LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/01/11 DAL BENEMERITO DAIDAE
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daidae 8/01/11 01:08 - 2872 commenti

I gusti di Daidae

Soporifera commedia dai forti risvolti erotici e dai temi "scandalosi". L'ottimo (esteticamente s'intende) cast femminile, in cui spicca la dolce Muriel Català, non basta a rendere interessante un film che pare fatto apposta per metter sonno. Aggiungete una colonna sonora scarna e il fatto che si svolga quasi tutto in una villa della campagna francese e il gioco è fatto. 2 pallini meritati.

Stefania 2/03/12 16:37 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Proustiano: una ricerca del tempo perduto all'ombra delle fanciulle in fiore. Nessuna immediatezza, tutto è filtrato dalla memoria, la fotografia virata al seppia fossilizza e relega inesorabilmente nel passato i primi turbamenti dell'adolescenza: la voce narrante dell'adulto che ricorda non c'è, eppure la si avverte, in sottofondo, chiosare ogni inquadratura, rievocare, riflessiva e lirica, ogni tappa del rito di passaggio all'età adulta, nello spazio di un'estate. Calligrafico e nostalgico.
MEMORABILE: "Sto troppo bene con te, Faustine, e quando uno sta bene si ferma, si mette tranquillo... è come morire!"

Saintgifts 27/12/12 23:49 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Faustina donna-bambina, onnipresente nell'estiva campagna francese, ora dorata dal sole, ora piovosa, rubando la luce e le inquadrature all'impressionismo. Personaggi che si sfiorano, donne appassionate e uomini perennemente indecisi, tutto declinato in atmosfere poetiche, con amplessi solamente declamati, o sognati. C'è un po' di tutto in questa vacanza campagnola, dove i giovani cercano la sicurezza dei meno giovani e i meno giovani cercano la freschezza di corpi appena sbocciati. Simbolico e troppo sospeso. Evanescente.
MEMORABILE: Bello dormire durante il giorno: è come rubare i sogni.

Alexpi94 16/12/17 00:29 - 186 commenti

I gusti di Alexpi94

Una giovane fanciulla alle prese con i primi turbamenti adolescenziali si trasferisce in campagna dai nonni per trascorrere le vacanze estive; qui incontrerà l'uomo (abbastanza stagionato) che ha sempre sognato. Molto elegante dal punto di vista visivo, con una buona fotografia e un'ottima regia. Ne viene fuori un prodotto leggermente patinato (il che non dispiace affato), sentimentale, malinconico e per niente volgare. Un po' lento in alcuni punti ma decisamente apprezzabile.
MEMORABILE: La protagonista che rimane nuda sotto la pioggia.

Georges Marchal HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Fauno • 14/10/16 12:41
    Compilatore d’emergenza - 2601 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film:

  • Musiche Lucius • 31/05/18 15:22
    Scrivano - 8779 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:



    Ultima modifica: 31/05/18 15:34 da Zender