Amore & altri rimedi

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/01/11 DAL BENEMERITO JANDILEIDA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Jandileida 8/01/11 11:28 - 1274 commenti

I gusti di Jandileida

Fossi stato un augure romano me ne sarei andato dopo i problemi tecnici ad inizio proiezione: nefasto presagio. Poteva essere un discreto Thank you for a disease ed invece, dopo un iniziale tentativo, deboluccio, di mettere alla berlina il mondo delle multinazionali farmaceutiche, tutto si standardizza e si tramuta nella solita favoletta sentimentale con Gyllenhaal e la Hathaway (che almeno si mostra nature con generosità) che fanno faccette e sfidano la sorte pur di potersi amare: tutto molto originale. Gad ogni tanto fa ridere ma non basta.

Galbo 24/02/11 05:53 - 11446 commenti

I gusti di Galbo

Jamie, rappresentante farmaceutico incontra Maggie, una giovane malata di Parkinson. Inizialmente di natura solo sessuale, la loro storia si trasforma in qualcosa di diverso. Avvezzo ad altro genere cinematografico, il regista Edward Zwick centra il bersaglio con questa commedia drammatica che ha il pregio della sincerità di ispirazione, con dialoghi credibili ed un approccio a temi serissimi, come la malattia, libero per quanto possibile da retorica ed accenni compassionevoli. Ottima la prova dei due protagonisti.

Jorge 25/02/11 13:04 - 164 commenti

I gusti di Jorge

Questa commedia è certo superiore alla media; vuoi per il regista, vuoi per le ottime interpretazioni dei due protagonisti e di qualche carattrista di contorno, vuoi, infine, per l'elemento tragico affrontato con consapevolezza e senza pietismo. Tuttavia questo film denota i limiti coessenziali della commedia "all'americana", il cui intreccio narrativo ed il suo dipanarsi rispondono sempre agli stessi clichés. Insomma, ci si diverte e si riflette, un poco però, perché chi conosce il cinema vi trova troppi meccanismi ben "oliati", ma già visti.

Giacomovie 26/02/11 17:07 - 1354 commenti

I gusti di Giacomovie

Alcune scene da commedia superficiale lasciano poi spazio ad un tema più rilevante: quanto può una fastidiosa malattia precoce limitare la vita di una donna? Nella prima parte si sceglie la strada dell'erotismo esplicito, ben usato per evidenziare che la forza vitale emerge sempre e per fornire l'indiretta dimostrazione che ci si può innamorare facendo sesso. Nella seconda affiora il lato romantico, con momenti di delicato sentimento. Le apparenze superficiali si disciolgono per lasciare spazio ad un'atipica ma realistica storia di vita. ***!

Nancy 8/01/12 23:21 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Questa Hollywood stupisce un poco chi scrive; non tanto per strane svolte di sceneggiatura o pieghe poco consuete (come da manuale tutto fila liscio come l'olio), quanto per il carattere. Non c'è una grande presenza del buonismo tipico californiano nella pellicola, nonostante si parli di malattia: non si piange per la protagonista e anzi, a tratti il film raggiunge anche qualche crudeltà (il convegno di malati di Parkinson). Ottime la confezione e la fotografia dalle tonalità autunnali, bravi anche Hathaway e Gyllenhaal (tra l'altro bellissimi insieme).

Didda23 9/01/12 14:09 - 2297 commenti

I gusti di Didda23

Dopo il notevole successo de I segreti di Brokeback Mountain, Zwick riprone la coppia Gyllenhaal-Hathaway: la scelta si rivela vincente perché i due protagonisti hanno un buon feeling recitativo. Il regista, sospendendo l'opera tra la commedia e il dramma, narra delicatamente e senza puntare troppo sul lacrimevole una deliziosa storia d'amore. Gli elementi erotici, per una volta, sono più che funzionali. Buono.

Nando 7/03/12 01:54 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Commedia americana che dalla malattia della protagonista trae una narrazione prima incentrata sul sesso poi tendente al sentimentalismo. Nulla di nuovo sul fronte commedia ruffiana, che cerca prima di stupire poi di suscitare la famigerata lacrimuccia consolatoria. Interpreti comunque appropriati, ma per il resto il copione è risaputo.

Pigro 31/03/13 09:47 - 7899 commenti

I gusti di Pigro

La consueta commedia romantica si arricchisce di spunti non scontati, che insaporiscono la vecchia ricetta, anche grazie a una sceneggiatura piuttosto vivace. Lo sguardo inconsueto su Big Pharma (sia pure sempre più edulcorato) e la centralità del Parkinson (sia pure su una ragazza bellissima) alimentano e condizionano la trama in modo talvolta originale. La stessa spigliatezza con cui si gioca con la sessualità libera (e con i corpi nudi degli attori) reca un brio in più, quasi libertario, rispetto al solito. Piacevole.

Daniela 11/01/16 12:24 - 9628 commenti

I gusti di Daniela

Lui è un rappresentante farmaceutico stracciamutande, lei una ragazza bella e ricca al primo stadio del Parkinson: la loro relazione, all'inizio puramente sessuale, rischia di trasformarsi in un legame più profondo che spaventa entrambi...Commedia sentimentale che, almeno nella prima parte, scanza i rischi del patetico grazie alla scrittura brillante e alla naturalezza giocosa e sensuale con cui interagiscono i due protagonisti. Nell'ultima mezz'ora diventa più prevedibile, infilando anche gags banali sul viagra ed un finale anche troppo conciliante, ma il risultato complessivo è amabile.

Rambo90 15/08/16 15:44 - 6425 commenti

I gusti di Rambo90

Commedia sentimentale spigliata e leggera, che affronta anche temi piuttosto drammatici (lei è affetta da Parkinson al primo stadio) ma senza pesantezze e anzi con una forte propensione alla comicità sopra le righe. Il ritmo è veloce, l'affiatamento tra i due protagonisti gran punto di forza anche nel prevedibile tira e molla finale, i dialoghi spiritosi. Zwick torna in qualche modo allo stile del suo esordio, confezionando un film scorrevole e godibile. Buono.

Lou 15/08/17 17:42 - 981 commenti

I gusti di Lou

Sarebbe potuto essere un film in grado di distinguersi dalle solite commedie sentimentali americane; la sensazione è invece che si sia voluta mettere troppa carne al fuoco con l'obiettivo di solleticare al massimo gli spettatori: sesso a volontà, risate con il solito fratello goffo e ingombrante, denuncia del mondo delle major farmaceutiche americane (con grande spot per la Pfizer produttrice del Viagra), oltre naturalmente ai due bellissimi protagonisti. Complessivamente comunque non è male, curato e con buon ritmo.

Camibella 27/10/20 15:27 - 172 commenti

I gusti di Camibella

Un rappresentante di medicinali si barcamena tra lo sfondare nel lavoro e l'amore per una ragazza affetta da Parkinson. Nel tentativo di costruire un film plausibile e commovente, Zwick mischia la commedia sentimentale e il gretto patetismo e scivola nella confusione più totale. Con qualche limatura qua e là sarebbe potuto essere un lavoro pregevole e invece cade nel dimenticatoio dei film di genere. La Hathaway perlomeno mostra le sue grazie straordinarie.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Jandileida • 24/02/11 09:56
    Addetto riparazione hardware - 406 interventi
    Zender scusa ma la scheda di questo film c'è già: l'avevo inserita io con il titolo Amore ed altre droghe. L'avevo preso da imdb.it,ma evidentemente poi il titolo è stato modificato.

    Suggerisco di cancellare la mia scheda e di aggiungere il mio commento qui.

    ciao
  • Discussione Zender • 24/02/11 13:47
    Consigliere - 43741 interventi
    Naturalmente no. Il primo inseritore sei stato tu, quindi cancello l'altro e tengo il tuo operando tutti i trasbordi del caso e lasciandoti come benemerito. Grazie della segnalazione.
  • Discussione Jorge • 24/02/11 18:08
    Galoppino - 48 interventi
    Jandileida, come hai fatto a vederlo già l'8 gennaio?

    stasera vado al cinema a vederlo, vi farò sapere!
  • Discussione Jandileida • 24/02/11 18:15
    Addetto riparazione hardware - 406 interventi
    Abito nelle Fiandre dove, per fortuna lasciatemelo dire, non doppiano ma sottotitolano.In genere i film arrivano sempre un paio di mesi prima rispetto all'Italia.

    Per il genere: io ho messo sentimentale,Galbo drammatico.Per me si puo anche cambiare,la differenza è minima.Che ne dite?

    ciao
  • Discussione Galbo • 24/02/11 18:16
    Gran Burattinaio - 3776 interventi
    Jandileida ebbe a dire:
    Abito nelle Fiandre dove, per fortuna lasciatemelo dire, non doppiano ma sottotitolano.In genere i film arrivano sempre un paio di mesi prima rispetto all'Italia.

    Per il genere: io ho messo sentimentale,Galbo drammatico.Per me si puo anche cambiare,la differenza è minima.Che ne dite?

    ciao


    per me la definizione esatta sarebbe commedia drammatica perchè ci ritrovo entrambi gli elementi
  • Discussione Brainiac • 24/02/11 18:31
    Addetto riparazione hardware - 1469 interventi
    Jandileida ebbe a dire:
    Zender scusa ma la scheda di questo film c'è già: l'avevo inserita io con il titolo Amore ed altre droghe. L'avevo preso da imdb.it,ma evidentemente poi il titolo è stato modificato.

    Eh sì, quella parola non si deve pronunciare, nel Po ne scorre l'equivalente di 4 kili al giorno (ovvero, diluite nella pipì, ben 40 mila dosi quotidiane-fonte:Repubblica), ma l'importante è che qualla parola non si utilizzi, altrimenti la "gente" per bene si spaventa e diserta le sale.
  • Homevideo Gestarsh99 • 22/05/11 00:46
    Scrivano - 15035 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 24/08/2011 per Medusa Video:



    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano , Inglese
    * Sottotitoli Italiano n/u
    * Schermo 1.85:1 Anamorfico 1080p High Definition
    * Audio Dolby Digital 5.1 True Hd
    * Contenuti Scene tagliate , Il rapporto tra Anne Hathaway e Jake Gyllenhall , Magnificamente complessa , Anne Hathaway descrive Maggie , donnaiolo riformato , Jake Gyllenhall è Jamie , Trailer Cinematografico .