Le belle famiglie

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1964
Genere: commedia (bianco e nero)
Regia: [4e] Ugo Gregoretti
Note: Episodi: "Il principe azzurro" (Girardot), "Il bastardo della regina" (Andersen), "La cernia" (Anthony), "Amare è un po' morire" (Totò).
Numero commenti presenti: 5
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

R.f.e. 23/05/10 17:07 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Dispiace davvero constatare come questo interessante film a episodi sia frainteso e sottovalutato da molti. "Il principe azzurro", al di là della cornice farsesca, rivela, fra le righe, il perché molte donne ignoranti si facciano suore: per esercitare "almeno un po' di potere sulle persone umili e credulone". "La cernia" è esemplare nel rivelare l'insicurezza di certi uomini, che invece di sviluppare dei gusti estetici personali, si lasciano squallidamente influenzare dagli amici. Veramente brutto l'episodio con Nanni Loy e discreto quello con Totò.

Markus 4/08/11 08:39 - 3327 commenti

I gusti di Markus

Mediocre film a episodi (peraltro piuttosto sonnacchiosi), forse perché in definitiva (a parte la comparsata di Totò in "Amare è un po' morire") scarseggiano attori in grado di sostenere la scena; certo non tutto è da buttare e in definitiva il primo episodio ("Il principe azzurro") qualche sorriso lo strappa, soprattutto quando mostra la Girardot completamente allucinata dalla pubblicità che allora come oggi era martellante, ma complessivamente è un episodio inserito in un carnet di storielle di poco spessore.

Graf 28/08/13 02:34 - 700 commenti

I gusti di Graf

Un splendente esempio di film penitenziale nel senso di irrogato come penitenza agli spettatori a sconto dei loro peccati. Ugo Gregoretti, un regista (!) che andava per la maggiore negli anni’60, dirige con la mano sinistra "una cosa" che rassomiglia a un film a episodi. Qua e là si nota la buona volontà di comporre delle azioni e di raccontare degli eventi ma Gregoretti della trama se ne frega, a lui interessa solamente il messaggio da comunicare, anche se non si riesce proprio a capire quale esso sia. Spocchia e noia si integrano alla perfezione. Male Nanni Loy, agghiacciante, mentre la Milo si salva per la bellezza.
MEMORABILE: Una primizia assoluta: Totò fa sbadigliare.

Rambo90 25/03/15 22:19 - 6423 commenti

I gusti di Rambo90

Se non fosse per l'episodio finale con Totò, Rochefort, Celi e Sandra Milo sarebbe un film da evitare assolutamente. I primi tre segmenti non sono altro che barzellette allungate, girate malissimo e con una sceneggiatura pessima. Nel finale almeno si intravede un'idea originale e la bravura degli interpreti strappa molti sorrisi. Anche qui la regia è penosa, ma almeno sembra dare un senso a un'operazione che forse era meglio se non avesse mai visto la luce. Mediocre.

Minitina80 22/06/15 09:07 - 2392 commenti

I gusti di Minitina80

Quattro differenti episodi, non collegati tra loro, che ci mostrano alcuni vizietti e strane abitudini sessuali di alcune famiglie. Brava e divertente la Girardot che rispecchia la difficile situazione della donna siciliana di una volta, mentre il resto è tutto senza mordente. Nulla da eccepire sui messaggi che l’opera vuole lasciare, ma fondamentalmente ci si annoia, anche nell’episodio dove c’è Totò.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo R.f.e. • 23/05/10 17:52
    Call center Davinotti - 854 interventi
    Dvd: Medusa Home Entertainment, 2007. Buona qualità video.

    Numero dischi: 1
    100 min.
    9 Singola faccia, doppio strato (Formato schermo Widescreen)
    PAL Area 2
    Lingua audio italiano, Dolby Digital 1.0 - mono
    Lingua sottotitoli it
    Nessun extra

    prezzo: si trova spesso scontato sui 16/17 €
    Ultima modifica: 23/05/10 17:56 da R.f.e.
  • Discussione Squash • 20/09/14 17:22
    Galoppino - 196 interventi
    Il particolare aereo da turismo sul quale si imbarca Susy Andersen è un Super Aero 45 di produzione cecoslovacca. Non sarebbe male postare una foto.
  • Discussione Graf • 20/09/14 18:03
    Call center Davinotti - 906 interventi
    L'unica cosa da fare di questo film (!) è condannarlo alla damnatio memoriae.
    Di più non so.
  • Curiosità Zender • 2/02/17 18:29
    Consigliere - 43734 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: