Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• IL SIGNORE DELLE TENEBRE

All'interno del forum, per questo film:
• Il signore delle tenebre
Titolo originale:Something Evil
Dati:Anno: 1972Genere: horror (colore)
Regia:Steven Spielberg
Cast:Sandy Dennis, Darren McGavin, Ralph Bellamy, Jeff Corey, Johnny Whitaker, John Rubinstein, David Knapp, Laurie Hagen, Herb Armstrong, Margaret Avery, Steven Spielberg
Note:Aka "Qualcosa di diabolico" o "Non aver paura delle tenebre"
Visite:2636
Il film ricorda: Amityville horror (a Buiomega71), Poltergeist - demoniache presenze (a Claudius)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/6/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 10/5/19
Dovevano ancora arrivare i Lutz, ad Amityville, e perfino DeFeo doveva ancora sparare ai familiari, in quella casa maledetta. Eppure Spielberg, con questo suo filmtv in cui già mostrava di conoscere molto bene le potenzialità del mezzo, anticipava tutti confezionando un horror che diventerà una pietra di paragone per tanti (anche in Italia). Nel 1972, mentre Friedkin si apprestava a dirigere il più importante film sul diavolo di ogni tempo, Spielberg prendeva una tranquilla casa della campagna americana e la investiva del potere di agire sulla mente d'una famiglia dopo che già il precedente inquilino ne aveva subito il malefico influsso. Se consideriamo che a scoprirne gli interni (ma in parte pure gli esterni) la casa di questo SOMETHING EVIL pare davvero quella di Amityville, che le musiche - naturalmente meno centrate di quelle indimenticabili di Lalo Schifrin - per molti versi le anticipano, che la follia progressiva che colpisce la protagonista (Dennis) davvero ci ricorda quella che Rosenberg aveva portato in scena nel suo film, possiamo dire di aver a che fare con un'opera dal valore storico non indifferente, a prescindere dal fatto che sia una delle primissime prove nel lungo di uno dei registi più importanti di sempre. Il talento nella scelta delle inquadrature e delle soluzioni registiche già si individua facilmente: si veda com'è gestito l'alone di luce che circonda i personaggi alla finestra, o si noti la fluidità nei movimenti di macchina che seguono la Dennis in cucina quando vedrà animarsi il liquido nel recipiente, l'utilizzo del vento, la riconosciuta capacità di saper dipingere con estrema naturalezza il quotidiano (che lo porterà in campo horror a griffare indelebilmente certe parti di POLTERGEIST). Insomma, c'è tanto di buono in questo poco noto film tv, al quale mancano però, ed è difetto non da poco, la tensione giusta, il clima necessario a trasformarlo in un horror a tutto tondo. L'ambientazione così solare, una recitazione non in tutti convincente (a cominciare dal figlioletto, il piccolo Jody di TRE NIPOTI E UN MAGGIORDOMO), la mancanza di vere scene in grado di terrorizzare sembrano confinare il film in un ambito non immediatamente catalogabile come horror. Benché Spielberg apra comunque una strada in cui si getteranno in molti con profitto, il film si perde in qualche divagazione superflua (specialmente relativa al lavoro da pubblicitario del capofamiglia) e lascia in più parti la sensazione di appartenere invariabilmente al mondo televisivo (quando invece in DUEL Spielberg aveva saputo mascherare con bravura la cosa). La Marjorie di Sandy Dennis si aggira spesso allucinata per la casa facendoci quasi immaginare che a lei e al suo rapporto col figlio abbiano guardato nientemeno che Stephen King e Kubrick. E se il nome e cognome dell'attrice, così simili, avessero ispirato al primo i personaggi omologhi di "Shining"?
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 30/6/07 1:16 - 4369 commenti

Lungometraggio di Steven Spielberg girato per il piccolo schermo. Il tutto, in effetti, è assai televisivo, ma qua e là si intravvede un certo talento per le situazioni e le soluzioni fantastiche, nonostante non si disponesse di budget (e di recitazioni) di spessore. Cala un po' alla seconda visione (e non è un caso).
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 9/10/08 18:26 - 3875 commenti

La solita storiella di una famiglia in trasferta, stabilitasi nella nuova casa con ospite "il Diavolo" in persona. Non brilla di certo per contenuti, a causa della destinazione finale (la televisione). È però un test realizzato da Spielberg (che pure si ritaglia un breve cameo) destinato a concludersi (efficacemente) qualche anno più tardi, nel titolo capofila del filone "casa infestata", ovvero quel Poltergeist (1982) che si dice essere stato fatto firmare a Hooper per questioni di poca considerazione (da parte della critica togata) verso il genere horror...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Ciavazzaro 29/11/16 22:28 - 4714 commenti

Buon film, che si basa soprattutto sulla suspense e su un clima di pericolo incombente, ben raffigurato dall'inquietante casa protagonista. Come notato da molti potrebbe essere quasi considerato un prequel di Amityville horror e di Poltergeist, mostrando temi in seguito abusati dal cinema horror. Il tutto è curato e come già detto la suspense la fa da padrona, nonostante non vi sia terrore puro; la scena finale e quelle notturne un brividino lo danno. Buona prova del cast, con cameo del regista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La madre di notte esce di casa e...
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Buiomega71 23/6/11 22:23 - 1939 commenti

Per qualche motivo mi ricorda molto Amityville horror, quasi ne fosse un suo antecedente. Spielberg è ancora lontano dai fasti futuri e questo suo film tv risulta piuttosto noioso e piatto, pur sfruttando abilmente un'atmosfera rurale che tornerà spesso in molti horror a venire. L'unico tema davvero spielberghiano è rappresentato dal nucleo familiare, che tornerà spesso nelle sue opere. Il bambinetto è odioso, la Dennis davvero brava nella sua angoscia e le musiche, anche se minimali, sono funzionali alla vicenda satanica. Non memorabile, ma seminale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La statuetta del demonio, che sembra faccia "perepè"!; la Dennis che chiama disperata il figlio, mentre imperversa un gran ventone.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Minitina80 23/2/18 8:41 - 1910 commenti

Tra i primi lungometraggi diretti da Spielberg trova posto quest’horror prodotto per la televisione. Nonostante non incuta molto timore né crei grande suspense, gli va riconosciuta una narrazione lineare e una quadratura non scontata che lo rendono a ogni modo piacevole da guardare almeno una volta. Siamo nell’ambito delle case infestate e sebbene non sia tra i migliori episodi del filone si nota come Spielberg sappia già come muoversi e come innescare determinati stratagemmi narrativi. Utile per conoscere un giovane Spielberg all’opera.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Lupoprezzo 22/6/11 15:09 - 635 commenti

L'abitazione posseduta dal demonio non era certo una novità neanche allora. Aggiungiamoci l'impianto da film televisivo che, soprattutto in un horror, spesso mitiga la tensione col risultato di anestetizzare la narrazione. Qualche momento efficace messo in scena con buona maestria c'è (la Dennis che insegue il figlio in una vecchia serra). Attori poco convinti, a cominciare dall'anonima Dennis (di solito bravissima). Un preludio a Poltergeist (diretto più da Spielberg che da Hooper). Tiepido.
I gusti di Lupoprezzo (Horror - Poliziesco - Western)

Claudius 4/5/19 6:58 - 287 commenti

Uno dei primi lavori di Steven Spielberg, "Something evil" affronta con netto anticipo temi trattati poi da Spielberg stesso (che ne fu produttore) in film come Poltergeist. Sebbene si tratti di un prodotto nato per la tv, la qualità è buona e in alcune scene (il granaio e le scene finali) riesce a trasmettere più di un brivido. Da recuperare senz'altro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene notturne nel granaio e il dialogo tra la Dennis e Bellamy (la lettura del libro).
I gusti di Claudius (Avventura - Horror - Sentimentale)