Il giustiziere della strada - Film (1983)

Il giustiziere della strada
Media utenti
Anno: 1983
Genere: fantascienza (colore)
Note: Aka "Gli sterminatori dell'anno 3000". In VHS edizione De Laurentis-Ricordi

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/12/07 DAL BENEMERITO SPECTRA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Spectra 16/12/07 16:28 - 84 commenti

I gusti di Spectra

Motociclette rombanti, guerrieri dall'espressione truce e dai vestiti stracciati armati di fucili e mitragliatori, sparatorie ed inseguimenti, corpi mummificati e scheletri esposti al sole del deserto. Modesta avventura post-atomica ispirata chiaramente al ciclo di Mad Max. Il regista Giuliano Carmineo accetta i suggerimenti dello sceneggiatore Sacchetti e piega la vicenda in direzione di un finale orrorifico... Forse almeno una volta vale la pena vederlo.

Daidae 7/05/15 17:45 - 3197 commenti

I gusti di Daidae

Ennesimo postatomico da niente, che parte con ottime scene d'azione (non per niente c'è il valido caratterista-stuntman Mioni) per poi scivolare nella banalità e nella scontatezza. A parte le sudette scene d'azione, quindi, c'è davvero poco (o niente) da citare; solo per collezionisti e patiti del genere. Buona comunque la prova del cast.
MEMORABILE: Crazy Bull, il fintissimo braccio bionico (si nota fin troppo bene la spalla allungata); il suddetto braccio che con un transistor diverso diventa potentissimo.

Homesick 27/11/17 13:26 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Le lotte per un bene di primaria necessità (qui l'acqua) e gli scenari postatomici dei due "Mad Max" non sono passati invano, ma Carnimeo ne cavalca il successo malamente: il suo polso registico si arresta dopo le prime scene d'azione, che raggiungono l'apice nell'attacco all'autocisterna dove emerge l'anima dell'artigianato italico. Trama blanda e due protagonisti assai mediocri e dimenticabili, a differenza delle concise partecipazioni di Venantino Venantini - c'è pure suo figlio Luca, che assurge a coprotagonista - e di Eduardo Fajardo ieratico senatore. *!/**
MEMORABILE: L'inseguimento iniziale e gli scheletri sull'auto; L'attacco all'autocisterna; Beryl Cunningham sfregiatrice.

Faggi 2/11/18 08:33 - 1550 commenti

I gusti di Faggi

Un disastro atomico ha decimato l'umanità; per i pochi individui rimasti in circolazione l'acqua è il bene più prezioso. Post-apocalittico (fantascientifico e avventuroso) di Carnimeo; ovvero cinéma bis allo stato puro. Intreccio scialbo; personaggi tagliati con l'accetta; qualche buona scena d'azione di tipico artigianato robusto. Si vedrà il solito materiale post-nucleare: paesaggi desolati, guardaroba stravagante, facce truci, deflagrazioni, efferatezze, motociclisti fuori controllo, autoveicoli truccati, archeologia della devastazione...

Pessoa 30/01/19 09:56 - 2476 commenti

I gusti di Pessoa

Astuto (nel titolo) postatomico ai limiti dell'homemade in cui Dardano Sacchetti riesce a mettere un residuo di umanità in pericolo, tanta action non priva di fantasia e una relove story piuttosto scontata. La sceneggiatura elementare ne riduce il livello, non la potenza e fa il suo dovere. La regia non è anonima e accompagna bene la buona prova del cast. I mezzi, purtroppo, sono quello che sono e, dato il genere, non è un particolare di poco conto. Nel complesso rimane un film guardabile, se si è estimatori del genere.
MEMORABILE: Il braccio bionico.

Ryo 26/01/20 09:28 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Ambientazione presa pari pari da Interceptor - Il guerriero della strada, che generò una miriade di pellicole postatomiche, sopratutto in Italia. Questa è una di quelle che, senza troppa fantasia e originalità, propone una storia nemmeno neanche fra le peggiori del sottobosco trash-post-atomico-nostrano. La recitazione è sufficiente, il ritmo buono e il film scorre senza troppi rimpianti.

Minitina80 23/02/20 11:45 - 2990 commenti

I gusti di Minitina80

Un post-atomico nato sulla scia dei lavori di Miller da cui riprende più di un semplice spunto. Le dovute accortezze nell’accostamento sono sottintese, essendo il lavoro di Carnimeo a buon mercato e più semplice nel costrutto, motivo per cui il pieno apprezzamento rimane confinato all’appassionato di genere. Uno spettatore occasionale potrebbe avanzare delle remore difficilmente obiettabili e virare altrove verso lidi più sicuri. La speranza è che non sia mai profetico per i disastri che si vedono sullo schermo.

Noodles 17/03/21 22:48 - 2263 commenti

I gusti di Noodles

Un Giuliano Carnimeo in tono minore gira un classicissimo film post-apocalittico con i soliti paesaggi lunari, i soliti personaggi in bandana e motocicletta con il solito duro come protagonista. La novità è totalmente bandita da questo film, che dopo un inizio vagamente promettente diventa di una noia e inutilità incredibili. Tutto è ampiamente scontato e a peggiorare la situazione arriva anche una recitazione di serie B, in realtà in tono col generale squallore di una pellicola mai avvincente. Forse piacerà agli amanti del genere, ma c'è da dubitarne. Gli altri si astengano.

Rigoletto 8/07/21 14:08 - 1788 commenti

I gusti di Rigoletto

In un futuro post-atomico i superstiti si scanneranno a vicenda per l'acqua. A chi pensa di ricominciare si contrapporrà la sopravvivenza animalesca della legge del più forte. Un B-movie un po' rozzo ma efficace, che non contiene niente di particolare ma anche a distanza di anni conserva una sua visibilità. Carnimeo, forse a corto di munizioni, non riesce a esprimere al meglio tutto il potenziale, ma non è colpa sua. Sufficiente la prova del cast.

Herrkinski 23/08/23 23:17 - 8162 commenti

I gusti di Herrkinski

Post-atomico poverissimo che Carnimeo cerca di portare a casa col minimo indispensabile; grazie a qualche faccia cara al cinemabis nostrano e a una certa dimestichezza col mezzo cinematografico, il regista riesce ad assicurare svariate scene d'azione e si arrangia con SPFX caserecci, cavando il proverbiale sangue dalle rape. La sceneggiatura di un Sacchetti all'epoca oberato di lavoro sembra a corto d'idee e le location aride non conquistano, tuttavia può essere una visione passabile per i completisti amanti del filone e per chi non ha particolari pretese.

Alicia Moro HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Slugs - Vortice d'orroreSpazio vuotoLocandina Uova d'oroSpazio vuotoLocandina Columbian connectionSpazio vuotoLocandina Edge of the axe
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Homevideo Buiomega71 • 15/04/16 19:05
    Consigliere - 26092 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs DeLaurentiis Ricordi Video:

    Ultima modifica: 15/04/16 19:27 da Zender
  • Homevideo Digital • 15/04/16 20:42
    Portaborse - 4017 interventi
    Bella rarità, bravo Buio. Io ho la vhs copiata e me la tengo stretta stretta..:D
  • Homevideo Buiomega71 • 15/04/16 20:56
    Consigliere - 26092 interventi
    Digital ebbe a dire:
    Bella rarità, bravo Buio. Io ho la vhs copiata e me la tengo stretta stretta..:D

    Grazie Digital, sì, anche questo è un bel pezzo, stranamente ancora assente in dvd.