Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/05/13 DAL BENEMERITO DELPIERO89
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Delpiero89 10/05/13 11:14 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Piuttosto originale, questo film di Maria Sole Tognazzi. Racconto di vita in solitudine e di vite al giorno d'oggi. Molto attuale. Regia non banale, arida, alternata a qualche virtuosismo. Bellissime le location, che già da sole ne giustificano la visione. Buona la prova di Margherita Buy, mentre Fabrizia Sacchi appare inadeguata. Interessante.
MEMORABILE: Gli hotel visitati dalla Buy.

Saintgifts 17/06/13 23:23 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Cercare la perfezione nel modo di vivere, nei rapporti con gli altri, di amare (difficile poi stabilire quale sia la perfezione e se basti rispondere positivamente a una serie di domande preconfezionate), dà garanzie di felicità? Meglio avere rapporti non perfetti ma naturali, veri, o mangiare cibi saporiti e sani anche se non esteticamente attraenti? Più esplicitamente è di solitudine che si parla, ma non necessariamente in senso negativo, a patto che si segua il proprio istinto con convinzione. Buona la parentesi con la sessuologa a Berlino.

Beffardo57 31/08/13 08:25 - 274 commenti

I gusti di Beffardo57

C'è Margherita Buy che interpreta Margherita Buy (come sempre; e ci riesce abbastanza bene, essendolo); c'è Stefano Accorsi, ma sembra che provenga da un altro film e se anche non ci fosse non se ne sentirebbe molto la mancanza. C'è un alter ego della protagonista, in cui lei si vede per un attimo riflessa, ma suona falso. Per il resto, una serie di belle immagini di hotel di classe, come in certe riviste patinate. Si dice che quando il regalo non è originale e vale poco non resta che confezionarlo in un pacchetto con i fiocchi. Appunto.

Paulaster 26/09/13 09:53 - 4528 commenti

I gusti di Paulaster

Sceneggiatura che si dipana in tre filoni: lavoro, famiglia e amicizia. Il soggetto è accattivante per l’immedesimazione che porta a chi ha un minimo viaggiato e la Buy raggiunge la sufficienza. L’ambiente domestico viene espresso così così e il ruolo di Accorsi serve come tappabuco di alcune situazioni. La regia è attenta, descrittiva e beneficia dei luoghi, ma resta senza magia. L'incontro finale tra le due donne è irreale a dir poco banale, al limite della comica.

Galbo 6/10/13 09:11 - 12457 commenti

I gusti di Galbo

Una regista da tenere d'occhio. Maria Sole Tognazzi dirige una storia originale incentrata intorno ad un personaggio dalle molte sfaccettature e nel quale si scontrano voglia di tenerezza e bisogno di indipendenza. Margherita Buy si rivela adatta al ruolo con Accorsi "spalla" ideale. Qualche momento di autocompiacimento di troppo nelle immagini, ma nel complesso un buon film.

Redeyes 18/03/14 07:31 - 2456 commenti

I gusti di Redeyes

Con la Buy, come con la Morante, corri sempre il rischio di sapere il soggetto prima del tempo; eppure qui è un po' meno telefonato del solito, il suo personaggio. Ospite a sorpresa cerca imperfezioni laddove non se ne accettano e parallelamente soggiace a una vita spoglia e senza affetto. Lo sviluppo, al di là di qualche passaggio forzato (Accorsi testimonial pro km zero e la sessuologa) non dispiace e in virtù di una durata piuttosto breve non tedia. Piacevole il montaggio e la regia e interessanti certe istantanee.

Nando 26/04/14 07:26 - 3838 commenti

I gusti di Nando

Una quarantenne scevra dai rapporti interpersonali costantemente in giro per il mondo ma comunque afflitta da nevrosi e paure. Una narrazione, forse, troppo breve che presenta un finale solamente abbozzato. Discreto il taglio registico con location troppo patinate. La Buy è sempre una certezza mentre Accorsi oramai appare involuto.
MEMORABILE: L'incontro con la sessuologa a Berlino.

Mco 27/04/14 19:40 - 2340 commenti

I gusti di Mco

Non sempre svolgere mansioni privilegiate comporta immensa felicità. La Buy ne esemplifica l'assunto nei suoi lati oscuri, che fanno rima con la solitudine da un lato e con la depressione dall'altro (o forse con tutte due insieme nello stesso istante). Ne vien fuori un ritratto che abbacina nei primi sguardi ma tende a sfocare nei successivi, sino a perder quasi di pregnanza. Gustose le prove degli attori di contorno (soprattutto un irrequieto Accorsi) in quello che è e resta un one woman movie. Di quelli buoni.
MEMORABILE: La discussione, poi degenerata, tra sorelle per il nuovo vestito da acquistare.

Piero68 23/06/14 08:49 - 2961 commenti

I gusti di Piero68

Che la più piccola di casa Tognazzi abbia dei numeri è innegabile. E lo dimostra una volta di più con questa pellicola che dirige e co-sceneggia. Trova nella Buy la perfetta fisicità del suo personaggio e lei la ricambia con una performance decisamente convincente. Un po' introspettiva e un po' melò, la pellicola centra tutti gli obiettivi prefissati e lo spaccato con la sessuologa è alla fine la vera chiave di volta. Qualche momento di noia e forse inutile (quasi tutte le scene con Accorsi) mentre molto più interessante è il confronto tra sorelle.

Lou 24/08/17 00:05 - 1124 commenti

I gusti di Lou

La Buy è una single che per lavoro gira il mondo come cliente in incognito presso lussuosi hotel per verificarne i livelli di eccellenza. Lo spunto è interessante, funzionale a stigmatizzare la vita delle donne in carriera, fatta di indipendenza ma anche di solitudine, posta a confronto con quella della sorella sposata con figli. Alla fine però rimane la sensazione di un film incompiuto, poco coraggioso e incisivo, che non riesce a lasciare il segno.

Maria Sole Tognazzi HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Passato prossimoSpazio vuotoLocandina L'uomo che amaSpazio vuotoLocandina Ritratto di mio padreSpazio vuotoLocandina Io e lei

Didda23 30/10/17 14:18 - 2436 commenti

I gusti di Didda23

Un'opera strana e particolare, tenuto conto dell'odierna industria cinematografica italiana, che ha il pregio di possedere un registro semmpre in bilico fra commedia e dramma senza evidenziarne i rispettivi difetti. Stupisce la regia della Tognazzi, soprattutto per la composizione dell'inquadratura, offrendo più valore a luoghi che già di per loro sono interessantissimi. Ogni tanto la qualità complessiva scema e si sfiora l'evanescenza, soprattutto per dialoghi non sempre all'altezza. Un film leggero e poco impegnativo, ma che sa far riflettere.
MEMORABILE: Il rapporto fra la Buy e Accorsi; Il litigio per un vestito; L'incontro con la sessuologa.

Gabrius79 27/08/22 14:49 - 1432 commenti

I gusti di Gabrius79

Piacevole pellicola ben diretta da Maria Sole Tognazzi, aiutata anche dalla bravura di Margherita Buy nei panni di una ispettrice di alberghi in incognito. È interessante il soggetto del film, tale da non annoiare più di tanto grazie anche alla durata di poco più di 70 minuti. Attori di contorno discreti con Accorsi messo più come tappabuchi che altro. Rimane forse un perdonabile senso di incompiutezza, dopo la visione del film.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.