Un branco di vigliacchi

Media utenti
Anno: 1962
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: La storia è ispirata a un racconto di Guy de Maupassant.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/06/13 DAL BENEMERITO DUSSO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 20/06/13 11:35 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

L'incipit non è proprio girato bene, ma immerge nel clima per quel che accade dopo, quando un gruppo di persone cercando di raggiungere Campobasso (siamo nel pieno del 1943) rimarranno un'intera giornata in balia dei tedeschi in una casa di campagna abbandonata. Spicca l'ottima prova del cast, con personaggi ben approfonditi nel loro spessore psicologico. Il clima di attesa e di tensione è più che discreto. Probabilmente il miglior film del regista.

Pessoa 26/07/20 05:48 - 1160 commenti

I gusti di Pessoa

Film quasi dimenticato di Taglioni che ha dalla sua un cast di tutto rispetto che ne eleva decisamente il livello. La vicenda, dopo un incipit on the road, si svolge quasi interamente in una stanza, in una sorta di tragico kammerspiel in cui ogni personaggio viene "rivoltato" mostrando prima le ingannatrici apparenze poi il marcio che si porta dentro. Una regia solida, una sceneggiatura poderosa e alcune idividualità di rilievo (Schell, Petit, Tieri, Carotenuto) lo rendono senz'altro meritevole di una visione, comunque non facile. Andrebbe riscoperto, anche come documento storico.
MEMORABILE: La Petit che esce dalla stanza di Schell in silenzio; L'untuosità del personaggio di Tieri, resa magnificamente dall'attore.

Alex75 6/08/20 15:32 - 677 commenti

I gusti di Alex75

Gruppo di fuggiaschi e imboscati in un interno, nel caos del settembre 1943. L’ottimo script di Tagliani e Carnimeo scandaglia a fondo i personaggi, mettendo in risalto opportunismi e viltà, ma anche il disincantato coraggio di quei pochi che sanno di non aver nulla da perdere. Le caratterizzazioni sono a tutto tondo e il frequente passaggio da un registro leggero a toni drammatici e da tragedia non è mai stridente. Nell'ottimo cast, spiccano le prove di Tieri, Schell e della Petit. Finale forse troppo conciliante.
MEMORABILE: “Gli unici che riuscivano a cavarsela erano i vigliacchi”; Tutte le scene con Schell (in particolare quella del pranzo); Giuditta esce dalla stanza.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.