LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/05/12 DAL BENEMERITO GREYMOUSER
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Greymouser 29/05/12 17:34 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Non sarebbe neanche male questo thriller di poche pretese e solida regia, se non fosse per le enormi implausibilità che lo script ci costringe ad ingollare e malamente digerire. Una ragazza sostiene di essere stata rapita e imprigionata, e poi di esser riuscita a fuggire, ma tutti - polizia compresa - la prendono per sciroccata, finchè non scompare anche la sorella. Prima parte abbastanza buona, con una discreta costruzione della tensione. Lo scioglimento della vicenda, sul piano del thrilling, è invece del tutto deludente.

Digital 15/07/12 11:03 - 1121 commenti

I gusti di Digital

L'inizio non è affatto male, con la Seyfried che se ne va in giro, in cerca della sorella scomparsa, temendo che possa essere finita nelle grinfie di colui il quale, soltanto un anno prima, l'aveva rapita, ma dal quale era riuscita fortunosamente a scappare. E’ il finale a convincere poco, vi è infatti una lunga preparazione che sfocia purtroppo in un brodino insipido. Anche il cast non è certo ben sfruttato, con la Carpenter e Bentley ridotti a mere comparse. Detto ciò, si può benissimo vedere, specie in queste torride giornate estive.

Lupoprezzo 28/09/12 18:43 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Il brasiliano Heitor Dhalia sbarca in terra statunitense per confezionare questo piccolo thrillerino dall'aria stramba, tenuto sulle spalle da una Amanda Seyfried tutta pepe e con un musetto tagliente, costretta a muoversi in una vicenda che nell'incedere cattura sempre meno, con snodi poco convincenti e poliziotti superbabbei (eh vabbè). Visto che è un thriller, impossibile svelare il meccanismo. Ci tengo a dire però che il finale non soddisfa, anzi (ed è un difetto non da poco visto il genere). C'è anche Jennifer Carpenter in un ruolo marginale.

Redeyes 26/12/14 09:46 - 2145 commenti

I gusti di Redeyes

Vieniamo ingannati subito dalla carinissima Amanda che un po' squilibrata cerca il suo torturatore e questo ci fa restare incollati alla tv. Piano piano tuttavia la storia prende una piega che tende al ridicolo, con poliziotti simil Doofy e un'indagine iper celere che nemmeno il miglior Sherlock. Purtroppo la cialtroneria di certe trovate fa perdere punti minuto dopo minuto fino a giungere a un improbo finale. Dahlia di strada ne deve fare!
MEMORABILE: La lotta nel pozzo; L'acume dei poliziotti.

Deepred89 20/09/17 10:21 - 3291 commenti

I gusti di Deepred89

Thriller dallo stile un po' televisivo dotato di un ritmo incalzante che garantisce un buon coinvolgimento dal primo all'ultimo fotogramma. La vicenda si segue, appunto, con interesse, ma si fatica a passar sopra a forzature, personaggi (specialmente secondari) spesso totalmente trascurati e a un finale tanto tirato via da far pensare a un'inspiegabile scelta volontaria degli sceneggiatori. Buona tensione nella sequenza della protagonista che si addentra nei boschi alla ricerca dell'assassino. Intrattiene, a patto di non porsi troppe domande.

Taxius 24/09/17 17:29 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Modesto thriller che gioca tutto sull'ambiguità della protagonista: non si capisce perciò bene se i fatti avvenuti siano accaduti realmente o se siano solo frutto della sua immaginazione. L'inizio non è male anzi, lascia presagire qualcosa di interessante. Peccato che un finale troppo sbrigativo e ricco di forzature sgretoli completamente quanto visto prima. Con un finale diverso sarebbe stato almeno un buon film.

Rufus68 14/12/17 21:09 - 3114 commenti

I gusti di Rufus68

A parte la graziosa Amanda qui c'è pochissimo da scialare. L'unica cosa scomparsa è la credibilità della sceneggiatura: detectives manichini meno scaltri dei Keystone Cops, protagonista gnappetta alla Terminator (e con un cellulare eterno alimentato evidentemente con unità nucleari), dialoghi da suburra, cattivo imbranatissimo, tensione inferiore a quella trasmessa da un filmino delle vacanze. La solita scolatura di piatti, insomma.

Daniela 20/06/18 21:44 - 9498 commenti

I gusti di Daniela

Quando la sorella scompare, una biondina perennemente sull'orlo di una crisi di nervi si precipita dalla polizia, convinta che il rapitore sia lo stesso serial killer che anni prima aveva tentato di ucciderla, ma nessuno le crede... Thriller da due lire: sceneggiatura che riesce ad essere nello stesso tempo banale e poco credibile, dialoghi imbarazzanti, una protagonista di rara antipatia (perché racconta tante balle? la bici, l'auto della nonna, la malattia del nonno etc), comprimari insulsi o ridicoli (compreso il fetente inetto), finale forcaiolo. Film da evitare con cura.

Gestarsh99 15/08/19 17:04 - 1329 commenti

I gusti di Gestarsh99

Premesse e fumoserìe che fasciano questo abduction-movie nelle semitrasparenze del thriller psicologico si protendono dilemmaticamente sin quasi alle ultime battute: Jill è una mitomane schizofrenica affetta da paranoie persecutorie o è la vittima designata di un bavoso manipolatore drogato di Schadenfreude? Investigazioni implausibilmente sciolte (tra botte di fortuna e soffiate stra-particolareggiate) e red-herrings alquanto fini a se stesse fan pochissimo effetto sugli italiangiallisti, tuttavia l'ensemble adunghia l'attenzione e rapisce la mente tenendo sempre alta la soglia di gradimento.
MEMORABILE: Il rogo "purificatorio" del pozzo...
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 20/09/12 12:04
    Segretario - 3038 interventi
    Dvd della One Movie disponibile a noleggio dal 21/11/2012.
  • Discussione Buiomega71 • 6/05/14 10:01
    Pianificazione e progetti - 21991 interventi
    Zendy, il film và in onda su Raidue con il titolo italiano Scomparsa