LOCATION VERIFICATE di Fantozzi (1975)

LOCATION DEL FILM GIÀ TROVATE

M Roma • Palazzo della Regione Lazio

La megaditta dove lavora Fantozzi

Roma

Il campo di gioco dell'immortale scapoli-ammogliati

M Roma • Il primo binario della stazione di Roma Ostiense

La stazione in cui Fantozzi legge al volo il finale del libro giallo alla contessa

M Roma • La chiesa di San Gregorio al Celio

La chiesa del funerale della madre del megadirettore

Courmayeur (Aosta)

Il ristorante di montagna dove Fantozzi finisce nella polenta

M Roma • La casa sulla Tangenziale Est

La casa di Fantozzi (da dove prende l'autobus al volo)

Roma

Fantozzi e la Silvani in auto si dirigono verso "Gigi il troione"

M Roma • Piazza del Fante

Fantozzi in auto taglia malauguratamente la strada ai tre bulli

Roma

I tre bulli pestano Fantozzi e gli distruggono l'auto

M Roma • Piazzale Maresciallo Giardino

La cabina da cui Fantozzi telefona al megadirettore a cui ha rapito la madre

Roma

L'auto di Fantozzi sfondata dall'alto dopo la festa di Capodanno

M Roma • La villa dell'Olgiata coi due tetti tondi

La villa dove avviene la sfida a biliardo tra Fantozzi ed il suo superiore (D'Orsi)

M Roma • La villa a Monte Mario

Il ristorante "Sayonara" dove Fantozzi invita la Silvani (che vedrà lì cotto il suo cagnolino)

M Oriolo Romano (Viterbo) • Palazzo Altieri

La clinica del dottor Birkenmeier (Spadaccino) (esterni)

Courmayeur (Aosta)

Il bar dove Fantozzi incontra per la seconda volta la Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare

Barbarano Romano (Viterbo)

Il passaggio a livello al quale Fantozzi (Villaggio) tampona il macchinone del "ministre du pétrole"

Courmayeur (Aosta)

La strada dove, viaggiando verso Courmayeur, Calboni spara balle sccistiche mostruose

Courmayeur (Aosta)

La meta della disastrosa discesa con gli sci alla quale Fantozzi giunge a “scaglioni”

LOCATION VERIFICATE

  • Qui di seguito le location del film che sono state da noi verificate, controllate e inserite nel radar (quando non di passaggio).
  • Ernesto • 20/10/08 22:24
    Disoccupato - 131 interventi
    LA PARTITA SCAPOLI-AMMOGLIATI
    La partita di calcio si è svolta nel "disastrato campetto di periferia" che si trova a Roma in Lungotevere Dante, zona Marconi.

    Per chi è di Roma ed è pratico della zona, se osservate bene, in alcune inquadrature si vede, sulla destra, Ponte Marconi mentre i palazzi di fronte sono al di là del fiume Tevere in Lungotevere degli Inventori. Oggi il campetto non c'è più perché al suo posto vi è un attrezzato centro sportivo.

    Nd Zender: Ecco un fotogramma sufficiente a individuare il posto: sul fondo si vedono gli inconfondibili piloni del ponte Marconi di Roma (siamo quindi a pochi metri di distanza dalla casa di Bud Spencer in QUATTRO MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO). Il punto A è più o meno quello della partita leggendaria:




    Per maggiore sicurezza, ecco grazie a Ellerre un altro fotogramma rivelatore:




  • Ernesto • 22/10/08 19:03
    Disoccupato - 131 interventi
    LA STAZIONE DELL'ALBICOCCO AL CURARO
    La breve scena dove Fantozzi rincorre il treno per consegnare urgentemente alla alla Contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare il libro giallo dal titolo "L'albicocco al curaro" è stata realizzata presso la stazione ferroviaria di Roma Ostiense.

    NdZender: salutiamo così la prima apparizione fantozziana dello storico primo binario della stazione di Roma Ostiense, che ritroveremo nel SECONDO TRAGICO FANTOZZI e in FANTOZZI CONTRO TUTTI. Per le altre foto si rimanda alle location dei succitati film.

  • Ernesto • 23/10/08 18:46
    Disoccupato - 131 interventi
    FUNERALE
    La scena del funerale della “madre del mega direttore naturale Conte Lamberti immaturamente scomparsa all’età di 126 anni” si svolge a Roma presso la chiesa di San Gregorio Magno a Piazza San Gregorio, vicino al Colosseo.

    La via che si vede sullo sfondo quando Fantozzi per distrazione fa salire la signorina Silvani sul carro funebre è via di San Gregorio, di fronte al Circo Massimo.


  • Zender • 24/10/08 13:44
    Consigliere - 43725 interventi
    IL RISTORANTE DI MONTAGNA
    Il ristorante di montagna dove Fantozzi finisce del paiolo della polenta è, come già ci aveva detto Saldipuma, La Maison di Filippo di Courmayeur. Non stato facile tovare le prove ma eccole!

    Guardiamo Fantozzi che si accinge a ruttare contro il Monte Bianco e osserviamo bene sotto una dell e pochissime foto disponibili del prestigioso ristorante: impossibile non capire che è lo stesso.




    Per ulteriore certezza osserviamo la finestra che sta dietro a Fantozzi nella prima foto sotto e notiamo che è la stessa che vediamo nella foto di oggi (per averne la certezza basta osservare il rinforzo sugli otto riquadri centrali della stessa). Il fatto che schiarendo la foto compaia il nome "La Maiso..." all'entrata fuga ogni residuo dubbio.



    L'indirizzo è quello segnato da Saldipuma: Localita' entreves, 8, Courmayeur.
  • Zender • 24/10/08 14:04
    Consigliere - 43725 interventi
    LA MEGADITTA
    Sempre grazie a Saldipuma andiamo a rintracciare la megaditta, e qui dubbi non ne possono proprio esistere: il palazzo, inconfondibile, è il Palazzo della REGIONE LAZIO (sul quale sono state occultate le insegne) in via Cristoforo Colombo 212 a Roma. Giusto qualche foto per l'evidenza:




    Facile dimostrazione anche con gli interni:

  • Zender • 27/10/08 12:47
    Consigliere - 43725 interventi
    LA CASA DI FANTOZZI (LOCATION DOPPIA)
    La casa di Fantozzi, esattamente come avverrà nel secondo episodio della serie, ha la caratteristica di avere l'entrata in una zona di Roma e l'uscita in un'altra!

    Quando infatti vediamo Fantozzi davanti alla porta di casa, ha scoperto ERNESTO che siamo nel condominio di via Donna Olimpia 32.






    Quando però si tratta di prendere l'autobus al volo Fantozzi sta da tutt'altra parte.
    Saldipuma ha rischiato la vita per fotografare la casa di Fantozzi in piena Tangenziale ed ecco qui le foto del suo grande reportage in Viale Castrense (dove comincia appunto la Tangenziale Est). Con la freccia rossa è indicato proprio Fantozzi in fase "discendente" per prendere il bus al volo.




    Ed ecco qui degli ingrandimenti della finestra e del terrazzino esatti. Si noti che il condizionatore che c'era nel 1975, pur cambiato nella forma, è posizionato ancora nel medesimo posto.

  • Ernesto • 27/10/08 22:06
    Disoccupato - 131 interventi
    FANTOZZI INSEGUITO E PESTATO DAI BULLI
    La scena in cui Fantozzi si trova in auto assieme alla signorina Silvani dopo il funerale, è stata realizzata a Roma in Lungotevere della Vittoria ed esattamente nel tratto di strada compreso tra l’incrocio di Piazza Antonio Cascino con quello di via Carlo Ederle.

    In particolare, quando Fantozzi si rivolge alla Silvani dicendole “Eh, ha visto la povera Contessa, oggi ci siamo e domani non ci siamo più”, è il momento in cui la Bianchina si immette in Lungotevere della Vittoria da via Timavo.




    L’auto percorre un breve tratto nel corso del quale Fantozzi, dopo aver recitato alcune frasi alla Silvani, la invita a colazione da “Gigi il troione”; dopo aver tergiversato un attimo la Silvani acconsente e Fantozzi, pazzo di gioia, improvvisamente sterza sulla destra con la sua Bianchina andando a finire su un piccolo giardino situato a Piazza del Fante...




    ...per poi tagliare la strada ad un’altra autovettura, un’Opel grigia, in via Carlo Ederle.




    Subito dopo l’insana manovra di Fantozzi, l’Opel grigia si pone all’inseguimento della Bianchina: siamo a via Carlo Ederle; entrambe le vetture girano poi a destra




    Dopodiché la scena si interrompe.
    Nella sequenza successiva entrambe le vetture sono di nuovo sul Lungotevere della Vittoria ed esattamente nel punto in cui Fantozzi si era antecedentemente immesso in questa strada da via Timavo.




    Nonostante si abbia l’impressione che l’inseguimento si protragga per alcune centinaia di metri, osservando lo sfondo si notano sempre le stesse palazzine (l’inseguimento in realtà è durato poche decine di metri).

    Nel momento in cui l’Opel grigia raggiunge e si mette di traverso alla Bianchina di Fantozzi bloccandola, siamo di nuovo in Lungotevere della Vittoria ma questa volta nel senso di marcia opposto rispetto a tutte le scene precedenti e precisamente dinanzi al grande edificio marmoreo che ospita il Museo Storico e di Cultura dell’Arma e del Genio situato al civico n. 31 (siamo a circa 150 metri prima dell’incrocio di via Timavo). Si riconoscono i "mattoni" di marmo, nelle foto che vedete:




    Dopo aver picchiato Fantozzi i tre bulli si allontanano nel nuovo senso di marcia così come pure la Silvani mentre Fantozzi, dopo aver fatto un’inversione ad U va ad urtare contro un palo della luce
    (siamo di nuovo sul lato opposto della strada e dunque nel senso di marcia iniziale) sempre nei pressi del citato Museo.
  • Piepasq • 7/05/09 17:21
    Galoppino - 6 interventi
    LA CABINA DELLA TELEFONATA POST SEQUESTRO
    Quando Fantozzi telefona di notte da una cabina al megadirettore a cui ha rapito la madre ("Prendo la vecchia!") dopo aver vinto la partita a biliardo è in Piazza Maresciallo Giardino a Roma, a pochi metri dalla location dei bulli che lo pestano mentre è in macchina con la signorina Silvani. Trovate i dettagli qui.


  • Ernesto • 26/06/09 18:55
    Disoccupato - 131 interventi
    CAPODANNO
    All’una e trenta, ora illegale del maestro Canello, vale a dire alla mezzanotte reale, la città salutò esplodendo l’anno nuovo

    Dopo aver festeggiato "in largo anticipo" il capodanno all'interno di un garage, Fantozzi, famiglia e impiegati escono trovando la città in festa
    . Le scene esterne relative ai festeggiamenti sono state girate a Roma all'interno del condominio sito in via di Donna Olimpia n. 30.

    Andiamo tutti a casa mia. Ho una bottiglia...




    Ho sette posti liberi...




    Anno nuovo roba nuova... Buttate, buttate...


  • Mauro • 15/08/12 00:10
    Disoccupato - 9594 interventi
    Il bar dove, appena giunti a Courmayeur, scendono Calboni (Anatrelli), la Silvani (Mazzamauro) e Fantozzi (Villaggio) e dove quest'ultimo incontra per la seconda volta la contessa Alfonsina Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare (Fortini), figlia di una delle azioniste della megaditta (la prima volta era stato alla stazione, per riconsegnarle il libro giallo “L'albicocco al curaro”) è in realtà un’ala del Gran Hotel Royal e Golf, situato in Via Roma 87 a Courmayeur (Aosta). Sullo sfondo si riconosce la Torre Malluquin, che mi ha permesso di risalire alla location.


  • Mauro • 14/01/13 18:11
    Disoccupato - 9594 interventi
    Il passaggio a livello al quale Fantozzi (Villaggio) tampona il macchinone del “ministre du pétrole“ inondandolo con l’acqua contenuta nella barca e piovuta dalla “nuvola da impiegati” si trovava lungo la SP 42 “Barbaranese”, in località Bandita (Barbarano Romano, Viterbo) ed oggi è stato smontato perché la linea ferroviaria che vi transitava, la Civitavecchia – Orte, non è più in esercizio.

    Per la conferma andiamo prima a ricostruire la marcia di avvicinamento della Bianchina, che qui vediamo uscire da Barbarano percorrendo la discesa di Via Santa Barbara...



    ...terminata la quale si trova un ponte:




    Proseguendo lungo la provinciale, a 700 metri dal ponte si trova lo scomparso passaggio a livello (nel fotogramma riconosciamo in primo piano la barriera), al quale sta sopraggiungendo l’auto del “ministre du pétrole”.




    La prova definitiva ce la offre l’edificio A (nascosto dalla vegetazione nella precedente foto di oggi):

  • Roger • 26/04/13 14:52
    Call center Davinotti - 2824 interventi
    La villa dove avviene la sfida a biliardo tra Fantozzi ed il suo superiore (D'Orsi) è la villa dell'Olgiata (Roma) conosciuta da noi come "villa dai due tetti tondi". Per provarlo prendiamo un fotogramma dal film Caro papà (1979) i cui interni nella villa sono già verificati. Siamo in una sala dalle pareti dipinte con motivi floreali, che vediamo subito sotto anche in Fantozzi:




    Oltre la porta vi è una scala che i protagonisti scendono una volta usciti dalla sala:



    A questo punto sulla destra si trova l'ingresso di una grande sala rotonda che qui è adibita a sala del biliardo:

  • Andygx • 9/09/14 17:27
    Disoccupato - 2268 interventi
    Mi sono accorto che il mitico ristorante giapponese “Sayonara” in cui Fantozzi (Villaggio) porta a cena la signorina Silvani (Mazzamauro) è un set ricreato all’interno della nota Villa a Monte Mario di cui QUI TROVATE LO SPECIALE.

    La villa è resa quasi irriconoscibile dalle scenografie installate; se non fosse per alcuni dettagli non camuffabili, mi sarebbe stato veramente impossibile identificarla!

    Ma andiamo con ordine: il ragionier Fantozzi attende pazientemente la signorina Silvani all’ingresso del ristorante; siamo in realtà nel patio centrale all’interno della villa (Tav.5). Confrontando una panoramica ricostruita della scena con due fotogrammi da Poliziotti violenti (1976) possiamo riconoscere la piccola vasca con i caratteristici angoli ripiegati all’interno (B), la finestratura scorrevole in legno chiaro (A) e la fila di vasi grigi in piedi sul muretto:





    Giunta la Silvani, l’improvvisata coppia si dirige verso destra (dove indica l’insegna) e, dopo uno stacco d’inquadratura, si ritrova all’interno del ristorante che è in realtà il salone principale della villa, reso assolutamente irriconoscibile da un arredamento in stile orientale. Pannelli scorrevoli e separè in carta di riso occultano le portefinestre dell’ampia sala ma un primo elemento chiave è la porta di legno in fondo alla stanza qui confrontata con un fotogramma da Femmine insaziabili (1969):




    Geniale la trovata dello scenografo di collocare la vasca dei pesci che Fantozzi tenterà di moltiplicare nella “buca” in cui normalmente è collocato il divano. Le gradinate di legno sono ricoperte con ghiaia e sassi e il caminetto, per quanto “tappato“ da un pannello marrone, si palesa attraverso l’inconfondibile mensola di legno collocata superiormente (C). Il confronto con un fotogramma da L'occhio dietro la parete (1977) fornisce prova inconfutabile della location:


  • Mauro • 18/09/15 08:24
    Disoccupato - 9594 interventi
    La strada dove, viaggiando verso Courmayeur, “Calboni sparava balle così mostruose che a quota 1600 Fantozzi fu colto da “allucinazioni competitive”, in preda alle quali Fantozzi (Villaggio) rivelerà di essere stato un campione dello sci in realtà si trova oltre la destinazione alla quale erano diretti: come mi suggerisce l’amico Massimiliano, si tratta di uno dei due tratti di Strada La Palud, tra le frazioni di La Palud e Planpincieux (Courmayeur, Aosta). Poco prima della “rivelazione”, l’auto di Calboni (Anatrelli) affronta questo tornante, che si trova dove oggi la strada si sdoppia: all’epoca delle riprese la strada era una sola mentre oggi il tratto che si vede nel fotogramma è a senso unico di marcia (opposto, dunque, a quello che si vede nel film).




    E’ al tornante successivo, al quale l’auto arriva senza stacchi, che Fantozzi rivelerà il suo passato: in realtà qua non ci troviamo a quota 1600 ma a poco più di 1400 metri d’altezza




    Immediatamente dopo l’auto transita di fronte a questa porzione di muro: notare colore, posizione e forma della pietra più scura

  • Mauro • 19/09/15 10:20
    Disoccupato - 9594 interventi
    LA CLINICA PRIGIONE (SCENA TAGLIATA)
    La clinica-prigione del dottor Birkenmeyer (Silvano Spadaccino) ha doppia natura (queste scene, girate per il primo Fantozzi e poi tagliate, sono state reintegrate molti anni dopo nel dvd Medusa)

    ESTERNI
    Gli esterni sono quelli di Palazzo Altieri, situato in Piazza Umberto I° ad Oriolo Romano (Viterbo). In questo fotogramma vediamo Fantozzi svignarsela appeso alle lenzuola (la porzione di facciata non è la stessa, perché la finestra illuminata ha i vetri nel film)




    Ad indirizzarmi ad Oriolo sono state le inquadrature che mostrano le guardie alla caccia di Fantozzi, appostate su un ponticello che ricordavo d’averlo già visto altre volte. Infatti, è quello che si vede ne Gli amori di Manon Lescaut (1954) e che si trova a sinistra del palazzo (nel fotogramma il ponticello è ripreso dal lato opposto)




    INTERNI (Zender)
    Gli interni invece sono quelli, come fa notare Zender, del carcere minorile di San Michele a Roma, del quale QUI TROVATE LO SPECIALE. Il particolare curioso è che quando Villaggio decise di recuperare la scena e rigirarla per FANTOZZI CONTRO TUTTI, utilizzò la stessa identica location, come si può vedere dal raffronto dei fotogrammi. Da notare che tra il 1977 e il 1980 vi fu un restauro che eliminò i piccoli incavi sotto alle finestrelle delle celle (non più presenti in FANTOZZI CONTRO TUTTI).


  • Mauro • 9/12/15 00:10
    Disoccupato - 9594 interventi
    La meta della disastrosa discesa con gli sci alla quale Fantozzi giunge a “scaglioni” è all’esterno del Ristorante Christiania, situato in località Plan Checrouit a Courmayeur (Aosta). Nel fotogramma vediamo gli altri partecipanti alla gara scrutare l’orizzonte, alla ricerca di Fantozzi, dal belvedere adiacente al ristorante, che in questa scena non si vede poiché alle spalle della macchina da presa. Si riconosce sullo sfondo l’edificio A mentre B oggi è stato ricoperto di assi di legno scuro.




    In questa “soggettiva” ripresa idealmente da Fantozzi durante la discesa vengono inquadrati per pochi istanti sia il Christiania (C), sia l'edificio B del fotogramma precedente, che ritroviamo in una cartolina d’epoca.



    In quest’altra inquadratura si riconosce anche la strisciata nera della scritta “Christiania” sulla facciata del ristorante. La freccia nella foto di oggi indica la posizione del belvedere dove erano in attesa, tra gli altri, Calboni, la Silvani e la contessina Serbelloni Mazzanti Vien Dal Mare.


  • Zender • 9/12/15 07:43
    Consigliere - 43725 interventi
    Ottimo Mauro, radarizzata.