gusti di B. Legnani

Leggendaria, mediocrissima pellicola, girata nel Castello di Balsorano, venerata location. Pretesto per mostrarci ragazzotte nude, spesso non belle ma ruspanti, per lo più denudate da Antonio Cantàfora (visto ne Il Cartaio), coadiuvato da Mimmo Baldi pre-esorciccio. Belle la Viotti (Piera, non Patrizia) e la Pillon. Pensando ad un paio di scene, non sarebbe, neppure oggi, adatto ad educande. Da vedere, ma solo per poter dire "Io l'ho visto!" e, stando ai 'si dice', riscuotere clamoroso successo nei salotti veltroniani.

Undying 15/08/07 15:38 - 3807 commenti

I gusti di Undying

Non è pellicola memorabile (se non per l'allegoria scaturita da un titolo "assatanato"), ma resa gradevole dalla quantità di bellezze naturali che lo percorrono lungo lo sviluppo di un canovaccio imbastito piuttosto grezzamente. Alle attrici menzionate aggiungiamo la graziosa Margaret Rose Keil, presenza fissa nel genere, in seguito voluta da Massaccesi per Novelle licenziose di vergini vogliose e attiva nello strampalato Giochi erotici nella 3a galassia (aka StarCrash II, come apocrifo seguito di un film di Cozzi). L'anno dopo avrà un seguito.

Dusso 28/02/08 12:01 - 1566 commenti

I gusti di Dusso

Decisamente un buon decamerotico, che incassò una cifra colossale. Lo ricordavo un tantino meglio ma anche un po' più lento. Invece il ritmo è buono, molte sono le nudità e conta due famosissime scene (quella della capretta e quella delle feci in faccia ad un povero cristo). Girato nel castello di Balsorano. Con un seguito.

Cotola 5/09/08 13:39 - 9136 commenti

I gusti di Cotola

Titolo metaforico-boccaccesco per il solito decamerotico piuttosto noioso e poco originale. Gli ingredienti sono quelli di sempre: copiose nudità assortite, battutaccie di bassa lega, situazioni piuttosto grevi e via dicendo. Per il resto davvero poco o nulla di memorabile da segnalare. Potrebbe piacervi solo se siete davvero appassionati a questo filone di pellicole. Gli altri si astengano.

Daidae 6/04/09 13:23 - 3213 commenti

I gusti di Daidae

Nel genere "commedia boccaccesca" è sicuramente uno dei migliori. Alcune scene sono insopportabili, per il resto ci si delizia tra soldataglia col vizietto, corna e tante belle ragazze completamente nude. I tre attori principali sono azzeccatissimi.
MEMORABILE: L'arrivo delle checche-soldato.

Giacomovie 4/09/09 20:13 - 1400 commenti

I gusti di Giacomovie

Il titolo richiama la più spinta novella del Boccaccio (giornata 3 - novella 10) ma, nonostante abbondino le situazioni boccaccesche con la presa in giro di ogni ordine clericale, il riferimento al titolo e alla novella è solo accennato in due scene (nelle quali Antonio Cantafora si traveste da "San Patocco da Nerchia"...). Inizia dando segnali positivi di un livello accettabile, ma poi si perde in qualche puerilità di troppo. Anche se si tratta di un film "scostumato", c'è attenzione per i costumi di scena.

R.f.e. 8/09/10 13:06 - 816 commenti

I gusti di R.f.e.

Che ci crediate o no, quando scrissi i miei oggi famigerati articoli sul genere "decamerotico", mi ero riprodotto su CD gli stornelli cantati da Gianni Musy sui titoli di testa mordilliani di questo film e me li riascoltavo, persino in macchina! Indubbiamente, uno degli esempi più simpatici del filone - altrettanto godibile il suo sequel ...E continuavano a mettere lo diavolo ne lo inferno - anche grazie alla presenza di Cantafora e a una certa cura nei costumi e nelle scenografie. Radiose e ben utilizzate Melinda Pillon e Margaret Rose Keil.

Deepred89 21/03/11 23:36 - 3728 commenti

I gusti di Deepred89

Decamerotico mediocre, ma nel complesso piuttosto divertente, che accumula una serie di scenette naturalmente prive del benché minimo spessore e talvolta intrise di sorprendente volgarità. Regia grezza ed effettistica, ma fotografia decorosa e belle musiche di Cipriani: se non fosse così frivolo, il film non sarebbe nemmeno da buttare. Peccato che la mancanza di una vera trama finisca presto per stancare. Irritante (involontariamente) Cantafora, ben scelti gli altri caratteristi. Bruttarello, ma un cult per gli appassionati del filone.
MEMORABILE: La sequenza dell'evacuazione di coppia: difficile scegliere se abbandonare disgustati la visione o gridare al cult assoluto.

Il Gobbo 16/07/12 11:56 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Ma c'è mai stato un decamerotico senza il pittore o sedicente tale? In ogni caso, nonostante un pizzico di cura in più nella messa in scena (Albertini dopotutto non era un incapace) e un'idea di partenza discreta siamo sempre nel consueto squallore, a corto di trovate e di un minimo di simpatia dei protagonisti. La parlata fiorentina posticcia come in questo caso è insopportabile. C'è anche Fortunato Arena.
MEMORABILE: "Di che ordine siete sorelle?" "Marchettare" "Ah, delle Marche"

Homesick 23/05/13 10:28 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Tenendo conto che si tratta di un decamerotico, gli si debbono riconoscere una certa vivacità e sollazzo; non perdonabile è invece è un pessimo gusto che supera ogni limite di decenza (la scena della defecazione ripresa in dettaglio è pornografia). Il baldo Antonio Cantafora e il suo seguito di caratteristi reggono bene le parti e la manovalanza femminile espone gran panoplia di allegri nudi. L’attore Gianni Musy canta stornelli a tema su musiche di Stelvio Cipriani.
MEMORABILE: Le suore dell’ordine delle “Marchettare”; la sentenza di condanna alla castrazione preceduta dalla lettura dei codici.

Bitto Albertini HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina I diavoli della guerraSpazio vuotoLocandina Che botte ragazzi!Spazio vuotoLocandina Nudo e crudeleSpazio vuotoLocandina Emanuelle nera

Trivex 18/08/14 09:04 - 1752 commenti

I gusti di Trivex

La sintesi potrebbe essere la scena mostrata nella locandina. Infatti il film è una celebrazione della volgarità verbale e delle immagini, stranamente senza eccessi nelle scene di sesso. Non ho visto molti decamerotici per fare concreti paragoni e mi limito ad affermare che la storia diverte pochino e si giustifica solo per il palpabile fascino del suo tempo, trasmesso in modo irresistibile: il resto è niente.

Darkknight 20/12/15 16:21 - 354 commenti

I gusti di Darkknight

Decamerotico assai povero, sia di mezzi sia di idee. Praticamente non c'è una vera e propria trama (la parte del vescovo ospite nel convento sembra messa lì apposta per allungare il brodo, ma poi si dimenticano di darle una vera e propria conclusione) e il regista punta allora sulla volgarità demenziale (la defecazione in faccia, la sodomia a danno della capretta...). E, anche se ci si vergogna ad ammetterlo, la risataccia sguaiata ci scappa.
MEMORABILE: La canzone dei titoli di testa (cantata da Gianni Musy) e i disegni che l'accompagnano.

Paulaster 24/11/17 12:28 - 4500 commenti

I gusti di Paulaster

Nell’anno del Giubileo gli abitanti di Montelupone danno ristoro ai pellegrini di passaggio verso Roma. Clima boccaccesco più triviale che erotico: l’unico scopo è mettere in topless le varie pulzelle. Piuttosto ripetitivo anche nel suo essere greve, si lascia guardare per i dialoghi coloriti toscani e per un’ambientazione sufficiente per il filone. Uso disinvolto di doppi sensi tra ciondoli, siepi e scope. Adatto a chi apprezza il genere scollacciato.
MEMORABILE: “Ti pare il modo di spennellare così la mi’ padrona?!”; San Batocco da Nerchia; L’ordine delle Marchettare originarie delle Marche; Mandrilluccio.

Herrkinski 16/03/21 16:06 - 8215 commenti

I gusti di Herrkinski

Fin dalle vignette dei titoli di testa si capisce bene dove si andrà a parare, in questo decamerotico boccaccesco nella moda del periodo; ci si sorprende comunque ancora del grado di squallore e volgarità che riesce a raggiungere in diverse sequenze tra coprofilia, zoofilia e altre prelibatezze che in teoria dovrebbero far ridere. Si salva la cornice del solito castello di Balsorano e in generale una confezione piuttosto buona che lo eleva leggermente sopra ad altri deprimenti film del filone; comunque resta solo una bizzarria, con un cast di volti minori di nessun richiamo.

Ronax 28/06/22 01:07 - 1275 commenti

I gusti di Ronax

Come di regola nei decamerotici, il tasso di erotismo è inversamente proporzionale a quello della volgarità più becera e da questo punto di vista il fim di Albertini può vantare scene tristemente memorabili, prima fra tutte quella della defecazione in faccia, visibile però solo nell'edizione uncut. Per il resto non ci si discosta dalla media del filone con il solito armamentario di mogli in fregola, mariti cornuti e frati arrapati. Una certa cura nella ricostruzione degli ambienti e dei costumi e le grazie generosamente esposte delle attrici non lo salvano.
MEMORABILE: La Rose Keil e le sue due ancelle che attirano in una trappola Cantafora e il suo socio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Trivex • 6/08/14 12:48
    Archivista in seconda - 1318 interventi
    Dal sito delle forbici, risulta che il film sia stato prima bocciato in censura e poi riammesso dopo dei tagli, col VM18, dalla commissione di riesame.

    A presto la sua visione.
  • Discussione Deepred89 • 6/08/14 13:26
    Comunicazione esterna - 1602 interventi
    Trivex ebbe a dire:
    Dal sito delle forbici, risulta che il film sia stato prima bocciato in censura e poi riammesso dopo dei tagli, col VM18, dalla commissione di riesame.

    A presto la sua visione.


    Io posso giusto garantirti l'integralità di vhs Shendene ed emissione da Happy Channel, con la differenza che i titoli di testa in quest'ultima versione scorrono su fondo nero, mentre nell'altra su dei fumetti barzellettistici.
  • Discussione Trivex • 6/08/14 14:42
    Archivista in seconda - 1318 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Trivex ebbe a dire:
    Dal sito delle forbici, risulta che il film sia stato prima bocciato in censura e poi riammesso dopo dei tagli, col VM18, dalla commissione di riesame.

    A presto la sua visione.


    Io posso giusto garantirti l'integralità di vhs Shendene ed emissione da Happy Channel, con la differenza che i titoli di testa in quest'ultima versione scorrono su fondo nero, mentre nell'altra su dei fumetti barzellettistici.


    Inizio a fumetti!
  • Discussione Ruber • 21/07/16 12:38
    Formatore stagisti - 9268 interventi
    La versione su yt dura 1h24m24s, chiedo quanto dura quella uncut in vhs?
    Ultima modifica: 21/07/16 16:37 da Ruber
  • Discussione Deepred89 • 21/07/16 17:14
    Comunicazione esterna - 1602 interventi
    Non ho modo di controllare, ma mi pare la versione di youtube sia proprio la Shendene riversata.
  • Discussione Ruber • 21/07/16 18:19
    Formatore stagisti - 9268 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Non ho modo di controllare, ma mi pare la versione di youtube sia proprio la Shendene riversata.

    Ottimo! Molte grazie Deep, credevo fosse la versione cut.
  • Curiosità Zender • 21/10/16 18:42
    Capo scrivano - 48010 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Paulaster • 3/11/17 17:22
    Controllo di gestione - 97 interventi
    "Metti lo diavolo tuo ne lo mio inferno" viene citato in Vacanze di Natale (1983) nella scena in cui Paolo Baroni lo mima nel gioco in cui ci sono da indovinare i titoli dei film:

    Collosecco: "Era: metti lo diavolo con le corna tue, nello mio inferno. E queste qui erano le fiamme."
  • Discussione Michdasv • 7/07/22 17:12
    Galoppino - 287 interventi
    Il testo trecentesco è agevolmente reperibile in tutte le biblioteche scolastiche: si tratta della Decima Novella raccontata nella Terza Giornata, dal personaggio maschile Dioneo  (in greco: "Il Lussurioso"), che spesso, tra i narratori, è quello che si compiace di doppi sensi e di scherzi.
    Con quelle coordinate era facile indurre intere scolaresche di terza liceo classico - alla consultazione del testo ed alla meditazione... con particolare ponderatezza sulla esortazione finale.

    Testo ampiamente disponibile su internet, ad esempio qui. A cura di Aldo Francesco Massera. Bari, Laterza, 1927
    Ultima modifica: 8/07/22 08:24 da Zender
  • Homevideo Dusso • 15/02/24 20:45
    Archivista in seconda - 1848 interventi
    Il master in hd passato su Prime Video dura 1:22:01 (purtroppo hanno accorciato/tagliato la scena più celebre del film...)


    Immagine al minuto 43:31:

    Ultima modifica: 19/02/24 09:09 da Dusso