Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Due designer di sanitari, Luca (Argentero) e Rocco (Fresi), sono alle prese col boss (Lanciotti) della compagnia che ha assorbito le loro due aziende: uno verrà selezionato per proseguire, l'altro verrà licenziato. Come operare la scelta, dal momento che uno sembra avere le qualità che completano l'altro? Semplice: lo scambio di vite, che tra fiction, cinema e reality ormai furoreggia ovunque. Qui l'operazione dovrebbe essere utile (non è ben chiaro come) per la decisione definitiva. Luca andrà quindi a vivere con la famiglia di Rocco, Rocco prenderà possesso della casa ultramoderna del single sciupafemmine Luca. A guadagnarci sarà forse la moglie (Ambra) di Rocco, che si ritrova in casa un "belloccio" decisamente in forma invece del...Leggi tutto marito pacioccone? Non è detto... Max Croci dirige con buona vivacità (e facendosi aiutare quando serve da una colonna sonora che piazzando al punto giusto due classici come "Sweet Home Alabama" dei Lynyrd Skynyrd e "I Heard It Through The Grapevine" di Marvin Gaye alza il ritmo facilmente) una commedia risaputa e poco interessante. Dei due segmenti, che spesso s'incrociano, quello con Fresi ha i maggiori spunti umoristici, sfruttati con intelligenza da un attore che si conferma valido volto nuovo della comicità made in Italy: simpatico il difficile rapporto con la casa domotica, spassoso quello coi vicini (il tizio manesco e la prorompente Ines). Superiori le difficoltà per Argentero, che nonostante le apparenze pare più tagliato per il drammatico che per la commedia, dove non sembra avere i tempi giusti mostrando poca spontaneità nei gesti e nelle espressioni. Meglio Ambra, presenza fissa del genere che nonostante la scarsa pregnanza del personaggio la sua impronta la lascia. Brillante la figlia più piccola, affogati nei più biechi stereotipi i suoi fratelli. Poco riuscito anche il personaggio della cugina sexy di Rocco interpretata dalla pur convincente Serena Rossi: all'arrivo di Luca si accorge di conoscerlo e sarà tutta sorrisini e ammiccamenti. Sono regia e montaggio (di Simone Manetti) a tener su un film che rischiava altrimenti di risultare tra i meno innovativi e avvincenti degli ultimi anni. Nessun colpo di scena, com'era ovvio, ma seguendo prudentemente le linee guida delle commedie in voga oggi il film se non altro qualche rara risata la strappa (con Fresi) e la vicenda si segue fino alla sua conclusione senza troppi rimpianti. Non lascia traccia, non spinge certo alla riflessione, non induce a seconde visioni. Solo un modesto intrattenimento confezionato con buona professionalità, null'altro.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/10/16 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 8/10/16 15:31 - 3465 commenti

I gusti di Markus

Per motivi professionali due uomini dall'aspetto e dal modo di concepire la vita totalmente diversi devono scambiarsi i ruoli. Un canovaccio non certo nuovo ma che dovrebbe - e il condizionale è d'obbligo - generare tutta una serie di equivoci, ma la pochade in questione non "gira" sempre per il verso giusto. Fresi riconferma di essere una spanna sopra a tutti, capace solo lui di reggere la struttura comica, mentre Argentero, vista la sua onnipresenza nel cinema, ce lo dobbiamo far andar bene. Ambra (con qualche rughetta, ahimé) funzionicchia.

Gabrius79 8/10/16 20:43 - 1291 commenti

I gusti di Gabrius79

Una commedia sempliciotta per una visione senza troppe pretese è quella che ci propina la regia di Max Croci. In alcuni momenti ci si diverte grazie alla buona comicità (e alla simpatia) di Stefano Fresi, mentre Argentero appare più spento forse a causa del ruolo. Bene la Angiolini anche se l'abbiamo vista in performance migliori, mentre Serena Rossi convince poco. Si poteva dare di più.

Maxx g 9/10/16 14:40 - 530 commenti

I gusti di Maxx g

Solito film con scambio delle parti (qualcosa di più originale sembra un difficile parto, per il cinema italiano attuale), non regala che qualche sorriso qua e là, specialmente per Stefano Fresi, alle prese con un'abitazione supertecnologica. Là però ci si ferma. La Angiolini e Argentero sono piuttosto fastidiosi, per tacere dei figli della coppia (salvo il riscatto finale del ragazzo, convinto a coltivare la propria arte). Da vedere per una serata spensierata, senza chiedere nulla di più.
MEMORABILE: Fresi che si fa trovare in stanza senza vestiti, aspettandosi la moglie e invece...

Rambo90 11/10/16 23:18 - 6951 commenti

I gusti di Rambo90

Idea simpatica, sviluppata in maniera poveristica tra inquadrature instabili e montaggio da videoclip (alla lunga stancante e poco cinematografico). Croci dirige decisamente male, ma almeno la coppia Argentero-Fresi regala più di un sorriso, soprattutto il secondo alle prese con gag divertenti tra assurdi incontri erotici e gelosie. Posticcia la love story con la Rossi, azzeccati i vari caratteristi. Guardabile ma non indispensabile.

Motorship 12/10/16 17:37 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Mi aspettavo qualcosa di più, ma comunque il risultato è tutt'altro che disastroso, dato che il film nella sua ovvietà risulta simpatico. La storia sa di già visto, ma qualche spunto originale non manca e la situazione degli equivoci è ben orchestrata. Si ride abbastanza grazie a uno Stefano Fresi piuttosto in forma; lo stesso non si può dire di Argentero (spento) e di un'Ambra Angiolini non in parte. Non male il resto del cast, in particolare Serena Rossi (simpaticissima).

Galbo 24/02/17 07:21 - 11766 commenti

I gusti di Galbo

Ennesima commedia sullo scambio delle vite che riguarda in questo caso due designer concorrenti che si mettono letteralmente uni nei panni dell'altro. La commedia funziona a corrente alternata: efficace la parte con Fresi sicuramente a suo agio con i tempi brillanti imposti dalla sceneggiatura. Più convenzionale e prevedibile la parte con Luca Argentero, sacrificato da uno script più prevedibile. Tra i protagonisti, da segnalare la buona prova della Angiolini ormai a suo agio nel genere.

Homesick 17/05/17 08:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Striminzita commedia contemporanea dai contenuti stravisti con moralina finale inzuppata nel rosa. Agevolato dal breve metraggio, Max Croci se la cava nella conduzione svelta e nello stile pulito, mentre i suoi attori recitano insaccati in ruoli stereotipati e logori: alcuni non sono privi di naturalezza (il pacioccone Fresi, l'energica Angiolini), altri invece alquanto impostati (il seduttore Argentero e i suoi sorrisini). Visione leggerissima e subito dimenticabile.
MEMORABILE: «Ma va' a...Francoforte!».

Ultimo 7/10/17 10:18 - 1507 commenti

I gusti di Ultimo

Commedia piuttosto mediocre, con una regia piatta e inquadrature rivedibili. Il duo Argentero-Fresi quantomeno se la cava piuttosto bene riuscendo ad essere a tratti molto simpatico. Il tema dello scambio d'identità non porta nulla di nuovo al cinema, ma il prodotto, in fin dei conti, risulta almeno sufficiente. Ci sono anche la Angiolini e la Rossi, non particolarmente brillanti.

Daniela 21/07/18 09:00 - 11063 commenti

I gusti di Daniela

Due design di sanitari igienici, messi in competizione fra di loro dalla nuova proprietà dell'azienda, sono costretti a prendere l'uno il posto dell'altro per una settimana, sul lavoro ed anche in ambito familiare. Essendo caratterialmente oltre che fisicamente all'opposto, gli esordi sono disastrosi ma poi... Solita commedia italiana di modesta levatura: il problema non è tanto lo spunto poco originale quanto la prevedibilità degli sviluppi. Se si riesce ad arrivare in fondo senza troppo penare, lo si deve alla naturale simpatia di Fresi, la cui vis comica meriterebbe occasioni migliori.

Marcolino1 4/03/19 18:32 - 552 commenti

I gusti di Marcolino1

Il film si sorregge esclusivamente sul ritmo piuttosto serrato e incalzante, poiché ogni scena è strutturata come uno spot televisivo girato secondo la sensibilità e lo stile contemporanei, ma non purtroppo, come meglio sarebbe stato, seguendo i passi del carosello d'altri tempi; privo di questo elemento il film poteva risultare piuttosto tedioso. Se infatti da una parte è attuale lo "svendersi" dell'Italia imprenditoriale allo straniero, dall'altra i luoghi comuni e i cliché sono tanti, facendo scivolare il tutto sostanzialmente nel prevedibile.
MEMORABILE: L'amante che seduce con una tecnica particolare che "concede e toglie" al tempo stesso; La creazione di un neologismo scurrile: "Ma va a Francoforte!".

Max Croci HA DIRETTO ANCHE...

Pinhead80 29/04/20 11:45 - 4197 commenti

I gusti di Pinhead80

Per poter ottenere successo sul lavoro due designer vengono invitati a scambiarsi le proprie vite. Questo strano esperimento permetterà loro di scoprire e apprezzare abitudini che in precedenza ignoravano o detestavano. C'è poca sostanza in quest'opera di Max Croci che si regge esclusivamente sulla vena comica dell'ottimo Stefano Fresi, capace come al solito di essere autoironico come pochi. Ad Argentero è affidata la parte del bello che fugge dalle relazioni serie e ci può anche stare. Cast femminile sottotono.

Caveman 17/11/21 06:33 - 373 commenti

I gusti di Caveman

Due designer sono costretti, per volere del nuovo boss, a scambiarsi le vite. Perché? Per poter poi decidere chi sarà meritevole di mantenere il posto lavorativo. Spunto iniziale banale (tanto valeva giocarsi il buon vecchio scambio dei corpi alla Tutto accadde un venerdì) ma almeno la simpatia dei protagonisti, unita a quella di Ambra, non delude. La vicenda prosegue nei binari della banalità e non è certo difficile intuire il finale, ma nonostante tutto il film si lascia seguire (grazie anche alla limitata durata). Se vi capita, bene. Ma non diventate matti a cercarlo.
MEMORABILE: Fresi davanti al salumificio "Ciao amore, papà deve andare, ha dei clienti".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.