Il giocatore

Media utenti
Titolo originale: Rounders
Anno: 1998
Genere: drammatico
Regia: John Dahl
Note: Altri titoli: "Rounders - Il Piacere del rischio" e "Il giocatore - Rounders".
Numero commenti presenti: 10

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/06/07 DAL BENEMERITO MAGNETTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 1/06/07 17:01 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Mike è uno studente mediocre di legge. Le carte però sono il suo vero talento nonché la sua fonte di sventure, soprattutto a causa dell'amico Verme (E. Norton). Buon film su un gioco, il poker, che ben si presta al cinema. Ottimo il cast di attori, tutti bravi. Menzione speciale per il personaggio di Teddy KGB interpretato bene e con ironia da John Malkovich (da vedere le due partite con Mike) e per Martin Landau che prende sotto la sua ala paterna M. Damon. Valido.

Galbo 14/02/08 20:47 - 11269 commenti

I gusti di Galbo

Dissertazione riuscita solo a sprazzi sul tema del gioco come ossessione, realizzata da John Dahl che non dimostra grande personalità come regista; il film non brilla per la sceneggiatura che appare come l'ennesima e non originale storia di un uomo che si gioca tutto al tavolo da poker. Più interessante la prova degli attori, non tanto il protagonista (Damon) non all'apice della forma quanto il cast dei caratteristi di lusso da Norton a Landau a Malkovich.

Cotola 19/12/08 23:54 - 7329 commenti

I gusti di Cotola

Film sul poker alla texana che pur essendo realizzato in maniera molto professionale non aggiunge assolutamente nulla al genere di cui anzi ricicla tutti i luoghi comuni compreso finale (semi) accomodante e prevedibilissimo. Regia corretta ma senza guizzi come pure la sceneggiatura, che non riesce a creare una vera tensione narrativa. Chi ama il tavolo verde resterà deluso visto il poco spazio che viene dato al gioco.

Renato 25/10/09 16:06 - 1495 commenti

I gusti di Renato

Divertente film con tutti i dovuti cliché che ci aspetteremmo. Il che non è necessariamente un difetto, almeno se le intenzioni sono oneste; qui a rendere piacevole la visione contribuisce senz'altro un cast di assoluto rispetto, da Martin Landau ad un John Malkovich gigione all'ennesima potenza ne ruolo di Teddy KGB. Godibile, in una parola.

Rambo90 4/08/10 00:30 - 6243 commenti

I gusti di Rambo90

Uno dei tanti film sul poker e nemmeno uno dei più ingegnosi, dato che si sofferma sul solito ragazzo sfigatello che invece di studiare ha la passione del gioco d'azzardo. A portarlo a buoni livelli sono una regia competente, un ritmo abbastanza alto e soprattutto un cast d'eccezione. Damon era già bravino ma si fa superare da un Norton eccezionale e, soprattutto, da Landau, Malkovich e Turturro.

Didda23 7/03/12 23:03 - 2268 commenti

I gusti di Didda23

Gli sceneggiatori stuprano e violentano senza pietà la ricchezza di un grandissimo gioco da tavolo, snaturandone la struttura ridicolizzando ogni fase: dal rilancio pre-flop all'assurdita delle puntate sul river. La maggior parte delle partite sono intrise di irrealtà fastidiosa ed inutile. Lo straordinario spessore artistico del cast viene sprecato per dare vita ad una bagginata senza arte né parte. A dirla tutta anche la regia è scadente, e il doppiaggio non si pone nemmeno il problema di tradurre con esattezza le fasi di gioco. Inaccettabile vaccata.

Piero68 7/05/12 08:46 - 2749 commenti

I gusti di Piero68

A cavallo tra Will hunting e Tom Ripley, Damon torna a vestire i panni del giovane tutto genio e sregolatezza, sicuramente il ruolo a lui più congeniale. Ma questa volta non ci sono né torbidi intrighi né cervelli da Nobel: c'è l'intelligenza al servizio di un tavolo da poker. Non eccellente la sceneggiatura, che però viene esaltata dalla buona regia di Dahl capace di a rendere impeccabile tutto il cast di contorno: Norton, Malkovich, Turturro. Vista la dinamicità della storia sicuramente uno dei migliori film sul gioco in generale.

Almicione 12/07/13 02:02 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Un film che coinvolge per tutta la sua durata, soprattutto se si è appassionati del gioco. La rappresentazione del mondo del poker e del sistema che lo circonda, con tutti i vari e tipici personaggi, è abbastanza buona, anche se a essa vanno a contrapporsi vicende abbastanza forzate e quindi poco probabili, che, insieme al finale, tentano di accattivarsi il pubblico più mainstream. Un finale crudo sarebbe stato più adeguato a una tale storia, al di là di un fine moralistico. Tutto sommato, una pellicola discreta. Bravi Norton e Malkovich.

Il ferrini 7/04/16 23:31 - 1623 commenti

I gusti di Il ferrini

Cast di lusso per questa pellicola sul poker, o meglio, sulla dipendenza da esso. Matt Damon cerca di smettere, anche per salvare la propria relazione con la splendida Gretchen Mol, ma Edward Norton lo trascina di nuovo al tavolo. Intensi anche i personaggi secondari interpretati da mostri sacri come John Malkovich e John Turturro. Molto suggestive la fotografia e le location, che rammentano sovente le atmosfere di Scorsese. Nel complesso un buon film, apprezzabile anche dai non addetti.

Metuant 27/09/17 08:49 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Non male come film sul poker, anche se il gioco in sé ha forse un po' meno peso di quanto possa sembrare a prima vista. La trama non è nulla di speciale, ma riesce comunque ad appassionare lo spettatore anche grazie a un notevole comparto attoriale (primo fra tutti John Malkovich). Non è certo un prodotto per chi ama il ritmo indiavolato, ma come film di genere è comunque più che decoroso.
MEMORABILE: Il vizio dei biscotti di Malkovich.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Socrate • 29/09/17 12:22
    Disoccupato - 21 interventi
    Vorrei cancellare il mio commento, grazie.
  • Discussione Zender • 29/09/17 12:57
    Consigliere - 43719 interventi
    Ok, però facciamo non più di due a settimana, Socrate e non tutte le settimane. In generale se c'è qualche commento da cambiare si fa e volentieri, ma se diventa un'abitudine riscrivere tutti i commenti non si finisce più. Anche perché i commenti andrebbero sempre fatti appena dopo aver visto il film, e a meno di non guardare sempre gli stessi film...
    Ultima modifica: 29/09/17 13:01 da Zender