Boston: Caccia all'uomo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Patriots Day
Anno: 2016
Genere: thriller (colore)
Regia: Peter Berg
Note: La pellicola è l'adattamento cinematografico del libro "Boston Strong", scritto dall'autore Casey Sherman assieme al giornalista Dave Wedge, riguardo all'attentato alla maratona di Boston avvenuto il 15 aprile 2013.
Numero commenti presenti: 10
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

C'è un pre, un durante e un dopo; tutte e tre sono fasi importanti che il bravo Peter Berg sa portare in scena senza tralasciare l'aspetto documentaristico (soprattutto nel "durante") ma permettendo al film di emergere come tale, come anzi fosse un action sganciato dalla realtà. La qualità della fotografia, le valide interpretazioni del cast, la sapienza con cui vengono condotte le scene più tese apparentano questo PATRIOTS DAY (il titolo originale fa riferimento al giorno dell'attentato, compiuto durante l'annuale celebrazione della battaglia di Lexington del 1775) agli esempi riusciti del genere. Il fatto che racconti di un attentato realmente verificatosi durante la Boston Marathon del 15 aprile 2013 aggiunge sale all'opera e testimonia...Leggi tutto di una delle tante lotte combattute contro gli estremisti islamici in tutto il mondo (all'epoca si parlava ancora di Al Qaeda). I punti di vista come d'abitudine si moltiplicano: si passa dai due fratelli che piazzarono le bombe al poliziotto (Wahlberg) quasi sempre presente sulla scena fino ad altri personaggi secondari che avranno un ruolo in ciò che circonda l'evento. La prima parte racconta piuttosto sommariamente dei preparativi da parte dei due killer, del rapporto tra il poliziotto e la sua bella moglie (Monaghan), di giovani coppie che si troveranno nel punto sbagliato al momento sbagliato, del ragazzo cinese che avrà una parte importante per l'individuazione dei due colpevoli. Quando si passa al giorno della maratona la regia e il montaggio accelerano, le ore vengono scandite con maggiore frequenza e la concitazione si trasforma lentamente in panico nell'attimo delle esplosioni. Poi la calma dopo la tempesta, la riorganizzazione, le indagini, la caccia vera e propria... Come evidenziato nel titolo italiano è soprattutto in quest'ultima fase che il film acquista una sua decisa connotazione focalizzandosi sulla fuga dei due e la polizia che li bracca. Chiudendo un occhio sull'eccesso di retorica in qualche considerazione del protagonista, ciò che resta fa sì che il film sappia coinvolgere al punto giusto. Senza realizzare nulla di speciale Berg insomma confeziona un buon dramma, vario e ritmato, che mette in luce qualche ingenuità nelle procedure della polizia ma anche il coraggio dei suoi agenti, con Kevin Bacon piuttosto anonimo come uomo dell'FBI ma un Wahlberg in bella forma. Ottime riprese, un primo esplosivo rendez-vous in un vicolo e la solita trafila di chiarimenti sul futuro dei protagonisti mentre scorrono i titoli di coda, dove compaiono anche le foto di chi quel giorno, sul luogo dell’attentato, c'era davvero.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/04/17 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 25/08/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Redeyes 8/05/17 07:56 - 2126 commenti

I gusti di Redeyes

Il fracassone Berg di Hancock qui netta il suo raccontato offrendoci un buon film sui drammatici fatti di Boston. Come detto, si lascia poco spazio a inutili sferzate di adrenalina, ma di pari passo si perde anche un'introspezione degna di questo nome sui protagonisti, tendendo e ottenendo quello che per molti versi sembra un documentario. Le interpretazioni sono asciutte e buone e il patriottismo (qui più campanilismo) trionfa ma senza gravare la pellicola oltremodo. Finale con inserti e interviste ai veri protagonisti.

Rambo90 25/04/17 09:02 - 6269 commenti

I gusti di Rambo90

Ben fatto, teso thriller a sfondo realistico, che fa il paio con Deepwater dello stesso anno per Berg, con uno stile che rinuncia alla spettacolarità anche nelle scene d'azione per mantenersi il più possibile sul verosimile, con inserti quasi documentaristici. Buona la prova del cast, con il trio Wahlberg-Goodman-Bacon sugli scudi ma una bella interpretazione anche da parte dei due attori calati nei panni dei terroristi. Qualche cedimento di ritmo verso la fine (con eccessi patriottici), ma nel complesso un buon resoconto dei fatti.

Capannelle 2/06/17 01:04 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Berg conferma una certa maestria nel disegno della tensione con toni realistici, con l'aggiunta di dettagli tecnici e senza quegli eccessi di enfasi e fracasso che molti suoi colleghi denotano. Cast interessante eccetto i due terroristi: dopo una prima ora notevole, infatti, è la loro entrata in scena a far calare la presa. Riprende quota dopo e porta all'epilogo di racconti francamente evitabili. Inevitabile la retorica in alcune battute ma c'è anche la capacità di far emergere errori operativi e incertezze delle forze dell'ordine.

Galbo 3/06/17 06:23 - 11307 commenti

I gusti di Galbo

Ormai specializzato in pellicole d'azione, l'attore e regista Peter Berg conferma il proprio talento con la ricostruzione dell'attentato alla maratona di Boston. Il film è ben realizzato, curato nella ricostruzione dell'evento e della caccia agli attentatori che ne seguì. Il "taglio" è in alcune scene quasi documentaristico anche se non manca l'elemento retorico affidato al personaggio interpretato da Mark Whalberg. Il cast è ben scelto e offre una convincente prova corale.

Josephtura 8/08/17 08:44 - 148 commenti

I gusti di Josephtura

Bel film, dal taglio televisivo ma dal buon ritmo e una valida sceneggiatura. Racconta la storia dell'attentato a Boston nel 2013 e di come vite di persone scollegate tra loro ne sono state casualmente colpite. Sono particolarmente interessanti alcune riflessioni fatte dagli autori sul terrorismo, visto in questo caso come devianza sociale e non come ideologia.
MEMORABILE: La riflessione sul male fatta da Wahlberg e l'interrogatorio finale

Didda23 6/10/17 16:09 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

Berg non ha mai fatto film eccezionali, nonostante sappia destreggiarsi bene nell'uso del mezzo cinemtografico. In questo caso, con una sceneggiatura più che discreta, riesce a confezionare un film che, seppur non indimenticabile, sa intrattenere a dovere lo spettatore. L'atroce vicenda è trattata con i giusti crismi senza troppi eccessi nella drammatizzazione degli eventi, conferendo un giusto tono realistico. Non male il cast capeggaito da Mark Wahlberg che si trova benissimo in ruoli del genere. Un film solido e ben realizzato.
MEMORABILE: L'analisi delle immagini delle telecamere per trovare gli attentatori; Il rapimento del ragazzo asiatico; La guerriglia urbana.

Beffardo57 6/10/17 22:34 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Ricostruzione adrenalinica dell'attentato alla maratona di Boston, delle indagini successive, della caotica ricerca dei responsabili e della rocambolesca conclusione. Ovviamente c'è una prevedibile (e massiccia) dose di patriottismo e di retorica buonista. Ma c'è pure un ritmo narrativo sempre molto teso, avvincente. La conclusione, poi, non è ingenuamente ottimista (sinistra è l'alterità irriducibile della moglie del terrorista), ma quasi connotata da un tono di rassegnato fatalismo.

Il ferrini 25/12/17 17:34 - 1644 commenti

I gusti di Il ferrini

Si colloca senza dubbio più vicino al thriller che al drammatico e non era facile, visto cosa racconta. Invece Berg va dritto per la sua strada e preferisce la tensione alle scene lacrimevoli; cast in buona forma (anche quello secondario) e ottima la ricostruzione degli eventi. La parte più interessante è senz'altro la seconda, con la coppia di terroristi in fuga, ed è lì che Wahlberg ruba decisamente la scena a Bacon. Certo, non manca un po' di retorica a stelle strisce, tuttavia la narrazione è abbastanza rigorosa e il ritmo non manca. Buono.

Piero68 26/04/18 09:03 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Dato il soggetto era difficile riuscire a mantenere la rotta nella giusta maniera e soprattutto a non scadere nella solita retorica. E invece Berg ci riesce in pieno. Sia dando il giusto ritmo al girato, sia inserendo magistralmente scene di repertorio miste a finzione. Conferma di non poter fare a meno di Wahlberg e gli dà un taglio più da loser che da eroe. E' ovvio che la politica non poteva rimanere fuori, ma anche in questo caso gli viene dato il giusto spazio senza eccedere. Insomma, un film che si fa vedere con piacere.
MEMORABILE: Wahlberg ripercorre mentalmente il posizionamento delle telecamere nella ricostruita scena dell'esplosione.

Nando 27/08/18 23:45 - 3453 commenti

I gusti di Nando

La narrazione del becero attentato di Boston con la conseguente serrata indagine che conduce al giusto finale tendenzialmente americanizzato. Buona la narrazione con inserti stile documentario e cast ben affiatato nonostante la troppa enfasi di Wahlberg. Nel complesso una pellicola valida su un evento drammatico della storia recente narrato con stile lucido e costruttivo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Capannelle • 2/06/17 01:22
    Scrivano - 2487 interventi
    Due uniche concessioni alla fantasia nel film: il protagonista Wahlberg, che riassume nella stessa persona i contributi di più poliziotti, e la simpatia tra il poliziotto ucciso a sangue freddo e la studentessa. Forse anche la donna sul tetto. Tutto il resto, dai poliziotti che sparano addosso ad altri poliziotti alla fuga dell'asiatico, è tutto vero.