Il bandito della Casbah

Media utenti
Titolo originale: Pépé le Moko
Anno: 1937
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: Soggetto tratto da un romanzo di Ashelbé (pseudonimo di Henri La Barthe).
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/11/09 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rufus68 28/07/17 18:40 - 3115 commenti

I gusti di Rufus68

Considerato un classico del realismo romantico dei Trenta, è invece un puro melodramma (depurato com'è degli aspetti "politici" più problematici, come in Alba tragica), acceso da un sentimentalismo rovente ed eccessivo attizzato dalla figura sempre fascinosa del fuorilegge proscritto dalla propria terra e, perciò, destinato alla rovina. Ciò non toglie che alcuni snodi siano un po' facili soggiacendo, inoltre, a un esotismo posticcio che Duviver non riesce a riscattare a pieno (operazione riuscita a Curtiz in Casablanca: per puro caso, forse).

Pigro 9/11/09 10:45 - 7817 commenti

I gusti di Pigro

Il bandito Pépé le Moko ha nella Casbah il suo rifugio dalla polizia ma anche la sua gabbia dorata, che l'amore di una straniera mette a dura prova. Antesignano del noir francese e del cinema d'atmosfera coloniale, il film è un gioiello per l'ambientazione (urbanistica e antropologica) della labirintica tana di Pépé. Un eccellente Gabin dà al protagonista le mille sfumature di un uomo tormentato dall'aspirazione alla libertà. Riprese sensuali e suggestive (mentre lui esce dalla casbah irrompe magicamente e oniricamente il mare). Da non perdere.

Faggi 9/12/15 17:45 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

Pellicola densa e magnetica, dal ritmo metronomico perfetto. Semplificando è sia un proto-noir che un gangster-movie con precise dosi melò a tinte forti; in realtà è molto di più, dove il di più ha a che fare col cinema nella sua essenza. Trama avvincente, finale imprevedibile, gusto e sperimentazione dell'inquadratura e del montaggio, dialoghi taglienti come rasoi, donne fatali che più fatali non si può, facce indimenticabili. Da vedere e rivedere e poi ancora rivedere.
MEMORABILE: Lui e Lei flirtando trasognati elencano strade e luoghi parigini, infine nominano insieme un posto dove gli amanti sono soliti darsi appuntamento.

Daniela 10/03/17 17:37 - 9502 commenti

I gusti di Daniela

Bandito parigino se ne sta ben protetto all'interno di un quartiere di Algeri, mentre un ispettore di polizia tenace aspetta che metta il naso fuori per beccarlo... Rispetto ai colleghi dei coevi film gangsteristici americani, Pépé più che un criminale sembra un anarchico disposto a rispettare (ed imporre) soltanto le proprie leggi. L'ambientazione esotica e stordente, la fatalità del triangolo amoroso, il volto ruvido e malinconico di Gabin, il finale che anticipa quello del Porto delle nebbie: tutti elementi che ne fanno uno dei film più romantici di sempre, tuttora in grado di affascinare
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 23/03/10 10:26
    Capo scrivano - 1378 interventi
    Dal 26 maggio in dvd per Cecchi Gori / DCult.
  • Curiosità Daniela • 10/03/17 17:24
    Consigliere massimo - 5214 interventi
    Il film di Duvivier conta due remake e una parodia.

    * I remake sono:
    Un'americana nella Casbah, film americano del 1938 diretto da John Cromwell con Charles Boyer e Hedy Lamarr alla sua prima produzione hollywoodiana;
    Casbah, film americano del 1948 diretto da John Berry con Tony Martin e Yvonne De Carlo.

    * La parodia venne girata da Carlo Ludovico Bragaglia nel 1949: Totò le Mokò con Totò musicista che, lontano parente del bandito creduto morto, viene chiamato dai componenti della "banda" a prenderne il posto.