Vogliamo vivere!

Media utenti
Titolo originale: To be or not to be
Anno: 1942
Genere: commedia (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 18

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 10/05/07 09:32 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Polonia, appena occupata dai nazisti. Compagnia di teatranti cerca di barcamenarsi con la censura e diventa partecipe di un'azione della resistenza... Straordinario capolavoro della commedia, ancora oggi irresistibile e che non perde un colpo. All'epoca molti storsero il naso per la mescolanza dei temi tragici e del tono farsesco, decenni dopo tutti a genuflettersi di fronte al ben più innocuo saltimbanco Benigni. Boh. Questa comunque è una pietra miliare, superiore al pur ottimo remake Essere o non essere.

Galbo 13/10/08 06:04 - 11387 commenti

I gusti di Galbo

Pur realizzato negli Anni Quaranta, il capolavoro di Ernst Lubitsch risulta tutt'oggi assolutamente moderno ed efficacissimo, essendo insieme godibilissima commedia degli equivoci (realizzata con una perfetta conoscenza dei tempi e dei ritmi della commedia) ma anche e sopratutto una riuscita satira politica del nazismo all'epoca nel momento del massimo e nefasto fulgore. Regia sopraffina e cast brillante per un vero capolavoro del genere.

Caesars 15/10/08 09:25 - 2693 commenti

I gusti di Caesars

Lubitsh è giustamente considerato il re della commedia, questo film lo conferma in pieno. Si ride di gusto però nel contempo si riflette anche in quanto la trama narra le gesta di una compagnia teatrale ebraica nella Polonia occupata dai nazisti. Parecchi decenni prima di Benigni (il film è del '42) un regista parte da una situazione tragica per raccontarci una storia dai tempi comici perfetti. Ottimi tutti gli interpreti. Da vedere e rivedere.

Capannelle 13/02/09 17:24 - 3721 commenti

I gusti di Capannelle

Un intreccio divertente e paradossale, ricco di equivoci voluti e non voluti, che sarà anche oggetto di remake. Ernst Lubitsch lo svolge con la consueta intelligenza ma il risultato è un gradino sotto la sua media. Forse gli attori, seppur ben intonati, a tratti sembrano troppo marionette e abbandonano il suo proverbiale stile. Comunque molto godibile.
MEMORABILE: Schultz!

Andykap 6/10/10 11:06 - 37 commenti

I gusti di Andykap

Quello che prima stupisce e poi definitivamente conquista è quanto un film del 1942 possa essere “veloce” ovvero non avere mai un attimo di pausa, con una trama sempre pronta a sorprendere. E poi la ricchezza di sotto-testi: uno fra tutti la megalomania del protagonista che suggerisce la similitudine tra il teatro ed il teatro (dell’orrore) nazista con Hitler infantile mattatore. Divertente scoprire nel mitico Schulz l’Hercules di Freaks e nell’amoroso aviatore polacco il Robert Stack dell’aereo più pazzo del mondo.

Mdmaster 21/11/10 23:27 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Stupenda (e non mi aspettavo altro) commedia di Lubitsch che porta elegantemente i suoi quasi 70 anni. Ritmo impeccabile e altissimo, tono comico sempre divertente con misto di equivoci e di personaggi palesemente imbecilli (soprattutto tra gli ufficiali nazisti...). Cast pronto ad assolvere il compito e allo spettatore non resta che godersi il risultato: come spesso fa, Ernst parla di argomenti seri con sguardo affettuoso e ironico. Ci sono una decina di minuti di fiacca nella parte principale, ma si dimenticano prestissimo. Eccezionale.
MEMORABILE: Tura incontra l'appena imitato capitano "Campo di Concentramento"; il trucco con cui Tura si libera dei sospetti di essere un falso.

Luchi78 26/03/12 14:20 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Bellissima commedia di Lubitsch, capace di realizzare un film brillante su un tema in realtà colmo di risvolti drammatici, i quali però vengono accantonati per lasciare più ampio respiro ad una geniale satira sul nazismo. Notevole l'abilità tecnica con la quale il regista si diverte a stuzzicare l'attenzione dello spettatore, ma soprattutto ad imporre un ritmo serrato grazie a dialoghi spesso divertenti e all'interpretazione di tutto il cast. Memorabile.

Saintgifts 25/05/13 10:26 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Essere commedia o non essere solo commedia. A due anni da Il grande dittatore, anche Lubitsch dice la sua sul nazismo imperante e lo fa fa alla grande. Dal vero palcoscenico del teatro si sposta, senza quasi che si avverta, al teatro della vita dove gli attori non si accorgono di essere solo attori (che purtroppo decidono del destino di milioni di persone), ma si credono persone vere. A distanza di anni la constatazione è facile, Lubitsch invece l'aveva vista subito e la denuncia ridicolizzandola come merita. Film senza tempo, da riproporre.

Tarabas 3/06/13 10:40 - 1702 commenti

I gusti di Tarabas

Ci sarà un motivo, se Billy Wilder teneva in ufficio un quadretto con incorniciata la scritta "How would have Lubitsch done it?". Quanti film, a 70 anni di distanza, conservano una strepitosa capacità di far ridere e commuovere lo spettatore mescolando con gusto, delicatezza e grazia straordinaria commedia e tragedia? Pochi, temo, e Vogliamo vivere! è fra questi. Il celeberrimo Lubitsch Touch è ovunque. Splendido cast. Parafrasando Woody Allen, alla fine del film vien voglia di andare a fare l'attore di teatro in Polonia.

Cotola 23/06/13 09:48 - 7525 commenti

I gusti di Cotola

Ancora una volta ci si sorprende dinanzi alla "freschezza" ed alle qualità di un film dell'immenso Lubitsch: a più di settant'anni di distanza, infatti, colpiscono il ritmo ed una scrittura sopraffina quasi perfette che non danno pause allo spettatore e che denotano una profonda e straordinaria conoscenza dei tempi comici. Diverse le trovate molto divertenti con tanto di tormentoni. Bravi gli attori e, come al solito, molto elegante la regia. La mescolanza di tragico e comico era una novità per l'epoca (tanto che in molti ebbero da ridire) che poi ispirerà tanto cinema futuro.
MEMORABILE: To be or not be. Schultz! Un nazista: "Conoscevo un certo Tura: trattava Shakespeare come noi la Polonia". Il to be or not to be del finale.

Pigro 25/06/13 08:54 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

Semplicemente magnifico: struttura e ritmo impeccabili, tanti spunti comici e tormentoni esilaranti, ma anche l’intuizione geniale di calare e contaminare una tale commedia ai limiti del farsesco nella tragica contingenza della guerra in corso, col racconto della compagnia teatrale che inganna la Gestapo. Una felicissima satira contro il nazismo. Ma soprattutto un raffinato gioco su essere o non essere, ovvero realtà e finzione, vita e teatro, che giocano a rimpiattino in un labirinto dove il vecchio trucco dei travestimenti trova nuova linfa.

Bruce 17/07/13 11:45 - 1004 commenti

I gusti di Bruce

Come non rimanere incantati innanzi a un simile capolavoro, girato settanta anni fa eppure modernissimo, brillante, veloce e arguto. I dialoghi, la sceneggiatura, la recitazione, i tempi comici.. tutto è straordinario in una commedia che è molto di più di una commedia, perché potente satira al nazismo allora tragicamente imperante in Europa. Magistrale.

Mickes2 5/01/14 01:18 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Lubitsch touch all’ennesima potenza. Coraggiosa, intelligente, corrosiva commedia satirica, tragicomica e beffarda che espone in tutto il suo orgoglio una profonda affermazione di vita e un’incontenibile voglia di libertà e altruismo. Strutturata su un formidabile e ricco gioco di inganni e travestimenti, è anche una sublime riflessione sull’essere e l’apparire, sulla realtà e la finzione: il dramma della storia cristallizzato nel teatro come luogo d’evasione e salvezza quando il reale irrompe nelle strade componendo la tragedia. Abbacinante.
MEMORABILE: Tura e la sua “copia”; Tutti i siparietti fra Tura e il colonnello comprese le due incredibili e simboliche strette di mano “tremanti”; Il finale.

Vat69 14/12/14 23:56 - 17 commenti

I gusti di Vat69

Se non è la commedia perfetta, ci andiamo vicini. È un delizioso, spassoso, arguto meccanismo a incastro che non smette di divertire neanche alla centesima visione. Attori in stato di grazia (uno su tutti, Jack Benny) e alcuni tra i migliori dialoghi che la commedia abbia mai visto, guidati dal miglior Lubitsch di sempre. Qualche calo nel ritmo nella parte centrale ma assolutamente veniale: una lezione di cinema talmente rarefatta che ancora oggi, dopo 70 anni, pare inarrivabile.
MEMORABILE: Le due versioni dell'interrogatorio tra il colonnello Erhardt e il professor Siletsky; Come vengono congedati i due piloti nazisti nel finale.

Rebis 19/11/15 12:01 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

È semplicemente geniale l'idea di rievocare l'avanzata nazista in Europa attraverso un ménage di coppia, con il teatro a fare da cassa di risonanza di doppi sensi, tradimenti ed equivoci internazionali. Esilaranti le ellissi narrative che cercano di quadrare (in vano...) il cerchio del racconto anche quando il nonsense scalpita da dietro le barricate. Grande esercizio di scrittura magnificato dagli interpreti, con il lubitsch-touch a impreziosire tutti i momenti clou. Da riscoprire in double-bill con Il grande dittatore.

Josephtura 8/07/16 15:28 - 150 commenti

I gusti di Josephtura

Amo questo film in modo assoluto, anche nel suo finale forzato per l'improvvisa morte di Carole Lombard. Meraviglioso Jack Benny. Visto e rivisto non perde nulla, anzi. Consiglio la visione in lingua originale, ma anche ai traduttori va fatto un plauso: la traduzione nella fraseologia italiana è straordinaria. Il Sergente Shultz sarà "trasferito" nello stalag 17. Anche nella vita reale Lubitch operò nell'ombra per salvare migliaia di ebrei, e questo aumenta ancora il valore del film.
MEMORABILE: Maria Tura a Joseph Tura (travestito da Siletsky): "Come sta il nostro caro professor Siletsky?" Joseph Tura: "Morto, le assicuro morto!"

Daniela 15/10/18 22:12 - 9401 commenti

I gusti di Daniela

Nella Polonia occupata dai nazisti, una compagnia teatrale continua a mettere in scena il suo repertorio shakespeariano, nonostante le crescenti difficoltà... Insieme a Il grande dittatore di Chaplin, il massimo esempio di come si possa affrontare un tema tragico con la leggerezza della commedia degli equivoci, riuscendo a coniugare perfettamente l'afflato umanistico con la satira pungente dell'assurdità della guerra e del razzismo. Regia magistrale, sceneggiatura che non perde un colpo, interpreti perfetti: la ricetta per un piacere che parla all'intelligenza ed al cuore.
MEMORABILE: Il monologo del Mercante di Venezia, improvvisato davanti ai nazisti

Hearty76 21/02/19 10:44 - 227 commenti

I gusti di Hearty76

Una commedia degli equivoci durante la Seconda Guerra Mondiale? Sì, è possibile, nonostante l'argomento tanto cupo e il tremendo momento storico sul costante filo del rasoio. Belli e talentuosi gli attori e indubbiamente verosimile l'incombere dell'atmosfera di piombo nazista. Una comicità metateatrale e un po' alla Chaplin, ben impostata ma forse un po' forzata e grottesca in alcuni passaggi. Nel complesso un sapiente gioco di luci e ombre, anche se in fondo non si ride un granché. Merita in ogni caso poiché di tutto prestigio cinematografico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 21/11/11 15:22
    Scrivano - 14499 interventi
    Disponibile in edizione dvd dal o4/01/2012 per Dall'Angelo Pictures:



    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano , Inglese
    * Schermo Anamorfico 16:9 B/n
    * Audio Dolby Digital 2.0
  • Discussione Galbo • 5/05/13 08:50
    Gran Burattinaio - 3755 interventi
    Il film sarà riproposto nei cinema il giorno 30 Maggio in versione restaurata (fonte Ciak, Maggio 2013)
  • Discussione Tarabas • 3/06/13 10:08
    Formatore stagisti - 2051 interventi
    L'ho visto ieri sera e non posso che raccomandare caldamente di cercare un cinema che lo proietti e correre a vederlo. Informazione di servizio: è in lingua originale con sottotitoli.