La Missy sbagliata

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Wrong Missy
Anno: 2020
Genere: commedia (colore)
Note: Prodotto e distribuito da Netflix.
Numero commenti presenti: 2
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dalla Happy Madison di Adam Sandler una commedia dagli spiccati accenti comici che rientra di diritto nelle produzioni tipiche della casa pur non contando Adam nel cast (c'è però sua moglie Jackie nel ruolo della donna in carriera che contende al protagonista la nuova prestigiosa carica da assegnare in azienda). La coppia al centro della vicenda è quella formata da David Spade e Lauren Lapkus: il primo nel ruolo di Tim Morris, impiegato sfigatello, astemio, timido e lasciato da poco dalla fidanzata, la seconda in quello della travolgente Melissa (abbreviato diventa Missy), bruttarella tutto pepe che incontra Tim al bar dopo un appuntamento in chat. I due stanno agli opposti: tanto introverso e impacciato lui quanto logorroica e matta lei,...Leggi tutto che non lo molla un attimo e stringe per un rapporto continuativo. Tim, fuggito dal bagno del bar a gambe levate, conosce poi casualmente in aeroporto - per via del solito scambio di valigie - un'altra Melissa: bella, bionda e dai gusti assolutamente simili ai suoi in tutto. L'anima gemella, in poche parole. Scambio veloce di numeri e promesse di risentirsi, ma quando lui le invia un messaggino... sbaglia Melissa e lo invia alla matta senza rendersi conto dell'errore. Un equivoco che lo porterà a invitare “la Missy sbagliata” in vacanza aziendale alle Hawaii; si accorgerà dello scambio di persona solo all'incontro sull'aereo in partenza e capirà che la vacanza dovrà farla con lei! Come portarsi appresso un vulcano in continua eruzione! Scoprendo però che tanta carica ha anche i suoi lati positivi; persino in ambito lavorativo, dal momento che lì alle Hawaii ci sono i colleghi e soprattutto il principale, che dovrà scegliere se assegnare a Tim un posto di rilievo in azienda. La commedia, che naturalmente non si risparmia in gag a sfondo sessuale sovente volgari (senza tuttavia esagerare, da Sandler s'è visto di peggio), parte bene soprattutto in ufficio, dove il rapporto tra Tim e il collega Nate (Swardson) genera qualche gag notevole (il tormentone delle password trafugate) e ben predispone. Successivamente purtroppo, nonostante la simpatia della Lapkus, il film cede un po' anche per la mancanza d'inventiva del soggetto, che non va oltre botta e risposta scontati e situazioni in cui non si segnala nulla di particolarmente interessante. Il gioco è sempre lo stesso: lui che dice a lei di calmarsi, la recupera nelle condizioni più tragiche (strafatta, ubriaca...) e la asseconda, lei che con spontaneità si guadagna regolarmente il centro della scena facendolo sentire un mezzo idiota. I due si sposano discretamente a dire il vero, però anche per colpa di una regia anonima il divertimento spesso scarseggia e non può essere dato dalla Lapkus che si finge posseduta o si comporta tendenzialmente sempre allo stesso modo (pur sfruttando un'espressività davvero non comune). Lo slapstick funziona (notevolissima, anche come realizzazione, la scena del volo di lei dal precipizio e non è male nemmeno Schneider che prende a pugni lo squalo), meno la comicità verbale su cui in fondo il film si basa. Le musiche, la splendida location (il Four Seasons Resort a Ko Olina, realmente alle Hawaii), l'atmosfera vacanziera pensano a mantenere vivo il ritmo e se non ci si aspetta chissà cosa ci si può anche accontentare.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/05/20 DAL BENEMERITO DIDDA23 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 26/05/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Didda23 17/05/20 11:38 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

Tim (Spade) incontra due ragazze agli antipodi che hanno solo il nome in comune. Convinto di aver invitato a un weekend aziendale quella "giusta", si ritrova l'altra. Commedia di stampo demenziale prodotta dalla Happy Madison di Sandler con una sequela di gag dal dubbio gusto, infarcite da quintalate di volgarità (il VM 14 sembra corretto). Eppure il film, se preso per quello che è, funziona soprattutto per il brio della Lapksus (davvero una carica comica, in certi punti). Piccola parte per Schneider che però ha il momento più divertente. Bisogna non chiedere troppo.
MEMORABILE: L'incontro sull'aereo; Le capacità da chiropratica; Schneider e lo squalo.

Daniela 24/05/20 23:59 - 9103 commenti

I gusti di Daniela

Per errore, invece di invitare una donna bellissima con cui aveva appena scoperto di avere tante cose in comune, un impiegato si ritrova in gita aziendale in compagnia di una ragazza svitata, parolacciara e combinaguai... Prodotto originale Netflix che somiglia alle commedie volgarotte con Sandler: il livello di battute e situazione è quello ma a salvare il film dall'ignominia c'è Lauren Lapkus, autentico corpo comico che merita occasioni migliori. La sua buffa espressività risalta ancor di più accanto a David Spade che sembra la versione mogia di Greg Kinnear.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.