Solo gli amanti sopravvivono

Media utenti
Titolo originale: Only lovers left alive
Anno: 2013
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 18

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/03/14 DAL BENEMERITO DEEPRED89
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 28/03/14 22:55 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Un primo tempo che sfiora il sublime, con trama appenna accennata, due attori fascinosi e splendidamente lasciati a loro stessi, dialoghi un po' deliranti ma a loro modo funzionalissimi, suadenti movimenti di macchina e una capacità unica di creare atmosfere anche molto eterogenee. Poi l'entrata in scena dell'ingombrante personaggio della Wasilowska distrugge l'incanto e quando poi esce di scena non rimane che ripiegare sul vampiresco moderno un po' alla Thirst, ma a quel punto il film è quasi terminato e forse è un bene. Tra **** e **.

Rebis 16/05/14 14:08 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Adamo ed Eva non hanno libato il frutto proibito: la Conoscenza, nell'immortalità, l'hanno solo sognata, come una teoria del desiderio. Jarmusch si allinea al filone del vampirismo filosofico, in cui l'evocazione dei massimi sistemi dovrebbe scongiurare l'appiattimento concettuale odierno, ottemperando ai crismi del cinema d'autore. Ma il film è vittima delle sue stesse pretese: sintomatologico quando vorrebbe essere romantico, derivativo nella sua stravaganza hipster, ovvio nella facile ironia. Tangeri e Detroit, metropoli consunte dal tempo, delimitano l'allure vintage. Efficace il cast.

Xamini 21/05/14 23:15 - 1012 commenti

I gusti di Xamini

Un vampiresco delicato, sottile, quasi nord-europeo (mi ha ricordato lo stile di Lasciami entrare). A tratteggiare un vampiro che vive ai margini, prigioniero dei propri limiti fisiologici così come dei propri talenti. All'interno di questo ritratto (ottimamente interpretato dai due protagonisti), si declina una storia d'amore senza tempo, poiché non ha inizio e non ha fine. Jarmusch sfiora, più che dettagliare e quel che ne risulta è un intenso romanticismo nero.

Daniela 22/05/14 15:28 - 9396 commenti

I gusti di Daniela

Amanti vampiri pluricentenari, colti, raffinati (bevono sangue doc in bicchieri di cristallo), dark, che si aggirano nottetempo in città fatiscenti... Si capisce subito che quelli di Jarmush non sono adolescenti ormonali alla Twilight, però, al di là della cura formale e del fascino della coppia protagonista (scontato quello dell'eterea leonessa Swinton, più inaspettato Loki in versione bel tenebroso), il film è troppo anemico e spleen per appassionare o suscitare sensazioni se non quella di un certo intorpidimento ipnotico. Se si ama un cinema romantico/vampirico più al sangue, meglio Thirst

Didda23 20/05/15 14:51 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

L'opera è incredibilmente magnetica e ipnotica, nonostante a livello di trama non succeda quasi nulla nel corso delle due ore. Jarmusch muove il mezzo magnificamente bene (forse come mai in passato) e coaudiuvato da una notevole colonna sonora rende interessante la quotidianità di una coppia di vampiri che filosofeggia sull'esistenza e sul senso dell'arte. Hiddleston è perfetto nei panni del decadente romantico e la Swinton non è da meno. La magia che pervade la pellicola si smorza leggermente con l'avvento della Wasikowska, ma è un'inezia perchè il sentore di grande cinema rimane intatto.
MEMORABILE: Il proiettile di legno; La meravigliosa colonna sonora; Il valore simbolico di Detroit.

Pumpkh75 31/05/15 21:01 - 1314 commenti

I gusti di Pumpkh75

Ipnotico, visivamente ammaliante, decadente e ineluttabile. C’è però l’aridità estrema degli eventi che non giova di certo alla fruizione: si resta storditi, esternamente fatui al fuoco che si spegne, insensibili al vecchio vinile che girerebbe se possibile in eterno. Jarmusch è bravissimo ma la sensazione è che quella della filologia vampiresca sia solo una bozza funzionale, necessaria ma poco consapevole: si termina la visione con un soffuso senso d’insoddisfazione. Magistrali gli attori.

Bizzu 10/07/15 14:06 - 210 commenti

I gusti di Bizzu

Esteticamente splendido, si riesce a seguire volentieri solo godendo del bel lavoro di regia. La storia dei due vampiri innamorati è affascinante ma mi sembra che si risolva solo in un elogio dello snobismo piu estremo e dell'hipsterismo a tutti i costi. Viene il forte dubbio che si tratti di un'operazione commerciale piuttosto spudorata, un tentativo di creare dei miti "alternativi" fissati con l'analogico, la musica, il facile disprezzo verso la massa. Non un brutto film ma mi ha lasciato perplesso.

Cotola 19/09/15 11:51 - 7525 commenti

I gusti di Cotola

Sì, sono belli ed intriganti questi vampiri colti e raffinati che hanno attraversato il tempo conoscendo il meglio della nostra umanità. Però è anche vero che il film gira un po' a vuoto compiacendosi del suo involucro affascinante e luminescente e dei suoi ritmi languidi. La storia è semplice e si basa su pochi avvenimenti, con la sola complicazione del solito elemento estraneo che va a sconvolgere un quadro routinario e consolidato. La durata è abbastanza lunga ma non annoia. Curatissimo nella confezione e girato con grande perizia. Non male ma un po' vuoto e fine a se stesso.

Paulaster 28/01/16 01:04 - 2783 commenti

I gusti di Paulaster

Atmosfere stranianti nelle notti da vampiri che rigettano le brutture del mondo e si dissetano di sangue che dà sensazioni allucinogene. Fotografia calda e movimenti di macchina che affascinano e guidano in un mondo più lento accompagnato da profondi riff blues. In mezzo a tale estetica ci si mette la Wasikowska a rompere la magìa creatasi e un finale meno centrato a livello emotivo (specie dopo l’interpretazione della cantante libanese). Jarmush nella prima ora è ineccepibile.

Rufus68 20/03/16 22:03 - 3086 commenti

I gusti di Rufus68

Che sia un film di Jim Jarmusch è fuori di dubbio; come è certo che si tratta di un'opera minore, insidiata dalla maniera. I consueti sberleffi (un po' troppo facili, stavolta) e una fascinosa atmosfera: notturna e rallentata. Il film potrebbe persino adagiarsi qui, in tale cullante sospensione; purtroppo a metà irrompe il personaggio della Wasikowska, assolutamente incongruo coi toni pregressi e il tutto si sfilaccia. Così così.

Saintgifts 31/10/16 01:37 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Vampiri che prenotano voli notturni con la carta di credito ma hanno anche rotoli di denaro e gusti molto raffinati, accumulati nei secoli di vita. Prigionieri della loro condizione conducono una vita grama e si procurano "cibo" non contaminato comprandolo dagli zombi umani sempre più infetti. Si rimane subito catturati dalle atmosfere notturne create da Jarmusch, anche se in definitiva bisogna aspettare un po' prima che succeda qualcosa che ricordi le vecchie pratiche di coloro che non sono né morti né vivi. La fame avrà il sopravvento.
MEMORABILE: La cantante libanese.

Redeyes 24/01/17 07:54 - 2144 commenti

I gusti di Redeyes

I vampiri di Jarmusch sono un po' Lestat, un po' Bill, un po' decadenti e snob, un po' umani. Senza dubbio l'atmosfera che si respira è di un grande palcoscenico con scenografie ammalianti e dialoghi altezzosi e sofisticati. Parallelamente questo splendido immanere tende ad assopire e duole dirlo ma solo la stereotipata Ava dà lo spunto per la rinascita della seconda parte, meno aulica ma più edibile. La Tangeri notturna è un giusto "lieto" fine. Musiche fantastiche.

Kinodrop 7/02/17 20:25 - 1500 commenti

I gusti di Kinodrop

Richiama la teatralità di Jarman per la cura pittorica degli interni, l'uso della luce e la profondità delle ombre. La storia è esangue come lo sono questi vampiri post moderni, che trascinano "una vita" decadente tra i vicoli e le dimore di Tangeri e i rock club di Detroit. Sembra diretto sotto l'effetto di sostanze psicotrope, visto il risultato ipnotico che non lascia trasparire le ragioni e la morale del loro vagolare. Uniche attrattive "vitali" sono la scelta delle musiche tra Oriente e Occidente, le registrazioni nella casa-studio e poco più.
MEMORABILE: Liuteria vintage, Paganini e vampirismo; I ghiccioli gusto zero negativo; I vicoli di Tangeri.

Minitina80 3/06/17 19:08 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

Esile storiella di vampiri che ha molto poco da raccontare e nulla di significativo da aggiungere a un genere ormai consunto. Jarmusch probabilmente era cosciente di queste difficoltà e concentra gli sforzi sul piano visivo puntando evidentemente anche un po’ a spiazzare disegnando i protagonisti perennemente annoiati e depressi come fossero fuori dal loro tempo. Dura qualcosa di troppo e un andamento eccessivamente lento è imperdonabile per un copione del genere, in bilico tra noia e stordimento catalettico.

Beffardo57 31/12/17 22:18 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Variazione sul tema del vampirismo ambientata in parte negli scenari post industriali di Detroit, in parte nella sfuggente Tangeri, ma sempre - è d'obbligo - di notte. Se gli esterni sono suggestivi, non da meno gli interni, sovraccarichi e studiatamente caotici. La vicenda è esile, poco più di un pretesto, per una messa in scena lenta e quasi ipnotica, incentrata sul fascino lunare dei due protagonisti. Un compiaciuto gioco intellettuale; di maniera, è vero, ma condotto con abilità e padronanza del mezzo espressivo. Tilda Swinton memorabile.

Enzus79 28/08/19 10:16 - 1800 commenti

I gusti di Enzus79

Dark story con ingredienti psichedelici firmata Jim Jarmusch. Indubbiamente la trama è monotona (storia d'amore fra due vampiri che si perpetua nei secoli) ma comunque interessante, per i dialoghi e per come viene portata su schermo. Il regista ha fatto film migliori, ma nonostante questo si tratta comunque di un buon lavoro. Belle le canzoni che fanno da sottofondo.
MEMORABILE: I ghiaccioli.

Thedude94 7/10/19 18:07 - 563 commenti

I gusti di Thedude94

Jarmusch si cimenta in questo film d'amore vampiresco con la sua solita classe, mescolando temi che vanno dall'immortalità alla depressione e al suicidio. Ma il punto cardine riguarda la storia d'amore tra i due vampiri protagonisti, una bellissima Swinton e un buon Hiddleston, che viaggiano in due città differenti tra noia e ricerca ossessiva di sangue vitale. Quando ci si sta un po' per addormentare, ecco che arriva la Wasikowska a dare una svegliata all'opera, che comunque ha il suo stile e rimane un bella visione di cinema puro.

Lupus73 17/06/20 10:53 - 595 commenti

I gusti di Lupus73

Sofisticato, elegante, decadente esempio del nuovo cinema sul vampirismo. Coppia romantica di amanti vampiri tra Detroit e Tangeri, con lui misantropo musicista di indie rock darkeggiante (col gusto per strumenti e apparecchiature vintage) connubio tra un goth rocker e jack white (nominato nel film). Decadenza del mondo degli uomini (chiamati zombi) in contrasto a un mondo antico, nobile, ormai svanito ed epoche ripercorse con ricordi e racconti, e sangue puro ormai reperibile solo negli ospedali. Ottime atmosfere, arredi vetusti ma di charme.
MEMORABILE: Il protagonista musicista; John Hurt nei panni del drammaturgo/vampiro Marlowe, ombra di Shakespeare; Il fornitore di strumenti vintage; I ricordi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 19/05/15 15:26
    Consigliere - 43515 interventi
    Lo trovi usato per un enorme numero di band metal doom o oscuro in genere, per dire. Curioso che per la locandina italiana l'abbiano maiuscolizzato, facendo perdere al titolo molto del suo fascino gotico.
    Ultima modifica: 19/05/15 16:08 da Zender
  • Discussione Didda23 • 19/05/15 15:32
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    E' verissimo, molto meglio in minuscolo. Ottima osservazione.
  • Discussione Didda23 • 20/05/15 14:53
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Un filmone incredibilmente magnetico ed ipnotico. Senza dubbio uno dei film più interessanti visti ultimamente.
    Peccato per i pochi commenti. Da vedere assolutamente.
  • Discussione Buiomega71 • 20/05/15 17:20
    Pianificazione e progetti - 21906 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Un filmone incredibilmente magnetico ed ipnotico. Senza dubbio uno dei film più interessanti visti ultimamente.
    Peccato per i pochi commenti. Da vedere assolutamente.


    Didda, l'ho preso in dvd (sarà perchè amo il Jarmush di Dead Man e Mistery Train)

    Non sò, sento odore di Miriam che si svegliano a mezzanotte

    Livello di peso "buiesco"?
  • Discussione Didda23 • 20/05/15 18:12
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Il paragone con Miriam non è del tutto fuori luogo. Entrmbe le pellicole hanno una cura formale notevole e figlia dei tempi ( Miriam visto oggi è un po' patinato, ma non è un difetto mortale).

    Ti dirò, nonostante la trama sia riassumibile in un centinaio di carrattere, l'opera gode di una atmosfera ipnotica e magica merito dell'alchimia indovinata fra regia,fotografie,attori e colonna sonora.

    Sicuramente è il Jarmusch più convincente dell'ultimo periodo, soprattutto a livello tecnico.

    Io lo consiglio caldamente a tutti, e per la notevole resa formale credo possa piacerti.
    Poi non scannarmi se dopo dieci minuti ti fracassi gli zebedei...

    Per me (e come per Deep) l'atmosfera in questo film è tutto quindi dipenderà molto se riuscirai o meno ad entrare con le viscere dentro il film.

    Chiamo Deep, guardiamo secondo lui che peso buiesco ha il film...
    Ultima modifica: 20/05/15 18:13 da Didda23
  • Discussione Buiomega71 • 20/05/15 19:30
    Pianificazione e progetti - 21906 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Il paragone con Miriam non è del tutto fuori luogo. Entrmbe le pellicole hanno una cura formale notevole e figlia dei tempi ( Miriam visto oggi è un po' patinato, ma non è un difetto mortale).

    Ti dirò, nonostante la trama sia riassumibile in un centinaio di carrattere, l'opera gode di una atmosfera ipnotica e magica merito dell'alchimia indovinata fra regia,fotografie,attori e colonna sonora.

    Sicuramente è il Jarmusch più convincente dell'ultimo periodo, soprattutto a livello tecnico.

    Io lo consiglio caldamente a tutti, e per la notevole resa formale credo possa piacerti.
    Poi non scannarmi se dopo dieci minuti ti fracassi gli zebedei...

    Per me (e come per Deep) l'atmosfera in questo film è tutto quindi dipenderà molto se riuscirai o meno ad entrare con le viscere dentro il film.

    Chiamo Deep, guardiamo secondo lui che peso buiesco ha il film...


    Ok, grazie Didda...E sempre un Jarmush, a prescindere...
  • Discussione Redeyes • 25/01/17 10:33
    Contratto a progetto - 840 interventi
    Zen,
    mi linki a Lestat Intervista col vampiro, e a Bill True Blood?


    Grazie


    Visto che tanto devi anche leggere....nella scheda della colonna sonora ho inserito anche la copertina dell' lp.
    Ho usato IMAGESTIME, e come potrai vedere si è presentata la stessa problematica del link di ieri.
    Sbaglio a copiare il link? Abbi pazienza.
    Grazie
    Ultima modifica: 25/01/17 10:47 da Redeyes
  • Musiche Redeyes • 25/01/17 10:42
    Contratto a progetto - 840 interventi
    Artista: Jozef van Wissem & Squrl

    Titolo Originale: Only Lovers Left Alive
    Anno prima pubblicazione: 2014
    Etichetta: Atp Recordings
    Numero di dischi LP: 2

    Tracklist:

    1. Streets Of Detroit - SQÜRL
    2. Funnel Of Love- SQÜRL (featuring Madeline Follin)
    3. Sola Gratia (Part 1) - Jozef Van Wissem & SQÜRL
    4. The Taste Of Blood - Jozef Van Wissem & SQÜRL
    5. Diamond Star - SQÜRL
    6. Please Feel Free To Piss In The Garden - SQÜRL
    7. Spooky Action At A Distance – SQÜRL
    8. Streets of Tangier - Jozef Van Wissem & SQÜRL
    9. In Templum Dei - Jozef Van Wissem (featuring Zola Jesus)
    10. Sola Gratia (Part 2) - Jozef Van Wissem & SQÜRL
    11. Our Hearts Condemn Us - Jozef Van Wissem
    12. Hal – Yasmine Hamdan
    13. Only Lovers Left Alive - Jozef Van Wissem & SQÜRL
    14. This Is Your Wilderness - Jozef Van Wissem & SQÜRL
    Ultima modifica: 25/01/17 15:16 da Zender
  • Musiche Redeyes • 25/01/17 10:45
    Contratto a progetto - 840 interventi
    Il gruppo rock Squrl che ha collaborato alla stesura della Colonna sonora è formato dallo stesso regista Jim Jarmusch, Carter Logan e l’ingegnere del suono Shane Stoneback.
    Ultima modifica: 25/01/17 15:13 da Zender
  • Discussione Zender • 25/01/17 15:15
    Consigliere - 43515 interventi
    Sì, la cover non serve, tendenzialmente mettiamo quelle scannerizzate da noi.