Sesso & potere - Film (1997)

Sesso & potere
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Wag the Dog
Anno: 1997
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "Sesso e potere".
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Col presidente inguaiato - a pochi giorni dalla possibile rielezione - per via di uno scandalo sessuale, il suo addetto all'immagine Conrad Brean (De Niro) è costretto a pensare quanto prima a un poderoso diversivo per distrarre l'opinione pubblica. Non trova di meglio che inventarsi un'inesistente guerra contro l'Albania, e per rendere la cosa credibile agli occhi degli americani ingaggia l'abile produttore cinematografico Stanley Motss (Hoffman) assegnandogli il compito di dare sostanza all'idea con la promessa di farlo ambasciatore. Comincia così una gigantesca operazione nata esclusivamente per gettare fumo negli occhi al popolo; e quando riscoppia la pace si progetta un piano B che prevede il...Leggi tutto recupero di un valoroso soldato (Harrelson) immaginario prigioniero del nemico! Levinson s'inserisce nel filone fantapolitico di denuncia che negli Stati Uniti vanta grandi tradizioni ma mantiene una linea molto "leggera", che affronta il tema in superficie soprattutto per trarne una sceneggiatura spiritosa sostenuta da ritmi altissimi. Il Motss di Hoffman, abituato a dirigere le operazioni da buon produttore, parla senza sosta (eccellente anche il doppiaggio italiano, che in presenza di due star solitamente appannaggio di Ferruccio Amendola passa Hoffman alle cure dell'ottimo Giorgio Lopez, cui spettano gli equilibrismi verbali maggiori), escogita soluzioni immediate in presenza di ogni nuovo ostacolo e minimizza qualsiasi problematica paragonandola a quelle ben più complesse risolte in precedenza nel suo ruolo di produttore. Un po' artificioso nella costruzione e nell'impostazione a botta e risposta fulminei (c'è David Mamet dietro), può contare sulla bravura dei due mostri sacri protagonisti (forse non necessari, in un film tanto preciso e affidato a un copione di ferro) e anche sulla buona colonna sonora di Mark Knopfler dei Dire Straits. Non trascurabile l'apporto - per quanto minore - di Woody Harrelson, sempre impeccabile nelle parti da psicolabile. Brutto e fuorviante il titolo italiano: il sesso resta confinato alle citate scappatelle di un presidente mai in scena e il potere è secondario rispetto a ciò che il film effettivamente racconta, cioè la possibilità reale di inquinare la realtà con le invenzioni più improbabili ("Perché l'Albania?" chiede Motss, "E perché no", gli risponde Brean). Non ci si aspetti di comprendere tutto subito, perché molto viene sottinteso e il rischio di equivocare qualche passaggio è concreta.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/12/07 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 8/04/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 30/12/07 07:47 - 12054 commenti

I gusti di Galbo

Per distogliere l'opinione pubblica americana da uno scandalo sessuale in cui è implicato il presidente, gli strateghi della comunicazione in accordo con professionisti hollywoodiani si inventano di sana pianta una guerra contro l'Albania. Girato quasi contemporaneamente all'affaire Clinton/Levinsky ma pieno di riferimenti alla situazione odierna (guerra in Iraq), Sesso e Potere è una riuscita satira sulla politica e sul mondo della comunicazione di massa nella sua capacità di manipolare l'opinione pubblica. Bella sceneggiatura ed ottimo cast.

Lovejoy 9/10/08 13:44 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Bella commedia al vetriolo diretta con polso robusto dall'ottimo Levinson e affidata ad un cast superbo. De Niro, ovviamente, svetta su tutti. Ma non sono da meno un Hoffman ben calato nei panni del produttore; la Heche in uno dei suoi ruoli più convincenti e la Durst. In definitiva un film da non perdere.

Rambo90 1/09/10 10:12 - 7282 commenti

I gusti di Rambo90

Commedia di un certo livello, soprattutto per la storia (a pochi giorni dalle presidenziali un produttore e un consulente per l'immagine si inventano una guerra contro l'Albania per distogliere l'attenzione da uno scandalo sessuale che coinvolge il presidente in carica) e per la coppia di protagonisti. Hoffman (candidato all'oscar) e De Niro sono affiatatissimi e sono tanti i momenti divertenti di un film che non rinuncia comunque a una sua denuncia del costume americano. Simpatico cameo di Woody Harrelson.
MEMORABILE: Hoffman: "Il nostro presidente ci ha portati alla pace", De Niro: "Ma non c'era nessuna guerra", Hoffman: "Appunto, ancora più difficile!"

Capannelle 2/01/11 00:15 - 4187 commenti

I gusti di Capannelle

Il film è girato col tono della commedia ma porta avanti un tentativo di denuncia al sistema americano di potere e, in particolare, sulla manipolazione della realtà e sul patriottismo credulone. Se la sceneggiatura regge discretamente, la regia di Levinson (regista di scuola classica e altalenante nei risultati) è invece spenta tanto che in certi momenti si ha l'impressione del film tv. Tra gli attori l'unico a rendere è Hoffman, che impersona il cinico e disincantato produttore della messinscena generale.

Pigro 8/02/13 15:45 - 9137 commenti

I gusti di Pigro

Una guerra finta (contro l’Albania!) per mascherare gli scandali veri del presidente Usa: satira gustosa sulla potenza della comunicazione (addirittura con il coinvolgimento di Hollywood) nella falsificazione della realtà. Un sobrio De Niro e un brillante Hoffman conducono alla grande la commedia. Certo, nelle mani di ben altro regista la storia avrebbe potuto mostrare il suo lato più graffiante e disturbante, davvero politico, mentre qui si rimane su un generico intrattenimento, anche se con qualche stoccatina azzeccata.

Saintgifts 8/07/14 00:01 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

De Niro che inventa su due piedi assurdità sulle quali dovrà poi lavorare per farle apparire credibili. Forse è nato qui il modo di dire "ci sto lavorando" (credo ci stiano ancora lavorando forse per giustificare questo film dalle grandi quanto stravaganti aspirazioni). Unico merito svelare una volta di più, attraverso una idiot comedy, un'America che beve avidamente tutto ciò che una tv pilotata propina quotidianamente.

Cangaceiro 9/07/14 19:20 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Curioso cine-delirio che conferma l'adagio secondo cui la realtà spesso supera la fantasia. Come non ricordare l'Operazione Alba e il caso Lewinsky realmente accaduti dopo l'uscita del film? Un vaticinio caustico e satirico grazie allo zampino dell'ispirato Mamet, candidato all'Oscar per la sceneggiatura. Levinson imbastisce un intrattenimento di discreta classe e si ridacchia abbastanza; merito soprattutto di un Hoffman a briglia sciolta sia nel variopinto look che nelle battute. De Niro invece sembra piuttosto spaesato. Troppo frettoloso il finale.
MEMORABILE: William H. Macy a De Niro: "E lei chi è? L'americano medio in persona?"; Hoffman: "Non mi divertivo cosi tanto dai tempi della tv in diretta!"

Zutnas 11/10/14 15:43 - 85 commenti

I gusti di Zutnas

Il gioco della scomparsa dei fatti negli Usa: inventarsi una guerra finta per coprire sui media le malefatte del presidente. Assistiamo al dietro le quinte della messa in scena, seguiamo chi lavora al di sopra di tutto, delle leggi e delle istituzioni, chi esercita il potere al fine unico di preservarlo e lo fa a cuor leggero, quasi divertendosi, in una commedia dal buon ritmo che fa sentire inerme lo spettatore di fronte alle fesserie catodiche. La versione italiana del titolo è inspiegabile.
MEMORABILE: Certo che è vero, l'ho visto in tv!

Pinhead80 3/03/16 17:52 - 4402 commenti

I gusti di Pinhead80

I giochi di potere nella politica non sono propriamente fantascienza ma una triste realtà. Questo film di Levinson ce ne mostra una che assomiglia clamorosamente al futuro sexygate che vedrà coinvolto Bill Clinton. Questa è la cosa che meraviglia di più in un film che rappresenta proprio alla perfezione il ruolo dei media nel costruire enormi bugie che permettono di stravolgere la realtà mostrando qualcosa che non esiste. Grande cast e "divertimento" assicurato.

Il ferrini 24/03/17 00:23 - 2056 commenti

I gusti di Il ferrini

Non è da tutti i giorni avere a disposizione De Niro e Hoffman e anche solo per questo il film sarebbe degno di interesse, ma c'è di più in questa black comedy che racconta in maniera divertente e divertita quella incredibile fabbrica di menzogne che è una campagna elettorale. Notevole la giovanissima Kirsten Dunst nei panni della ragazzina "albanese" e anche la - pur breve - apparizione di Woody Harrelson lascia il segno. Levinson dirige come sempre con brio e con De Niro farà un ottimo bis 10 anni dopo raccontando Hollywood. Si ride.

Barry Levinson HA DIRETTO ANCHE...

Minitina80 7/12/17 16:41 - 2766 commenti

I gusti di Minitina80

Difficile imbattersi in un’opera impegnata con un registro narrativo così particolare. È, infatti, lontana dallo stile diretto e sfrontato di un Oliver Stone, mentre si avvicina alla farsa o a una pantomima sconfinando più volte in situazione che hanno dell’assurdo. Le battute, tuttavia, non sembrano lasciate al caso né sono prive di significato, ma bisogna tenere il ritmo perché si tratta spesso di sottile ironia. Un esempio coraggioso, anche se non memorabile di cinema sociale. Fuorviante il titolo italiano.

Anthonyvm 13/11/22 15:24 - 4524 commenti

I gusti di Anthonyvm

Maligna e divertentissima satira sul potere di manipolazione dei media sull'opinione pubblica, che si rivelerà bizzarramente profetica (lo scandalo Levinsky e le di poco successive campagne militari di Clinton avverranno l'anno dopo il debutto nelle sale). Come il cinema inganna lo spettatore spacciando storie false per verità, i giochi loschi della politica si servono essenzialmente degli stessi mezzi per veicolare sentimenti e ideali comuni, dando a Levinson la possibilità di tracciare un'ironica linea di congiunzione metafilmica fra le due forme di illusione. Semplice ed efficace.
MEMORABILE: De Niro riesce a manipolare la CIA; La povera ragazzina albanese con gattino aggiunto in post-produzione; La canzone patriottica; Il matto Harrelson.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Columbo • 4/10/10 10:23
    Magazziniere - 1100 interventi
    Musiche di Mark Knopfler, con canzoni di Willie Nelson.
  • Curiosità Columbo • 4/10/10 10:24
    Magazziniere - 1100 interventi
    Cameo per Jim Belushi nel ruolo di se stesso.
  • Homevideo Homesick • 9/10/10 09:56
    Scrivano - 1368 interventi
    Dal 17 novembre in dvd per Warner.
  • Discussione Raremirko • 18/01/15 00:47
    Addetto riparazione hardware - 3841 interventi
    Visto da poco; vale la pena citare un cast in stato di grazia (e De Niro, sublime, offre una grandissima interpretazione) e lo script di Mamet che, magari involontariamente, fra le altre cose ha mostrato su vari livelli quanto possa essere pericolosa la mentalità negazionista.