LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/12/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 19/12/07 18:29 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La corruzione materiale, economica, morale e persino affettiva è al centro di questo dramma di Bolognini in cui si scontrano un figlio giovane, puro, idealista e assillato da dubbi esistenziali (Perrin) e un padre cinico, pragmatico e disonesto (Cuny, surclassato dalla voce del suo doppiatore, Enrico Maria Salerno). La Schiaffino eccelle come scostumata tentatrice e per questo il film fu criticato dal Vaticano. Finale geniale e profetico: l'intruppamento in discoteca come specchio dell'imminente avvento dell'individuo-massa.
MEMORABILE: Il corpo della Schiaffino velato da un asciugamano che pian piano scende...

B. Legnani 26/06/10 01:31 - 4781 commenti

I gusti di B. Legnani

Non mi pare particolarmente riuscito. Certo: non è un giallo per cui non è un delitto che si capisca, sin dalla partenza in barca, cosa vi accadrà per mero calcolo. Nella seconda parte il personaggio di Cluny, da cinico-astuto, si trasforma illogicamente in cinico-cafone, il che lascia assai perplessi. In altre parole l'assunto di base è molto migliore della sua messa in scena, benché questa conti su quattro facce perfette: Cuny, Balbo (impagabile il loro duetto con le voci di Salerno e di Nando Gazzolo), Perrin e una smagliante Schiaffino. Bello il finale, ma ci si arriva dopo troppi tagli col coltello.
MEMORABILE: Il finale con la vista dell'orrido e annullante rito in discoteca.

Giùan 14/07/13 07:06 - 3045 commenti

I gusti di Giùan

Ha il merito, in un'ottica di etica cinematografica, di porsi senza infingimenti fin dall’incipit (col discorso del Preside ai seminaristi) come un apologo morale; il che ne attenua i vizi legati a una certa apoditticità di intenti e all’esasperazione dei contenuti. Bolognini, ancorandosi al suo nitore formale (bellissimo il b/n di Barboni), delinea con affettuoso rigore la contraddittoria crisi spirituale d'un ragazzo preso tra i due fuochi della classe di appartenenza (luciferino Cuny) e della sessualità (la Schiaffino di milanese indolenza). Veggente.
MEMORABILE: La scena in clinica tra Perrin e la madre (una Isa Miranda in pieno delirio nevrastenico); Perrin che “cede” a Rosanna; Il finale in discoteca.

Vitgar 20/03/17 15:55 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

I turbamenti di un bravo giovane che uscito da un collegio si trova inserito in un contesto sociale in cui non si riconosce. Un padre affarista senza scrupoli, una ragazza tentatrice, il contabile che si butta dalla finestra. Bolognini cerca di interpretare al meglio questa tensione etica, ma non sempre vi riesce. Ottima la fotografia. Buon cast con una Schiaffino bellissima che lancia occhiate fulminanti.
MEMORABILE: Il finale.

Myvincent 27/07/17 20:26 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

Un giovane che sembra deciso a farsi prete viene "corrotto" dal padre, ricco proprietario di una casa editrice; nasce così un grosso conflitto fra valori spirituali e materiali. La tematica scorre su binari piuttosto scontati, ma i volti e le presenze fisiche dei pochi personaggi-protagonisti riempiono la vicenda di sottintesi dai vividi contenuti: sociali, psicologici, politici. Ottima la Schiaffino nel ruolo di Eva tentatrice.
MEMORABILE: Il finale con un pianto a dirotto decisamente ambiguo.

Il Dandi 30/09/19 23:23 - 1845 commenti

I gusti di Il Dandi

Cinico industriale corrompe il figlio seminarista blandendolo e bullizzandolo, alternando bastone e carota, fino a dissuaderlo dal proposito di seguire la sua vocazione. Un protagonista con le mani in tasca (e nemmeno strette a pugni) in un (niente affatto divertente) Viaggio con papà per questo romanzo di formazione al contrario, prevedibile nelle linee generali e appesantito da dialoghi talora verbosi, ma contemporaneamente facilitato da una durata agile, da facce giuste e da una certa sincerità di fondo.
MEMORABILE: Il salvataggio ritardato dall'annegamento; L'hully-gully finale.

Zampanò 8/04/20 13:15 - 191 commenti

I gusti di Zampanò

Nel '63 farsi prete era lo schiaffo più clamoroso al Boom. Ugo Liberatore ci ricama un soggetto delicato ma teso; non era semplice sospingere una morale senza farsi sentenzioso. Bolognini azzecca in pieno Perrin, attore che sa sottoesporsi mantenendo assoluta centralità (vedi anche La ragazza con la valigia). Maliarda la Schiaffino e bravo Cuny a impersonare rocciosamente la società tecnica, contro cui la Fede va a scornarsi. Poco noto, gemma del regista. Pungente il finale metaforico.
MEMORABILE: Perrin disperato si tuffa dallo yacht in alto mare pur di fuggire dal padre.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.