LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/05/17 DAL BENEMERITO MYVINCENT
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Myvincent 29/05/17 09:09 - 2765 commenti

I gusti di Myvincent

Grande esempio di neorealismo romano, il film è una "favola" contemporanea che mette a confronto due mondi apparentemente inconciliabili, ma connessi da una problematicità di base: la borgata e i rigidi moralismi cattolici. Il racconto procede spedito, specchiandosi negli occhi "puri" dei protagonisti, nei quali si riflette tutta l'impossibilità esistenziale odierna e dove i cattivi e i buoni non sono categorie fisse e statiche. Plauso alla bravura spontanea di Simone Liberati.
MEMORABILE: Il "dagli all'untore" allo zingaro innocente...

Piero68 19/03/19 08:10 - 2808 commenti

I gusti di Piero68

Ennesimo racconto di borgata neorealista e contemporaneo. Ineccepibile da un punto di vista tecnico: non si può però fare a meno di pensare che De Paolis è sì bravino ma ha paura di sporcarsi le mani fino in fondo lasciando aperte molte questioni che invece meritavano migliore trattazione. Insomma, la pellicola sembra solo voler passare sopra ad alcune problematiche, tralasciando di approfondirle e facendo così posto alla solita retorica un tanto al chilo che in genere poco si sposa con questo genere. Buona la prestazione del cast.

Nando 20/03/19 12:40 - 3534 commenti

I gusti di Nando

Una travagliata storia d'amore ambientata nella periferia est della Capitale. Due mondi inconciliabili, una ragazzina oppressa da una madre e un ambiente rigidamente bigotto e cattolico, un ragazzo con lavori precari e una famiglia sotto sfratto. Risultato indubbiamente interessante con molte venature neorealiste e due interpreti sorprendenti per naturalezza. Finale troppo favolistico.

Giùan 23/05/19 10:07 - 3239 commenti

I gusti di Giùan

Più teso, empatico e stilisticamente consistente rispetto all'opera prima dei Fratelli D'Innocenzo, tesa pure a scandagliare la stessa "periferia" territoriale ed emotiva. De Paolis e i suoi sceneggiatori rivelano temperamento ma anche padronanza del mezzo Cinema nel pugnace tentativo di chiudere il cerchio attorno alle due corse, iniziale e finale, di Agnese e Stefano. L'autenticità espressiva della Caramazza e di Liberati emendano fisiologiche ingenuità, mentre la volontà di descrivere la contraddittoria realtà affettiva e sociale dona respiro al film.
MEMORABILE: La già citata corsa iniziale; L'infame visita ginecologica decisa dalla madre; La scena del rapporto sessuale tra i due ragazzi: intensa e delicata.

Lou 27/02/20 19:45 - 1027 commenti

I gusti di Lou

Tentativo riuscito di rappresentare un angolo di realtà contemporanea mettendo in contatto realtà sociali distanti attraverso una storia d'amore tra un ragazzo di borgata con lavoro precario e una ragazzina cresciuta in un ambiente rigidamente religioso oppressa da una madre bigotta. Ciò che li accomuna è la chiave del film: la sensibilità di fondo, l'incapacità di fare del male, lo smarrimento di fronte alle prove della vita. Una convincente opera prima.

Galbo 23/02/21 16:50 - 11574 commenti

I gusti di Galbo

Ha un'impronta fortemente neorealista l'interessante debutto del regista De Paolis. Una storia d'amore ambientata alla periferia di Roma (ma in fondo potrebbe svolgersi dovunque) che coinvolge due personaggi molto diversi tra loro e ben caratterizzati dalla sceneggiatura. La storia è in fondo minimale ma ben raccontata, con i personaggi delineati in chiaroscuro, a volte in modo volutamente ambiguo. Buona prova complessiva di tutto il cast, nel quale spicca la naturalezza di Simone Liberati. 

Simone Liberati HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Kaciaro • 14/07/17 01:01
    Galoppino - 490 interventi
    Film veramente notevole: bravissimi i due protagonisti, disagio sociale, storie di periferia ma veramente ben fatto. Poco credibile Fresi come prete ossessivo.
    Ultima modifica: 14/07/17 07:19 da Zender
  • Discussione Raremirko • 6/04/21 22:32
    Addetto riparazione hardware - 3629 interventi
    Notevole esordio registico con un buonissimo film di forte impatto sociale, tratto e/o ispirato a fatti veri.

    Ottimi interpreti (c'è pure il Pesce di Dogman e la Bobulova è sempre una garanzia; Fresi fa un simpatico prete) e più di una volta c'è (l'ottima) sensazione di trovarsi veramente lì, o che la macchina da presa sia semplicemente puntata, in modo invisibile, su fatti e persone vere.

    Da vedere.