LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/04/09 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 9/04/09 13:51 - 1513 commenti

I gusti di Renato

Quelli che magnificano lo Scarface di De Palma, dovrebbero fermarsi un momento a guardare questo film con Edward G. Robinson. Prototipo del genere gangsteristico, che tanto successo ebbe in quegli anni, è ancora godibile anche dopo quasi 80 anni.

Enricottta 11/08/09 16:19 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Enrico Bandello detto Rico, il piccolo cesare. Il film del 1931 è bellissimo; non solo per Edward G. Robinson (incredibili i suoi occhi che riescono a parlare come nessun'altro riuscì), ma anche per un azzeccatissimo Douglas Fairbanks Jr. Chi ha cercato analogie con altri film, vedi Scarface di De Palma, si sbaglia: "Piccolo Cesare" è migliore.

Saintgifts 2/11/09 23:00 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Film scelto per la preservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. In Italia è uscito solo nel 1963. Edward G. Robinson è nel pieno della sua carriera cinematografica quando gira "Piccolo Cesare" e ha 38 anni. La pellicola vista oggi può sembrare datata, ma anche la realtà di quegli anni non è paragonabile a quella attuale e l'ambiente della malavita è comunque ben descritto in questo lavoro di LeRoy. L'interpretazione di Rico da parte di Robinson è eccezionale, gangster spietato leale però verso l'amico.
MEMORABILE: Commento dei poliziotti su Rico "piccolo Cesare": "Si è montato la testa, già dovranno fare un cappio speciale per poter fargliela passare".

Pigro 23/12/10 09:07 - 7704 commenti

I gusti di Pigro

Ascesa e rovina di un gangster spregiudicato nella città tentacolare, ma il cuore morale del racconto è semmai l'opposizione tra essere duri e teneri: come deve essere il vero uomo di successo? Così la fine per lo spietato boss, che ha sempre sgridato i poco "duri", scaturirà da un atto di tenerezza nei confronti dell'ex amico. Su questo si impianta un ottimo film, dal bel ritmo narrativo incalzante e dai begli scorci scenografici, che ha il suo fulcro nello straordinario physique du rôle ed espressività di Robinson, davvero magnetico.

Galbo 25/12/10 09:18 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

Mervyn LeRoy firma un grande classico del genere gangster movie, raccontando l'ascesa di un criminale da piccolo boss di provincia a ras della grande metropoli. Il film ha un ritmo serrato, quasi da cronaca documentaristica e ha in Edward G. Robinson il suo motore pulsante: la sua interpretazione è straordinaria e ricca di sfumature, così come ottima è la prova del resto del cast.

.luke. 11/04/12 00:35 - 89 commenti

I gusti di .luke.

Ottimo gangster movie che narra l'ascesa di Rico Bandello da criminale di quartiere a boss della malavita. Tutto è ridotto all'essenziale, dall'azione ai dialoghi, e questo giustifica la breve durata della pellicola. Grande merito della riuscita del film va al protagonista Edward G. Robinson, che rende al meglio le diverse sfaccettature del suo personaggio, duro e crudele ma anche fragile quando si trova di fronte il vecchio amico uscito dal giro.
MEMORABILE: È stupido aver paura di questi pezzi grossi: più grossi sono e più cadono male.

Daniela 13/04/13 12:00 - 9105 commenti

I gusti di Daniela

Protagonista del primo gangster-movie sonoro, il Little Caesar di Robinson non ha il fascino spavaldo del Tony di Muni né l'energia del Tom Powers di Cagney, ma riesce a risultare più realistico di entrambi, nella sua mediocrità fisica e caratteriale. E' un uomo meschino, dominato dalla volontà di potere, infantilmente vanesio e crudele, ma non sono questi i difetti che lo condurranno alla rovina quanto l'unica "debolezza" degna di compassione: l'amore non corrisposto verso l'amico con cui ha iniziato la sua carriera criminale. Interpretazione memorabile in una pietra miliare del genere.
MEMORABILE: Otero guarda estasiato il suo capo ben vestito che si rimira allo specchio

Deepred89 23/10/14 13:20 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

Il film che ha dettato le leggi del gangster movie anni 30 è, forse proprio per questa ragione, lineare e un po' schematico, capace di andare oltre i suoi innovativi canoni soltanto quando, verso il finale, il ritratto del protagonista si fa più psicologicamente dettagliato. Al di là del valore storico, a imprimersi nella memoria sono il volto e il fisico del protagonista (Robinson, poi protagonista de La donna del ritratto), in grado di suscitare odio e tenerezza allo stesso tempo. Un po' sopravvalutato, ma da vedere.

Vito 30/05/17 19:39 - 636 commenti

I gusti di Vito

Grande esempio di gangster movie anni '30, è praticamente ancora perfetto rivedendolo adesso. Regia precisa, ritmo veloce, atmosfera cupissima e ottimi interpreti. Edward G. Robinson è semplicemente fantastico nei panni del criminale Rico, un personaggio dalle molte sfaccettature, quasi un anti-eroe da tragedia greca. Vi hanno attinto praticamente tutti i successivi noir e mafia movies, con in testa lo Scarface di De Palma. Fondamentale.

Jdelarge 4/12/18 11:16 - 842 commenti

I gusti di Jdelarge

Grande noir firmato Mervyn LeRoy, molto vicino all'espressionismo tedesco per l'utilizzo degli ambienti, delle scenografie, delle luci e anche per la prova degli attori. Edward G. Robinson, con la sua piccola figura, incarna perfettamente i panni del gangster esteta che vuole diventare sempre più grande. L'ascesa e la caduta del protagonista vengono ben descritte dalla regia, che contribuisce in modo significativo a rendere più intense le sfumature della trama.

B. Legnani 19/04/20 01:18 - 4675 commenti

I gusti di B. Legnani

Mostra gli anni che ha, ma resta un film con un corpo centrale sorprendentemente serrato, disegnando l'ascesa, troppo veloce, di Rico, protagonista di un film di gangster che ha fatto epoca. Personaggio particolare: arrivista, smanioso, privo di sentimenti, ma poi tradito da una chiara pulsione erotica non realizzata, quando risparmia il giovane amico di un tempo. Robinson protagonista, magnetico nel suo gesticolare e nell'articolare espressioni. Curiosamente, sùbito dopo di lui, si ricorda Jackson, beffardo e composto poliziotto, qui nel suo ruolo più celebre, cui sono seguiti pochi picchi.
MEMORABILE: La raffica che, non a caso, "sega" proprio quel grande poster e, poco dopo, la celebre ultima battuta di Rico, morente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 7/06/20 15:27
    Segretario - 3014 interventi
    Dvd A&R disponibile dal 25/06/2020.