Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/02/10 DAL BENEMERITO RENATO
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 6/02/10 11:35 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Buon film di Amelio, il suo primo lavoro per il grande schermo. Narra di un padre ed un figlio molto uniti che vedranno incrinarsi il loro rapporto per motivi politici (si parla di terrorismo), questa la storia in sintesi. Purtroppo non c'è grande pathos, immagino volutamente, ma le psicologie dei personaggi sono molto approfondite; ottime anche le musiche di Franco Piersanti.

Galbo 6/01/11 09:22 - 12462 commenti

I gusti di Galbo

Opera prima del regista Gianni Amelio e tra i film italiani più significativi sul terrorismo, Colpire al cuore analizza gli anni di piombo partendo da una dimensione rigorosamente privata. Il regista analizza sapientemente il rapporto padre-figlio che collide con la tragica storia italiana degli anni del terrore. Il film è sobrio e rigoroso, con una buona ed equilibrata sceneggiatura, e si avvale delle buone prove degli attori principali compiendo una efficace caratterizzazione ambientale.

Kanon 1/04/11 16:35 - 604 commenti

I gusti di Kanon

L'epoca del terrorismo italiano vissuto e (in)compreso da due generazioni diverse. Padre e figlio che guardano la medesima realtà con occhi diversi. Senza tanti clamori una storia di deriva dei continenti; spinti ognuno dal proprio flusso motorio, in un lento ed irreparabile allontanamento. L'introspezione psicologica determina un blando svolgersi della vicenda che ha nonostante tutto una buona coppia d'interpreti principali. Lodevole nel rifuggire dal facile sentimentalismo e dalla retorica dell'ideologia. A suo modo, Orwelliano.

Giùan 7/11/11 16:22 - 4678 commenti

I gusti di Giùan

Amelio non uccide la madre come Bellocchio, ma la sua delazione del Padre è un Pugno in tasca memorabile. L'unico film italiano capace di leggere il terrorismo come veleno inquinante i più radicati rapporti interpersonali. L'analisi storico-politica può comunque risultar succedanea rispetto alla crisi di un adolescente che, nel rifiuto dell'Autorità paterna, prova a rifugiarsi in un Super io Etico destinato a lasciarlo solo e sconfitto. Rarefatto eppure disperante. Trintignant e Fausto Rossi commoventi.
MEMORABILE: La macchina fotografica con la quale Emilio "inquadra" la sfuggente realtà; "Sei una stupida" sussurra Emilio alla madre alle prese col dittafono.

Caesars 30/11/11 08:47 - 3827 commenti

I gusti di Caesars

Film sugli anni di piombo, in cui però il terrorismo è un espediente narrativo per parlare invece dell' incomunicabilità tra padre e figlio. Girato con ritmi estremamente lenti, molto parlato (ma le parole non bastano a dare evidenza a quello che accade, padre e figlio sono e rimarrano estranei uno all'altro), ha però diversi snodi narrativi non molto realistici. Rimane comunque un discreto esordio registico su grande schermo, ottimo l'apporto recitativo fornito dal grande Jean Luis Trintignant. Direi **!

Rebis 2/08/12 15:27 - 2377 commenti

I gusti di Rebis

Gli anni di piombo scrutati attraverso la lente focale di un rapporto genitoriale che amplifica, distorce, isola, e infine rivela. La dialettica generazionale tra padre e figlio si fa ideologica (etica civile e dissidenza, idealismo e realismo) quindi dramma individuale attraverso la capacità rara di restituirci l'intimità dei due uomini (eccezionali Trintignant e Fausto Rossi) circondati da un mondo infestato di cultura, politica, musica e (troppa) letteratura. Un languore ovattato pronto ad un repentino disfacimento, segno della fine di un'epoca. Esemplare per rigore e sobrietà stilistica.

Cotola 15/09/13 10:51 - 9176 commenti

I gusti di Cotola

Il primo film per il cinema di Amelio è una sobria, rigorosa ed amarissima analisi del fenomeno terroristico (e quindi degli anni di piombo finiti da poco) che viene scandagliato da un punto di visto insolito: quello privato-familiare. Ne viene fuori una pellicola antispettacolare ma comunque intensa e soprattutto efficace nel descrivere [considerazioni psicanalitiche a parte (figlio vs padre)] un più generale conflitto generazionale. Belle le prove dei due protagonisti maschili ed interessanti e ben caratterizzati i loro personaggi. Un grande esordio.

Xabaras 28/08/16 12:00 - 210 commenti

I gusti di Xabaras

Il film si tiene alla larga dai sensazionalismi che potrebbero derivare da un'opera sugli anni di piombo. Trattasi invece di una pellicola a carattere psicologico, dove su tutto domina il tormentato rapporto di incomunicabilità e incompatibilità tra un padre professore ribelle e un figlio "sbirro" incapace di confrontarsi con la realtà a lui circostante immerso com'è nel suo mondo di libri e cultura (puramente astratta e mai veramente utile) e pieno di patologie metodologiche (il castello di carte e la sua aspirazione alla perfezione assoluta).
MEMORABILE: Il piano sequenza terminante con l'abbraccio tra padre e figlio che ricorda molto una scena simile di Accattone.

Marcolino1 22/01/17 16:32 - 553 commenti

I gusti di Marcolino1

Il rovesciamento del rapporto padre-figlio (il primo trasgressivo e rivoluzionario, l'altro esageratamente maturo per la sua età) richiama vagamente Oggetto sessuale di Cino; ma se nel citato film erotico la sovversione gerarchica genitoriale ci poteva stare, qui in ambito storico-politico e intimistico-familiare risulta pesante e inverosimile; gli spunti di base sulla storia contemporanea e l'incomunicabilità familiare sono buoni, la bravura attoriale c'è, ma il tutto è sviluppato confusamente e in maniera poco credibile.
MEMORABILE: La madre del ragazzo scrive a macchina con le cuffie alle orecchie e il figlio le recita la nota poesia goliardica "gobbo il padre, gobba la madre..."

Lou 20/12/20 19:19 - 1124 commenti

I gusti di Lou

Terrorismo e incomunicabilià tra padre e figlio, due temi che Amelio affronta in modo intrecciato nella Milano dei primi anni Ottanta. Ritmi molto lenti, approccio intimistico che privilegia i silenzi e le incomprensioni rispetto alle rivelazioni e alla resa dei conti. Debutto alla regia per Amelio, con ottime interpretazioni di Trintignant e del giovane Fausto Rossi.

Laura Nucci HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina La vergine di NorimbergaSpazio vuotoLocandina I lunghi capelli della morteSpazio vuotoLocandina A ciascuno il suoSpazio vuotoLocandina Solamente nero

Paulaster 30/05/22 10:01 - 4534 commenti

I gusti di Paulaster

Figlio adolescente scopre che il padre protegge una terrorista latitante. Il periodo è quello degli anni di piombo, con Amelio che racconta il terrorismo dal lato degli adulti affiancandolo alla relazione coi figli. I personaggi sembrano uscire da un film di Mazzacurati (soprattutto il ragazzo), con Trintignant che nasconde bene i suoi segreti e la Morante che resta sfuggente. Pregevoli i dialoghi padre/figlio (solo con un filo di retorica finale) a distinguere nettamente i ruoli tra buoni/cattivi e a farne un piccolo spaccato di codice civile.
MEMORABILE: A passeggio tra i cadaveri dell’attentato; Gli insulti alla madre mentre batte a macchina con le cuffiette; La foto; Lo schiaffo al bar.

Noodles 2/09/22 09:06 - 2330 commenti

I gusti di Noodles

Il difficile rapporto tra padre e figlio sullo sfondo degli anni di piombo. Film splendido per concezione, regia e recitazione. Cast completamente a suo agio. Fausto Rossi non ha troppe espressioni nel suo repertorio ma è perfetto in questo contesto di inquietudine personale e sociale, aiutato da un Trintignant che non invecchia mai. Pochi dialoghi ma molto efficaci. Nota di merito per la colonna sonora, che con le sue poche note accompagna efficacemente il tormento interiore dei personaggi, vera base della trama. Il resto è triste storia d'Italia. Splendido film di un bravo regista.

Magi94 15/04/23 12:52 - 965 commenti

I gusti di Magi94

Incredibile film che riesce a parlare (nell'82!) degli anni di piombo senza un briciolo di retorica, fatta eccezione per la frase messa in bocca alla Morante nel finale per evitare la censura. La regia di Amelio, livida, corona alla perfezione una storia di dubbi, incertezze e certezze del figlio minorenne, cresciuto "senza aver capito niente". Una magnifica fotografia dipinge con toni cupi sia gli interni altoborghesi di sinistra che le plumbee Bergamo e Milano, palcoscenici di un capovolgimento del ruolo di padre e figlio nella generazione post-68. Grande esordio e grande cinema.
MEMORABILE: La scena del conflitto a fuoco in cui il figlio si muove come in un museo; Il finale.

Reeves 16/06/24 00:11 - 2404 commenti

I gusti di Reeves

Gli anni di piombo sono sullo sfondo, qui si racconta la storia privata di un padre e di un figlio che hanno un rapporto molto duro tra loro. Il film riesce a stare sul filo dell'ambiguità, proprio perché non gli interessa dare un giudizio o sostenere una tesi. Esordio brillante per Gianni Amelio, grande prova per Trintignant, Laura Morante giovanissima fa già vedere la sua classe.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.