Riff-raff (meglio perderli che trovarli) - Film (1991)

Riff-raff (meglio perderli che trovarli)
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Riff-raff
Anno: 1991
Genere: drammatico (colore)
Regia: Ken Loach
Note: aka "Riff Raff" ma non "Riffraff"

Location LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 11/08/09 16:39 - 12392 commenti

I gusti di Galbo

Ken Loach, uno dei pochi grandi registi europei genuinamente interessato alle condizioni degli operai, ci offre con questo film un efficace ritratto della classe operaia inglese all'epoca della signora Thatcher. Un film dalle cadenze cronachistiche realizzato con la passione artigianale del giornalismo d'inchiesta, ma anche con gli echi del romanzo popolare che assolve la funzione di informare e contemporaneamente intrattenere. Ottimi cast e colonna sonora di Stewart Copeland.

Stefania 10/01/10 17:10 - 1599 commenti

I gusti di Stefania

Nella tradizione del realismo sociale anglosassone, un film sul quotidiano di un gruppo di amici, operai edili al tempo del liberismo thacheriano. Vediamo il grigiore della loro vita, ma anche quei piccoli fuochi che accendono per illuminarla: l'amicizia, l'amore, la solidarietà, l'orgoglio, l'allegria. Poi, quando quei brevi falò si sono spenti, quell'incendio insensato, implacabile, distruttivo come la loro rabbia impotente.

Enzus79 29/10/10 16:09 - 2895 commenti

I gusti di Enzus79

Ken Loach sa come affrontare i problemi del proletario inglese. Nel dramma ci fa anche divertire molto, specie quando si sentono i dialoghi fra gli operai e il loro datore di lavoro. La storia non cade mai nel piagnisteo. Belle le musiche di Copeland.

Cotola 3/05/11 00:11 - 9043 commenti

I gusti di Cotola

Il primo film "proletario" di Loach è una pellicola in bilico tra commedia e tragedia, contenente già tutti gli stilemi tipici della filmografia del regista inglese. C'è già una notevole capacità nel descrivere con acume il mondo del lavoro operaio dell'Inghilterra tatcheriana contro il quale l'opera è un attacco di discreta efficacia e potenza, come dimostrato dal "bruciante" finale.

Giùan 19/11/11 12:45 - 4559 commenti

I gusti di Giùan

Il film che segna, sia dal punto di vista cronologico che iconografico, l'inizio dell'epopea proletaria di Loach. Una regia che sta continuamente addosso ai personaggi, facendocene sentire il fiato e gli umori, così come la condizione di privazione che sono costretti a vivere sul lavoro, nella quotidianità, nel sociale disastrato dal Thatcherismo. Un cinema di denuncia, che però parte dai bisogni degli individui. Un film "bruciante". Bravo Carlyle.

Cloack 77 3/07/12 17:50 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Tutto ruota, si ripercuote, è influenzato dal lavoro e dalle condizioni alle quali i lavoratori sono sottoposti. Così all'assunzione (in nero) dopo un periodo di crisi personale corrispondono una casa e un amore; alle condizioni terribili in cantiere corrisponde lo strappo del finale. In mezzo a tale ricchezza, altre perle come la storia tristissima della fidanzata del protagonista, o come quella perfida del tentativo di costituire un sindacato. Film necessario e doveroso.

Pinhead80 12/07/15 13:22 - 4758 commenti

I gusti di Pinhead80

Nessuno meglio di Ken Loach riesce a mostrare la condizione umana e sociale dell'operaio sfruttato dai padroni. Riff Raff è film asciutto che regala emozioni e sorrisi nonostante la cupezza di fondo e la durezza del periodo raccontato (siamo in pieno governo Thatcher). C'è poco spazio anche per l'amore vissuto con la testa tra le nuvole. La sfiducia nel prossimo è equiparata soltanto alla precarietà del posto di lavoro. Una gemma.
MEMORABILE: L'operaio che si fa un bagno durante l'orario di lavoro e viene scoperto nudo da alcune donne con il velo.

Magi94 5/02/20 20:58 - 952 commenti

I gusti di Magi94

Spaccato neorealista del proletariato inglese dei primi anni 90, in clima ancora thatcheriano. La vita quotidiana di un gruppo di muratori senza tutele lavorative viene raccontata con spirito documentaristico, veritiero ma allo stesso tempo tragicomico (la scena della vasca e le battute tra i lavoratori). Film di denuncia sociale, ma anche di racconto sincero e qui colpisce la bella storia d'amore, cullata tra i sentimenti estroversi e un po' folli di una hippy fuori tempo e quelli repressi del proletario. Incantevole la ragazza.
MEMORABILE: "La depressione è per le classi medie".

Pigro 1/06/20 10:18 - 9666 commenti

I gusti di Pigro

Crudo affondo nella quotidianità del proletariato inglese, in particolare nella vita di un muratore. Una classe senza garanzie, còlta in un momento di fragilità contrattuale, in balia del padrone, e quindi incapace di gestire le contraddizioni e capace solo di reagire a uno stadio presindacale e inefficace. Temi del lavoro, ma anche di ciò che ne consegue (amore, famiglia): tutto sostenuto da un pensiero politico forte e necessario, senza che questo rimanga solo schema didascalico senza pathos. Un poema operaio a suggello dell’era thatcheriana.

Paulaster 20/05/21 09:47 - 4417 commenti

I gusti di Paulaster

Ex galeotto occupa una casa abbandonata. Loach si preoccupa di descrivere al meglio la situazione proletaria inglese come una sorta di guerra tra poveri: il lavoro è senza garanzie e chi non lo trova si arrangia tra furtarelli, sussidi e furbate varie. Clima lievemente stemperato (il bagno al cantiere, le ceneri sparse) anche se il dramma, e la relativa vendetta, sono inevitabili. Le relazioni amicali sono realistiche, quelle amorose (seppur delicate in qualche frangente) sono meno curate. Il simbolismo dei topi è perfetto.
MEMORABILE: I topi schiacciati; L’applauso forzato al provino a teatro; La festina di compleanno; Senza nome al pronto soccorso.

Robert Carlyle HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Full Monty - Squattrinati organizzatiSpazio vuotoLocandina TrainspottingSpazio vuotoLocandina L'insaziabileSpazio vuotoLocandina Agente 007 - Il mondo non basta

Daniela 28/05/22 09:08 - 12660 commenti

I gusti di Daniela

Reduce da un perodo passato in carcere, dopo aver trovato lavoro presso un cantiere edile londinee Steve si sistema in un edificio occupato ed inizia a convivere con una ragazza che aspira a diventare cantante... Primo film proletario di Loach e primo ruolo di rilievo per Carlyle, offre un quadro della condizione operaia in epoca thatcheriana in cui l'unica cosa positiva è la naturale solidarià tra colleghi a fronte dello sfruttamento e della mancanza di diritti e sicurezza. Non mancano momenti divertenti, ma il tono generale è realisticamente amaro e risentito.
MEMORABILE: L'esibizione della ragazza nel pub.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Daniela • 28/05/22 10:51
    Gran Burattinaio - 5926 interventi
    "Riff-raff" è in termine slang  traducibile con gentaglia, marmaglia, feccia.
    Quando diresse il film, Loach aveva già approfondito il tema del peggioramento della condizione operaia in tre documentari girati nel periodo 1981-1983.