Sharon Tate - Tra incubo e realtà

Media utenti
Titolo originale: The Haunting of Sharon Tate
Anno: 2019
Genere: thriller (colore)
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/08/19 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Digital 7/08/19 16:19 - 1121 commenti

I gusti di Digital

L’idea di declinare a pura exploitation la strage di Bel Air può lasciare un tantino perplessi, ma il film di Farrands ha più di una freccia al proprio arco. Innanzitutto la performance di una magnetica Hilary Duff, capace di interpretare con grande impegno la sventurata Sharon Tate e, in seconda istanza, una regia che alterna sapientemente incubo e realtà in un tourbillon di brutale, strabordante violenza. Un home invasion con tutti i crismi che sa perfettamente soddisfare il palato dei fanatici di questo genere.

Herrkinski 13/08/19 02:05 - 5199 commenti

I gusti di Herrkinski

Cercando di cavalcare biecamente il 50° anniversario del massacro di Manson e soci, ecco una deprecabile versione romanzata degli eventi con protagonista la Tate, qui interpretata da una Duff assolutamente inadatta. Non fosse ispirato a eventi reali e ormai famigerati, sarebbe solo un home-invasion come se ne è visti un milione e fatti meglio; di fatto lo è e i vari cliché, tutti presenti, non aiutano. Sulla vicenda della Family quest'anno è uscito il ben superiore Charlie says; Farrands rende molto meglio nei suoi documentari sul cinema horror.

Pumpkh75 9/09/19 13:43 - 1326 commenti

I gusti di Pumpkh75

Non si tratta di cattivo gusto o mancanza di scrupoli. La semplice constatazione è che aver preso un tragico e cruento evento reale e averne fatto una fandonia paranormale fatta di visioni, premonizioni e jumpscares è una scelta spiacevole e insensata. Volessimo pur soprassedere, resterebbe comunque un pellicola insignificante e affossata da una Duff inebetita e inadatta alle sfaccettature richieste dalla strada intrapresa. L’anniversario di Manson è miele per le mosche, ma Farrands qui si poggia su qualcosa di più fetido. Imbarazzante.

Anthonyvm 10/09/19 16:33 - 2019 commenti

I gusti di Anthonyvm

Pura exploitation, nel senso etimologico del termine: sfrutta una tragedia reale per imbastire l'ennesimo home-invasion movie in stile The strangers, cavalcando l'onda pubblicitaria che orbita attorno a Tarantino, allungando il brodo con riflessioni sul fato, sulle realtà alternative e sull'effetto farfalla. Pretestuoso? Poco etico? Altroché. Ma indignazione a parte, il film in sé è un thriller mediocre e scontato. Avesse almeno puntato sulla violenza e non sulla suspense di maniera sarebbe stato più godibile. Bravina la Duff, ma doppiata male.
MEMORABILE: Il cane ucciso circondato da mosche aggiunte in post produzione; Il massacro; La svolta "what if" che vede la Tate improbabile eroina battagliera.

Fedeerra 24/11/19 06:30 - 431 commenti

I gusti di Fedeerra

È inaccettabile che un fatto di cronaca di questa portata (divenuto manifesto per intere generazioni e che ha dichiarato la fine della chimera hippie) sia stato trattato come il più innocuo filmetto jampscare adolescenziale. La figura iconica è magnifica di Sharon tate è stata completamente distrutta dall’interpretazione di Hilary Duff (ma davvero?!?), lontanissima anni luce dal personaggio e completamente priva di qualsivoglia carisma. Più che una rivisitazione un disastro.

Taxius 20/05/20 12:19 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Brutto e poco rispettoso horror che prende una delle grandi tragedie umane e la trasforma in un banalissimo home invasion a tinte soprannaturali. Il film di Farrandis quindi non è un biopic ma semplicemente una rivisitazione della suddetta tragedia, in cui la povera Sharon viene dipinta come una matta visionaria. Poteva benissimo essere ambientato ovunque e con protagonisti diversi e non sarebbe cambiato nulla ma, ovviamente, non avrebbe avuto la stessa pubblicità. Sufficiente la Duff ma nel complesso un brutto film.

Buiomega71 20/06/20 00:53 - 2280 commenti

I gusti di Buiomega71

Inizio al fulmicotone (che si mantiene fedele ai fatti e alla vita dei coniugi Polanski), una ricostruzione d'epoca appassionata (l'ufficio di Polanski e lo script di Rosemary's), visioni visceral/fulciane (la carcassa del cane che butta vermi), le due ragazze della family davvero inquietanti e terrifiche, la canzone di Manson che riecheggia minacciosa e il feroce (vero) massacro tra sprizzi di sangue e belluina violenza. La Duff poco adatta come Sharon Tate, ma bellissimo il finale che si ammanta di macabra poesia e la chiusa stile Star 80 sul volto di Sharon in bianco e nero.
MEMORABILE: Yellow saluta dalla finestra Abigail; La telefonata di Roman; I tre della family che van via salterellando con la scritta Pigs in primo piano.

Caesars 25/09/20 10:42 - 2722 commenti

I gusti di Caesars

Decisamente non ci siamo. Sarebbe stato molto più onesto ambientare la vicenda in qualsiasi altro ambito, invece che sfruttare la strage di Bel Air e la pubblicità che ne sarebbe derivata. Un film decisamente modesto, con poche frecce al suo arco: si salvano l'interpretazione della Duff (che comunque poco ha a che vedere con la vera Tate), il finale quasi "poetico" e una discreta fotografia. Per il resto si mischiano i fatti reali con ricostruzioni che lasciano il tempo che trovano (la Tate paranoica, i rubinetti grondanti sangue...). Meglio, e molto, il film in tema di Tarantino.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 8/08/19 23:47
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Cavolo, il primo vero ruolo impegnativo per la Duff, mio idolo adolescenziale.
  • Homevideo Mco • 14/08/19 14:49
    Scrivano - 9684 interventi
    Disponibile dall'8 agosto 2019 in DVD e BD per Koch Media.
  • Discussione Buiomega71 • 20/06/20 10:42
    Pianificazione e progetti - 21999 interventi
    Tempo fa, Enrico Ruggeri, su Italia uno, conduceva una trasmissione che si intitolava Il bivio, dove prendeva in esame la revisione dei disegni che il destino ci riserva, il Ecco cosa sarebbe successo se..., sorta di Sliding doors che si mescolava con le "modifiche" spaziotemporali di Peggy Sue si è sposata.

    Il tanto vituperato (a torto per quel che mi concerne) film su Sharon Tate adotta questo stesso punto di vista, ovvero, cosa sarebbe successo se Sharon e amici avessero avuto la meglio sui tre membri della family, una specie di storia alternativa ai tristemente famosi fatti di sangue. Storia alternativa che altera la realtà dei fatti, un pò come fece Marco Bellocchio nel finale di Buongiorno notte sul rapimento di Aldo Moro.

    In un clima di angoscia , inquietudine e tensione, Farrands snocciola la questione e rivede a modo suo la storia (credo come farà Tarantino con C'era una volta Hollywood), pur restando fedele ai fatti (Polanski a Londra a scrivere la sceneggiatura del Giorno del delfino, gli incubi premonitori di Sharon, Sharon che ha appena finito di girare Una su 13, la casa appartenuta al produttore discografico Terry Melcher e alla sua fidanzata Candice Berger-pare i veri bersagli di Manson- lo studio/ufficio di Roman Polanski con lo script di Rosemary's Baby e il manifesto di Per favore non mordermi sul collo che troneggia in bella mostra) e riuscendo a ricreare , con passione e attenzione per i dettagli, lo spirito e l'atmosfera di fine anni 60.

    Dopo un inizio bellissimo: (dove il film si apre con la frase di Edgar Allan Poe che veniva citata pure in Fog) l'intervista a Sharon in bianco e nero, le dolorose immagini di repertorio, la confessione di Susan Atkins, i corpi massacrati in giardino riversi in una pozza di sangue, incalzato dall'ipnotico e potente score di Fantom, il film getta una luce paranoica su Sharon, a tal punto che sembra la protagonista di un film del marito (non per nulla , in cucina, dopo l'ennesima crisi di nervi, Frykowski le dice "Questo non è un film di Roman"), tra vasche da bagno che si riempiono di sangue, strane figure che si stagliano fuori dalla finestra, carcasse di cani e animali morti nel frigo che buttano vermi fulciani e, soprattutto, lo stereo che parte da solo, riproducendo l'angosciante tormentone della canzone di Manson che riecheggia lugubre e minacciosa negli interni della villetta di Cielo Drive, sorta di funesta e delirante premonizione di morte che mette a disagio.

    Le due terrifiche e inquietanti ragazze della family (la Sadie di Bella Poppa mette davvero i brividi), che appaiono durante la passeggiata mattutina di Sharon e Abigail, o che, come Yellow, saluta dalla finestra della camera da letto , con un ghigno malefico, Abigail che risponde al saluto, la figura di Manson che compare alle spalle di Sharon negli specchi, dove la sua figura si imprime sulla pellicola, mai così satanica e malevola.

    Il vero massacro (Sono il diavolo e voglio fare diavolerie-Tex-, Puoi averlo anche adesso il bambino, così ti potrò squartare-Sadie-) è di una ferocia belluina devastante, tra brutali e ripetute pugnalate, sangue che sprizza copioso e la sadica uccisone di Abigail in giardino, con lei che prega la ragazza della family di smetterla di colpirla, perchè è già morta. E dopo la mattanza i tre se ne vanno salterellando in giardino sullo sfondo, con il primo piano della scritta PIGS sulla vetrata della porta finestra.

    Farrands picchia duro quando può, sapendo di aver studiato bene il massacro di Bel Air, con alle spalle già una capatina ad Amityville e tre documentari sulle icone della new horror rivoluzionaria (Venerdì 13, Nightmare e Scream), giostrando bene la macchina da presa che vola dalle colline di Hollywood al nido d'amore di casa Polanski, fino al bagno di sangue che ne seguirà.

    La telefonata di Roman a Sharon con lei che si chiude in bagno, la stanza del futuro nascituro con la culla e i peluche, il gioco con una bizzarra tavoletta oujia (Sharon: "Avrò una vita lunga e felice?", la pallina si ferma sul NO, ma la vede solo Abigail), Sharon che diventa sempre più la Deneuve di Repulsion, Charlie bussa alla porta credendo che in casa ci sia il produttore Melcher (C' è Terry? Un pò come "è in casa Tamara?" di The Strangers), i pacchi di demo indirizzati a casa Polanski, Helter Skelter scritto con il sangue sulle pareti del bagno, la canzone di Manson al contrario che nasconde lugubri e ben poco piacevoli messaggi subliminali, l'arrivo notturno del terzetto della family davanti al cancello al numero 10050.

    Poi rewind, quello che prende un'altro punto di vista, dove Sharon e compagnia bella hanno la meglio sui discepoli assassini di Manson (curiosamente non si fa menzione su Linda Kasabian che faceva il palo) e il film si affloscia un pò, rientrando nei binari di un convenzionale home invasion alla occhio per occhio (anche se l'uccisione, in bagno, di Yellow da parte di Frykowski, ha notevoli battute violente, con la ceramica dello sciaquone sbattuta in faccia e l'annegamento della ragazza), dove l'improbabilità e la scelta discutibile fa storcere il naso.

    Ma il bellissimo finale, sospeso in un limbo post mortem, che si ammanta di macabra poesia risolleva le sorti e la chiusa sul volto di Sharon in bianco e nero è una stretta al cuore, che ricorda da vicino quella con Mariel Hemingway/Dorothy Stratten in Star 80.

    Posso capire i suoi sostanziosi detrattori e la Duff non è adattissima per impersonare Sharon (troppo frignona,a cui manca totalmente il physique du role e che, a dirla tutta, non è che reciti un granchè bene e sarebbe stato meglio se avesse continuato con la Disney a stò punto), ma la costruzione degli eventi reali (un pò meno quelli fittizi) e il clima claustrofobico di panico e opressione sono abilmente resi da Ferrands, che riesce a farti partecipe all'interno della villetta di Cielo Drive (un pò come ha fatto, con le dovute sostanziali differenze, la Kusama con The invitation) e gettando l'oscura figura di Manson  che si percepisce con irrequietezza per tutto il film, anche se lo si vede solamente di sfuggita.

    A suo modo originale, per certi versi intenso e doloroso, dove la realtà è ben più terrificante dell'incubo e quel finale , accarezzato da un ralenti surreale, entra dentro come una lama di coltello.

    Curioso il "nuovo premio" assegnato ai Razzie (preso da Wikipedia):
    Peggiore disprezzo per la vita umana e la proprietà pubblica

     
    Ultima modifica: 21/06/20 22:16 da Buiomega71
  • Homevideo Buiomega71 • 20/06/20 10:48
    Pianificazione e progetti - 21999 interventi
    Il blu ray della Koch Media non mi è parso nulla di che, la stessa qualità di un dvd (e se lo vendono a 5 euro un motivo ci sarà).

    Nessun extra se non il solito trailer.

    Formato 2.35:1

    Audio: italiano e inglese

    Sottotitoli: italiano

    Durata effettiva del film in blu ray: 1h, 30m e 07s
  • Discussione Caesars • 25/09/20 09:34
    Scrivano - 10989 interventi
    Nello studio di Roman Polanski fa bella mostra di se il poster di "Per favore non mordermi sul collo", interpretato dallo stesso regista e Sharon Tate.