Più tardi Claire, più tardi...

Media utenti
Anno: 1968
Genere: giallo (colore)
Note: Girato fra luglio e settembre del 1965, ma rimasto inedito fino al 1968. Aka "Più tardi Claire più tardi...". Titolo internazionale: "Run, Psycho, Run".
Numero commenti presenti: 10

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/02/08 DAL BENEMERITO IOCHISONO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Iochisono 21/02/08 22:29 - 133 commenti

I gusti di Iochisono

Mazzata suprema del pesantissimo Brunello Rondi, tanto geniale come sceneggiatore-ideatore-sognatore quanto inadeguato come regista. Gialletto antico con la solita storia del nobile che vuole sposare una donna che somiglia tanto alla moglie morta, ma la sua famiglia non vuole. Non succede mai niente di niente, a parte quando appare in veste di attore il mitico Demofilo Fidani, ma mi rendo conto che si tratta di un'attrattiva per pochi intimi. C'è però anche il "solito" Michel Lemoine... brrr... e Janine Reynaud!

Fauno 28/02/12 09:50 - 1967 commenti

I gusti di Fauno

Da un lato è indubbiamente più blando di altre opere dello stesso regista; non si può però prescindere dal fatto che sia ambientato all'inizio del '900 e quindi molto basato sui dialoghi... Ma l'inconfondibile impronta rondiana nello scardinare banalità e luoghi comuni la si sente eccome. A voler esagerare fa una manovra che qualche anno dopo risulterà rivoluzionaria in un film su un giallo di Agatha Christie (il titolo non lo dico, altrimenti capireste tutto subito)... Chiaramente non è un precursore, ma gli epiteti dati da certa critica non li merita.

Homesick 15/05/13 07:51 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Di estenuante verbosità e lentezza, tocca solo marginalmente il giallo hitchcockiano, utilizzandolo come chiave di accesso per focalizzarsi su un’alta società imbellettata e vuota e sulla famiglia come nido di vipere. Suggestiva la confezione da romanzo d’altri tempi (la vicenda si svolge infatti nei primi del Novecento) a cui hanno diligentemente provveduto il bianco e nero di Bellero, le scenografie e i costumi dei coniugi Fidani-Valenza e il flauto di Gazzelloni.
MEMORABILE: La Asti e il bambino.

Lucius 4/08/14 22:48 - 2857 commenti

I gusti di Lucius

Un nuovo montaggio porterebbe linfa vitale alla pellicola, che sprigiona una forte autorialità. Come ne Il demonio la colonna sonora è minimale ma imprescindibile: offre, coi suoi silenzi, generosamente spazio ai dialoghi. Il problema è che questi dialoghi sono prolissi e da fotoromanzo. Accurato nella messa in scena, nei costumi e perfino nelle acconciature, custodisce un segreto che sembra serpeggiare per tutta la sua durata, fino al finale rivelatore. Se si ha la pazienza di sfidare la verbosità, si resterà comunque soddisfatti.

Maik271 14/11/14 07:59 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Il bianco e nero della pellicola, che ricorda il gotico, dovrebbe far passare in secondo piano la lentezza dello svolgimento, la pesantezza dei dialoghi e la mancanza assoluta di suspense; purtroppo non riesce nell'intento e il film richiede allo spettatore uno sforzo non da poco per terminare la visione. Gli attori non sono male (brava la Asti) e vengono ben rappresentati i "non" rapporti familiari, ma questi due aspetti non salvano la pellicola. Se cercate un po' di movimento leggetevi il titolo internazionale.

Faggi 20/12/19 15:14 - 1512 commenti

I gusti di Faggi

L'artefice - in attesa di riscontro misterioso, obnubilato da ansie autoriali sintonizzate su torbide frequenze dislocate nei bassifondi psichici dell'alta borghesia dei primi anni del '900 - gira con frizione malfunzionante. L'ispirazione si direbbe dispersa: segmenti curiosi si alternano ad altri impantanati nel nulla e terribilmente verbosi; passaggi decisivi ma non risolti danno il colpo mortale all'ingegneria dell'insieme. Qualche immagine estrosa e la buona musica sono utili a mandare giù la pozione senza far storcere troppo il naso.

Il Dandi 16/03/20 02:19 - 1905 commenti

I gusti di Il Dandi

Mentre Lenzi e Bava già ci stordivano con caleidoscopi psichedelici e zoomate a schiaffo, Rondi (senz'altro volutamente) realizza un film demodé, girando in bianco e nero un soggetto di morbosità hitchcockiana (l'ennesimo nobile che annuncia le nozze con una donna somigliante alla moglie defunta). Il finale è buono e vale la pena arrivarci ma la verbosità e la lentezza, tutte tese a ingannarci con bluff di suspence su ciò che sta per non accadere (la lotta della Asti col bambino) possono rendere ardua la visione. Bellissima la Malfatti.
MEMORABILE: La Asti e il bambino giocano col coltello.

Myvincent 15/01/21 08:36 - 2708 commenti

I gusti di Myvincent

Un po' Hitchcock nella ripresa del tema "donne a confronto" (la prima moglie defunta e, qui, la candidata seconda), con ambientazione riuscita fra le mura pietrose di un maniero di campagna vecchia maniera. Il cast femminile è notevole, il racconto procede "leggero" come un mattone che resta indigesto per tutto il tempo del suo dispiegarsi. Appesantito da un impianto decisamente teatrale, si chiude, infine, con una spiegazione a dir poco psicoanalitica.

B. Legnani 18/01/21 16:56 - 4859 commenti

I gusti di B. Legnani

Anni Dieci del '900. La villa in Italia di una famiglia inglese è covo di serpi. Giallo-non giallo in cui nulla torna secondo logica e secondo canone. C'è persino la riunione finale in salotto (ove Fidani fuma il sigaro) per lo svelamento, che avviene in modo approssimativo e casuale. Gli sceneggiatori pescano ovunque: da Hitchcock a Henry James. Dal caos e dalla noia spicca un gineceo strepitoso, con donne belle e/o affascinanti, con una Béryl indimenticabile. La Falk si mangia gli altri. Merrill sempre accigliato, Rivière cerca di fare il disinvolto, Lemoine in ruolo assai oscuro.
MEMORABILE: "In questa casa soltanto le cose pulite possono dare scandalo".

Giùan 13/02/21 11:18 - 3177 commenti

I gusti di Giùan

Il tentativo inopinato era evidentemente quello di una architettura jamesiana tra milieu vetero aristocratico e funerei ectoplasmi, ma la rendicontazione è di un decadentismo inerme quanto stucchevole, senza neanche uno di quei lampi alti (Il demonio) e bassi (I prosseneti) che pure il cinema di Rondi talora riscatta. Impressionante diluvio di sbadigli che imprigiona la magione e il film in una tarata maledizione atarassica, impossibile da risollevar per attori pur di buona caratura (si salvan i volti della matriarca Robles e della cognata Falk). La noia che visse due volte: vertigo!

Georges Rivière HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 22/02/08 17:56
    Scrivano - 7619 interventi
    Visto che Luca lo ha citato diciamo, ai meno giovani, che la figura di Demofilo Fidani faceva un certo effetto sui 40enni d'oggi. Particolarmente celebre verso la metà degli anni '80, su di lui si narravano storie in grado di far venire la classica "pelle d'oca".
    Stando a certe notizie di cronaca, Fidani è stato consulente anche di celebri esponenti del mondo politico dell'epoca, e altre personalità famose.

    E' celebre (tra gli amanti del bis) per avere presenziato, come "director", anche in ambiente cinematografico sia nella regia di alcuni strampalati "spaghetti western" (venati di nero) tipo E ora... Raccomanda l'Anima a Dio!, come nella direzione di un curioso giallo (A.A.A. Massaggiatrice Bella Presenza Offresi...) e per finire con la realizzazione di erotici misti a commedia tipo La Professoressa di Lingue...

    Insomma, quel che si dice... un tipo eccentrico.
    Ultima modifica: 3/11/13 08:15 da Zender
  • Discussione B. Legnani • 6/06/19 19:50
    Consigliere - 14128 interventi
    locandina
    https://www.imdb.com/title/tt0063441/?ref_=fn_al_tt_1
  • Discussione Zender • 7/06/19 07:45
    Consigliere - 44094 interventi
    Ok lasciamo qui la farloccandina storica che tanti gabbò (compreso il segnalatore della locandina vera):

  • Curiosità B. Legnani • 18/01/21 19:54
    Consigliere - 14128 interventi
    Non sono state reperite recensioni dell'epoca.

    Fonte: Parigi e Pezzotta, Il lungo respiro di Brunello Rondi, pagina 285.