Qualcosa di sinistro sta per accadere

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Something wicked this way comes
Anno: 1982
Genere: horror (colore)
Note: Soggetto tratto dal romanzo Il popolo dell'autunno, pubblicato nel  1962 dello scrittore Ray Bradbury, autore anche della sceneggiatura.
Numero commenti presenti: 8
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Da Ray Bradbury, uno dei più celebri scrittori di fantascienza, era lecito aspettarsi molto di più: la sceneggiatura che egli stesso ha tratto da un suo romanzo non è altro che l'ennesima variante sul piano della fiera maledetta, che arriva di notte in città col suo carico di mistero e il suo imbonitore principe (Jonathan Pryce) non difficilmente associabile a Lucifero. Essendo un film Disney, l’atmosfera ricercata fin dalle musiche di James Horner è quella della fiaba. Non per niente i protagonisti sono due bambini inseparabili, che all'arrivo della fiera sono i primi a restare irretiti dal fascino delle mirabolanti attrazioni finché non scopriranno, appunto, che SOMETHING WICKED THIS...Leggi tutto WAY COMES: la loro insegnante, che un tempo si diceva fosse una donna bellissima, torna al suo antico splendore e chi sale sulla giostra recupera gli anni perduti come per magia. Il regista Jack Clayton (indimenticabile il suo SUSPENSE) non ha nemmeno troppe colpe per il parziale fallimento del film: lui una buona atmosfera fiabesca riesce anche a ricrearla e nel complesso le convenzioni di un certo cinema per ragazzi dell'epoca sono mantenute con gusto. Pryce presta la faccia giusta per il suo imbonitore satanico, Jason Robards quella perfetta per impersonare il vecchio buono e saggio che prende i due ragazzini (uno è suo figlio) sotto la sua protezione. Quello che proprio dispiace è la banalità dei dialoghi, la povertà di una sceneggiatura incapace di offrire un solo spunto decente. Se anche le aspettative esteriori disneyane sono rispettate, non si può che dolersi per la sensazione generale di insipidità.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 14/06/08 19:27 - 7459 commenti

I gusti di Cotola

Discreto film della Disney che rappresenta un tentativo, piuttosto riuscito, di avvicinarsi ad un pubblico un po' più adulto. L'atmosfera, infatti, è più macabra del solito e qualche piccolo brivido lo procura (a patto che si abbiano non più di dodici anni). Il merito è di un ottimo regista come Clayton e di un bel plot narrativo tratto da un bellissimo romanzo di Ray Bradbury. Piccola sorpresa che potrebbe piacere a più di uno spettatore.

Undying 8/12/09 13:06 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Due ragazzini, incuriositi da uno spettacolo itinerante, decidono di scoprirne di più. Girano strane voci attorno all'enigmatico mister Dark (Jonathan Pryce), sorta di stregone in grado di materializzare i desideri del pubblico, in cambio di... Ispirato da un romanzo del grande Ray Bradbury (anche sceneggiatore) il film percorre la via del buonismo, al limite del patetico, lasciando da parte la cattiveria di cui avrebbe invece necessitato. A parte l'istrionico, e divertente, personaggio interpretato da Jonathan Pryce si resta in attesa che avvenga quel che il titolo promette: inutilmente.

G.enriquez 19/04/10 00:28 - 121 commenti

I gusti di G.enriquez

Uno dei film più pallosi mai visti in vita mia. Talmente lento che diventa difficilissimo da seguire: per finire di vederlo tutto ho dovuto spezzettare la visione in cinque parti. Questa inesorabile lentezza narrativa finisce inevitabilmente per minare le poche idee buone che avrebbero potuto creare vera tensione, come ad esempio quella della giostra. Non bisognava affidare la produzione alla Disney, è questa la verità. Sarebbe stato meglio lasciare invece la regia a... che ne so... un Tobe Hooper ad esempio. Forse così staremmo ora a parlare di un cult.

Hackett 13/10/10 18:28 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

Nonostante fosse impossibile rendere degnamente le splendide pagine di Bradbury, che narrava la vicenda con occhi di bambino, la versione Disney del Popolo dell'autunno mantiene una certa dignità. Fedeltà alla storia, buoni interpreti (ma Price non molto in parte) ed effetti ora datati ma generosi per l'epoca. Guardabile se si parte dal presupposto di vederlo dopo la lettura del romanzo.

Rebis 14/08/11 14:03 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Horror per famiglie targato Disney che avrebbe - sulla carta - tutti i numeri per funzionare: un romanzo meraviglioso ("Il Popolo dell'Autunno" di Ray Bradbury) sceneggiato dal suo stesso autore, la regia dell'atmosferico Jack Clayton, le musiche di Horner e la fotografia di Burum. L'egida della Walt Disney Pictures però annichilisce tutto, sfrondando radicalmente il versante della paura e imponendo un adattamento compromissorio che decima la complessità del romanzo e produce caratteri sommari e poco accattivanti. Un ibrido, di cui forse sarebbe meglio conservare il pauroso ricordo d'infanzia.

Gada 26/01/15 04:54 - 20 commenti

I gusti di Gada

Horror per famiglie che la Disney ripropone solo ad Halloween. Si scivola spesso nel cupo con scene fin troppo forti per i bambini (i ragni, la mano spezzata, l'invecchiamento/morte sulla giostra), ma che son le parti migliori del film. Ottimi attori, magnetica Pam Grier. Forse debole il cattivo, che non è abbastanza cattivo. Regia elegante e buoni sentimenti fan rientrare questo film nei fantastici in stile Scarlatti, altro titolo da recuperare se si è amato questo!

Rambo90 2/08/17 01:57 - 6317 commenti

I gusti di Rambo90

Fiaba nera ben portata in scena dalla Disney a partire da un'intrigante storia di Bradbury (che pure ha echi kinghiani alla "Salem's Lot"), che spaventerà i più piccoli ma non dispiacerà nemmeno ai grandi. La regia è corretta, supportata da una bella fotografia che crea la giusta atmosfera e da effetti ottimi, per l'epoca. Robards e Pryce in parte, supportati da bravi caratteristi e da due bambini davvero simpatici. Certo l'orrore vero non arriva mai, ma un certo senso di inquietudine lo crea e la morale finale è apprezzabile. Belle le musiche.

Daniela 25/06/20 20:47 - 9223 commenti

I gusti di Daniela

L'arrivo di un luna park porta lo scompiglio in una cittadina di provincia: le sue attrazioni hanno il potere di avverare i desideri più nascosti, ma sono doni che si pagano molto cari... Da uno dei romanzi più noti di Bradbury, autore anche della sceneggiatura, una delle rare produzioni Disney contenente risvolti horror, anche se il target resta quello del pubblico infantile: film dignitoso ma anche deludente, considerato il testo di partenza e quel che Clayton aveva saputo mettere in scena 20 anni prima partendo da un altro racconto riguardante bambini e pulsioni represse.  
MEMORABILE: La divertita interpretazione di Price nel ruolo del direttore del luna park.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 6/03/19 19:06
    Pianificazione e progetti - 21761 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Cinema in famiglia appuntamento con Walt Disney", giovedì 16 febbraio 1989) di Qualcosa di sinistro sta per accadere:

  • Homevideo Buiomega71 • 11/03/19 10:51
    Pianificazione e progetti - 21761 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Walt Disney Home Video:

    Edizione: ottobre 1988

    Ultima modifica: 11/03/19 13:53 da Zender