Quattro bravi ragazzi

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/01/08 DAL BENEMERITO STUBBY POI DAVINOTTATO IL GIORNO 23/02/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 28/01/08 09:52 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Nel complesso l'ho trovato troppo finto (anche se l'idea di rifare un Ragazzi fuori girato al Nord non era malvagia). Il finale è una cosa orrenda, non si può guardare! Bello invece rivedere alcuni usi e costumi della gioventù 80/90: la madonnara che si intravede all'inizio, Super Hang on e la discoteca in stile Ausylum. Si può perdere tranquillamente, a mio avviso.
MEMORABILE: Troppi..... ma al negativo!

Cangaceiro 13/05/08 21:50 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Indecente scempio a firma dello sconosciuto Camarca che scimmiotta i vari film di genere di quegli anni (Mery per sempre, Ultrà ecc.). Sbagliata l'ambientazione milanese, incapaci a recitare i "4 ragazzi", situazioni zeppe di luoghi comuni arcinoti, Placido/magnaccia agghiacciante e fastidioso, finale incomprensibile e una serie di erroracci involontariamente comici come il piscio in bagno di colore marrone e un ragazzo che si masturba senza impugnarsi il fallo (ma come fa?!?). Da vedere per farsi 2 risate.

Pigro 24/11/08 09:32 - 7924 commenti

I gusti di Pigro

Ragazzi della Milano bene si trasformano in banda criminale. L'intento sociologico-morale è dignitoso, ma la realizzazione ha il fiato corto proprio perché la narrazione soccombe allo scopo didattico della denuncia. Tutto è troppo schematico per poter vivere di vita vera, e alla fine le stazioni verso la delinquenza sono talmente rigide da risultare finte, così come il finale, di cui sono comprensibili le motivazioni, ma inesistenti le ragioni filmiche. La bassa qualità della recitazione non aiuta certo. Non emoziona, semmai impressiona.

Daidae 12/02/09 15:23 - 2763 commenti

I gusti di Daidae

Si tratta di un film brutto (Michele Placido e la figlia infatti non lo nominano mai..), forse per via della regia dilettante o degli attori non proprio eccezionali (uno è il personaggio principale dell'orripilante Nostalgia di un piccolo grande amore). Eppure non annoia, mostra una storia non troppo lontana dalla realtà. Una scuola superiore (disastrata) è il punto di incontro di una banda di teppisti di estrazione sociale varia (uno povero, due medi e un riccone) dediti a furti e violenze... Non male ma si poteva far di meglio; troppe esagerazioni.
MEMORABILE: Il pippone, la questura molto realistica.

Markus 1/01/13 13:05 - 3333 commenti

I gusti di Markus

Nei primi anni '90 ci fu una sorta di moda nel cinema nostrano: si mostrava senza veli una gioventù senza ideali e con tendenza a delinquere. Tra i molti film, ecco questa sorta d’arancia meccanica meneghina girata con pochi mezzi e qualche cliché di troppo che, se da un lato può esser capito per la forza dello spettacolo, dall'altra sminuisce l'opera in macchietta e poca attinenza al periodo. Alla fine vince lo stereotipo e l’anacronismo.

Furetto60 12/03/13 15:59 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Storia dei giorni nostri di ambientazione urbana, tratta dello stato di degrado in cui si trovano tanti adolescenti che, stretti tra l’assenza di contatti con i genitori e demotivati insegnanti oppressivi, non trovano altro modo che sfogare le proprie ansie in modo violento e vigliacco. Sulle loro strade l’influenza di un pappone filosofeggiante, interpretato da Placido con un’interpretazione sopra le righe che in fondo evidenzia una forzatura al suo consueto stile recitativo al quale, infatti, come può torna. Sperandeo è un occhialuto prof!
MEMORABILE: Il finale lascia spiazzati e si è portarti a considerarlo mal riuscito, ma, riflettendoci e digerendolo, può apparire originale e significativo.

Marcolino1 22/06/17 19:40 - 510 commenti

I gusti di Marcolino1

Le situazioni e i personaggi del film sono sicuramente stereotipati, idealizzati e artificiosi, ma le verità inconfutabili sono chiare. La criminalità immotivata è spinta solo dalla noia, dalla famiglia iperprotettiva, dal consumismo. La sessualità è superficiale e onanistica, il delitto è istigato dal branco omofobo e razzista, la violenza è "tosta" e riprende, senza l'exploitation, I ragazzi della Roma violenta. E infine la realtà virtuale ingoia tutto, trasformando l'omicidio in gioco e viceversa, cancellando i limiti che ci si devono imporre.
MEMORABILE: Il tema di Giorgio; Le sue passioni sono divertimento, soldi, pornografia, razzismo e non vuole morire mai.

Alex1988 30/03/20 18:34 - 667 commenti

I gusti di Alex1988

L'assonanza del titolo con quello italiano del classico di Scorsese non si capisce se sia una coincidenza o se si sia voluta creare una sorta di continuità tra i due film. In realtà questo di Claudio Camarca segue la scia dei successi avuti negli anni prima da Marco Risi con Mery per sempre e Ragazzi fuori. Con Tony Sperandeo che riprende, vagamente, il ruolo avuto da Placido (che ha rinnegato la sua partecipazione a questo film) in Mery. Da apprezzare, comunque, l'audacia dell'operazione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.