Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/10/19 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Kinodrop 6/11/19 18:05 - 1825 commenti

I gusti di Kinodrop

Ripercorrere i legami familiari dopo la scomparsa di Isabelle Reed, famosa e inquieta fotoreporter di guerra, sarà compito non facile per il marito e i due figli; specie per Conrad, il più giovane. Trier confeziona una rete psicologica su basi certamente non nuove, ricorrendo a non pochi luoghi comuni sia trasversali (i rapporti sentimentali coniugali ed extra) sia verticali (le ambiguità affettive tra genitori e figli). Al di là della raffinatezza delle immagini e lo scandaglio interpersonale, si avverte un che di letterario e di poco autentico.
MEMORABILE: Le verità sulla morte di Reed; La freddezza di Jonah nei confronti di moglie e figlioletta; L'incidente d'auto al ralenti; Le turbe di Conrad.

Galbo 8/10/19 16:18 - 11587 commenti

I gusti di Galbo

Un padre e i suoi due figli si riuniscono per commemorare la madre, celebre fotografa di guerra scomparsa. Joachim Trier, al suo primo film in lingua inglese, realizza la “vivisezione” di un nucleo familiare in cui ciascun componente ha un rapporto molto personale con una presenza femminile importante e dalla personalità ingombrante. Poco originale per tema trattato, il film è tuttavia un’elegante e sincera rappresentazione di un contesto familiare difficile e segnato da un evento luttuoso. Ottima la prova degli attori.

Daniela 9/11/19 10:16 - 10202 commenti

I gusti di Daniela

Quando era viva, era spesso lontana perché impegnata come fotoreporter nei luoghi "caldi" del mondo, da morta è una presenza ingombrante con cui devono fare i conti il marito e i due figli... Ancora una volta, un'elaborazione del lutto resa più difficile e dolorosa dall'incomunicabilità all'interno della famiglia. Un tema molto battuto, soprattutto nel cinema anglosassone, che il regista danese affronta con qualche stereotipo di troppo ma anche con abilità, strutturando ad incastro la narrazione fra passato e presente, in questo sostenuto dalla buona prova di tutto il cast.
MEMORABILE: La passeggiata notturna del figliolo minore insieme alla compagna di scuola di cui si è innamorato

Caesars 12/04/21 10:54 - 2934 commenti

I gusti di Caesars

Pellicola interessante e ben recitata, ma con ritmo eccessivamente lento (pur idoneo a rappresentare i problemi familiari dei protagonisti) che ne mina leggermente la fruibilità. Bravo Byrne, attore forse non troppo valorizzato, nel ruolo del vedovo che prova a riallacciare il rapporto con i due figli. Interessante anche la scelta, non certo nuova però, di far vedere alcuni eventi dai punti di vista di due personaggi differenti. Forse non proprio buono, ma sicuramente discreto.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Caesars • 12/04/21 11:16
    Scrivano - 12630 interventi
    La scena dell'incidente automobilistico al ralenti non può non richiamare alla mente
    SPOILER
    la scena finale di un suo noto film.
    FINE SPOILER
    Dario Argento verrà poi omaggiato in modo più ufficiale nel prosieguo della pellicola, quando verrò mostrata la celebre sequenza della pallottola che trafora il cranio di Daria Nicolodi in Opera:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images56/ralu.jpg[/img]
  • Curiosità Caesars • 12/04/21 11:19
    Scrivano - 12630 interventi
    I due figli del protagonista ad un certo punto guardano al computer uno spezzone di un vecchio film interpretato da loro padre. Si tratta di Hello again - Bentornato fantasma:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images56/seggr.jpg[/img]